13
ott 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.395

PEARA’ BATTE SAN DANIELE

Come raggiungere un traguardo? Senza fretta ma senza sosta (Johann Wolfgang Goethe)

Se la trasferta a Udine doveva essere un esame da grande, la risposta è tutta condensata nell’ultimo quarto della Tezenis. Rifilare quasi un ventello in 10 minuti ai friulani sul loro campo non è da tutti, ma Germano Amore e Guidone assieme agli extrapossessi del Barba hanno schiantato la banda di Ramagli.

Sette giganti gialloblù in doppia cifra. La solidità è stata la chiave di un successo figlio ancora una volta della profondità del roster scaligero (e Tomassini deve ancora scendere in campo), con LDM che nel finale ha potuto tenere sui legni Hasbrouck, peraltro non al top e comunque più che positivo fino all’intervallo con tutti i suoi 10 punti. Una partita dai due volti anche per Love, capace di passare dalla virgola (con tre falli) nel primo tempo ai 19 punti nel secondo.

Per il resto siamo appena alla seconda giornata di un campionato che si deciderà dopo la sciagurata fase ad orologio. E nei playoff conteranno forma fisica, durezza mentale e anche un po’ di culo non guasterà. Intanto godiamoci questa vittoria corsara. E la pearà batte il prosciutto San Daniele.

1.395 VISUALIZZAZIONI

3 risposte a “PEARA’ BATTE SAN DANIELE”

Invia commento
  1. Oste scrive:

    Contento del risultato e prestazione, finalmente anche una panchina con i controc***i….mi fa peró fastidio che la prima di ogni girone non andrà in serie A direttamnte ma attraverso i playoff…..

    1. Simone scrive:

      Sarò anche un pó esagerato

      Ma veder giocare Rosselli è quasi commuovente. Rende semplici anche le situazioni più complicate e ha delle letture di gioco da campione vero.

      1. Max scrive:

        La conferma di Love dopo l’ottima partita d’esordio è la notizia più positiva oggi. Rosselli un gigante che sa quando azzannare la preda, la ciurma dello scorso anno, i lunghi e Severini, tanta roba. Buonissima partita anche di Prandin. E manca ancora Tomassini che se tornerà quello che conosciamo ci metterà al riparo da problemi di infortuni, sempre possibili in una stagione così lunga . Quest’anno impressiona il modo in cui “riempiamo” l’area, un fortino, sul lato offensivo grande varietà di opzioni, oggi 67% da due e 46% da tre. Una vera gioia per gli occhi letture ed esecuzioni del mago Guidone !!!

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *