Torna al blog

UNA SQUADRA DA 8 CHE GIOCA DA 5,5

“Sono incazzato e molto, ma non con la squadra bensì per la squadra. Mi piacerebbe che quando i giocatori si creano le condizioni per portare a casa una vittoria non facessero rientrare in partita l’avversario vanificando l’importantissimo lavoro che loro stessi fanno in settimana con tanto impegno”. E’ più che normale che l’allenatore del Padova, al termine della sfida pareggiata a Mantova per l’ennesima volta con la consapevolezza di aver lasciato per strada 2 punti assolutamente alla portata, abbia difeso i suoi uomini pur non riuscendo a nascondere la rabbia e il conseguente travaso di bile. Quello che non è normale è che invece la squadra continui a cadere nei soliti errori, in ingenuità francamente evitabili, e a incappare in alti e bassi, tattici e umorali, non da squadra che vuole vincere il campionato ed è stata costruita per centrare l’obiettivo. E’ su questo secondo aspetto che, a mio avviso, va focalizzata l’attenzione in questo lunedì 8 novembre 2021. L’allenatore ha evidentemente le sue responsabilità (che non smette mai di prendersi in pubblico così come in privato) perché è oggettivo che non riesca a far rendere al meglio con continuità il potenziale incredibile messo a sua disposizione, ma questo enorme “potenziale” deve darsi una svegliata e pure alla svelta. Non si può andare a vedere una squadra da 8 e assistere a gare in cui si esprime da 5,5. Quando andavo a scuola e mi capitava di prendere 5,5 in un compito in classe o in un’interrogazione quella santa donna di mia madre si incazzava con me in modo molto più vigoroso rispetto a quando prendevo 4 perché era evidente che col 4 non ci avevo capito niente e avevo sbagliato tutto dall’inizio mentre col 5,5 invece non mi ero impegnata abbastanza. Ecco, è questo che dà fastidio al tifoso: avere l’impressione e a tratti la certezza che questo gruppo sa di essere una spanna sopra agli avversari ma non mette in campo abbastanza carattere e determinazione per dimostrarlo coi fatti e con le prestazioni. Ripeto: il tecnico ha le sue responsabilità e deve trovare al più presto una quadra che garantisca continuità di risultati e di rendimento ma non può succedere ogni anno, da queste parti, che sia sempre e solo colpa di chi siede in panchina se le cose a un certo punto iniziano a girare male. I giocatori devono guardarsi negli occhi e, come è successo contro l’AlbinoLeffe, mettersi a disposizione l’uno dell’altro, fare la corsa in più uno per l’altro, recuperare un pallone in più l’uno per l’altro per crescere insieme e diventare così una squadra in grado di far fronte allo strapotere del Sudtirol e alla concorrenza delle altre che ambiscono alla parte alta della classifica. Scene in cui si rimproverano a vicenda smontandosi anziché caricarsi non ne vorremmo vedere più.

27 commenti - 1.709 visite Commenta

Patrick

Domandina domandina: ma ti sei mai interrogata se forse tutta la certezza in relazione al supersquadrone corazzata secchione voto 8 sia nella realta’ vero????? te lo sei mai posta ???
Perche possiamo estrapolare gli editoriali delle prime partite e un campionato da portare a casa in carrozza….e ora siam qui…..detto questo, e lo dico a malincuore, questo Pavanel va rimosso. E’ palese non abbia piu’ in mano la situazione. Non sono mai stato per i cambi radicali, ma questa volta sì. Ho gia’ espresso la mia posizione in merito, avrei continuato con la guida tecnica precedente, epurando chi remava contro. invece no, ogni anno qui stravolgimenti e cambi di direzione. Roba da pazzi, incompetenza totale.
Pavanel anche ieri è riuscito nell’ impresa di togliere Chirico’ sull’ 1 a 1, ma porca troia ma come si fa??? lo fa regolarmente quasi in ogni match….
Voglio il ritorno del Mandorla o uno stile Nanu….queste due settimane di pausa nn ci volevano…

Rispondi
Marcantonio

Nanu ha per caso raggiunto qualche risultato nella sua carriera da allenatore per meritare che tre in questo blog lo reclamino a gran voce? Se devo esprimere uno stato d’animo sull’attuale situazione direi perplesso. Sull’esonero dell’allenatore al solito io sono “conservatore”, ma mi fido di chi sembra vederci più chiaro di me al riguardo. Per cercare di capire la dinamica di questo campionato, poniamoci due domande: quanti punti avevamo lo scorso anno dopo la tredicesima giornata? Quanti punti aveva la prima?

