Torna al blog

LA LEZIONE DELLA SERIE A

“Dentro un ring o fuori, non c’è niente di male a cadere. È sbagliato rimanere a terra.” (Muhammad Ali)

Per la prima volta in tanti anni di A2 per la Tezenis è stato costruito un roster con dieci giocatori. Mai in passato Ramagli aveva potuto contare su una panchina così profonda, che però si è via via accorciata.
Prima l’infortunio Gazzotti, poi quello a Bartoli, adesso a Massone. Con tempi non brevi per il cambio dei lunghi (lo rivedremo in campo a fine gennaio) e un mesetto, si prevede, per il sostituto del play titolare.
Una situazione che, di parallelo, ha visto calare l’utilizzo di Gajic (in campo 5 minuti a Chiusi e con Forlì dopo il picco di 30’ a Orzinuovi, giocando da 4 e quindi fuori ruolo) e la ritardata esplosione di Udom.
Ramagli ha puntato sull’unico giocatore confermato dalla rosa della serie A, ma finora le aspettative sono state inferiori alle attese: solo 3 volte in doppia cifra, 8 punti di media con il 23% da 3 e atteggiamenti difensivi da rivedere.
Premessa per chiedersi se non sia opportuno un intervento, almeno temporaneo, sul mercato. Ramagli si ritrova con la squadra corta proprio quando l’intesa fra tanti giocatori nuovi sembrava consolidarsi, sebbene non vada trascurato il fatto che a Orzinuovi s’è rischiato grosso e a Chiusi pure.
La lezione della scorsa stagione, con la “vigile attesa” e le eccessive esitazioni ad intervenire con addizioni adeguate, dovrebbe essere servita.
Resta la consapevolezza che Kamari Murphy si è rivelato il leader che invece Gabe DeVoe è stato finora solo a rari sprazzi. E la coppia Usa ha regalato giocate come non se ne vedevano da tempo. Ma non basta.
E’ vero che il campionato è lungo e sarà fondamentale arrivare al top della condizione e dell’organico nei playoff, ma questa prima parte della stagione ha già offerto indicazioni utili e significative. Nella buona e nella cattiva sorte.
E il girone d’andata ormai è quasi terminato.

2 commenti - 1,321 visite Commenta

GG

si, anche secondo me ci sono già state buone indicazioni, e la squadra nn è male, però come dice l’articolo non basta, soprattutto se l’obiettivo dichiarato è la promozione. Ottimi – x la categoria – nel complesso gli americani, anche se DeVoe è spesso indolente e poi si accende nel terzo o quarto quarto, Kamari invece fa di tutto e bene… molto bene anche Ethan con qualità grinta e fisicamente potente – finalmente, era una qualità che ci mancava da troppo tempo… nessun problema al play Penna una garanzia e Massone buone qualità gestisce palla, segna, prende rimbalzi… Liam inizia a far punti ma purtroppo ancora tante palle perse e poco incisivo in difesa, non basta proprio per essere ala titolare… Stefanelli finalmente dà segni di vita ma ancora molto indietro anche considerando che è stato presentato come un realizzatore… Gazzotti secondo me purtroppo finora è insufficiente, nn sfrutta a dovere la stazza sotto le plance e raramente va al ferro, diverse volte viene contrastato e perde palla, vero che nn è considerato il centro titolare ma deve fare di più…

Rispondi
GG

per quanto riguarda il mercato ecco una suggestione: far giocare Murphy da 4 dato che ha un valido tiro dalla media e buoni movimenti in post, scalando Esposito e prendere un centro, magari il redivivo Taylor Smith – se avesse recuperato e nn fosse stato ingaggiato da altra squadra 😄 – con le sue gambe a molla e agilità sotto canestro!

Rispondi
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code