Torna al blog

DUE CAMPIONATI IN UNO

In principio fu il gioco offensivo e spregiudicato di Caneo. Il progetto che puntava sull’allenatore emergente e su un gruppo di giocatori, soprattutto giovani, adatti a interpretare la sua idea di calcio. Fu spettacolo puro, divertimento, fatto di piedi che premono forte sull’acceleratore e di un entusiasmo che era dirompente, inondante, avvolgente, rassicurante.
Pareva fosse l’anno buono per smettere di vivere di patemi d’animo e di dispiaceri continui alle latitudini biancoscudate, invece, è bastato davvero poco per smantellare tutto, ancora una volta. Il primo scricchiolio a Crema, con quella sconfitta per 5-0 che all’improvviso calò ombre su quel che sembrava fino a quel momento essere solo luce. La progressiva perdita di fiducia, le prestazioni belle solo a metà, le sconfitte inaspettate, l’incapacità di reagire e di tornare a sentirsi forti. La consapevolezza appena acquisita che si trasforma all’improvviso in paura di non farcela.
E allora via con l’ennesima “capovolta” di metà stagione. Esonerato Caneo, ecco Torrente, con un calcio più solido e redditizio. Ecco il pari col Mantova, il primo successo della sua era contro la Pro Vercelli, il pareggio a Vicenza al termine di una sfida giocata su alti livelli al cospetto di una pretendente al primo posto finale per più di un’ora. 5 punti in 3 partite. Ecco i tifosi che tornano a muoversi in più di mille per la trasferta più sentita dell’anno, a gioire dopo tanta amarezza e a guardare avanti. Consapevoli di ritrovarsi a dover vivere per l’ennesima volta due campionati in uno, due allenatori nella stessa stagione e due modi di concepire il calcio completamente diversi, ma fiduciosi che il secondo potrà essere migliore del primo.
Soprattutto se la società sul mercato riuscirà a fare quello che quest’estate non ha fatto fino in fondo per Bruno Caneo, ovvero mettere a disposizione del nuovo tecnico quei 3-4 elementi in più che portino numericamente e qualitativamente la rosa ad essere più competitiva.
Il primo acquisto del mercato di gennaio, Roberto Crivello, ha raccontato nel giorno della sua presentazione che il suo Palermo, l’anno scorso, fino a febbraio/marzo non era mica ancora salito sul treno giusto. Non aveva ancora trovato la quadra. Poi è arrivato in finale playoff battendo proprio il Padova e approdando in serie B. E’ prematuro sognare un epilogo così felice anche per il Biancoscudo, per carità, ma augurarsi di avere le capacità per risalire dall’attuale decimo posto ci sembra, almeno adesso, il minimo sindacale.

33 commenti - 2.337 visite Commenta

Massimo

Esatto ACP, il resto non interessa perché questa squadra, da massimo 4/5 posto ( ed il mercato sinora rispecchia le ambizioni limitate di questa modesta società e modesto ds) non si addice a questa piazza.
Poi se si crede a quello che dice ( ma cosa volete che di diverso potesse dire) Crivello e sempre alle solite speranze/illusioni… beh .. siamo sempre alle solite.
Pertanto d’accordo con ACP … il resto non ci interessa….ma che tristezza.

Rispondi
DM

Il pari a Vicenza ci sta al netto di un probabile rigore mancato per parte. Ho sudato freddo con la traversa dell’ex capitone, ma al contempo è vero che siamo stati a un passo da fare il gol del 2-0 e chiuderla lì. Poi è chiaro che se ti affidi a De Marchi per segnare non puoi pretendere troppo. Essersela giocata più o meno alla pari contro la probabile vincitrice del campionato dimostra che la squadra può risalire la china e arrivare a un 5-7° posto come preventivato, se allenata da un allenatore adeguato come Torrente (al contrario del predecessore).

