23
apr 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.259

I PLAYOFF E TAFAZZI

 “Ofelè fa el to mesté” (vecchio detto milanese).

Quarto posto con 38 punti, il terzo miglior risultato nei 9 anni della nuova era della Scaligera Basket, dopo i 44 nella disgraziata stagione 2015 e i 40 punti l’anno precedente.  Meglio ancora, anzi praticamente doveroso, migliorare anche il cammino nei playoff: dopo due eliminazioni consecutive ai quarti di finale, la Tezenis può provare a inseguire la semifinale, ma prima di puntare alla sfida con la vincente fra Treviglio e Roseto (e, nel caso, i precedenti con la baby-band abruzzese invitano alla massima allerta), prima bisogna superare l’ostacolo superare l’ostacolo Casale, pratica tutt’altro che semplice.

La squadra monferrina è ben allenata da Mattia Ferrari (che l’anno scorso ha già incrociato la strada di Verona alla guida di Legnano) e prima del derby perso d’un soffio a Biella aveva infilato una striscia di 6 vittorie di fila.  L’innesto di Dalton Pepper (seguito anche dalla Tezenis) è stato un valore aggiunto, Kruize Pinkins timbra una doppia doppia per partita, Niccolò Martinoni assicura solidità ed esperienza assieme all’argentino Bernardo Musso, ex Treviso; viaggia in doppia cifra anche Davide Denegri, uno dell’annata d’oro del ’98. Cesana e Valentini garantiscono qualità nelle rotazioni.

Quelle rotazioni che coach Dalmonte ha cercato di aumentare contro Cento nell’ultima partita di regular season, che la Tezenis ha chiuso a testa alta, senza fare sconti. E chissà a chi si riferiva Sasha Vujačić, quando, durante la rimonta finale della Tezenis, si è rivolto al vicepresidente Giorgio Pedrollo ruotando la mano, come dire “siamo cambiati da così a così”…

Da LDM e DDF. Nelle ultime ore si sono rinnovate le voci, rimbalzate da Bologna, su un possibile approdo Verona di Marco Martelli, già responsabile dell’area tecnica della Virtus, come direttore sportivo.  Ma anche dell’ex gialloblu Ale Frosini, in uscita da Reggio Emilia. Premesso che una doppia figura manageriale avrebbe senso solo in serie A, il presidente Pedrollo ha subito chiarito di non avere parlato con nessuno e invece di essere stato contattato da procuratori che offrono figure dirigenziali.

E’ bene anche precisare che le voci di un ritorno di Daniele Della Fiori a Cantù sono prive di fondamento. Queste indiscrezioni nel momento-clou della stagione possono rivelarsi pericolose e la sindrome da Tafazzi rischia di portare solo guai.

2.259 VISUALIZZAZIONI

5 risposte a “I PLAYOFF E TAFAZZI”

Invia commento
  1. Armix66 scrive:

    Considerati, in questa prima gara playoff, il pubblico (numericamente scarso) e il sostegno alla squadra (emotivamente stanco), in un clima social invece sempre acceso e mai assopito nelle critiche in particolare al coach, comincio a credere che la sindrome da Tafazzi sia un male inevitabile del “tifoso” Scaligera, a prescindere da quello che sarà l’esito di questi PO. Solo una mia impressione ?

    • tom scrive:

      Anch’io ci sono rimasto molto male per la partecipazione di domenica sera. C’è da dire però che il sold out la Scaligera riesce a farlo solo coinvolgendo le scuole e con campagne di lancio di almeno un paio di settimane. Cosa che non è stata fatta per il playoff, ma non mi sembra tragico.
      Purtroppo un palazzo da 5000 posti sembra vuoto con un affluenza da 3500, che invece in altre città è un risultato super. Pazienza.
      Non commento sulla sindrome da critica social, io sono di quelli che ringrazierà sempre Pedrollo e Veronesi no matter what. Mi diverto a vedere basket di medio livello, anche se non si sale in A1.

    1. tom scrive:

      Mario, confermi che se eliminiamo Casale e Roseto elimina Treviglio, avremmo il quarto di finale con il fattore campo dalla nostra? Ok, troppi SE, ma giusto per capire la formula.

      Secondo me i 38 punti di quest’anno rispecchiano i valori reali della squadra, rapportata sempre alle altre forze in campo. Non è semplice confrontare i punti totali tra stagioni diverse (per me quest’anno il livello era più alto dello scorso). Ad ogni modo Montegranaro e Treviso si sono rivelate più solide e costanti, noi più a fiammate (strisce W e L), Bologna fuori serie.

      Buoni playoff a tutti!

      • Francesco scrive:

        un eventuae quarto contro Roseto ci vede con il fattore campo a favore, viceversa contro Treviglio perdiamo il fattore campo, ma intanto bisogna bettere Casale che si ritrova 6 (non contando la Virtus Roma promossa direttamente in A1), posizione di classifica che non rispecchia il suo valore

    Lascia un Commento

    Accetto i termini e condizioni del servizio

    Accetto i termini sulla privacy

    *