Rispondi
Enrico M.

chiedo anche io sommessamente sulla base di quali qualità tecniche o caratteriali saremmo una squadra da 8?
no perché a scuola per essere da 8, quel voto almeno una volta lo devi aver preso. non basta essere “potenzialmente” bravi. Sul campo questo siamo, basta illudersi sulla base di valori teorici, inespressi o espressi in passato (magari lontano) in contesti che non sono il nostro.
Questo Padova ha tutto da dimostrare. Se poi guardiamo a come abbiamo attaccato nel finale, super-prevedibili e inefficaci, rischiando pure di prendere gol in contropiede… Beh, non vedo nemmeno il 5,5. Qui è la testa prima di tutto che va cambiata. Più umilità e concretezza, meno sogni perché poi si sogna sogna ma la mattina ci si sveglia… e si va a scuola. come diceva un mio amico (tanto per rimanere in tema)

Rispondi

Questa squadra è oggettivamente da 8, dai. Quali altre realtà di questa categoria possono vantare in rosa giocatori come Donnarumma, Ronaldo, Chiricò, Ceravolo, Monaco. E ce ne sono tanti altri. Che poi non riescano a esprimersi al meglio in questo momento è altrettanto indubbio… (MARTINA)

Rispondi
Massimiliano Ferrati

Buongiorno Martina, ottime considerazioni, che condivido!
Propongo un’ulteriore riflessione. Il Padova guidato da Mandorlini, almeno fino a marzo è stata la migliore difesa e il migliore attacco facendo dell’intensità e del pressing alto, nella metà campo avversaria, la propria arma migliore. A costo, tuttavia, di un enorme dispendio di energia, pagato probabilmente nel rush decisivo.
Mister Pavanel, fin dal primo giorno, ha indicato un obiettivo della propria gestione: migliorare il gioco collettivo, facendo circolare più velocemente la palla.
Dopo circa quattro mesi di lavoro, credo che questo target sia ancora molto lontano: i biancoscudati, poche volte e troppo poco nel corso dei 90 minuti, sono riusciti a giocare con la giusta intensità e velocità. Le trame sviluppate sono anche belle a vedersi, ma eseguite con troppa lentezza, quindi diventano prevedibili.
Secondo me, è qui che va fatta quanto prima chiarezza e urge intervenire.
Ultima considerazione: siamo sicuri che rappresenti la soluzione migliore il tridente d’attacco, quando nessun esterno in rosa salta l’uomo, va sul fondo…crea superiorità numerica? Non sarebbe forse meglio affiancare all’ottimo Ceravolo una seconda punta con cui dialogare?

Rispondi
tifoso ignoto

I risultati si ottengono anche curando i dettagli, sulle punizioni di prima contro sarebbe utile che la barriera saltasse al momento del tiro per coprire meglio la parte scoperta della porta forse ierisera se lo avesse fatto il tiro sarebbe stato deviato di testa in calcio d’angolo invece di insaccarsi in rete.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Un paio di settimane fa inviai un wapp durante la trasmissione ale’ Padova sottolineando la fragilita’ emotiva della squadra incapace di sopportare il progetto di vincere il campionato. Tuttora ne sono sempre piu’convinto che se non beccano un filotto di vittorie ci vorra’ un terapista per lavorare sulla sconfitta del campionato scorso.

Rispondi
massimo

Sono d’accordo con Patrick ed Enrico.
Martina ma chi ti dice che la squadra è da 8? Basta con questa presunzione che certamente non porterà a nulla.
L’unica fortuna è che quest’anno c’è il nulla, a parte il Sudtirol che a breve scoppierà, non c’è altro, roba da serie D!! Questa squadra con questo allenatore fosse stato l’anno scorso sarebbe 5^ o 6^ !!!
E non è che avere un Ronaldo e Chiricò sia più un “danno” che un beneficio per la squadra nel suo complesso? Meditiamo!
Comunque sia e comunque vada è uno spettacolo penoso, anche quest’anno che si doveva ammazzare il campionato già a Natale.
DNA di merda!
massimo

