Torna al blog

STAVOLTA SAREMO PREMIATI

Alla fine l’impresa è stata solo sfiorata. Accarezzata. Sognata.
A ragionare solo con la testa c’era da aspettarsi che questo SudTirol, capace di chiudere il campionato a 90 punti, non avrebbe mollato e a Trieste si sarebbe imposto per andare a prendersi quella promozione diretta costruita nell’arco di un campionato dai toni stratosferici. Ma nell’ultima settimana della stagione regolare è stato comunque giusto per i biancoscudati credere fino in fondo nella possibilità di sovvertire un verdetto che era già scritto. E’ stato giusto perché alimentando la volontà di portare a termine la rimonta, la squadra ha dato continuità alla sua crescita, tecnica, tattica e mentale, e ha alzato il livello della sua autostima, approdando ai playoff nella migliore condizione psicofisica.
La sconfitta contro la Virtus Verona verrà velocemente archiviata. Non è il Padova visto all’opera all’Euganeo nell’ultima giornata di campionato, con un orecchio teso al risultato del Rocco tra Triestina e SudTirol, la squadra che Massimo Oddo ha plasmato nelle 10 giornate in cui l’ha presa per mano. Il vero Padova è tutt’altra cosa e l’ha dimostrato tenendo vivo il campionato fino all’ultimo.
Ora si tratta solo di ricaricare le batterie in vista degli spareggi per farsi trovare con lo stato d’animo e la preparazione adatti al mini torneo in cui si deciderà chi sarà la quarta promossa dopo le tre capoliste dei gironi. Per prepararsi al meglio i biancoscudati andranno in ritiro a Lens, nel quartier generale della squadra di Ligue1 di cui è presidente proprio il patron del Padova Joseph Oughourlian. I giocatori avranno così la possibilità, dopo i tre giorni di riposo concessi dalla società, di staccare per qualche giorno la spina e di cambiare aria e ambiente per tornare in campo con rinnovato spirito combattivo.
La partenza è fissata per giovedì 28 aprile. Il ritiro terminerà poi venerdì 6 maggio e il 17 maggio inizierà il secondo tempo del campionato. Quegli spareggi che l’anno scorso non hanno sorriso al Padova per un unico rigore sbagliato e che proprio per questo stavolta la squadra affronta con la ferma convinzione che l’epilogo sarà decisamente diverso.

73 commenti - 4.761 visite Commenta

Mastro Cerilli

Chiedo a qualcuno se il fatto di non essere più la miglior seconda dei 3 gironi possa penalizzarci nello stabilire se l’andata si gioca in casa o fuori nelle fasi finali dei playoff.
L’anno scorso abbiamo fatto l’andata in casa sia con Avellino che con l’Alessandria ma non ricordo se era frutto dei sorteggi o qualche altro criterio.

Ieri bisognava vincerla, per l’onore, per il pubblico e per non sporcare una statistica di risultati strepitosa. Invece al pareggio hanno mollato quasi tutti. Solo Chiricò aveva ancora voglia di vincere. Certo, nessuno pensava di beccare il tiro della vita del veronese al 91esimo. Però averla persa a me brucia. Ripeto, spero non ci costi cara in termini di playoff.
Comunque amen, è andata ed ovvio che dovesse finire così. Sarebbe stato 1000 volte peggio vincere 2-1 e un contestuale pareggio a Trieste.

Spero tanto che in queste tre settimane si riesca a recuperare un bel pò di gente al momento stracotta. Su tutti Ceravolo, capace solo di finire in fuorigioco, Dezi, esaurito e imbarazzante nelle conclusioni a rete, Ronaldo, per noi vitale in perfette condizioni di forma, Cissè, che per me al momento resta un paracarro..
Ieri bisognava schierare Kirwan a sinistra. Non si può andare avanti con Gasbarro, anche ieri a vuoto in occasione del pareggio. La mossa di Terrani per sacrificare un centrocampista non mi ha convinto granchè anche se Oddo l’ha spiegata in conferenza stampa.

Rispondi
Stefano

Siamo ai quarti – mica in finale quarti che faremo con il risultato eventuale pari a favore (come contro il renate ……) e se passiamo semifinali e finali (tutte e 2 con var ma con sorteggio campo ) ne manca di strada e non mi sembra questa una squadra da “battaglia “ ……

Rispondi
DM

Una squadra vincente ieri avrebbe vinto 3-0 o più largamente, a prescindere dai risultati altrui. Avrebbe fatto il suo compito, che era quello di demolire l’avversario e dimostrare che la promozione è mancata ieri solo a causa del successo altoatesino, ma che con gli altri risultati saremmo andati su noi. Poi magari l’avversario si difende bene e la goleada non riesce, ma almeno ci si prova.

Invece il Padova smette di giocare in seguito agli aggiornamenti da Trieste perché “tanto la situazione era compromessa”.
Una settimana di proclami su entusiasmo e mentalità, allenamento con folla all’Appiani, 4000 persone ieri e il risultato è questo. Ci rendiamo conto che probabilmente ieri allo stadio c’era per la prima volta qualche bambino o giovane che avrebbe potuto fidelizzarsi e magari invece rimarrà a seguire le strisciate?
Devo poi leggere dichiarazioni incredibili secondo quali va bene così, o addirittura Germano che lamenta i soli 3 giorni di break invece di 5. Tutto questo tradisce, da parte di tutti, una mentalità perdente. Se fino a ieri mattina ero fiducioso sulle nostre possibilità ai playoff, adesso lo sono molto molto molto meno.

