Torna al blog

SOLDEN

“Articolo quinto: ci gha i schei, gha vinto. Articolo terso: sensa schei ti gha perso”. (Detto popolare veronese)

Appare in tutta evidenza che il rapporto tra Wayne Selden e la Scaligera Basket è finito. E non è recuperabile. Lo strappo operato lunedì sera dall’agente del giocatore, Charles Misuraca, risulta impossibile da ricucire, a meno che Selden non rinunci alla procura, lasciando l’agenzia Slash Sports per un altro agente. Ma il comportamento di queste ore non lascia spazio ad un'”happy end”.

La Scaligera Basket ha replicato in modo conciso, ma estremamente fermo: “Letta la comunicazione dell’agente dell’atleta Wayne Selden, con la quale comunicava la risoluzione unilaterale dal contratto con la nostra società, contesta fermamente ed integralmente la legittimità di tale iniziativa e comunica di aver già incaricato il proprio legale per le iniziative da intraprendere in ogni opportuna sede”. 

Insomma la palla adesso passa ai legali, con i tempi notoriamente lunghi della giustizia civile.

Una cosa è certa, Selden senza il nulla-osta della Scaligera non può andare a giocare da nessuna parte. E’ un tesserato e per il trasferimento è necessario il transfert della Fiba, che ovviamente viene concesso solo dopo il benestare della società che ha il giocatore sotto contratto.

Nessuna inadempienza, quindi, ma probabilmente un tentativo maldestro di evitare il pagamento dell’oneroso buyout (80mila euro) per liberare il giocatore che aveva un’opzione di uscita solo per chiamate dalla NBA o dall’Eurolega. E’ verosimile che in questi giorni possa essere arrivata una proposta economicamente più allettante, che ha messo in moto l’agente di Selden. Con modalità imbarazzanti.

Tutta una questione di soldi, insomma. Tra l’altro risulta che il mese di agosto sarebbe stato pagato addirittura in anticipo al giocatore. Così il rapporto è incrinato, irrimediabilmente. Bisogna tener sempre conto degli equilibri nello spogliatoio e dei rischi di altri colpi di testa, come quello di lunedì sera, dopo la trasferta a Sassari.

Il g.m. Alessandro Frosini e il d.s. Eugenio Agostinelli sono già al lavoro per individuare il sostituto, cosa non semplice. La Scaligera perde il suo giocatore più talentuoso e non sarà facile rimpiazzarlo. La Tezenis ha ancora due visti a disposizione, che diventerebbero 3 in caso di passaggio al format 6+6, con il pagamento di una luxury tax di 40mila euro.

10 commenti - 5.178 visite Commenta

Daniele

Scusa Mario ma non si potrebbe sentire la società oppure il diretto interessato x avere dei chiarimenti?
E soprattutto se Selden è al momento sotto contratto, oggi si allena con la squadra e sabato giocherà oppure no?
Credo che sia difficile trovare un nuovo americano in tempi così brevi x poterlo utilizzare già contro Bologna

Rispondi
Giuseppe

Basta vedere cosa e” successo ai cugini di brescia con mitrou-long e della valle, per capire come gira il mondo

Rispondi
Daniele

E comunque visto il suo comportamento lo terrei in tribuna un paio di mesi,visto che è sotto contratto, così poi non avrebbe più offerte da altre squadre…il problema che lo devi pagare x niente anche se non gioca

Rispondi
Antonio

Ma poi da un giocatore che mentre l’allenatore fa il time out parla con chiunque e che alza le braccia quando lo sostituisci che pretendiamo !?
….forse meglio così … prendiamo un lavoratore serio come sono stati i ragazzi dell anno scorso … farà sicuramente meglio di solden !

Rispondi
Bruno

Di fuori di testa a Verona ce ne sono tanti… vedi cosa succede all’Hellas. Ci mancava anche questo… pero’ se non gli comodava Verona nessuno l’ha obbligato a firmare. Mi dispiace per i Pedrollo e anche per Ramagli

Rispondi
Armix66

Un tentativo così maldestro di uscire dal contratto non mi ricordo a memoria di averlo mai visto. Non è un solo giocatore che fa una squadra, saluti e avanti il prossimo

Rispondi
Lullone

Comunque qui stiamo facendo solo congetture, la verità la sa solo Selden e il suo agente.
Un peccato sicuramente per noi, perchè avevamo un vero campione che dopo 1 sola partita ha dimostrato di poter fare la differenza. Inoltre trovare un sostituto all’altezza sarà impossibile ora.
Ripensandoci, 80k di buyout forse sono anche pochi.
Un’uscita infelice del genere fa male allo spogliatoio, ai tifosi, alla società. Certo che l’immagine della Scaligera che “non paga gli stipendi” è una cosa ridicola, considerate alcune realtà italiane che non riescono nemmeno a finire la stagione!

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code