Ai più adirati del blog consiglio di andare a vedere cosa sta succedendo a Trieste e Siena (a tal proposito, scelta discutibile di Germano).
Riferendomi al post precedente: si può discutere sugli errori della Bianchi che sicuramente ci sono stati (avallare spese eccessive di Sogliano, gestione dei giocatori fuori rosa), ma sia ben chiaro che la cosa più importante l’ha fatta lei ed è stata convincere Oughourlian a non portare i libri in tribunale dopo Palermo. Sulle ambizioni e risorse ridotte è stata trasparente fin da subito; tirata d’orecchie per il discorso Padovanello dove ormai troppo volte ha detto che avrebbe presentato il progetto ma palesemente non lo vedremo mai. La sua gestione può essere in discussione ma non la professionalità. Poi se preferite la Carron o Andrea Valentini è soggettivo.
Per il resto l’invito è sempre quello, trovatelo voi chi lo compra il Padova (o prendetelo voi), altrimenti mi tengo stretto questa proprietà. Intanto speriamo Mirabelli faccia qualche buona operazione e vediamo che succede nel girone di ritorno.

Rispondi
Frengo

La Bianchi ha semplicemente fatto ragionare Joseph: “chi te lo compra il Padova con quegli stipendi se vuoi mollare tutto adesso?… riportiamo al minimo sindacale tutti i contratti e poi a fine stagione si può pensare di vendere”…
Tutto qua.

Rispondi
Andrè The Giant

Finalmente un commento sensato ed equilibrato e non il solito “che schifo, che merda andate via tutti, ricominciamo dalla serie D all’Appiani”.
Certamente sono stati fatti degli errori di valutazione su alcuni giocatori di quest’anno e certamente la gestione dei fuori lista è stata abbastanza ridicola, tuttavia non mi stancherò mai di ripetere che l’errore più grosso è stato dare carta bianca a Sogliano a lasciargli fare contratti (pluriennali) a cifre assurde.
Difficile che la Bianchi risulti simpatica a pelle vedendola nelle interviste, ma è così importante che lo sia?!? Per inciso, chi la conosce personalmente mi ha detto che è molto diversa da quel che sembra e ci tiene molto alla causa padovana. Quel che ha detto l’altra sera da Borile non è del tutto infondato. Cosa hanno fatto i padovani per questa società? Lei non si riferiva ai tifosi padovani ma alle istituzioni e all’imprenditoria. Difficile darle torto…
Poi se vogliamo solo scagliarci contro tutto e tutti, allora continuiamo con il ritornello andate via da Padova e cerchiamo un altro Penocchio. Io la vedo in modo un pò diverso…
Con un buon regista e un centravanti degno di questo nome si può risalire la china e gettare le basi per il prossimo anno. A Vicenza ho rivisto una squadra viva, che lotta e aggredisce ma al contempo non è sbilanciata in avanti in modo scriteriato. Speriamo bene. Forza Padova.

Rispondi
Principe

Io non capisco la tragedia che qualcuno sta vivendo per l’andamento sportivo della squadra, perfettamente in linea con la storia (nemmeno troppo) recente della stessa.
Piuttosto di fallire e sparire meglio fare una stagione così, tranquilla e senza nè ambizioni nè preoccupazioni; l’unico obiettivo era andare a Vicenza e ricordare chi comanda dentro e fuori, è stato fatto, la stagione non ha più niente da dire.
La vera tragedia del tifoso padovano è l’Euganeo, della cui oscenità bisognerebbe parlare ogni giorno

Rispondi
acp

gli imprenditori padovani dovrebbero offrirsi per fare i soci di minoranza? cioè dovrebbero ripianare perdite e non contare nulla a livello decisionale visto che la maggioranza sarebbe di ourghurlian?

4 fuori rosa da mesi. ormai pagati già 500mila euro di stipendi per qualche partita in casa. immaginate un socio di minoranza che deve tirar fuori i schei perchè qualcuno ha deciso che quelli non giocano nonostante le carenze della rosa e i risultati pessimi. eh beh che strano non ci sia la fila per fare i soci di minoranza. padovani muovetevi.

