Torna al blog

PADOVA, ORA O MAI PIU’

Il Padova ce l’ha fatta nuovamente a uscire dalla crisi. Ormai si è perso il conto delle volte in cui ci è riuscito fino a questo momento del campionato, illudendo i tifosi di poter da quel momento in poi guardare solo verso l’alto e mai più alle sue spalle, ma stavolta pare davvero sia quella giusta, quella definitiva, quella che accendiamo rifiutando l’offerta della comoda salvezza e andando avanti nel cammino che porta ai playoff.

Forse stiamo di nuovo scambiando una pia illusione per una speranza, ma, a sette giornate dalla conclusione della stagione regolare, vien spontaneo rivolgersi alla squadra ed esclamare: ragazzi, ora o mai più.

Quella del “Dal Molin” di Arzignano era veramente l’ultima chiamata per dare una svolta decisa e definitiva al cammino e i biancoscudati hanno risposto presente, vincendo grazie al primo gol di Kevin Cannavò. La vittoria numero 10 ha peraltro spinto la squadra a quota 43 insieme a Novara e Pro Patria facendole guadagnare la settima posizione grazie al vantaggio degli scontri diretti a favore con entrambe le dirette concorrenti del momento. Sì, certo, la graduatoria non si deve guardare, bisogna ragionare di partita in partita, di settimana in settimana, ma vedere il Padova al settimo posto è un colpo d’occhio che riscalda il cuore e la passione di chi nonostante tutto crede in questo gruppo, visto che fino a qualche settimana fa si navigava tra l’undicesimo, il dodicesimo e il decimo piazzamento, una domenica dentro i playoff per un pelo e la domenica successiva inesorabilmente fuori dagli spareggi promozione.

Si può anche fare a meno di guardarla la classifica e continuare a ragionare come raccomanda mister Vincenzo Torrente senza smettere di alimentare la consapevolezza che i playoff non solo sono alla portata ma ci si può arrivare in una posizione assolutamente decente e decorosa. Basta guardare i prossimi appuntamenti: saranno tutti (o quasiI) scontri diretti. Affrontiamoli pure con la mentalità dell’”uno alla volta” ma rendiamoci conto che mai come quest’anno il campionato ci ha aspettato e che non possiamo davvero continuare a deludere. Abbiamo rialzato la testa, teniamola ben dritta da qui alla fine. Verso l’obiettivo.

44 commenti - 2.785 visite Commenta

Massimo

Ma dai Martina, ma l’hai vista bene la partita di ieri? Una partita di una mediocrità assoluta è dire poco.
Il settimo posto riscalda il cuore? Ma guarda che siamo Padova e non Renate o Pro Patria.
Forse sono io che non comprendo ma mi sembra che qui si voglia sempre voler vedere cose che non ci sono, ed una misera vittoria con una squadra di Provincia non può portare ad un ottimismo di questo livello … forse perché io stesso non dimentico tutte le batoste e delusioni di questi ultimi anni ridicolizzati da tutti … persino dai nostri idranti.
Dai per favore …..

Rispondi

@Massimo: dipende sempre dal punto di partenza. Chiaro che IN ASSOLUTO un settimo posto in QUESTO girone A è una posizione deludente. Ma fino a un mese fa navigavamo tra il decimo e il dodicesimo e, se mi permetti, era molto più mortificante non essere nemmeno nei playoff e parlare di salvezza. Non siamo diventati all’improvviso dei fenomeni, me ne rendo perfettamente conto, ma davvero vedo in questa vittoria l’ultima spiaggia per poter raddrizzare la barca e provare a fare qualcosa di più di quanto fatto finora. Se così non sarà be’ pazienza: vorrà dire che i primi di maggio saremo tutti liberi dal pensiero! Martina

Rispondi
acp

buonissimo secondo tempo. vittoria meritata. mia settima trasferta dell’anno. onore ai presenti.

essere settimi in C mi fa cagare. meritiamo di più. andatevene tutti.

Rispondi
DM

Ieri 3 punti d’oro in ottica salvezza che è quasi fatta. Adesso concentrati per prenderne altri 3, poi basta così, i playoff sono completamente fuori luogo per questa squadra.
La partita molto più importante si gioca sul fronte cessione. Uno dei nomi in gioco si commenta da sè. Potrebbe essere l’ennesima mazzata per il calcio a Padova.

