Torna al blog

PADOVANITA’ E CONTINUITA’: NON E’ L’INFERNO…

L’umore, in casa Padova, raramente è di quelli che rallegrano le giornate e fanno guardare fiduciosi verso la linea dell’orizzonte. Difficile che sia così quando ti ritrovi con un pugno di mosche in mano per il quarto anno di fila e, dopo aver visto sfumare il traguardo davanti ai tuoi occhi a un centimetro dalla linea bianca in due occasioni, vieni fermato all’inizio degli spareggi dalla brutta serata del direttore di gara. Difficile che sia così quando il patron ti spiega che, dopo aver investito praticamente a vuoto 22 milioni e mezzo di euro, opererà un ulteriore taglio al budget e non sforerà i 4 milioni nella costruzione della rosa che proverà nuovamente a raggiungere la B nella stagione 2023-2024.
Eppure, nonostante le premesse sembrino porre il tifoso di fronte all’ennesima porta dell’Inferno dantesco con su scritto “Lasciate ogni speranza voi ch’entrate”, qualche motivo per recuperare almeno un accenno di sorriso c’è. Primo tra tutti l’ingresso nell’organigramma societario, decisamente a sorpresa, di un nuovo imprenditore, ad appena 10 giorni dall’eliminazione ai playoff per mano della Virtus Verona. Il ritorno di Francesco Peghin, che ha assunto immediatamente la carica di presidente riportando sullo scranno più alto della società un padovano, ha ottenuto fin dall’annuncio il risultato di asciugare le lacrime che ancora sgorgavano abbondanti per quel rigore non dato su Liguori e per l’ingiustizia subita. La storia del Biancoscudo insegna che è con un padovano alla guida che il club ha ottenuto i suoi migliori risultati, se non altro per questo quindi (ma anche per il fatto che è entrato con il 25 per cento delle quote e immettendo un milione di euro di risorse) l’ambiente è chiamato a interpretare questo nuovo corso come una svolta positiva o quantomeno come elemento di discontinuità con un recente passato ricco più di dolori che di gioie.

Certo, 4 milioni di budget fanno ben comprendere che il mercato non vivrà di colpi sensazionali ma, come l’estate scorsa, di acquisti mirati e soprattutto di giovani con tanta fame e voglia di emergere. Se si osserva il fenomeno da un punto di vista assoluto il downgrade è evidente, se invece si utilizza un occhio relativo basta leggere i nomi delle due finaliste ai playoff di questa edizione (Lecco e Foggia) per capire che la strada giusta, in questa categoria, è proprio quella intrapresa dal Padova un anno fa. Che Pinzauti, Lepore e Melgrati, in serie C, gestiti da un allenatore che riesce a creare un Gruppo con la G maiuscola e a dare una precisa identità di gioco, possono arrivare ad essere decisivi più di Chiricò, Lescano, Ronaldo, Ajeti e Merkaj, con tutto il rispetto per questi ultimi che sono e restano grandissimi giocatori.

Di fronte a un Pescara, a una Virtus Entella, a un Pordenone (peraltro costretto a ripartire dalla D o dall’Eccellenza) e a un Cesena che non ce l’hanno fatta, investendo decisamente più del Padova, bisogna accogliere con fiducia l’arrivo di Capelli dalla Pro Sesto, di Villa dalla Pergolettese e di Fusi dal Sangiuliano City, senza storcere il naso solo perché non c’è abbastanza “appeal” nel nome delle società di provenienza. Insieme a Donnarumma, Radrezza, Bortolussi, Liguori e Cretella e sotto l’egida di un tecnico che è rimasto ben capendo quali sono le caratteristiche del materiale umano a sua disposizione, delle prospettive e della piazza che lo circonda, potranno proseguire nel cammino virtuoso iniziato l’anno scorso. Sperando di non ritrovarsi più di fronte un Carrione di Castellammare di Stabia che si mette di traverso sul più bello che siamo lanciati.

119 commenti - 7.248 visite Commenta

DM

Vorrei far notare come il Pordenone riparta dai dilettanti, il Crotone abbia dichiarato di ridimensionare il budget e puntare sui giovani, il Perugia vada al risparmio, la Spal non sappia neanche se si iscriverà, il Cesena sembra ridurrà il budget e il Benevento pure.
Spendere 8 milioni euro all’anno in serie C è una follia insostenibile che sempre meno squadre fanno, a maggior ragione visto che la formula insensata delle 60 squadre e playoff enormi lascia molto al caso e poco al merito. Va combattuta una battaglia sulla riforma di quest’inferno di campionato, che il presidente del Crotone ha dichiarato di voler fare. Fino ad allora bisogna farsene una ragione: Oughourlian non ha lontanamente i soldi di Renzo Rosso, né la voglia di spenderli per noi. In questo contesto non mi straccio le vesti per 4 milioni di budget, anche se chiaramente non saremo i favoriti.

Rispondi
Stefano

Realisticamente non andiamo in B con questa disponibilità – allora da veri “esperti della C “(purtroppo ) proviamo almeno a spingere per una serie riforma della assurda serie C attuale –
Per farlo non serve budget ma attività lobbistica e allora la Bianchi su butti a capofitto per portare la C ad un massimo di 40 squadre con 2 gironi e 4 promozioni abolendo questo assurdo “todos caballeros” rappresentato dai play off

Rispondi
francescosolesino

io farei una b a 40 squadre e dopo tutti dilettanti cosi si fa più visibile anche la b con due gironi uno del sud e uno del nord

Rispondi
acp

la serie C mi fa cagare. chi non è in grado di portarci in B se ne vada.

il padova siamo noi. siamo sempre meno e nemmeno uniti. avanti verso la depressione totale della piazza.