Rispondi
QuoreSqudato

Complimenti al SudTirol, certo si sono meritati di vincere il campionato per la continuità ed i risultati stupefacenti, soprattutto in difesa.
Ma prima di denigrare il nostro campionato, ricordiamoci sempre le due traverse che abbiamo preso sia all’andata che al ritorno.
Non aggiungo altro, ma solo che domenica ho applaudito convinto la squadra e della sconfitta con la Virtus non me ne importa nulla se non l’ennesima dimostrazione di come degli episodi possano far girare una partita e di come certe squadre, giocando contro il Padova chiudendosi, abbiano la possibilità concreta di fare risultato.
Dobbiamo andar via da questa categoria al più presto, se vogliamo vedere un po’ di Calcio.

Rispondi
Massimo

Scusa, pensi che squadre come Giana, Legnago , Virtus ecc. dovrebbero giocare contro il Padova a viso aperto? Se si hanno armi inferiori è meglio combattere in trincea che a campo libero. E non credi che queste squadre abbiano giocato chiuse anche contro il Sudtirol? Secondo me la differenza tra Padova e Sudtirol è che loro non dipendono da tre giocatori ( Ronaldo Chirico e Ceravolo) . Poi dai, non è un caso prendere 9 gol in 38 partite… nettamente superiori.

Rispondi
Stefano

Play off con gli stadi al 100% capienza –
Sarà una situazione ben diversa rispetto allo scorso anno : e la cosa inciderà per quanto riguarda gli stadi del sud
E’ per questo che parlo di squadra NON da Battaglia – io come tutti spero ma realisticamente arrivare in fondo a me sembra più complicato quest’anno

Rispondi
acp

l’atteggiamento “eh ma tanto sarebbe stato uguale” per commentare la sconfitta è da perdenti assoluti.
è da perdenti applaudire la squadra. piazza di perdenti che ormai gode ad elogiarsi e sbrodolarsi per il tifo nelle sconfitte. che canta di sborrate in culo agli altri quando prende sequoie in culo da 60anni.

nello sport devi fare il tuo. il padova non lo ha fatto domenica. anzi è arrivato prima il gol del sudtirol del nostro. inaccettabile. il padova doveva tacarghene almeno 2 alla virtus nel primo tempo. invece si è riusciti persino a perdere. incredibile. giusto per smontare per pallore di entusiasmo nella tifoseria in vista dei playoff.

oddo alla fine si è dimostrato un pavanel dalla sneaker firmata e il capello alla moda. per il resto stesso modulo, stesso gioco, stessi riferimenti, stessi modi di segnare. pavanel che ricordiamo è stato cacciato perchè le vittorie erano stentate. con oddo invece ea musica xe cambià si certo come no. speriamo almeno di recuperare nicastro e cissè. il centravanti serve. ceravolo è un martire. una spider messa ad arare i campi. partita da vincere e mette gasbarro e non kirwan.

alfredo migliore in campo per distacco, libidinoso. ronaldo spero lo abbia pagato per la lezione di calcio che l’islandese gli ha dato.

un tornello della ovest è rotto da mesi. mezz’ora per entrare con 4 gatti presenti. dai su è inaccettabile. ci sarebbero ben 4 uscite di tangenziale per arrivare. ma due sono inservibili perchè bisogna chiudere viale rocco per 10 tifosi ospiti. col risultato che arrivare all’euganeo xe un casin. chissà che voglia di tornare viene a chi magari non è malato di sta squadra. almeno il parcheggio è gratis. geniale anche la costruzione delle isole di traffico. giusto per incatiarse un fià de più. e non è che uno può arrivare un’ora e mezza prima perchè la zona euganeo è un assoluto deserto.

playoff? spero almeno qualche bella trasferta. se sarà di nuovo C spero almeno di lasciare questo triste girone A. che di seregni e pergolettesi anche basta.

Rispondi
Principe

Gli applausi alla squadra continuano ininterrotti da anni. Ormai non ricordo quando è stata l’ultima contestazione eppure non ci siamo mai mossi dalla serie C. Applausi peraltro fini a sè stessi perchè ai giocatori frega zero farsi due giri sotto la est a sentire due cori. Il mondo del tifo è così oggi, vince chi ottiene più applausi sui social per l’attaccamento. Bha.
Siamo probabilmente la squadra più forte di quelle approdate ai play off, naturalmente non conta niente perchè ci sarà da andare al sud con il loro pubblico presente e ci sarà soprattutto da spremere ulteriormente corpi e menti stremate.