Rispondi
GIANNI TONELLO

ATTENZIONE CHE IL TEMPO PASSA E NON VOREI PIÙ SI VA AVANTI PEGGIO SIA. SENTIRE ALLENATORE SE PENSA DI ESSERE ANCORA IN GRADO DI CONDURRE LA SQUADRA

Rispondi
acp

ma quale squadra da 8. ma dove? ma quando? ma perchè?

gioca da 5,5? se è da 8 allora sta giocando da 3.

esonerare pavanel.

presente ieri, io merito di più.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Gia’ si pensa ad esonerare Pavanel un signore corretto e serio che si trova un manipolo di nomi incapaci di dare una decisa svolta alla propria carriera portando in B il Padova.

Rispondi
Lacoste76

Questa squadra non è da 8.
– il portiere non è da 8
– la difesa non è da 8
– il centrocampo avvicina ma non è da 8
– forse l’attacco con l’innesto di Ceravolo è da 8.
– allenatore NON È CERTO DA 8

Una squadra è fatta da tante componenti non solo da due tre giocatori.

Mi piacerebbe Martina, visto che scriviamo sul TUO blog che ogni tanto ci rispondessi, ed in questo caso preciso che tu mi dia i voti ai singoli reparti.

Nel momento stesso in cui la squadra non è da 8, le colpe vanno anche a chi sta sopra:
– Sogliano…è davvero questo fenomeno ambito dalla serie A?? Non mi sembra
– Boscolo….Boscolo dovrebbe nelle intenzioni di Oughourlian rappresentare il territorio, ma di lui, nessuno sapeva nulla. Certo gli va il merito di aver portato Oughourlian stesso ma mi sembra tutto fuorché un personaggio carismatico in grado di fare le veci di un presidente assente giustificato (Joseph).
– Bianchi…a me lei piace, deve amministrare i soldi e a naso lo fa bene, ma i limiti dei due compagni di avventura la portano a dover interessarsi di calcio che non è la sua materia per curriculum totalmente diverso.

A me spiace dirlo ma dopo tre anni mi sembra che il team allestito da Joseph non sia così entusiasmante come poteva sembrare.

Nella vicina Venezia il duo Poggi- Collauto mi sembra mettere ben più passione e COMPETENZA.

Tre anni per salire sono un numero sufficiente, se non ci riesci hai fallito.

Rispondi
Principe

Se non ci riesci hai fallito senza dubbio, e questo fallimento decreterà l’ennesima mazzata a ciò che rimane della passiona attorno a questa disgraziata squadra di calcio.

Rispondi
Mastro Cerilli

Sottoscrivo le tue affermazioni su Boscolo e Bianchi. Quest’ultima, confermato anche da chi la conosce, è veramente una tosta ma non le si può chiedere di intervenire in ambito tecnico-calcistico. La proprietà è assente, e questo si sapeva, ma chi la rappresenta è persona per nulla empatica nè particolarmente comunicativa (si vede e si sente molto raramente).
La conseguenza è che la parte tecnica è del tutto in mano a Sogliano, uno dal carattere abbastanza fumantino, con la tendenza a difendere oltremodo le sue scelte e a trovare sempre giustificazioni alle mancanze della squadra (prova ne sia l’intervista di oggi).
Pavanel l’ha scelto lui (così come Mandorlini). Prima di cambiarlo si dovrà arrivare a situazioni molto più estreme di quella attuale. Peraltro non sono convinto che sia del tutto colpa dell’allenatore… A lui imputo scelte poco coraggiose quando è passati alla difesa a 3 in 4 partite consecutive per difendere il vantaggio di misura, a lui imputo anche scelte poco felici nell’attacco (tipo Jelenic trequartista o troppa fiducia a Santini). Per il resto bisogna ammettere che la squadra anche lo scorso anno era Ronaldo/Chiricò dipendente, anzi anche Della Latta dipendente. Quest’ultimo però attualmente è l’ombra di se stesso (già aveva iniziato ad esserlo nella parte finale dello scorso anno), trotterellando per il campo al rallentatore e quasi sempre fuori dal vivo dell’azione.
Insomma la faccenda non è affatto semplice.