Rispondi
Il vecchio Max

Il dissociamento dalla realtà crea solo danni. Il cuore del problema non è che se “VADA “chi non è in grado di portarci in B, ma che “VENGA “chi lo è . Se ancora non c’è all’orizzonte, non è con l’atteggiamento “talebano” del tifo che lo fai magicamente apparire. Se la squadra gira, tante depressioni se ne vanno. Se non sbaglio a Napoli nel precampionato regnava la sfiducia più totale, senza precedenti, tanto che a Vicenza facevano più abbonati di loro…

Rispondi
Pietro Smaniotto

Che dire non siamo andati in B con Ronaldo, Ajeti e Chirico’ magari ci possiamo andare con Villa, Fusi e Varas anche se sembra impossibile. Però il Catanzaro con una Super Corazzata ha schiacciato tutti, quindi anche le mezze calzette potrebbero servire poco. Aspettiamo chi vivrà vedrà.

Rispondi
DC

Leggo commenti entusiastici sul fatto che essendo salito il Lecco, allora si vince anche senza grandi investimenti.
Vero.
Come è vero esattamente il contrario.
Se si investono soldoni nei giocatori GIUSTI, non c’è niente da fare: Vinci. Vedasi Catanzaro quest’anno. Se poi, con quattro schei, riesci a imbroccare la squadra e l’amalgama giusto, tanto di cappello. E’ facile però che ciò non accada. Non esiste una legge assoluta, se non quella di avere buoni giocatori e un buon allenatore, indipendentemente dai nomi. Tutto sta nelle motivazioni della squadra, nell’equilibrio e , perchè no, nella fortuna….

Rispondi
Massimo

Concordo con DC, ed il caso del Lecco è emblematico, quattro schei, amalgama giusto e fortuna … Lecco buona squadra ma non la migliore , i playoff sono questi .
Succo di tutti i discorsi … c’è solo da imparare.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Ora tutti copiano il Lecco ma non sanno che Di Nunno in quattro anni non ha speso solo quattro schei.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Ridicoli, siamo alla farsa peggio al cabaret da strada, ho letto che per Tiritiello uno dei più forti centrali di categoria la Lucchese chiede 30/40 mila euro pare che Don Abbondio Mirabelli scappi da tale richiesta ma poi diventa l’uomod’oro dell’armeno. Va bene strutturare la squadra senza grossi nomi(a parte il Catanzaro) ma così che pena. Penso che salterò l’abbonamento. Augurii

Rispondi
Pietro Smaniotto

La grande cazzata è stata quella di conquistare l’agognata serie B con Bisoli, per poi regalare agli altri il campionato e retrocedere. Mai cazzata è stata così grande, si doveva in tutti i modi possibili tenere la categoria, come fece a suo tempo il Cittadella e tutte quelle squadre che avevano ottenuto la B, invece noi, teste di cazzo, retrocediamo per entrare nelle sabbie mobili, che dire a Padova mancano le teste che pensano, chi non ha mai pensato ma sperperato è stato il prode Sogliano.

Rispondi
Il vecchio Max

Oltre quello che avete detto nei 2 ultimi commenti, ci sono altri fattori che dirigono il destino vincente o perdente che non possono essere controllati, cioè che non dipendono dalla bontà o meno delle scelte: 1) Gravi sviste arbitrali a sfavore o a sfavore. Se a fine anno non si bilanciano, puoi arrivare a vincere un campionato o a perderlo. Non mi riferisco tanto al rigore dato o non dato , perché il rigore puoi sempre sbagliarlo, ma piuttosto ai gol regolari non dati o a quelli irregolari concessi. 2) Quello che riescono a fare i tuoi avversari. Non abbiamo vinto con Sogliano perché erano stati scelti uomini sbagliati? Dopo che hai fatto 85 e 80 punti? Sbagli un rigore alla finale playoff e vai fuori. Il Foggia ne sbaglia due con il Pescara e vince. Due anni fa facciamo 80 punti e ci ritroviamo il Sud Tirol che becca 9 gol in 38 partite… Proprio noi dovevamo cuccarcelo! Si potrà dire di tutto dell’accoppiata Ourgholian- Sogliano, ma certo più iellati di così non si può…

Rispondi
Il vecchio Max

Forse dovremmo ricominciare a buttare la gallina 🐓 in campo prima di iniziare la partita come ai tempi dell’Appiani…

Rispondi
acp

ancora credete alle favolette a padova?

a padova serve 10 per fare 3 e voi pensate di far 10 con 3. per favore pietà.

a padova la tifoseria dovrebbe essere composta solo da mie copie.

Rispondi
fabio.pd

Come tutti gli anni ci ritroviamo in questo periodo a fare considerazioni in merito al campionato appena concluso, alle novità che sono arrivate e che arriveranno e ai buoni propositi e aspettative per il nuovo inizio che ci sarà a settembre. Si possono scrive fiumi di parole in bene e in male, si può riflettere su cosa è stato, su cosa poteva essere e su cosa sarà, ma alla fine non vediamo l’ora che ricominci il campionato e che sia (sempre) questa la volta buona…………………

Rispondi
Principe

Personalmente l’idea di rimettere piede all’Euganeo mi da un senso di nausea terribile
A settembre saremo meno che in maggio, ogni anno perdiamo pezzi e dobbiamo anche leggere le nostre prestigiose firme locali attribuirne le responsabilità alla freddezza della piazza

Rispondi
Stefano

Credo che la porcheria che si cela dietro ai play off della C con le conseguenti decisioni che salveranno il brescia magari portando la B a 21 squadre siano senza ritegno –
Perdiamo veramente tempo tutti quanti a soffrire per nulla

Rispondi
Massimo

Ovviamente non sono tifoso del Lecco ma provo dispiacere per loro e nel vedere questa situazione paradossale, grottesca, inconcepibile
Da una serie B meritata ad una possibile serie D !! La città, tutta anche quella non sportiva di dovrebbe ribellare in modo eclatante.
Il calcio ormai l’hanno reso uno schifo.
Per una questione di stadio ( che dalle immagini- non ci sono mai stato- è sicuramente meglio e più bello del cesso chiamato Euganeo e per ritardi burocratici ( termine 48 ore dopo la finale) si danneggia irrepabilmente una Società, dirigenti, giocatori ed una città intera con conseguenti danni economici.
Chiudiamo tutto è meglio.
Poi ho sentito dire qualcuno .. be’ meglio così ci leviamo dai piedi il Brescia nel prossimo campionato….. capisco che di coglioni ce ne sono molti ma questo è troppo!!!
Che infinita tristezza.
In bocca al lupo al Lecco per una serie B meritata.