Rispondi
tifoso ignoto

In 1 punto veleggiano 5 squadre dal 7 all’11 posto, col pareggio che probabilmente strapperemo alla ProSesto(leggete bene:ProSesto non Vicenza o Pordenone) precipiteremo di nuovo al decimo/undicesimo posto,quindi lasciamo perdere la classifica e finiamo sto campionato prima di tutto lontani dai playout perchè le squadre che stan sotto di noi ci fanno il culo peggio di quelle che ci stanno sopra. Poi se Joseph ci lascia in mani vicentine allora possiamo dire che l’anno prossimo sarà ancora piu dura. Già proclamare la serie A in 4 anni mi fa sorridere, dovrebbero mettere del filo spinato tra vicenza e padova per evitare intrusioni pericolose, ne abbiamo viste fin troppe da Farina a Cestaro di questi rampanti presidenti che hanno lasciato dietro di se solo macerie.

Rispondi
Stefano

Conta salvarsi. Dalla D ma anche dall’arrivo del domiciliato in Svizzera allergico alle tasse e alla lingua italiana –
Tutto il
Resto è’ inutile

Rispondi
Andrè The Giant

Ieri sera ho sentito la conversazione telefonica con il vicentino durante la trasmissione di Borile.
Dio ci scampi da quella che sarebbe la peggior sciagura tra tutte quelle finora viste da queste parti, e non sono poche. Altro che lamentarsi di Oughurlian e via tutti… Se la società fosse ceduta a quell’individuo sarebbe il Penocchio bis al 100%, con la differenza che almeno Penocchio quando parlava era intellegibile.
Oughurlian ha dichiarato esplicitamente che avrebbe preso in considerazione proposte provenienti da interlocutori seri e che avrebbe lasciato il Calcio Padova in buone mani. Bene, avanti il prossimo

Rispondi
Tifoso a 1/2

Ma uno con un curriculum così come può anche solo sedersi ad un tavolo con la dirigenza di una società??????
E anzichè stroncare sul nascere l’ennesimo faccendiere, si vanno anche a scrivere e a dare enfasi le cxxxxxx che questo dice. La barca continua a scricchiolare…

Rispondi
francescosolesino

si ma la bianchi x scaricarlo ha detto che ce u patto d onore tra bonetto e Oughurlian

Rispondi
Flavio

io non so chi potrà dare più sicurezza economica e budget (seppur ridotto rispetto il primo triennio) di J.O. Se consideriamo questo il secondo anno zero, correggendo il tiro soprattutto per quanto riguarda il DS, potremmo ripensare ad una riprogrammazione … magari anche più fortunata oltre che più oculata. Speremo ben. Ed, intanto, vincere ‘na volta tanto, in casa

Rispondi
Andrè The Giant

Pazzesco… Il suo stesso avvocato che lo smarona in pubblico. Ma che gente è?!?

Rispondi
DM

Potrebbero essere dichiarazioni vere (speriamo), oppure un depistaggio per ridurre l’attenzione mediatica sulla questione – non sappiamo. Questa situazione è molto più importante di contestazioni varie a Mirabelli ecc, mi auguro che la tifoseria si faccia sentire a riguardo.

Personalmente sono incredulo che ci siano state e ci saranno diverse riunioni con questa controparte, già questo lo ritengo molto molto preoccupante.

Rispondi
unpadovano

Sì ma poi non ho mica capito sta cosa. Il giorno prima secondo il Gazzettino lo stesso avvocato (virgolettato) avrebbe detto “io presidente del Padova? Ne sarei lusingato, chi non lo sarebbe: sono tifoso da sempre del Biancoscudo”…oggi su Padovasport invece sempre lui “non ho per niente gradito le sue parole sul mio conto, riguardo all’aspirazione di fare il Presidente del Calcio Padova”….. Qualcosa non torna…

Rispondi
Enrico

Bisogna tenere presente che questo è un campionato di transizione, la squadra non è stata costruita per vincere il campionato come nelle scorse due stagioni, bensì per disputare un campionato dignitoso e (magari) porre le basi per la stagione successiva.
Personalmente ritengo che l’obbiettivo minimo sia andare ai play off, a quel punto non avremmo nulla da perdere e tutto può succedere.
L’importante è l’atteggiamento in campo, quello non si può e non si deve mai sbagliare.

Rispondi
crestaalta!

Speriamo che tutte ste chiacchiere, non finiscano per “sbarellare” chi scende in campo, comunque il “derby” Molon-Bonetto, sarebbe come quello: merda-cioccolato!