Rispondi

Per me il portiere vale 8, anche se ti concedo il fatto che qualche pecca l’ha commessa anche lui. La difesa ha goduto del ritorno di Valentini (che ha fatto la B nella seconda parte dello scorso campionato e non ha mai giocato in serie C se non qui a Padova), dell’innesto di Monaco (che l’anno scorso a Perugia ha vinto il campionato) e dell’arrivo di Kirwan che, per carità, sarà retrocesso con la Reggiana, ma comunque l’anno scorso ha fatto la B. Oltre a Kirwan (che deve assolutamente migliorare nella fase difensiva sono d’accordo con te) c’è anche Germano che per me è stato tra i migliori dello scorso campionato (e tra i più continui, visto che le ha giocate praticamente tutte), poi è stato ripreso Curcio che è un po’ giù di forma ma mi auguro possa tornare a esprimersi presto ai suoi livelli. Se non è da 8 insomma la difesa (che ha anche Pelagatti per esempio, un altro da B più che da C, e Gasbarro che deve solo riprendersi psicologicamente e gli ci vorrà del tempo ancora) la si può comunque considerare da 7 e non è un brutto voto. Per me centrocampo e attacco sono da 8 e forse il problema principale è l’abbondanza di giocatori forti nello stesso ruolo: a centrocampo, ad esempio, si giocano la maglia da titolare con Ronaldo, Saber e Della Latta dei giocatori del calibro di Settembrini e Busellato. In attacco, essendo Ceravolo giustamente in questo momento il punto fermo, scalpitano per una maglia da titolare in tantissimi: Chiricò per me è uno che deve giocare sempre perché è in grado di risolverla in qualunque momento ma meriterebbero più chances anche Jelenic, Terrani, Nicastro, Bifulco, Biasci, Santini… tutti nomi non da ultimi arrivati. Ecco il mio pensiero, spero di aver soddisfatto la tua richiesta. (Martina)

Rispondi
Mastro Cerilli

Se poi ci mettiamo anche un Sudtirol da record europeo…
Crollerà crollerà, si dice. Ma la Ternana lo scorso anno è crollata?

Rispondi
crestaalta!

Rispondo a Patrick, che di calcio sicuro ne mastica: “rivoglio Mandorlo!”, ma non si ricorda una volta passati in vantaggio di un solo gol , lo schierare la difesa a 5 e davanti tenere una sola punta, e questo anche a casa…, “voglio Nanu” è stato un grande giocatore , ma come “mister” non mi pare…, se si deve cambiare, allora gente nuova e che ha fame….

Rispondi
Patrick

Non concordo. sino a prova contraria si definisce la squadra di quest’ anno piu’ forte dell’ anno scorso…il girone b era tostissimo rispetto a questo……io il padova l’ ho visto giocare anche bene in varie occasioni….non abbiamo mai e dico mai vinto quest’ anno se non soffrendo, a parte la prima a renate che fa poco testo……pavanel gioca con poco coraggio rispetto a mandorlini a cui imputo errori seri nel finale di stagione..ma dagli errori si impara, vedi Ronaldo che quest’ anno miracolosamente ha preso solo due gialli e ha un comportamento molto piu maturo anche con i compagni (anche se per dna ci ricade ancora, vedi fallo e giallo senza senso domenica…), e se mandorlini avesse imparato la lezione cambiando quell’ atteggiamento sopra le righe che ha pagato caro? magari epurando quei pochi elementi che remavano contro…io la penso così…..
ripeto che nn possiamo aver cambiato 15 allenatori in 20 anni e star qui a dire che va tutto bene..nn si programma un cazzo così, ma questo è un anno troppo importante.
Il Nanu so per certo che è uno molto empatico coi giocatori “esplosivi” alla Chirico’, è uno che sinora non ha ancora reso ma che ha fame, carisma e la piazza lo caricherebbe a mille. Rischia di bruciarci? beh certo, ma quanti ne sono finiti così dalle nostre parti…
Staremo a vedere…..

Rispondi
Patrick

il padova giocare bene mi riferivo naturalmente alla stagione scorsa, dove ne hai vinte tante in goleada…aggiungo che l’ anno scorso il campionato ci è stato palesemente rubato, mentre quest’ anno non vedo squadre mafiose coi santi in paradiso in grado di cambiare il corso di una stagione…SVEGLIAMOCI.

Rispondi
acp

parli di dna per compiacere il tuo amato coccodrillino?

basta pavanel basta. sono già in ritardo di 3 settimane con l’esonero.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Vorrei chiederti Martina, al di la’ della tua grande fede scusata quanto valuti da 1 a 10 la promozione diretta del Padova?