Rispondi
Flavio

Il governo del calcio fa schifo, come tante altre istituzioni in Italia (giustizia, scuola, e ora anche la sanità sta peggiorando). Vengono accettati escamotage di certe squadre per sopravvivere nonostante una gestione gravemente debitoria verso l’erario, i fornitori, i tecnici e giocatori e poi si tratta così il Lecco… Per quanto riguarda Vasic, penso che sia lusingato da categorie e squadre di più alto livello e che, nonostante l’amore per il Padova, se rimanesse non renderebbe come quest’anno

Rispondi
Flavio

Aggiungo, ma non voglio sostituire Mirabelli 😊, … a leggere la sua storia, Meccariello ha le ginocchia fragili

Rispondi
crestaalta!

Sembra che il mister Torrente abbia consigliato Vlaovic, di trattare col Genoa. Ma un mister non dovrebbe cercare di convincere i “migliori” a restare, fatte salve le ragioni della Società?

Rispondi
Spritz

Ciao, volevo chiedere se il destino della stagione appena conclusa può in qualche modo essere legata solamente a come sono andati gli spareggi o se l’andamento della stagione nella sua interezza sono la causa costitutiva del problema. Buona giornata

Rispondi
Massimo

Come sempre ( in tutti i settori ) il risultato finale è quello che conta.
Se ti riferisci al Padova un’altro anno di categoria di merda.
Amen

Rispondi
Pietro Smaniotto

Compra, Mirabei o spetito el 2×1 varda ch’el soe magna e ore, te ghe el carreo ancora mezo vodo.

Rispondi
Pietro

Ma dai la seconda maglia, ma chi è il genio che ha disegnato sto cesso di maglia i mattoncini non si notano ma si vede solo tanta confusione dietro poi col numero sparisce la croce, la ragazza comunque è bella.

Rispondi
Principe

A 10 giorni dal ritiro abbiamo perso Jelenic che negli anni si era dimostrato buono per tutte le stagioni e una serie di giocatori sostanzialmente inutili
Abbiamo confermato Delli Carri che per me rimane un punto di domanda visto che i primi due mesi ha fatto piangere e preso un terzino sinistro al posto di Crivello, un centrocampista e un esterno destro d’attacco.
Per ora mi sembra bene se non parte nessun altro (a parte vasic)
Torrente avrà tutto il tempo per amalgamare la squadra
Per il resto, temo toccheremo il record negativo storico per numero di abbonati, la gente non ne può più dell’euganeo e le istituzioni sono sorde da entrambi gli orecchi

Rispondi
Andrè The Giant

Basterebbe che ci fosse qualche notizia concreta sui tempi necessari per la realizzazione della curva e un pò di entusiasmo si riaccenderebbe di sicuro.
Anche lì però c’è silenzio assoluto e, colpevolmente, nessuno della stampa fa domande scomode all’amministrazione. Hanno finito la famosa verifica sullo stato delle opere fatte? Quando sarà possibile fare il famoso bando abbreviato? Niente… da mesi non ne parla più nessuno

Rispondi
Pietro

Grande vittoria con una squadra di serie D perché non impegna la squadra per capire le potenzialità con una di B ci sarà qualche squadra disponibile per una sgambata proficua per entrambe. Vincere facile con mezza squadra senza i giusti ritocchi si finisce per credere d’essere i più forti e i ritocchi stanno al loro posto.

Rispondi
Principe

Polemica assurda e ridicola montata contro Zed per il cattivo stato del campo da gioco
1. ci sono concerti tutti gli anni e puntualmente il campo si presenta così, dopo (e non è ancora finita)
2. zed ha l’onere di porvi rimedio
3. il problema del manto erboso è l’ultimo in ordine di importanza in quel catafalco infernale
Martina quando inizierete a difendere i tifosi anzichè continuare a intervistare Galderisi o elogiare il cittadella?

Rispondi
Pietro

MIRABEI TORNA INDRIO TE GHE PERSO EL MARSUPIO PAR LA STRADA…… SPERA, SPERA, CHE LOJACONO DOMAN RIVA… AHH.. AAHH… AHHH

Rispondi
Fabio

Beh, tanto assurda e ridicola non lo è visto che lo scorso anno per lo stesso motivo fino ad ottobre abbiamo avuto un campo di patate. Almeno ora le cose sono uscite subito e non ad agosto/settembre come lo scorso anno.
Vero è che i giornalisti, sia di carta stampata che del web, dovrebbero iniziare a fare domande sulla situazione della curva. Le ultime notizie è che avrebbero detto qualcosa a fine maggio…e ormai siamo a metà luglio e non si sa niente di niente.

Rispondi
Principe

Capirai la soddisfazione ad avere un perfetto terreno di gioco, quando tutto ciò che ci sta attorno è degno della peggiore architettura sovietica

Rispondi
QuoreSqudato

Vediamo come sarà messo il campo a fine agosto.
Tra l’altro mi pare confermato che ci giocherà anche il Lecco nella prime partite in casa della serie B. Quindi meno tempo per ripristinare i danni dei concerti (e anche lo sfascio strutturale che già aveva da anni di manutenzione un po’ così…). Va a finire che dobbiamo anche risarcire il Lecco in caso di danni causati dal campo.

ah già, si può sempre dargli una mano di vernice verde e torna come nuovo!