Rispondi
Emanuele Ranzato

Ciao Martina, oltre ad esprimere ampia gratitudine a Mr. Oddo associata all’ennesima profonda delusione vorrei criticare la squadra…tutta..perchè a fine partita è andata a ringraziare sempre e solo gli ultrà come se il biglietto e l’incitamento fosse solo un loro compito. Ci siamo anche noi tutti, tifosi che hanno sorretto la squadra quest’anno e che hanno sacrificato per essere presenti a Bolzano. Il minimo è la vostra riconoscenza perchè altro non sapete e saprete dare nemmeno durante questi play-off.Vergogna!!!

Rispondi
fabio.pd

Io sono molto contento di questa squadra per come sa giocare, se vuole. Ho ancora negli occhi le tre limpide occasioni da gol a Bz che, se almeno una si fosse concretizzata, avrebbe cambiato il finale di campionato. Se all’inizio ero scettico adesso sono convinto della bontà della scelta operata del cambio in abbinata ds/mister. La presenza nel blog di due macchiette una con il nome di una checca e l’altra di un ciosoto, la continua attenzione di qualche vicentino che ha preso paura della rimonta dei biancoscudati, un Criscitello che mette a nudo il suo vero aspetto, tutto ciò, tutta questa attenzione mi fa ben sperare sulle prossime gare!

Rispondi
Stefano

Ne dice di ca…. Te Cassano – ma stavolta concordo

Non è mancata la risposta di Antonio Cassano, che non sottovaluta le squadre del girone C: “Padova e Reggiana favorite? Dirlo così è facile, ma vadano a giocare al Barbera di Palermo. O a Catanzaro”.

Rispondi
acp

soliti stereotipi triti e ritriti.

catanzaro precovid aveva medie spettatori molto basse e ci abbiamo vinto quest’anno.

avessimo ancora l’appiani altrochè catanzaro, avellino e metighe quella che volete…

Rispondi
sauz

Piccoli appunti sparsi:
1) Delusione cocente per il nostro atteggiamento di domenica, buono il primo tempo il secondo non ci si può demoralizzare perchè gli altri stanno vincendo ma bisogna onorare sino in fondo la partita a maggior ragione perchè i punti della virtus pesavano a discapito di altri, invece abbiamo giochicchiato , hai voglia dopo di chiedere un euganeo bolgia bisogna anche meritarlo e non sciogliersi come neve al sole
2) A me Oddo questo gran condottiero non pare e come dice giustamente Acp non vedo queste gran differenze con pavanel anzi; sta cavalcando l’onda come l’aveva cavalcata Dal Canto nel 2011 ma comunque vada la stagione non darei mai la squadra a lui dall’inizio, durerebbe due mesi; certe sue scelte non le ho mai capite, l’incaponirsi su Gasbarro che dal rigore dell’anno scorso non si e’ mai piu’ ripreso , tenere molto da parte se non quando mancano tutti Monaco che è il miglior difensore che abbiamo , questi sono alcuni esempi, come l’insistere di continuo su dezi che secondo me sta deludendo..insomma ce ne sarebbero di appunti da fare
3) Nemmeno io come Acp capisco questo applaudire, sto cazzo, dopo la partita non ho applaudito cosa dovevamo ringraziarli dello sforzo profuso? I sta massa ben qua, ricordo nel 94 l’anno che siamo andati in A lo striscione che recitava più o meno che “senza rancore ma contestiamo per amore” caspita si contestava una squadra che arrancava verso la fine tra la quarta e la quinta piazza della B e questa che nemmeno quest’anno , dopo che le han dato il girone confezionato è riuscita a vincerlo si applaude, saranno cambiati i tempi non capisco, vedo solo che le varie Vicenza, Venezia, fanno anche la C ma dopo salgono e dopo magari scendono noi siamo quasi presenza fissa di sto campionato di merda e francamente personalmente mi sarei fracassato i maroni
4) Le possibilità di promozione vista anche la tenuta mentale dei ns. eroi sono ridotte al lumicino, se solo la Reggiana esce possiamo giocarcela sennò ragazzi segnatevela che e’ finita anche quest’anno
5) I brividi mi vengono per la prossima stagione che sul ponte del comando ha il Sig. Mirabelli, speriamo non faccia troppi disastri vista la sua ottima capacità in tal senso, il tanto vituperato Sogliano ha fatto si errori madornali (uno su tutti Biasci che magari ci purga ai playoff) ma ha costruito due squadre che se la sono giocata per la vittoria , cose che il calabrese non è capace di fare, bravo a farsi simpatica la piazza ma Sogliano è un professionista lui..vedrete e vedremo…