1200 al menti ma saremmo stati il doppio se quelli avessero avuto posto per il doppio(menti oggettivamente è mantenuto male, un peccato perchè è un impianto storico e sarebbe un gioiellino con poco). dominato comunque. se poi alla prossima in casa che manco so contro chi e quando giocheremo ci saranno presenti neanche 2mila persone fatevi due domande.
fatevi due domande se in trasferta le presenze sono sempre ottime(penso ai 200 di lecco, ai 250 di piacenza, ai 1000 e passa di lignano). che sia forse il caso di abbassare i prezzi dei biglietti, fare delle iniziative per coinvolgere più persone, rendere un minimo più comodo e agevole l’afflusso e il deflusso dai parcheggi? a menti due container di birra e panini. incassi da record, socialità in attesa della partita. a padova invece?

attendiamo sta benedetta curva che cambierà tutto a padova. la gente vuole tifare. vuole dare un pa da una curva vera e piena. la gente è stufa della situazione attuale.

a padova abbiamo fascia a e b per le partite. eh certo consideriamo di cartello certe partite e normali altre. quindi per quelle di cartello il biglietto si paga di più. eh beh proprio il padovano non vede l’ora di vedere il pordenone in serie C. magari perdendo pure. ahahhahahaahahah si certo come no. manco fossimo in serie A e arrivasse na strisciata. il bassano comunque settimana scorsa aveva la campagna abbonamenti ancora aperta. qui chiusa a metà dicembre e o lo facevi nei primi giorni o lo pagavi di più.

6 trasferte quest’anno(tra cui un bel 5-0 dalla pergolettese). ero a palermo. non ho neanche preso in considerazione l’ipotesi di rinnovare l’abbonamento a dicembre. continuerò a fare le trasferte che riuscirò a fare. in casa verrò solo con la triestina perchè è un derby.

a dire il vero mi son divertito di più a trieste quest’anno che al menti. andare al menti è sempre un viaggio nel tempo. entri e ti ritrovi catapultato negli anni 90. un pò di sorpresa poi te vien tristezza a vederli specie quelli nei distinti .

noi siamo i padovani. adeguatevi alla nostra immensità.

Rispondi
Principe

io il Menti glielo invidio più della coppa italia e della semifinale di coppa delle coppe.
dopo averci passato un’ora e mezza più recupero domenica, non ho nessuna intenzione di avvelenarmi il sangue in quel cesso dell’euganeo almeno fino al disgelo primaverile.
il rocco invece è più bello oggettivamente ma è troppo grande, soprattutto per loro che sono anche simpatici ma sono sempre stati 4 gatti.
campionato delle trasferte finito, di interessante rimane Trento come gita eno gastronomica e novara per ricordarci quanto culo abbiamo

Rispondi
acp

a livello di tifo le trasferte da qui a fine anno valgono 0. infatti prima di vicenza ho fatto pure lecco perchè mi incuriosiva e non c’ero mai stato. d’ora in poi solo roba da interregionale. ecco puoi al massimo sceglierti un bel ristorante e far na giornata fuori. sto girone A è veramente na tristezza assoluta.

al menti si respira un clima da osteria. mi aspettavo partisse un “osteria numero 20 paraponzipozipò etc etc” devo dire che nel mentre li avrei insultati poi tornato a casa devo dire abbiamo fatto bene a non considerarli. cori nuovi ogni anno poi alla fine il miglior del secondo tempo è stato quando l’inno s’alzerà. roba di 50anni fa. quando una cosa è bella non ha tempo.

sempre piaciuti gli ascolani. gran tifo e molto originali, gli copierei cori a nastro. leggo sempre spippettamenti per quelli della samb ma ad ascoli son 3 spanne sopra.