Rispondi
Sandro 1975

che Padova città non possa permettersi di rinunciare a grandi eventi da 40/50.000 persone a serata mi sembra chiaro e pacifico, l’Euganeo, per quanto ecomostro, è perfetto in tal senso (vedi show dei RAMMSTEIN) . Che la Zed debba ripristinare il campo anche.
La domanda che porrei all’Amministrazione è cosa succederà quando (e SE) verrà fatta la nuova curva nord a bordo campo. Qual è la visione per il futuro per l’Euganeo? concerti o calcio?

Rispondi
Principe

La tifoseria organizzata ha un’occasione storica per prendere una decisione radicale e decidere di DISERTARE l’euganeo per tutta la stagione
A maggior ragione perchè la campagna abbonamenti non è ancora iniziata
Ad ancor maggior ragione perchè così ci evitiamo l’onta della peggior campagna abbonamenti della nostra storia
Tanto le partite si vedono male e la squadra in campo non sente il tifo, anzi magari gioca anche più serenamente

P.S. Martina complimenti per il reportage che anche oggi avete fatto sullo stato di avanzamento dei lavori della curva sud

Rispondi
Il vecchio Max

Fammi capire. Se la squadra gioca più serenamente se non c’è nessuno può essere solo perché non sente i fischi e le contestazioni del pubblico quando i giocatori fanno cappelle. Ma se sentono i fischi, sentono anche gli applausi e gli incitamenti, e se non ci credi prova a chiederglielo. Senz’altro mi sfugge qualcosa, perché di primo acchitto, pur tenendo salvo il principio della libertà individuale di andare o non andare allo stadio, questa cosa della disertazione di massa mi pare una grande cagata. La situazione attuale non è causata dalla società calcio Padova, ne’ tantomeno dalla squadra. La responsabilità è totalmente dell’amministrazione comunale. Disertare vuol dire dare una pugnalata alla società ( e questo mi interessa zero, visto che i soldi non li metto io) e due pugnalate alla squadra, e questo mi interessa molto di più. All’amministrazione comunale invece si da’ un semplice schiaffettino. Non riesco nemmeno a capire come si eviterebbe l’onta della peggior campagna abbonamenti della storia se si spera che nessuno si abboni… Evidentemente il vecchio Max sta davvero invecchiando…

Rispondi
Patrick

e invece ha pienamente ragione, è ora di finirla e farsi prendere in giro. i comunicati come quelli di appartenenza sono un buco nell’ acqua..ma ancora parole? ma possiamo mettere scadenze o minacciare azioni drastiche? no, niente, in quel comunicato non appare nulla….ma basta, bisogna avere il coraggio di muoversi solo in trasferta, possibilmente in massa, disertare radicalmente l euganeo o tifare esternamente, derby compreso. questa situazione deve diventare una discussione a livello nazionale, tutti devono sapere come ci prendono per il culo a livello calcistico. vogliamo finirla? poi chi vuole entri allo stadio, ma zero tifo e sostegno. basta, è indecente.

Rispondi
Il vecchio Max

Continuo a non capire la logica : disertando lo stadio (o facendo scena muta se ci entri ) vai contro quella stessa squadra che vai a sostenere in trasferta e indirettamente dai un grosso aiuto ai tuoi avversari, che ti ringrazieranno per il favore è per i soldi che andrai a dare ai loro club nelle trasferte. Giocare all’Euganeo sarebbe peggio che giocare in trasferta, allora? Dovremo sorbirci solo i cori dei vicentini? Boh, rimango ancora un po’ confuso, sarà davvero l’età…

Rispondi
Principe

Vecchio Max, non mi pare che negli ultimi 25 anni di sostegno incondizionato la squadra abbia fatto sfracelli.
Secondo, ho parlato in più occasioni con più giocatori , l’impatto del tifo sul terreno di gioco è zero salvo rarissime occasioni in cui lo stadio è pieno: le tribune sono così lontane che il pubblico è impercettibile. La maggior serenità potrebbe eventualmente derivare dal minor pressione dovuta al giocare senza pubblico.
Ma soprattutto questa amministrazione comunale -colpevole molto meno di altre, va detto e ripetuto- va sputtanata davanti a tutta Italia, visto che con le buone maniere abbiamo ottenuto ZERO.
Continuare nonostante tutte le prese in giro e le umiliazioni subite a frequentare l’euganeo è un insulto alla dignità di noi tifosi
Spero che la tifoseria organizzata ci pensi seriamente, soprattutto alla luce del fatto che l’alternativa sarà avere 1000 abbonati sparpagliati per il 70% in est, in cui condivideranno l’ennesimo settore ultras e tifosi.

Comunicato di Appartenenza semplicemente tenero e dolce. Bellissime parole. Utilità? Zero. Impatto? Zero

Rispondi
Pietro

Non puoi avere la bocca buona gustare cibi gourmet il Padova prepara solo pastoni per bestie posso dire che dopo più di 50 anni che tifo Padova ovunque m isono rotto i coglioni solo C, sempre C qualche apparizjone rixicola in B e poi C. BASTA CAZZO, vado a vedere il Petrarca Rugby almeno siamo i migliori.

Rispondi
DC

Possibile avere un’indicazione, una sintesi, della rosa 2023/2024, con formazione attuale ipotetica, eventuali ruoli da coprire, trattative in corso? Perchè è interessante il dibattito sullo stadio (catafalco immondo) però tra una settimana circa si inizia con il ritiro.