Rispondi
tifoso ignoto

Con la montagna di soldi sborsati dal finanziere è facile allestire una squadra. Sogliano ha comprato talmente tanti giocatori da rifornire letteralmente mezza serie di C di attaccanti, di cui uno manco ha calcato l’erba dell’euganego e che poi passato al Cittadella ha cominciato a segnare fin da subito, in cambio di Cissè che fin da subito o quasi ha marcato visita per un annetto buono, questi sono gli affari di Sogliano. Tre allenatori uno piu cotto dell’altro.Il Padova poteva abbandonarlo al suo destino già alla fine dello scorso campionato insieme a Mandorlini, macchè si è inginocchiata perchè tornasse all’ovile, per poi caccciarlo ben oltre la metà del campionato e Pavanel lo ha seguito poche settimane dopo.
Siamo alla schizofrenia, una squadra abbandonata al suo destino nel bel mezzo di un tour de force di partite, se c’è una responsabilità in questo triste finale di campionato direi che la società non è esente da colpe. Secondi eravamo con Pavanel, secondi lo siamo con Oddo anche se quest’ultimo ha sfiorato l’impresa e bisogna darne atto.
Come saranno i play off? Dipende da come Oddo riuscirà a ricaricare questa squadra e a dargli piu che il gioco(quello ormai non si cambia purtroppo) una mentalità un carattere di cui s’è visto già qualcosa che con Pavanel non s’era visto.
Il Padova ha le potenzialità per arrivare in finale e vincere, non si fanno 85 punti per nulla.
L’ultima di campionato a mio parere non fa testo. Si doveva vincere, ma non aver segnato subito e dopo il gol dei tirolesi del sud la squadra si è sciolta come neve al sole. Non doveva succedere, ma sono situazioni in cui a un certo punto scatta un clic e si perde completamente la voglia di combattere. Qualcuno dirà che sono dei professionisti, io direi che sono delle persone prima di tutto e certe reazioni sono comprensibili.

Rispondi
Principe

Sauz ancora una volta sono d’accordo in tutto e per tutto, faccio solo 2 appunti:
– quella contestazione del 93/94 fu assurda nelle motivazioni e ridicola nei modi, avrei preso un esempio diverso per parlare del clima dell’epoca; cmq ribadisco che gli applausi scroscianti finali mi hanno basito
– Monaco con Oddo le ha giocate tutte tranne Bolzano perchè serviva gente più veloce che fisica (ho verificato: panchina anche col Piacenza, va bhe cambia niente)

Rispondi
Mastro Cerilli

Abbiamo preso il goal del pareggio dopo 1 minuto dal nostro e in un modo demenziale. Un goal, tanto per dire, che il Sudtirol mai e poi mai avrebbe preso. A chi non avrebbe tagliato le gambe, sapendo poi il risultato di Trieste? Il secondo goal tiro dell’anno al 91esimo, che se lo fa 100 volte non gli riesce.

Sono d’accordo con chi dice che le ovazioni e gli applausi scroscianti non ci stavano (io infatti non ho partecipato), come ci stavano a Bolzano nonostante il risultato tutto sommato negativo. Ci stavano invece incoraggiamenti in stile “siamo sempre con voi” e “noi vogliamo tornare in serie B”.

Rispondi
fabio.pd

tante bei commenti, rispettabili, ci mancherebbe……ma io vi domando: se Carlo Pelagatti (un esempio su tre…) avesse schiacciato un pò di più la palla e avesse segnato……ADESSO…..quale sarebbe stato il tono ed il contenuto dei discorsi, ci saremmo martellati i maroni sul perchè si applaude o non si applaude, su Oddo se è più bravo dell’altro……???

Rispondi
acp

contestavo pavanel durante il ciclo iniziale di 6 vittorie, volevo cacciare bisoli quanto era primo e dopo la promozione. volevo cacciare sogliano un annetto abbondante fa. ora manderei via oddo all’istante. ci arrivo prima. c’è poco da fare, ne capisco di calcio come pochi.

del resto quando analizzi il COME si ottengono certi risultati le conclusioni sono ovvie. proattività. chi guarda solo al COSA si è ottenuto invece potrà solo reagire tardivamente ai problemi.

inoltre va sempre tenuto ben presente il concetto di complementarietà tattica, tecnica, atletica e caratteriale nella rosa e nelle formazioni titolari. e da questo punto di vista il padova è notevolmente non complementare.

la bianchi dovrebbe assumermi. quelli che sono all’altezza di parlar di calcio con me si contano sulle dita di una mano.

Rispondi
Emanuele Ranzato

…già tanti bei commenti ma siamo sempre qui a tribolare…per la seconda volta…ma ce lo meritiamo noi ex Appiani???

Rispondi
fabio.pd

esatto caro Emanuele……ad Alessandria si doveva vincere……a Bolzano si poteva vincere…..
Che tempi, che ricordi giocare all’Appiani. Meritiamo di più!

Rispondi
Tifoso a 1/2

A campionato finito: applausi (dopo Bozen) per l’impegno che non è mai mancato e che ha permesso fino alla 37 di giocarsi la B diretta, grazie per la Coppa Italia (sembra che vinciamo trofei tutti i giorni qua a Padova, anzi si è così schizzinosi che non possiamo permetterci di imbruttire ancor di più la nostra meravigliosa bacheca); peccato come sia finito il campionato ma con i vari fatti successi abbiamo assistito ad un miracolo e fare quanto fatto, di più era impossibile fare e non saprei proprio chi crocifiggere;
Per quanto concerne il SudT, a mio avviso non tutti hanno ben capito in termini di numeri e prestazioni che campionato hanno fatto questi qua; poi se si pensa che con un girone scarsissimo come il nostro Modena e Bari avrebbero fatto 100 punti alzo le mani.
Adesso c’è un nuovo minicampionato da preparare, questa è la nostra occasione e adesso si che dipende solo da noi; fortunatamente partiamo avvantaggiati rispetto lo scorso anno che siamo arrivati mentalmente devastati. Abbiamo 20 giorni per recuperare atleticamente, ho visto 3-4 elementi in condizione fisica veramente preoccupante..