Rispondi
sauz

Mi fa sorridere che basti un punto a Vicenza per cambiare tutte le carte in tavola . La squadra costruita da Mirabelli e penosa e reputo che prima si arriva a 45 punti meglio e altro che voli pindarici . L acquisto di crivello è stato accolto con entusiasmo dai palermitani che non vedevano L ora di liberarsene e delli carri non ha giocato un minuto quest anno in compenso abbiamo perso L ottimo germano. Ci siamo rinforzati o no ? A me pare che al momento siamo peggiorati . Onore a Monaco spero resista sino alla fine questa proprietà non merita nulla . La gestione dei fuori rosa ci verrà spiegata perché tre di questi sarebbero migliori di qualsiasi pari ruolo che gioca . E poi la gestione radrezza imbarazzante qui c e un diktat delle sfere alte mi rifiuto di pensare che si preferisca la sega di cretella anziché Igor . Domenica scorsa loro ci hanno sottovalutato e noi da provincialotti che consideriamo quella la partita della vita abbiamo giocato al dieci mila per cento se giocavano come han fatto con la pro sesto dovevamo tirare fuori il pallottoliere . Vediamo se L aria è cambiata o se sabato faremo la stessa pena di sempre . Vi ricordo che il Mantova in zona play out ha preso bocalon e noi abbiamo gagliano e russini quelli erano giocatori da prendere per levarsi dal pantano . Ci scommetto le palle che lescano non lo prenderemo mai . Pensiamo a salvarci che se quest anno andiamo giù era meglio portare i libri in tribunale meglio una d da falliti che da retrocessi sul campo . E comunque per me il vero derby e con il Venezia la partita con il Vicenza non L ho mai vissuta visceralmente e dovremo cagarli meno ma tant è …

Rispondi
crestaalta!

Crivello per quel che si è visto a wcenza, non è male, sicuramente meglio dell’attuale Castaldo e di Zanchi. Cretella oltre essere più giovane di Igor, ha un tiro che Radrezza se lo sogna. domani si sperano 3 punti.

Rispondi
fabio.pd

….bisogna fare ricorso alla storia passata……nei tempi che furono (aprile 1404) Francesco Novello da Carrara alla guida delle truppe padovane assediava Wcenza. I vicentini chiesero aiuto ai veneziani quali inviarono da subito circa 250 balestrieri e successivamente tolsero l’assedio e Wcenza fece giuramento di fedeltà a Venezia. Questo potrebbe intendersi come il PRIMO ripescaggio….. A parte i dati storici e commenti di parte, personalmente la partita tra Padova e Vicenza io la sento molto, mi tornano in mente ogni volta le schermaglie verbali che ripetutamente avvengono e sono avvenute negli anni (decenni) trascorsi. Di conseguenza….BENE aver dato il massimo, peccato per non avere espugnato il Menti con una doppietta, ci poteva stare (come anche una sconfitta)…..è stata una partita aperta, giocata con intensità. Avanti Scudati!!!

Rispondi
Pietro Smaniotto

MIRAPESSIMI, ARMENO E BIANCHI GRAZIE PER. QUESTA SQUADRA DI MORTI. IL PADOVA NON MERITA TUTTO CIÒ MEGLIO SE LASCIATE.

Rispondi
Pietro Smaniotto

A sensazione sempre più chiara che all’armeno non frega più nulla del Padova e la freddezza della Bianchi è emblematica e non si espone futuro grigio scuro poi Mirapessimi serve solo a far pareggiare i conti altro che grandi acquisti sarà un luglio tribolato. Imprenditori padovani accattoni. Povero Biancoscudo.