Rispondi
Principe

1. L’anno scorso, soprattutto in inverno/primavera, abbiamo vinto tantissime partite grazie alla giocata di un singolo, quasi sempre Ronaldo o Chiricò, attorno ai quali c’era il buio totale. E’ incredibile che NESSUNO se lo ricordi
2. Mandorla aveva completamente perso la testa, crollato psicologicamente in aprile; tutto ciò che è venuto dopo lo sappiamo
3. Errore madornale, quindi, ritenere che la squadra dell’anno scorso da sola potesse essere sufficiente per stravincere questo campionato, soprattutto perchè si sapeva che il Sud Tirol avrebbe continuato a provarci rinforzandosi
4. Gli innesti sono stati un portiere che non ha aggiunto nulla, un difensore molto forte ed uno molto sopravvalutato, un terzino destro indubbiamente meno forte di Germano e una punta, quella si, ottima per la categoria. Non basta
5. Pavanel mi sembra un pesce fuor d’acqua e lo cambierei, ma in campo ci vanno i giocatori e sono loro che stanno facendo pietà
6. Trascinarci un’altra volta in mezzo ai play off sarebbe deleterio, soprattutto per chi li ha già giocati (praticamente tutti). L’idea che il Sud Tirol “crollerà” non so come che fondamento abbia, peraltro anche se crollasse avendo già parecchi punti di vantaggio non farebbe nessuna differenza
7. Sogliano è un ottimo ds ma ha sbagliato TUTTI gli allenatori

Rispondi
tifoso ignoto

Ogni campionato fa storia a se, non è certo che Mandorlini quest’anno avrebbe fatto lo stesso exploit dell’anno scorso.
Sono troppe le variabili in campo.
Per esempio una: il Sudtirol che va forte come quasi sempre era da prevedere ma che andasse a 1000 senza incassare praticamente goal era difficilmente prevedibile.
Detto questo a mio avviso il Padova di oggi è quasi la fotocopia dell’anno scorso, fa piu o meno lo stesso gioco con gli stessi giocatori.
E con le stesse lacune! Segnava di più quello si, ma avevamo un Della Latta super e Bifulco che all’inizio girava che era un piacere.
Oggi sono praticamente scomparsi.
Ceravolo 6 gol? ma anche l’anno scorso ad ora Nicastro ne aveva fatti piu o meno gli stessi.
Il carattere altalenante della squadra?, c’era l’anno l’anno scorso ce n’è, se non di piu quest’anno.
Quindi per favore niente rimpianti!
Il vero problema secondo me è il solito peccato originale: il nostro DS non sa scegliere gli allenatori, tra l’azzardo Sullo, l’umorale Mandorlini, e il pochissimo carismatico Pavanel, non ne ha azzeccati uno che sia uno.
Quindi se va sostituito Pavanel, attenzione chel tacon non sia peso del buso!

Rispondi
Pietro Smaniotto

Padova calcio terra ingrata per i giovani se hanno la fortuna di vestire i colori scudati per una breve apparizione all’Euganeo poi vengono inviati altrove dove sbocciano vedi Moro che non vedremo mai piu’in aquadra
Prima di Moro ci fu Del Piero tra loro tanti giovani bruciati solo perche’ la blasonata Padova (???) non ha tempo di aspettarli ed allora vanno nelle case di riposo a prelevare trentenni ed oltre. Finiamola tanto siamo una piccola provinciale di serie C (16 tornei negli ultimi trentanni).

Rispondi
Marcantonio

Però qualcuno qua deve decidersi eh? Se la squadra è da 8 allora giusto chiedere il cambio di un allenatore che la fa giocare da 5. Se la squadra non è da 8, ma si tratta di far nozze con i “fichi secchi” allora Pavanel per come stiamo andando ci basta e avanza!

Rispondi
Stefano

Il sud Tirol e’
Squadra da 15 (ultime 5 partite ) nessuna sconfitta – 2 goal subiti – noi siamo messi come il Perugia lo scorso anno ma…….. già a novembre ….. in pratica se canniamo ancora una partita possiamo pensare ai play off già a dicembre – più deprimente di così non so cosa ci sia …. Come scrivevo già dopo Lecco i segnali c’erano tutti ………… non va affatto bene

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code