Rispondi
Emanuele Ranzato

Concordo anch’io ho visto elementi che vanno col freno a mano…non so voi ma a me Monaco sembra lento boh…Ronaldo non ne parliamo…a Bolzano fortuna che non ha preso l’avversario con quel gomito alzato ad inizio partita sennò era espulsione nettissima.
Caro Fabio…quel PADOVA BARLETTA 4-3 me lo porterò nel cuore fino alla morte….fino alla morte come si cantava sempre…ma ora la vedo dura dura dura

Rispondi
Mastro Cerilli

Eh beh ragazzi (si fa per dire), Padova-Barletta praticamente l’ha vinta il pubblico spingendo nella porta avversaria i giocatori, il pallone e a momenti anche la panchina.
Lì si che si è vista la voglia di vincere e la bava alla bocca e non importavano i fattori avversi o la demoralizzazione perchè dovevamo vincere a tutti i costi e abbiamo vinto recuperando da 0-2 a 3-2 e il goal (che ricordo bene) del pareggio di Lanotte (anche quello tiro che riesce 1 volta su 1000). L’epilogo vi invito a riguardarlo qui https://www.youtube.com/watch?v=03NCXQd2HyM con la cronaca del grande Gildo e il muro umano da brividi dietro la porta del Barletta. Ditemi voi se quella non è stata una partita gloriosa.

Rispondi
crestaalta!

Bisogna essere sempre grati al “Patron” franco-armeno, senza di lui si andava nei dilettanti. Ma sta storia di andare in ritiro a Lens, non la capisco, sembra quasi un alibi, per poi dire ho fatto di tutto e adesso posso andarmene…., molto meglio se veniva Lui qualche giorno, avrebbe fatto morale e lo avremmo applaudito.

Rispondi
Stefano

Tra i convocati per la Francia non c’è’ Curcio : ma che razza di infortunio ha subito ???

Rispondi
sauz

Emanuele Ranzato, Monaco non sarà velocissimo ma è il miglior difensore che abbiamo in rosa è una certezza, secondo me imprescindibile per questa squadra a me personalmente da molta più sicurezza di un Valentini di turno.
Principe ti ringrazio, e ricordo le tue profetiche parole che qualche settimana fa dicevano che questa rincorsa che non si sarebbe concretizzata dimostrava in pieno il nostro DNA e condivido in toto, sarebbe stato meglio che i tirolesi non avessero perso punti per strada e che l’avessimo perso anche un mese prima, ci preparavamo maggiormente a questa evenienza invece la scottatura si farà sentire. Qualcuno dirà per la Reggiana non e’ la stessa cosa? Vero solo apparentemente , i granata han dimostrato una graniticità notevole sino a 10 giornate dalla fine quando hanno avuto il primo stop e vincevano bene non in maniera striminzita come noi, sono per dirlo in due parole di un’altra pasta più squadra di noi.
Forse l’esempio del 1994 non e’ il massimo, ricordo per esempio dopo Padova Pescara 0 a 6 in 200 sotto la ovest se non erro e secondo me era esagerato, eravamo salvi, d’accordo i playoff sfumavano ma quando sei in B e hai le chiappe al coperto dal ritorno agli inferi puoi perdere anche dieci a zero personalmente non mi tange, mi tange la concretezza, mi tange continuare a mangiare guano e dover sostenere sempre e comunque quando è palese che le nostre chance per l’ennesimo anno sono ridottissime. Mi pare ci si stia assuefando a questa categoria invece bisognerebbe far capire che e’ ora di darci un taglio, a me non frega una sega primeggiare in serie A e mai mi sentirete contestare per una mancata promozione in massima serie, la nostra dimensione è una discreta serie B, da metà classifica e questo esigo per la nostra piazza non i peana e chiamarli seicento volte sotto la curva dopo aver scardinato il fortino della giana di turno per fare un esempio solo grazie a un rigore. E’ ora di avere un po’ di ambizione, la storia e’ quella che è lo vedo anch’io ma la cadetteria deve essere il nostro habitat come disse Puggina mai più serie C basta. E dopo i mass media si lamentano delle scarse presenze, ragazzi qui si hanno le palle piene, lo stadio che è quello che è (confido fortemente nella nuova curva) privo di servizi, un’isola a sè stante, aggiungete la categoria infima , appassionarsi è veramente da pazzi scatenati. Diverso sarebbe stato rimanere all’Appiani , ecco io stesso personalmente avrei accettato maggiormente una categoria inferiore ma una C aggiunta a un impianto simile mi fa personalmente cadere i maroni anche se la mia presenza è sempre garantita. Ecco sarei galvanizzato ad avere un impianto come il Rocco lì si che ci andrei di gusto anche in quarta serie.
Non penso poi Oughurlian voglia levare le tende, il ritiro è dato per fornire uno stacco mentale pieno e ci sta certamente chissà che capiti un miracolo…
Infine qualche nome da cui ripartire per la prossima annata, per me i veri capi saldi di questa rosa a cui non rinuncerei : Donnarumma, Germano, Monaco, Ajeti, Kirwan, Della Latta, Dezi, Saber, Bifulco e Chiricò, questi per me imprescindibili il resto si può fare a meno (compreso Ronaldo)..

Rispondi
Emanuele Ranzato

leggo tutti commenti alla fin fine coerenti con le nostre idee e per il momento che stiamo passando; siamo tutti stanchi di questa categoria perchè la nostra piazza merita altro sopratutto per il cuore di noi tifosi. Quindi con questa rosa o con la primavera ma bisogna fuggire via da questo inferno…non posso pensare di dover andare allo stadio solo per riempire due ore di vita…io voglio risentire la fame che avevo quando andavo all’Appiani, d’inverno con la nebbia anche per uno striminzito 0-0. Comunque raga la vedo tanto tanto dura.

Rispondi
tifoso ignoto

E Soleri in prestito al Palermo 26 gol in 33 partite glielo lasciamo? Ma sì! siamo generosi

Rispondi
acp

padova piazza di perdenti con scarsa cultura sportiva.

io ovviamente sono al di sopra di tutto ciò

Rispondi
Massimo

ACP, a volte rido ( non per scherno) sulle tue disamine e battute, ora seriamente ti devo dare pienamente ragione !
Che tristezza tifare Padova.

Rispondi
Emanuele Ranzato

Mi riaggancio a quanto detto CRESTAALTA…il patron fa (franco-armeno) farebbe bene qualche volta venire a supportare la nostra squadra e sottolineo NOSTRA, in casa non invitarla in altri paesi come se fosse una legione straniera. Ma la Bianchi e Boscolo Meneguolo non si rendono conto delle cazzate che si stanno facendo? Sempre bravi a sbandierare i milioni spesi in tre anni ma per che cosa…se dopo manca il cuore e la saggezza di gestire la NOSTR A squadra??? spero non sbagliare dicendo ciò

Rispondi
DM

Ottime le parole della Bianchi oggi, in particolare riguardo al tema centro sportivo che è fondamentale per il futuro del Padova – bene sapere che prosegue (Martina ogni aggiornamento su tempistiche ecc è ben gradito).
Oughourlian dobbiamo tenerlo stretto, data la programmazione di lungo termine a livelli mai visti da queste parti. Ha investito 22 milioni in 3 anni, fatto 164 punti negli ultimi due campionati, riportato il settore giovanile nella seconda divisione e sta avanzando progetti strutturali come il centro sportivo che trasformano una società. Questo è esattamente il tipo di lavoro che sta facendo il tanto lodato Südtirol, per dire, come ogni altro club al passo coi tempi… dopodiché la formula della serie C al momento è folle e la promozione non è ancora arrivata (con la nostra solita dose di sfortuna) ma sono convinto con questa proprietà sia una questione di tempo – e con essa il Padova può diventare davvero sostenibile. Poi ok, quest’anno le tempistiche su Pavanel / Sogliano sono state sbagliate ma il giudizio complessivo sul triennio è positivo.

Rispondi
Mastro Cerilli

La curva pronta per i playoff?!?
Non so voi, ma io domenica scorsa a giudicare dallo stato di avanzamento mi auguravo che possa essere pronta per l’inizio del prossimo campionato

Rispondi
Mastro Cerilli

Da Padovasport:

Il Padova entra nel vivo del ritiro francese a Lens con l’amichevole in programma domani contro la squadra B dei giallorossi, allo Stadio Bollaert-Delelis di fronte a Joseph Oughourlian, che sarà in tribuna per l’occasione. Il proprietario dei due club spera che questo sia l’anno buono per il ritorno in B, il terzo del suo progetto. In ogni caso comunque la sua avventura a Padova continuerà, ma l’impegno economico nel club è strettamente legato alla realizzazione del centro sportivo Padovanello. Senza il quale, il patron potrebbe dirottare gli investimenti destinati al calcio nelle altre due squadre di proprietà mantenendo il Padova in serie C con un basso profilo e l’esclusiva valorizzazione dei giovani.

Prospettiva davvero allettante… Padovasport da qualche settimana sta alimentando un allarmismo che non comprendo intorno al nuovo centro sportivo con continue notizie riguardo la giunta che non vorrebbe concedere la concessione a lunghissimo termine. Come dire: le sorti del Calcio Padova dipendono dalle decisioni di Giordani e Bonavina.

Rispondi
Principe

Martina si sa qualcosa della curva?
Stato di avanzamento dei lavori?
Calendarizzazione degli adempimenti burocratici?
Quando sarà agibile? Quando verrà messo il tetto? E i seggiolini? A che altezza sarà la prima fila rispetto al terreno di gioco?

Rispondi
Marcantonio

Padovagoal: Designazione a dir poco curiosa per Alessandria-Vicenza, partita decisiva nella corsa alla salvezza. È stato scelto, infatti, Daniele Chiffi, arbitro internazionale della sezione di Padova.
😆

Rispondi
Tifoso a 1/2

Alessandria sono tornati ai loro livelli di sfigati d’Italia. Bizzarro che con la Reggina giù, anche se i wcentini perdono i playout, saranno nuovamente ripescati. Dopo una stagione così sarà di nuovo B: che vergogna

Rispondi
Stefano

Credo che Oughurlian si stia chiedendo / : a 30
Km
Da padova accadono imprese impossibili – qui manco a parlarne ……..

Rispondi
sauz

Tifoso a 1/2 se il Vicenza perde i playout prende il posto il Cosenza in quanto l’altra volta era stato riammesso e non ripescato; godo per la retrocessione dell’Alessandria e mi fa tenerezza chi sperava nella retrocessione del Vicenza, non vorrete l’anno prossimo per l’ennesima stagione avere un colosso contro per cui dobbiamo fare mille punti per venire promossi? Meglio così meno competitivita’ nella prossima C e meglio è.
Stefano noi abbiamo solo una sfiga, nel quadrilatero delle città venete più importanti ossia Venezia Verona Padova e Vicenza essere nati qui, ci bastavano 30 od 90 km ad ovest, oppure 40 ad est e tante tribolazioni in meno avremmo patito e questo blog sarebbe tronfio di gioia non di incazzature purtroppo il destino è stato con noi crudele all’ennesima potenza..

Rispondi
Stefano

Non dirlo a me che dal 1991 lavoro a Verona (!)
Pensa solo alla loro ultima promozione in A (che dopo li ha portati al livello attuale …. Mica come il venezia …) : entrati ai play off come ultimo post , preso aglietti , vinti i play off e poi ………. Sempre tutto liscio ….. ////// roba che a noi sembra fantascienza (!)

Rispondi
fabio.pd

ma quale “colosso”, dai, non facciamo i Tafazzi ! il wcenza ha avuto tanta fortuna a vincere contro il Lecce negli ultimi minuti/secondi di gioco e con questa fortuna o vincerà contro il Cosenza o sarà ripescato per l’ennesima volta. Ma non è certo un colosso. Io sono contento di essere padovano e non mi interessa se a 30 o a 40 km. a ds e a manca hanno più fortuna, chisseneimporta……ma non sta a chiamarli “colossi” per cortesia…..

Rispondi
sauz

Colosso Fabio intendevo per la squadra che farebbero in caso di retrocessione confermata in terza serie, le loro possibilità sono nettamente superiori alle nostre, aggiunta a quella dose di fortuna che non guasta mai, sarebbe una rottura averli l’anno prossimo in serie C. Poi anche venissero ripescati cosa c’e’ di male? Siamo noi forse i Tafazzi che preferiamo non avere ripescaggi e andare a giocare a sesto san giovanni, li ripescheranno ma intanto se ne vanno a Brescia, non deve importare il modo l’importante e’ esserci nelle categorie che conta, quello fa la storia, non la fa di sicuro non essere mai ripescato, magari capitasse una buona volta a noi un po’ di culo! Invece c’e’ chi lo rifiuterebbe e preferirebbe con l’orgoglio (di cosa di grazia, di fare 50 anni in terza serie?) essere promossi o salvati sul campo (come a noi riuscisse tutti gli anni)! Come quando qualcuno si scandalizzo’ per la fusione Spal Giacomense intanto si sono fatti e si stanno facendo i loro begli anni in categorie decenti mentre noi siamo ancora qui a sperare di non perdere a Renate…

Rispondi
fabio.pd

Sauz….io avrei delle perplessità sul fatto che, in caso di loro retrocessione, facciano una forte squadra. Intanto bisognerà vedere se il loro presidente rimane o se ne va alla luce praticamente di un fallimento, dopo avere per giunta vampirizzato il Bassano. Se non è il WCenza sicuramente ci sarà un altra squadra temibile e personalmente preferirei affrontare i magnagati. Intanto concentriamoci sui play off…………

Rispondi
Principe

Questo mese che sarebbe dovuto servire per ricaricarsi sta invece producendo infortuni a iosa. Ma è possibile che siamo costantemente falcidiati da infortuni? Ma come si allena sta gente?

Viste un paio di partite dei play off finora, qualità infima, roba da seconda categoria. Spaventa la Feralpi, bestia nera

Rispondi
acp

voglio cesena o triestina. belle trasferte e giocando di martedì(ma porca puttana) pure fattibili per tante persone.

gran ritiro a lens. che grandi risultati.

Rispondi
Mastro Cerilli

Triestina?!? Ha già 1 piede e 3/4 nella fossa…
Io temo di brutto il Palermo per l’ambiente, per il blasone, per il gemellaggio che ci ha sempre portato rogna negli scontri decisivi

Rispondi
Massimo

Io invece temo solo il Padova.. nei playoff serve soprattutto l’unione di squadra.. il Padova è solo di solisti ed individualismo puro .. se non girano queste componenti è una squadra mediocre.

Rispondi
Stefano

Io a sensazione (e non parlo della partita di oggi contro la Luparense )vedo una squadra senza anima – spero di sbagliarmi

Rispondi
crestaalta!

Lo dico e faccio gli scongiuri : la Juve-under 23 è un serbatoio per la prima squadra, che interesse ha ad andare in serie B ??

Rispondi
DM

Non credo la Juve U23 si faccia grandi calcoli, giocheranno per vincere e corrono molto quindi non sarà facile. Detto questo bisogna vincere e basta (senza fare calcoli sul doppio risultato utile), altrimenti possiamo anche evitare di presentarci ai turni successivi.

Se ho capito bene sappiamo già che qualora passassimo, giocheremmo il ritorno della semifinale in casa. La domanda è: la dizione “vincente a/b” indica già che giocheremmo il ritorno di un’ipotetica finale in trasferta, o ci sarà un altro sorteggio?

Rispondi
Stefano

Già previsto – nel caso si andasse in finale si farebbe il ritorno a casa dell’altra finalista –

Rispondi
stefano

Va ben che bisogna innanzi tutto arrivarci però ….. potevamo ingaggiare Bedin per i “sorteggi “ …. Anche stavolta se dovessimo arrivare alla finale si farà fuori casa il ritorno ……….

Rispondi
Principe

Per colpa degli stupidi che hanno organizzato questa ridicola formula dei play off , rischiamo di andare a casa contro una squadra che ha fatto 31 punti meno di noi
Avversario terribile, giovane e privo di condizionamenti psicologici
Idiozia assoluta giocare di martedì, ovviamente sia mai che i premi pulitzer nostrani alzassero il ditino per evidenziare questo genere di disagi, molto meglio fare i titoloni sulla disaffezione del pubblico padovano

Rispondi
Stefano

Altro problema / alla juve dell’orario pro pubblico non frega nulla visto che non ne ha : la bianchi si farà fregare e giocheremo magari alle 15 a 30 gradi e con le zanzare di Alessandria ??????? Temo anche questo

Rispondi
Mastro Cerilli

La Bianchi è tutto fuorchè sprovveduta e ci tiene ad andare in serie B quanto ci teniamo noi (magari per motivi diversi).
La Juventus è una mina vagante e soprattutto ha gente che corre. Spero solo non arrivino altri giocatori ora aggregati alla prima squadra. Senz’altro Oddo gestirà la partita in modo strategico all’andata, già mi vedo il primo tempo al piccolo trotto. Speriamo bene.
Non ho capito perchè è già deciso che nell’eventuale finale abbiamo il ritorno fuori casa. Non dovrebbe esserci un sorteggio? Su padovagoal c’è scritto che prima della final four c’è un altro sorteggio.

Rispondi
Stefano

No il sorteggio completo e’ già stato definito oggi
Per dire se avanza il palermo e’ già sicuro di fare sia semifinale che finale di ritorno in casa – noi semifinale ritorno in casa finale ritorno fuori – anche lo scorso anno il sorteggio e’ stato già definito in questa fase

Rispondi
Massimo

Visto il Monopoli di ieri sera e la possibilità di trovare la Feralpi ci è andata veramente bene, l’unica squadra abbordabile si sorteggi era la Juve 23 che certamente giocherà senza nessun obiettivo… meglio di così non si poteva e se il buongiorno di vede dal mattino… è inutile dire di no

Rispondi
Mastro Cerilli

Roba da matti Cissè… Sembra una barzelletta. Tra lui e Paponi difficile che ci rifilassero due sole peggiori

Rispondi
Stefano

Per chi di voi che eventualmente conosce il “mondo ultras “
Alla luce di quanto fatto nelle 2 partite di campionato contro la juve under 23 ….. questa volta presenzieranno o meno alle 2 partite ? Tks

Rispondi
stefano

Mi rispondo da solo …. Ho visto appena pubblicato il “tutti ad Alessandria” degli ultras –
Meglio così –
“Hanno applicato il comma ….. play off non e’ campionato” ………

Rispondi
crestaalta!

Niente calcoli e opportunismi: palla avanti e attaccare dal primo minuto, se si segna non chiudersi ma continuare l’attacco, altro che “campo maledetto”!

Rispondi
fabio.pd

….io spero che Ceravolo torni quel giocatore che tutti conoscono, no il fantasma visto nelle ultime partite. Idem per Della Latta. Onestamente ho delle perplessità per l’attacco, spero tanto di sbagliarmi. La trasferta in Francia ha fatto più danni che altro.

Rispondi
Mastro Cerilli

Vana speranza caro Fabio, ma per fortuna abbiamo San Mino Chiricò che ci toglie le castagne dal fuoco e al quale va la mia sincera gratitudine. E pensare che c’è chi si permette di metterlo in discussione

Rispondi
Principe

Prima partita dopo un mese di pausa, contro una squadra di ragazzini senza nulla da perdere, almeno 3 titolarissimi fuori, caldo asfissiante: vittoria di ieri pesantissima.
Peccato per il solito primo tempo regalato, sabato bisogna cambiare registro. Per il resto li abbiamo dominati e se Ceravolo e Della Latta stessero bene di testa avremmo vinto 3-0.
Toni Donnarumma garanzia consolidata
Il nostro girone era di gran lunga il più difficile, ne abbiamo avuto conferma ieri.
Commoventi i 162 cristiani che hanno strappato ore al lavoro, alle mogli/morose e al sonno per andare ad Alessandria di martedì.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code