Rispondi
Principe

martina adesso io dico va benissimo la simpatia, la passione, essere tifosi ecc.
ma siete giornalisti o portalettere? qualcuno vuole chiedere alla società perchè è stato assunto Mirabelli? in base a quali criteri?
no perchè mi sembra che se la società è inesistente, il giornalismo sportivo locale è messo anche peggio

Rispondi
Flavio

C’è molta delusione per l’attuale situazione e le aspettative sempre alte di noi tifosi generano nervosismo se vi è mediocrità. Ma Mirabelli è stato chiamato a fare il ministro senza portafoglio, a fare da capro espiatorio e a fare da bersaglio a tifosi isterici (ok i cori, ma un’aggressione non solo verbale può fare uscire dai gangheri uno sanguigno che non è riuscito a limitarsi a mandare vfc sta specie di tifoso). Già ci sono stati tantissimi errori di gestione con tempistiche suicide (vedi Pavanel e Sogliano), ci manca solo che Mirabelli molli tutto ora per questo clima isterico, ora che viene il momento più delicato per il calcio mercato invernale. Aspettiamo 15 giorni e poi discutiamone. Tanto la B, quest’anno, è un miraggio e la D, improbabile, quindi non alimentiamo rabbia anche se c’è tantissima delusione per un altro anno perso

Rispondi
Baldo

Calma calma…
Il sign Mirabelli era arrivato quando ancora c erano programmi ambiziosi.
Ok!!!!
A luglio le cose si sono ridimensionate drasticamente, ma non dimentichiamoci che lui ne era a conoscenza… Quindi sei consapevole di cosa potresti andare in contro… dei rischi, delle contestazioni ecc ecc..
Allora:o prendi, e a luglio dai le dimissioni, oppure te ne stai muto e accetti le critiche(senza aggredire le persone).FA PARTE DEL TUO LAVORO.
Nessuno lo ha obbligato o minacciato di rimanere..
I suoi bei soldoni se li mette in saccoccia… e gli fanno gran comodo…
e nn parliamo di 1400€ al mese…
Quindi che impari ad essere più PROFESSIONALE e a saper gestire i suoi istinti..

Rispondi
Baldo

Non so cosa sia successo.. ma da come ho capito, il primo a partire sembra sia stato il DS. Se così fosse ha sbagliato in pieno…
Senza ombra di dubbio, ha sbagliato anche il tifoso.. ma se dalle parole, si passa direttamente ai fatti, a mio avviso da un uomo come Mirabelli, che di scenari importanti, ne ha calcati, non lo trovo affatto professionale.
Non sapere gestire pressioni e rabbia per un uomo di calcio, non va affatto bene

Rispondi
Enrico M,

Caneo capro espiatorio perfetto e premeditato per un’annata senza ambiziosi. Se avesse fatto il botto, la società sarebbe stata lodata per aver indovinato l’azzardo, se (come purtroppo è successo) fosse andata male le colpe se le sarebbe prese l’allenatore.
Qui ci dovrebbero dire cosa vogliono fare per il futuro. Vivacchiare in C a metà classifica non può essere un progetto da Padova. Rilanciare o lasciare, please. E decidere in fretta perché altrimenti perdiamo un altro anno o rischiamo di trovarci a costruire una stagione all’ultimo minuto.
Concordo poi con chi scrive che il giornalismo si limita a dire che l’ultimo arrivato è la migliore delle soluzioni possibili, così come aveva detto per quello prima e per quello prima ancora. Mai una giocata in anticipo, mai che si metta la piazza di fronte alle realtà anche più dure da digerire perché possa chiedere spiegazioni e soluzioni.
Ormai riusciamo a far parlare di noi a livello nazionale solo per le risse. Capitolo tristissimo…