Rispondi
Fabio

Ad oggi dovrebbe essere questa.
Gli spazi vuoti indicano i giocatori mancanti per avere 2 giocatori in ogni ruolo:
1 – Antonio Donnarumma (P)
2 – Alessandro Zanellati (P)
3 – (P)
4 – Filippo Delli Carri (D)
5 – Matei Ilie (D)
6 – Bernardo Calabrese (D)
7 – Francesco Belli (D)
8 – (D)
9 – (D)
10 – Niko Kirwan (E)
11 – Luca Villa (E)
12 – Alessandro Capelli (E)
13 – (E)
14 – Jacopo Dezi (C)
15 – Simone Franchini (C)
16 – Carmine Cretella (C)
17 – Igor Radrezza (C)
18 – Pietro Fusi (C)
19 – (C)
20 – Micheal Liguori (A)
21 – Mattia Bortolussi (A)
22 – (A)
23 – (A)

Poi ci sono questi 4 che da quello che si legge dovrebbero essere con la valigia in mano. Anche se De Marchi dalle ultime cose che ho letto potrebbe essere tenuto come alternativa a Bortolussi.

– Simone Russini
– Luca Gagliano
– Michael De Marchi
– Tommaso Ghirardello

Rispondi
MaurizioC

Grazie Fabio per l’ottimo riepilogo. Hai fatto un bel lavoro veramente che tornera’ utile in questo periodo di calciomercato. Forza Padova

Rispondi
DC

Grazie Fabio, molto meglio di tanti pseudo giornalisti!! Da capire se arriverà quel regista che il mister ha tanto chiesto oppure se continuerà Radrezza, che non era male.

Rispondi
acp

lo stadio in casa viene già disertato da migliaia di tifosi. basta andare in trasferta per accorgersi della differenza tra come siamo in casa e come siamo fuori.

io andavo in fattori, ora vado in ovest. vedere com’è ridotto il tifo mi fa tristezza e continuerà ad essere così fino a quando la curva resterà in est. poi vabbè ci sono i soliti atavici problemi di elitarismo.

Rispondi
Principe

Appunto, la tifoseria organizzata ne prenda atto e la smetta di farsi prendere in giro
Peraltro non so a chi possa giovare avere 100/150 persone che cantano in un angolino della est

Rispondi
Massimo

Ringraziamo la società del calcio Padova che in qualche modo il prossimo anno ci fa vedere la Serie B ….. affittando lo stadio al Lecco, ottima strategia … se Maometto non va alla montagna.. ecc ecc
Cosa si vuole di più.
A proposito dal 1 Luglio il presidente del Padova è Peghin .. ma sinora qualcuno l’ha sentito? Mah.

Rispondi
Il vecchio Max

Sì, Peghin l’ho sentito in Tv dire chiaramente che dal primo luglio entra ufficialmente come nuovo socio, mentre per l’entrata ufficiale come presidente bisognerà’ aspettare un paio di settimane. Mi chiedo comunque a che serve il sarcasmo in questo momento

Rispondi
Pietro Smaniotto

A volte ritornano sto parlando di Peghin e Potti vecchie minestre riscaldate. A pensarci bene non vorrei che fossero i primi passi per l’addio dell’armeno, sono certo che si è rotto i coglioni con questa squadra lega pro dipendente, perfino i. Millionarios di Bogotà hanno vinto l’Apertura il Lens ha fatto faville nella Ligue 1, pertanto Ogurlhian da vincente qual ‘è presto passerà di mano.

Rispondi
Pietro

Addirittura voci su Dezi e Liguori in procinto di andarsene (???) ora si che semo queo che diseva Rocco ” semo poareti.” Notte fonda.

Rispondi
sauz

Patrick ma chi vuoi che ci caghi a livello nazionale con una protesta..manco fossimo i salernitani o i veronesi..dai un po’ di realismo, sarebbe difficlissimo per loro e ascoltano noi che sono sei lustri che navighiamo nella merda.
Semmai gli ultras devono tampinare a tutto spiano la giunta in primis Bonavina per mettere quel pepe al culo che dopo l’indagine e le elezioni vinte ha perso..bisogna come si suol dire cavarghe a vita finchè procede per non avere più rotture di maroni, quello bisogna fare. Io la diserzione non la capisco, perchè danneggiamo solo i nostri colori, che io poi sia un detrattore dell’euganeo e’ vero, mi fa la nausea solo a entrarci pero’ non entrare e’ come tirarsi la zappa sui coglioni, entravamo anche ai tempi di viganò ( a parte protesta con il foggia ) e non entriamo adesso? non abbiamo mica una ferrari sotto al culo e questa squadra ha bisogno del supporto per portare a casa la pellaccia quest’anno. Gli ultras devono martellare, martellare e martellare, chiedere riunioni, mandare mail, messaggi e vedrete che si smuove qualcosa. Cambiando discorso mi fan sorridere i beoti che due mesi orsono esultavano per la salvezza dei triestini contro il san giuliano..eh vutto mettere ndare al rocco ciapare tre baeoni rispetto ad andare a san giuliano? siamo provinciali cazzo e questi salvi adesso hanno una società straricca con tesser in panca che equivale a b quasi certa al noventanove per cento..ma noi siamo contenti che siano rimasti in C…cazzo manco piu’ i nemici sportivi gufiamo anzi tifiamo a favore, come quella volta che molti, nel lontano 2007 andarono a vedere lo spareggio verona spezia con i veronesi..tifando verona…no se poe vedare tosi certe cose, almeno i nemici continuiamo a considerarli tali..da quanto sfigai che semo (calcisticamente parlando) ci resta solo quello cazzo

Rispondi
Andrè The Giant

Mi sbaglio o non abbiamo nessun esterno sinistro di ruolo?
Si continua a parlare di centrali ma sulla fascia sinistra non c’è nessuno dato che i 3 dell’anno scorso (fortunatamente) hanno fatto le valigie

Rispondi
Principe

D’accordo sulla seconda parte, l’amministrazione comunale va sfibrata e proprio per questo bisogna dirgli che noi in quel cesso non ci andiamo più
Ai giocatori dell’assenza di 100 persone che cantano non frega NULLA. Non se ne rendono nemmeno conto e si risparmiamo il siparietto finale di ogni partita con applausi/fischi

Rispondi
acp

già vedo giordani e bonavina disperati. se ocio. dei su.

dai su principe il padova in città è sparito da anni per vari motivi. detto da uno che abita in centro da qualche anno e che vive il centro da sempre.

ecco ti do ragione che è meglio non tifare proprio che a malapena sentire un datemi un pa. mi fa tristezza perchè ho il ricordo della fattori piena che faceva partire boati(da datemi un pa ai gloriosi ftm fino ad arrivare a leoni). in attesa che apra sta curva.