Rispondi
Flavio

Come va il recupero di Kirwan? Esordirà con la Primavera per riprendere confidenza? Non si sa nulla

Rispondi
francescosolesino

ha detto che è un motivatore e liccardo gli domandato come mai vuole solo il 59 x 100 e non tutto

Rispondi
fabio.pd

Ci fu un giorno in cui………….. si decise di costruire lo Stadio euganeo. Se pensate bene, da quel giorno incominciarono le disgrazie: – costruzione di un qualcosa che sembrava uno stadio, ma senza le curve; – intrallazzi politici con condanne, – cambio della compagine sociale con arrivo di bande di lanzichenecchi, faccendieri, speculatori (salverei solo Cestaro) – scomparsa del buon Gildo, anima e voce di tutti i tifosi, – fallimento e immediata resurrezione grazie all’arrivo di seri e appassionati imprenditori poi usciti. Ancora oggi mi tocca assistere all’ennesima passerella per ottenere visibilità (a che scopo non lo so)……..basta! Mi auguro che questo teatrino, non turbi la serenità della squadra e di concludere in fretta un anno da dimenticare. A me è sempre piaciuto la stadio del Plebiscito, i problemi del traffico si possono risolvere, anche invitando i tifosi a farsi 4 passi a piedi……radere al suolo l’euganeo e fare un campo di girasoli……

Rispondi
DC

Prima considerazione: sono d’accordissimo con fabio.pd sulle nascita delle “sfighe” (cui credo poco…) periodo coincidente con lo stadio euganeo. I bei tempi dell’appiani sono andati, però l’euganeo ha veramente tutto per farsi odiare.
Seconda considerazione: sulla squadra. Quest’anno arriviamo alla salvezza, magari i play off, poi ne riparleremo. Squadra schizzofrenica, capace di sottomettere le prime e di imbarcarsi con la pergolettese…
Terza considerazione: i rumors societari. da mesi ipotizzavo che la ventilata razionalizzazione della squadra servisse a rimettere a posto i conti (per fortuna) per una potenziale vendita. Ben venga, secondo me, se dietro c’è Bonetto e soci. Di molon che dire… uno che si dichiara tifoso del Wcenza, è stato oggetto di indagini e ha storie nebulose alle spalle, mi fa strano sia fatto entrare anche solamente allo stadio per vederlo. Un cv da paura (in negativo!). Un minimo di informazioni preventive l’attuale dirigenza le prende?? Spero sia stato fatto solo per i famosi 15 minuti di notorietà di questo soggetto…

Rispondi
Emanuele

1) Il commento della Moscato sulla partita mi lascia scioccato ma probabilmente dalla ovest si vede la partita in un’altra dimensione…come si fa a dire che alla squadra è mancato solo il gol!!!
2) primo tempo da nausea…sembravano aver paura toccare il pallone, sembravano non aver giocato mai assieme…
3) Valentini…cossa vuto che te diga….
4) a sto punto speriamo salvarci il prima possibile poi si butti via tutto….tutto…si tenga solo RADREZZA.
5) FINE

Rispondi
Armando

Concordo con te su tutto!
Squadra imbarazzante, senza idee e sopratutto senza palle. L’unico che si salva al momento è radrezza, che nonostante le difficoltà almeno ci prova.
Poi per il resto dovrebbero iniziare a ringraziare i tifosi, che dopo tutte ste figure di merda continuano ancora ad andarli a vedere.

Rispondi
Emanuele

…ah dimenticavo…
6) bravo Donnaruma bisogna gioire per la rete inviolata…e perchè no che ieri gli idranti non sono partiti???

Rispondi
Armando

Ma tu sei quello che urlava dietro a donnarumma durante le scorse partite, un vero occasionale. Parlavi male del portiere e tante volte (anche ieri sera), c’ha tolto dalle rogne.
OCCASIONALE

Rispondi
Massimo

D’accordo con Emanuele, Martina con tutto rispetto ma che partite vedi?
Ora o mai più…. Mai più visto che ci hanno superato anche Arzignano e Virtus Verona … grazie a Torrente mister pareggi.

Rispondi
DM

Adesso anche le critiche a Torrente…forse non vi ricordate in che condizioni eravamo prima del suo arrivo, quando la retrocessione era un serio rischio. Ha dato maggior solidità difensiva e stabilizzato la situazione facendo cose semplici senza tante invenzioni.
La squadra ha limiti pesanti. Ci sono 4 giocatori da alta classifica (Donnarumma, Vasic, Liguori e Bortolussi), il resto da bassa classifica e quindi l’attuale metà classifica è esattamente il livello di questa squadra. Puoi anche mettere Guardiola o Ancelotti in panchina ma questi siamo.

Rispondi
acp

liguori non ne fa mezza da 3 mesi. iniziasse a crossare che bortolussi segna se gli dai 3 palloni decenti.