Rispondi
fabio.pd

sono contento che la vicenda si stia ricomponendo in fretta con una bella stretta di mano. Non è bello assistere a fatti sia verbali che fisici poco edificanti……..però può accadere, è accaduto e accadrà. Ripeto sarebbe auspicabile che tutto proceda SEMPRE con senso civico e massimo rispetto reciproco. Sarebbe auspicabile, ma poi nella realtà non sempre avviene. L’importante è non farne un caso. La carta stampata e i notiziari vanno a nozze con queste notizie, sempre. Fatta questa doverosa premessa…io mi preoccuperei invece se tutto fosse silenziato, della serie zitti e buoni. Questo per dire che ci sta lo sfogo del tifoso e ci sta una reazione da parte del d.s., assolutamente non fisica però. Ciò è il termometro della tensione che stiamo vivendo sia da parte dei tifosi che hanno delle aspettative, ma anche da parte dei dirigenti che ce la stanno mettendo tutta per organizzare una squadra che possa dare delle soddisfazioni rispettando il budget imposto da Joseph. E qui sta il PUNTO: se ci sei, Joseph, batti un colpo, fatti vedere e sentire. Il PADOVA non è solo profitti e perdite, ha anche un cuore che pulsa in ogni partita. Quello accaduto sabato ne è la testimonianza, sia nel bene che nel male (purtroppo). L’animosità è positiva, è un forte stimolo a dare il massimo…..ma se poi “la testa”, el paron, non è presente, non spiega in modo chiaro cosa ha in mente, quali sono le sue aspettative, le ambizioni, ma pensa invece solo a delegare ad altri che ci mettono la faccia…….si crea un corto circuito che diventa a tratti pericoloso.
Ci rimette il tifoso, ci rimette il d.s., ci può rimettere lo steward di turno, il raccattapalle…….

Rispondi
tifoso ignoto

Mah! non capisso tutto sto casotto, ne ho viste a bizzeffe di stagioni così balorde ed eravamo lo stesso in 12mila a urlare forza Padova. Certo l’Euganeo ti manda in depressione questo è evidente e può provocare effetti collaterali incontrollati. Ai miei tempi si mandava un bel vaffa al presidente allenatore direttore sportivo e se el caso a tutta la squadra e dopo lo smaronamento domenicale si aspettava la partita successiva per il riscatto(quasi mai avvenuto) sarà che non c’erano i blog social ecc. C’era il bar ecco(c’è anche adesso) ma diciamo che parlando e ostiando alla fine con un’ombra de bianco te resettavi tutto o quasi

Rispondi
acp

ovviamente non ero presente sabato. orgogliosamente non presente. ho visto gli highlights.

dopo aver visto delli carri piantarsi a 40metri dalla porta e venir saltato come un birillo mi chiedo: ma calabrese che fine ha fatto? ma ilie che fine ha fatto? prendiamo un giovane in prestito quando ne abbiamo due di proprietà da far giocare. calabrese aveva pure fatto molto bene ad inizio stagione poi è sparito.

radrezza ha 30anni. giocatore le cui caratteristiche sono stranote. l’anno passato 24 partite da titolare nella reggiana che ha lottato fino all’ultimo per il primo posto. preso a fine luglio con biennale. però non va bene per giocare nel padova che ormai naviga fisso attorno al decimo posto. cossa xe successo? xe rivà gli alieni e gli han rubato il talento come in space jam?

mi raccomando mai lamentarsi degli arbitraggi sfavorevoli da inizio anno. fossero stati equilibrati ora avremmo 4-5 punti in più e tutto l’ambiente sarebbe più sereno.

gol del 2-0 a piacenza dentro di un metro. al menti errori gravissimi. con la feralpi pure. con la pro sesto facciamo 1-0 regolarissimo e viene annullato e ciapemo subito gol loro.

solo in trasferta.

Rispondi
massimo

Oughourlian ha risposto ad Appartenenza Biancoscudata.
Ci metto su i maroni che non è farina del suo sacco ma della Sig.ra Bianchi , tanto per calmare le acque.
la prova del 9 si vedrà se veramente a Febbraio verrà a Padova.
Comunque sia solo tanta tristezza.

Rispondi
Baldo

Dai.. intanto ci ha dato la caramellina per tenerci buoni….. hahahahahahahahahahahahaahh

State certi che se la Bianchi non gli avesse rotto fino alla nausea di rispondere(o meglio ancora di chiedere il permesso di scrivere a nome suo….) non l’avremo sentito

Rispondi
QuoreSqudato

Tutto bene quindi?
stretta di mano tra Mirabelli e il tifoso che due giorni fa ha preso due ceffoni, lettera di rassicurazione e rispetto da parte di Oughourlian….
Bho?? oltre ai misteri del calcio giocato, questa società si dimostra sempre più incomprensibile e sorprendente.
La più bella stretta di mano con tutti i tifosi per dimostrare rispetto e fiducia e per rendere più vere le belle parole del presidente, conosco un solo modo: comprare i giocatori che servono per risalire la classifica e presentarci ai playoff con un briciolo di speranza!!

Delli Carri?? era persino incerto sulle gambe quando ha toccato il primo pallone, e al primo affondo gli è andato via l’uomo con una facilità disarmante… sarebbe stata la ciliegina sulla torta di una partita da dimenticare… tanta buona volontà ed impegno (questo sì), ma la dimostrazione più evidente di quanto siamo scarsi soprattutto in avanti.

Basta chiacchiere! acquistare subito qualcuno che ci porti su in classifica!!

Rispondi
Baldo

Teniamo poi in considerazione che se al posto di Mirabelli ci fosse stato un qualsiasi tifoso comune, già da lunedì entrambi sarebbero stati raggiunti da daspo..
Chissà cosa avranno……… al Prefetto..

Dai!!! adesso domenega ciapo a sciafoni el primo che capita, poi prima di andarmene gli stringo la mano e??? Finisce tutto bene…

hahahahahahahahahahahahha

Rispondi
Emanuele

ahahah acp tu vuoi Ilie??? fra poco approderà in laguna e noaltri ghemo tolto el morto delli carri

e qualcuno si schifa per quanto accaduto sabato??’ na bea bomba

mi fa schifo tutto oramai di sto blog…nessun giornalista che si incazzi davanti a tanta nefandezza….tanti geni del calcio e basta…io vado a vederle in casa ancamassa e urlo tuta la mia delusione..massa beo ndare soeo in trasferta a magnare e bere
SI SOFFRE SIA DENTRO CHE FUORI

Rispondi
acp

latina dodicesimo nel girone C con 28 punti

padova undicesimo nel girone A con 29 punti

calabrese ceduto in prestito al latina dal padova. puntiamo sui giovani.

voglio vedere l’euganeo vuoto. proprio senza neanche uno spettatore.

Rispondi
Patrick

Mr.Prozac, Ilie confermato sino a fine stagione e Calabrese in prestito, sacrosanto perche’ si è smarrito da almeno 10 partite…poi se lo mettono in campo al primo sbaglio saresti il primo ad urlargli dietro…..
non c’è stato nessuno schiaffone, tutte notizie caricate ad arte dai giornalai local che sbavano per notizie come quelle…purtroppo la pax ha chiuso la questione per sommo dispiacere di quei personaggi che, in effetti, di fronte a un Busto-Padova in avvicinamento e a un Ds che picchia noi tifosi, secondo voi su cosa carica di piu?
Complimenti anche a pulitzer Barile per il mega scoop Dino Baggio, voglio l’ anchorman di Tv7 in prime time su Canale 5 il prossimo anno…o magari partecipante all’ Isola dei Famosi. Dai!

Rispondi
Andrè The Giant

Situazione in difesa.
Calabrese ceduto in prestito, Ilie probabilmente stessa storia.
Di centrali restano Valentini (34 anni), Gasbarro (!!!) e Delli Carri (fermo da 1 anno, e si è visto).
Giuro che non capisco la logica, invece di rinforzarci ci siamo indeboliti.

Rispondi
Emanuele

arriva l’arabo ragazzi…ABDULLAH KABBANI e a giugno si vende anzi si svende tutto…l’armeno verrà giù a febbraio si ma per salutare tutti.
adesso voglio vedere il titolo della Moscato sul prossimo blog…son proprio curioso…
ma che schifoooooooooooooooo
e mirabelli ha anche il coraggio di posare col pagliacciotto del tifoso che prima lo insulta e poi chiede scusa…SIAMO RIDICOLI…..SIAMO RIDICOLI.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code