09
set 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.038

SUPERCOPPA, MINIPRECAMPIONATO

“Nondum matura est: nolo acerbam sumere”. (Fedro – La volpe e l’uva)

Tutti d’accordo, questa “genialata” della LNP che s’è inventata la fase di qualificazione della Supercoppa al posto del precampionato, non è il massimo della vita. Troppo agonismo in un periodo della stagione nel quale si sta cominciando a mettere benzina nel motore e lo stress mentale dovrebbe essere centellinato con grande parsimonia.
Detto questo, le giustificazioni in tal senso dopo la sconfitta della Tezenis per mano di Mantova ricordano la vecchia ma sempre attuale storiella della volpe e l’uva.
Meglio perdere in Coppa e poi vincere in campionato? Domanda che prevede una risposta scontata, pertanto la questione è pleonastica. Tuttavia non è superfluo chiedersi come sia possibile subire un parziale 0-21 (record negativo), precipitare dal +13 al -14 per poi risalire fino all’aggancio. Dimenticandosi infine di spendere un fallo per acciuffare l’overtime.
Le discese ardite e le risalite lasciamole al duo Mogol-Battisti. Al netto dei carichi di lavoro e di qualche problema fisico, basta guardare chi usciva dalla panchina per Verona e chi per Mantova per non avere dubbi, con il dovuto rispetto, sui valori in campo (e soprattutto in panca).
Teniamoci stretto Rosselli, da subito maestro nel mandare a canestro qualunque compagno, e aspettiamoci legittimamente un salto di qualità dalla coppia americana.
Verona è la squadra che gode in assoluto dai maggiori favori del pronostico in entrambi i gironi (a proposito: alla Fip il Consiglio Federale estivo ha pensato bene di cambiare la formula tornando all’antico, così nei playoff ci sarà ancora l’incrocio con le squadre dell’Ovest) e ogni avversaria sputerà sangue per fermare la testa di serie n° 1 del campionato. Il debutto in Supercoppa con Mantova ha offerto subito la prima dimostrazione.

1.038 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “SUPERCOPPA, MINIPRECAMPIONATO”

Invia commento
  1. Lullone scrive:

    Ciao Mario,
    ma dove posso trovare info relativo al mescolamento dei tabelloni PO? Non trova nulla a riguardo.
    Quindi è come fare un PO a 16 squadre, in cui entrambe le finaliste vengono promosse?

    1. Alberto Tortella scrive:

      Meglio uscire il prima possibile dalla coppa del nonno e tenere la benzina per la fase finale, che sarà parecchio dura.

      1. Oste Chri scrive:

        A parere mio, se nn salgono quest anno, mi sa che si riparterà da serie inferiori

        1. jes scrive:

          Per me con 2 promozioni più corretto l’incrocio dei gironi.
          Concordo alla grande con l’ultima cosa detta, tutti verranno qui per giocare la gara della vita e per questo per me era importante vincere ieri.
          C’è una mentalità vincente da dimostrare durante il campionato. 2 player sappiamo che ce l’hanno visto il campionato vinto anno scorso gli altri devono impararla prima possibile. E quella la crea fino ad un certo punto l’allenamento e il coach.
          Poi dopo aver sentito le parole del coach son convinto che si deve crescere ancora molto.
          Un particolare che non mi aspettavo. Il vice già molto inserito: più volte visto comunicare direttamente con i giocatori già a partire da inizio partita anche in fianco a Dalmonte, buon segno.

        Lascia un Commento

        Accetto i termini e condizioni del servizio

        Accetto i termini sulla privacy

        *