Rispondi
Principe

La distruzione dell’Appiani non è una tragedia in termini pratici, anzi probabilmente andava eseguita prima se l’alternativa era lasciare un’unica gradinata lì a marcire abbandonata a sè stessa.
La tragedia è però simbolica: con le macerie dell’Appiani se ne va l’ultimo legame esistente tra la città di Padova ed il Calcio Padova, da oggi ridimensionato per sempre ad entità estranea alla città ed ai suoi cittadini, confinato a Montà in mezzo al nulla e ignorato da giunte comunali di tutto l’arco costituzionale.
Il sogno nel cuore di noi disgraziati tifosi non è la serie A, ma l’arrivo di un Messia che costruisca un nuovo stadio altrove, lontano dalla città quel tanto che basta per non far arrivare 1 centesimo di € alle casse comunali nè agli esercizi che vi girano attorno.

Rispondi
DC

Il problema non è la seppur spiacevole demolizione dello stadio storico (quanti anni su quei gradoni…), ormai ridotto a ruggine erbacce e pezzi cadenti, quanto non avere un’alternativa stadio degna di questo nome. E’ un pò il simbolo di questo momento calcistico. Spero in novità future su tutti i fronti: società, dirigenza, area tecnica e tifoseria, per ritrovare un nuovo (?) entusiasmo.

Rispondi
Tifoso a 1/2

In quest’anno di “transizione”, fortuna che a Wcenza ci fanno strappare qualche sorriso

Rispondi
Flavio

Qualcuno può dire che se c’era rosso su Vasic, non c’era il rigore e, quindi, l’ammonizione di Donnarumma (che non vorrei fosse a quota 5), bensì la seconda ammonizione dell’avversario e conseguente espulsione …
Non voglio continuare con i “complimenti” a Mirabelli ma se abbiamo difensori contati e un esercito di attaccanti che non sia per le “oculate” scelte del DS ? Cmq, sempre FORZA PADOVA

Rispondi
Emanuele

…intanto Biasci che si è mangiato l’unico gol che doveva fare ad Alessandra che anche un tronco lo avrebbe fatto….se ne va in B col Catanzaro…

Rispondi
fabio.pd

ottimo attore il giocatore Zoma…il suo “lavoro” è fare il cascatore in area: la prima volta ammonito, la seconda gli è andata bene e la terza è riuscito ad ingannare l’arbitro. Buona partita del Padova, si poteva chiuderla prima.

Rispondi
DC

Trattativa con Bonetto saltata. Peccato, penso che la serietà e la voglia dell’ex presidente potesse riportare quel minimo di entusiasmo che la piazza merita. Sperando che non ritorni in voga Molon…

Rispondi
Andrè The Giant

Da quel che emerge (solo da una fonte però, quindi non è detto che sia la verità) Oughurlian non è interessato a cedere la sola maggioranza. Tutto o niente.
O forse l’offerta di Bonetto era un pò troppo scarsina

Rispondi
Baldo

Ma é la cosa più logica di sto mondo..
Considera che lui non ha difficoltà economiche e/o é preso con l’acqua alla gola…
Secondo te, un uomo. ricco potente e d’affari come lui, sarebbe disposto a mettere il 49%delle spese di gestione senza avere alcuna voce in capitolo, visto che ha la minoranza??? nemmeno io al suo posto suo lo farei..

o tutto o nulla…

Rispondi
acp

però si aspettano che ci siano soci di minoranza pronti ad aiutarli mentre spendono milioni su milioni per rimanere in C. eh beh.

salvezza raggiunta. stagione finita. arrivare undicesimi è un obbligo morale.

appiani abbattuto? ah ma no iera intervegnuo el comitato pa salvarlo? rovinassi per tutti.

Rispondi
Flavio

Potrebbe essere che per la cessione se ne riparli a fine campionato. Non ci sono incontri previsti ma può essere che abbiano condiviso di lasciare in pace per il momento l’ambiente (squadra, tifosi, giornalisti). Se così fosse, sarebbe saggio

Rispondi
tifoso ignoto

Ricordo che in conferenza stampa Joseph aveva affermato che sarebbe stato disposto a cedere anche il 51%
Boh adesso ha cambiato idea

Rispondi
fabio.pd

Il niet di Joseph…va bene così. Innanzitutto non è questo il momento per mettersi a giocare a risiko, la squadra va lasciata tranquilla, gli avvoltoi che scendono dall’Altopiano stiano a debita distanza, per i dejà vù è meglio per il momento attendere. Mi permetto solo di aggiungere un’altra mia riflessione: in questo momento di turbolenze dei mercati finanziari mettere in vendita un proprio asset….il “mercato” potrebbe interpretarlo come necessità di procurarsi liquidità, con tutte le conseguenze negative del caso, meglio quindi attendere tempi più favorevoli. Va bene così.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code