Rispondi
Principe

ma è ovvio che l’amministrazione comunale se ne frega, soprattutto alla luce del fatto che il bacino elettorale legato direttamente alla tifoseria è inesistente. però cercherei di sputtanare le promesse disattese
lo stadio lo lascerei vuoto non nella speranza di commuovere qualcuno, ma per salvaguardare quel che resta della nostra dignità

Rispondi
Patrick

ma chi ha detto che ci devono considerare a livello nazionale? sto solo dicendo che se una tifoseria diserta ufficialmente quello stadio di m e lo comunica chiaramente , sicuro che non passa inosservato il tutto. trasferte presenti in massa, chi vuole presenzia fuori dalla curva in casa e avanti cosi. sarebbe una scelta totale, estrema ma che ha una sua logica.
ma che centrano poi gli ultras con la giunta? ovvio che vanno tampinati sempre e comunque quei personaggini a palazzo moroni e lo si fa anche tirando un po’ fuori l’ orgoglio, che in questi ulltimi anni siamo stati umiliati in tutti i modi. e per quanto mi riguarda si continua a subire.
basti leggere le dichiarazioni sui tempi di completamento della curva da parte di bonavina, vergognoso.
no, non hanno bisogno di noi, in quel catafalco semideserto, non centra niente questo discorso, di sicuro chi vuole entra e ci mancherebbe, ma stop al tifo organizzato, un bello striscione in bella vista.. e stop.
in trasferta poi si prova a fare la differenza. paradossalmente puo’ anche rafforzare la tifoseria una scelta del genere.
se qui qualcuno tifava pro triestina è perche si voleva almeno salvaguardare un derby in uno degli stadi piu belli d italia… no ge voe un genio…
a verona quella volta con lo spezia c ero in curva sud, di sicuro non stavo per i butei e manco per gli spezzini, fu una giornata molto particolare….

Rispondi
acp

la tifoseria ormai si è rotta i coglioni di vedere la serie C in uno stadio di merda con zero servizi e pure disagi grossi con la viabilità. da anni stiamo perdendo pezzi dello zoccolo duro, ultras, tifosi normali, club, vecioti. ogni componente in casa sta perdendo pezzi. è normale che sia così. è normale che ci si rompa i coglioni in questa situazione. ma lo considero un atto d’amore.

poi in trasferta vedi che la gente ancora ama sta maglia. numeri notevoli, bel tifo, colore, divertimento. al menti abbiamo tirato fuori le nostre nodose nerchie padovane e comandato. ma non è una novità farlo. penso poi all’ultima di campionato a mantova, totalmente inutile come partita. quasi 500 persone. c’è stato più tifo che in gran parte di quelle in casa.

ma ben venga il derby con la triestina. trasferta che merita sempre, atmosfera vintage, tifoseria rivale ma che rispettiamo tutti, rocco favoloso. ma ben vengano partite così. anzi che rimettessero i gironi est/ovest per il centro nord che mi fa cagare andare in certi posti della lombardia. CAGARE.

mi stan molto più sul cazzo gli spezzini dei veronesi. anzi direi che ci saranno 15-20 tifoserie che mi stan più sui coglioni dei veronesi. è un derby minore, quasi dimenticato, ridotto ai liturgici pezzo di merda,vaffanculo etc. con la triestina è un derby ed lo sento molto di più. ma anche le varie modena, spal cremonese, reggiana, cesena. insomma tutte le nostre rivali classiche le sento molto di più del verona.

contestare è un atto d’amore, disertare pure. chi si arrende è un vile. chi è apatico è un vile. chi non lotta è un vile.

Rispondi
sauz

Ma sapete perche’ a nessuno frega una sega dello stadio? Semplicemente perchè abbiamo uno zoccolo duro talmente risicato che non contiamo un cazzo. in questa città Se invece andassimo in massa allo stadio fidatevi che l’opinione pubblica avrebbe smosso le acque e la giunta non starebbe tergiversando come fa ora. I numeri non sono mai stati un nostro forte e non e’ un segno di debolezza dirlo ma una presa di coscienza. Lo stadio e’ un elemento devastante e non sono qui a dire il contrario sia chiaro ma anche in serie A facevamo fatica a fare i numeri e se sei in A te ne freghi la minchia dello stadio ma ci vai perche’ sai che non la vedrai mai più a queste latitudini. Invece questa e’ una città snob, di radical chic che ha sempre visto il calcio con un certo ostracismo salvo mettersi a pecora per le strisciate, per questo io non giustifico i padovani in genere perchè per il bacino di utenza siamo veramente modesti. La mia, la nostra sfiga e’ di avere una passione viscerale in una città di amebe e quanto capisco il buon Stefano che scrive in questo blog e che mi pare lavori a Verona…sei un eroe io ti avrei già dato la pensione ad honorem perchè vedere quel mondo a un ora di strada da qui e vedere questo penso che più di una volta avrai pensato cossa go fatto de mae nea vita per meritare questo ? (sempre con ironia sia chiaro i problemi sono ben altri). E in trasferta si’ ci sono bei numeri non lo nego finche’ si e’ a mantova, trento nulla da dire ma a novara non mi pareva fossimo in numeri potenti ( e qui faccio mea culpa anch’io sia chiaro). Io confido che gli ultras facciano qualcosa perchè senza di loro siamo persi e solo loro possono con i dovuti crismi smuovere qualcosa. Avevo capito perchè si desiderava che la triestina si salvasse mi era ben chiaro, saro’ io vecchio, della scuola in cui ai rivali auguri sportivamente piu’ merda possibile e fotte sega se non vado al Rocco tanto con il buon Tesser in panchina ci tocca preparare il pallottoliere, na figura de merda in manco.. Non sono tanto sicuro che a ruoli invertiti si fossero strappati i capelli i triestini per una nostra salvezza…siamo troppo signori si’ con chi non merita una sega..

Rispondi
acp

il calcio padova è visto con ostracismo perchè tuttora considerato un qualcosa per gente di estrema destra. la città vota a sinistra. ma del resto nel 2023 ancora si porta la politica allo stadio per cui avanti così.

sono di destra sociale. vivo in centro. voto a padova. alle ultime elezioni ho votato prima di partire per palermo e di certo non ho votato giordani.

Rispondi
sauz

Acp hai colto un aspetto interessante : ecco personalmente se devo fare un appunto a metà anni 90-inizio 2000 la troppa politicizzazione della curva ci ha un po’ segato le gambe , in una città del genere non puoi schierarti politicamente allo stadio ( a parte che è una cosa inutile ) è troppo eterogenea , puoi schierarti a destra a verona e a sinistra a Livorno dove tutti la pensano come gli ultras ma qui è stato un azzardo che paghiamo tuttora e chissà per quanto altro tempo pagheremo . Una maggior neutralità come erano una volta i vicentini o come lo sono i veneziani ci avrebbe garantito le istituzioni più vicine e forse al plebiscito nessuno ci avrebbe rotto i coglioni a prescindere che chi ci ha messo i bastoni tra le ruote è ingiustificabile ..

Rispondi
Principe

Pura verità, d’altronde lo sanno anche i muri. Per fortuna le nuove generazioni di ultras stanno cercando di cambiare marcia. Rimane il fatto che la questione non si limita a questo, ma è legata proprio ad una visione snob che la città ha di se stessa. Basti vedere il tipo di locali che spopolano in centro e il tipo di locali che mancano completamente per decifrare l’anima di Padova.
Ma il male assoluto è lo stadio euganeo, freddo brutto lontano e senza servizi.
Al secondo posto nella classifica delle disgrazie ci sono i giornalisti locali che non battono questo tasto se non quando sono costretti

Rispondi
Pietro Smaniotto

Accontetiamoci di quello che passa il convento! Da quando tutti concordano che con i grossi nomi non si va lontano ecco che arrivano le formichine quasi gratis Fusi, Capelli, Villa, Crescenzi tutti contenti dello squadrone che sta per nascere, sarà un anno di tiro alla cinghia.

Rispondi
Andrè The Giant

Ora, io mi chiedo: ma era proprio necessario far venire a giocare il Lecco a casa nostra? Abbiamo la necessità di tirare su 4 schei dell’affitto? E’ questo il motivo?
Già il manto erboso farà cagare (Zed o non Zed), così non gli diamo nemmeno quei 15 giorni per recuperare o rimetterlo in sesto.
Cos’è, sono amici della Bianchi?

Rispondi
Fabio

I numeri non si fanno anche perché ormai anche lo zoccolo duro si è rotto della serie C.
Purtroppo oltre allo stadio abbiamo preso dalla parte sbagliata tutte le sliding doors che si sono presentate davanti: la più grande la finale col Novara. E anche in quel caso sfigati noi che è arrivato il Novara in finale con un gol al 90esimo, altrimenti contro la Reggina avremmo passeggiato in finale quell’anno.
Se ci pensate bene 13 mesi fa abbiamo fatto 2 partite con più di 10k di spettatori contro Catanzaro e Palermo. E anche le ultime partite della stagione regolare i numeri non erano malissimo.
L’unico modo per tirare su un po’ i numeri è riuscire a fare qualche anno fatto bene, e per farlo è necessaria almeno la serie B.
Dopo quello che abbiamo “subito” a livello di risultati negli ultimi 5 anni è già tanto che ci sia ancora lo zoccolo duro.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Siamo troppo buoni, guai chi tocca l’armeno che sgancia liquido, sappiate che nessun cane muove la coda per niente, neppure Oughurljan avrà sicuramente i suoi benefit. La Bianchi è la torre della scacchiera di Joseph, ora Peghin ne è il pedone, Mirabelli finchè vende e guadagna milioni è il cavallo, la nostra regina è il Padova che viene sempre arroccata dal re nero. L’unico vero tifoso era Bepi Bergamin, pace all’anima sua, neppure Bonetto che era intrallazzato col re bianco.

Rispondi
sauz

Principe interessante il discorso sui locali, intendi dire che ci sono troppi locali da figarei e sushi bar e pochi ruspanti come nane dea giulia? Dici che in città come verona e vicenza ce ne siano maggiormente e questo influenza secondo te anche la percezione di patavinità e di amore al territorio e poi alla squadra dei suoi abitanti? Non ci avevo pensato ma ci starebbe alla grande il ragionamento..

Rispondi
Pietro Smaniotto

SCUSATE NESSUNO HA LETTO CHE DAL 22 GIUGNO IL GARANTE DELLA PUBBLICITA’ E DELLA CONCORRENZA HA DIFFIDATO FACILE ENERGY PER TELEFONATE TRUFFA? POI SONO ANDATO A LEGGERMI I VARI COMMENTI, 80% SONO TUTTI INCAZZATI NERI CON QUESTI FASULLI CHE SONO DIVENTATI MAIN SPONSOR DEL PADOVA. LA SIGNORA BIANCHI DOVE CAZZO ERA CON LA TESTA E NESSUNO AVEVA PRESO INFO?

Rispondi
Emanuele

Buon giorno a tutti, scrivo solo per esprimere lo sdegno per una società nonchè stampa tutta, che ancora non informano di quando aprirà la campagna abbonamenti per andare a vedere il nostro Padova in quella merda di stadio violentato, seviziato e stuprato da migliaia di persone durante i concerti. Fatto bene perchè hanno pagato ma ora che anche noi poveri illusi di tifosi con il solo grande cuore per il biancoscudo quando potremo fare sto cazzo di abbonamento?
Ad agosto quando magari più di qualcuno se ne andrà a fare qualche giorno di meritate ferie? Altri club (la gran parte) hanno già iniziato la campagna.
I giornalisti invece sbavano per scrivere a che ora si sono alzati i giocatori nel ritiro.
Ma tanto a loro che gliene frega (MOSCATO compresa); vedono che comunque noi teniamo vivo il blog con i nostri interventi…e loro se la godono.

CHE SCHIFO!!!

Rispondi
Principe

Sono sicuro che Moscato starà confezionando un reportage con i fiocchi sullo stato della nuova curva che farà tremare i polsi a più di qualcuno e che risponderà a tutti i quesiti della tifoseria.

Rispondi
Sandro 1975

Tanti tifosi domenica è prevedibile che verranno su a Pieve per vedere la squadra.
Gli altri anni si organizzavano amichevoli, quest’anno pare un semplice allenamento alle 17. È possibile chiedere lumi? Grazie

Rispondi
acp

ANDATEVENE TUTTI.

lo ripeto da mesi e mesi. ora pare stia diventando l’opinione maggioritaria all’interno della tifoseria.

i concerti li fanno ovunque. solo a padova diventano un problema per il prato.

Rispondi
Emanuele

Ogni volta che mi collego vedo sto titolo drammatico….ma la Moscato è già in ferie?
Non cambia mai un cazzo qui a Padova.
Della curva???….si sa niente…
Del campo da rifare???…si sa niente
complimenti giornalisti….MOSCATO, EDEL, BORILE

Rispondi
DC

… un minimo di cronaca sul ritiro? Trattative serie e voci dal mercato? Presentazione seria dei calciatori (ad esempio.. Defise… chi è? In prova da dove?)? Interviste fuori schema (ad esempio a Mirabelli..)? NULLA.

Rispondi
Pietro

Rapido Midabelli compra sto Marsupio altrimenti te lo frega il Renate. Mah… Quanto mi mancano gli acquisti di Sogliano. Siamo a carità.

Rispondi
Fabio

Facciamo un paio di considerazione sulla partita di ieri.
Le 2 categorie di differenza si sono viste parecchio.
Diciamo che in questi ultimi anni, con la continua ricerca della costruzione dal bassa da parte di tutte le squadre, il divario tra serie A e serie B si è allargato parecchio,
quindi tra serie A e serie C c’è un abisso di differenza.
Consideriamo anche la differenza di preparazione dove sicuramente il Lecce è più avanti visto che tra meno di un mese la serie A inizia, mentre della serie C ancora non si sa nulla
se non che si inizierà a settembre, quindi almeno 2 settimane dopo la serie A.
Questi 2 motivi secondo me spiegano il primo tempo veramente difficile.

Il Padova ha fatto molta fatica in difesa: Crescenzi, Delli Carri e Ilie sono piuttosto lenti e contro giocatori veloci e brevilinei sono stati molto in difficoltà.
Soprattutto Crescenzi è sembrato molto in difficoltà, speriamo sia solo un fatto di condizione.
Rimane sempre il problema cronico del Padova di questi ultimi anni: quando siamo pressati facciamo una fatica bestiale ad uscire e andiamo nel pallone. Sono cambiati giocatori ed allenatori ma questo problema rimane.
Davanti abbastanza ingiudicabili, se non che io ci penserei 2 volte prima di vendere Russini, a meno che non sia lui che vuole andare via.

Rispondi
DC

Finalmente un commento “propositivo”, senza inutili polemiche. Mi ricordo un anno fa facemmo una partita simile con lo Spezia, però mi pare fossimo più avanti; ricordo pure che una settimana prima del campionato ci diedero 4 o 5 palloni anche quelli del Cesena… . Ieri considerando che era la prima partita seria, condizione in alto mare, squadra più o meno poco rodata, non fa molto testo. Ritengo però che, comunque, la difesa sia stata veramente troppo leggera (vedasi primo gol…) e si ha la netta impressione che manchi qualcosa in tutti i reparti. Detto questo, sempre e solo per la maglia, Forza PD!

Rispondi
Principe

Semplicemente assurdo anche solo commentare una partita del genere
Importante invece che Torrente abbia chiarito che la squadra così com’è non gli basta e che alla fine del ritiro farà presente alla società cosa serve

Rispondi
fabio.pd

Sono stremato da questa serie C……da inizi (a volte) prorompenti e finali (sempre) deludenti. Come ogni anno…siamo in una fase delicata: la ricerca e la scelta di pedine che possono essere decisive. In mio augurio e desiderio e che quest’anno si debba puntare ad essere SEMPRE DAVANTI alle altre squadre, fin da subito. Non ci devono essere altri obiettivi….”si ma tanto il campionato è lungo, basta stare tra le prime…” NO. Ed è importante che in questa fase di preparazione…..anche le partite più insignificanti….sia che si tratti del Lecce ( “ehh..ma è una squadra di serie A”)….sia che si tratti, per assurdo, di squadra parrocchiale……diventano fondamentali, devono essere prese con serietà, devono essere considerate sempre delle opportunità di confronto, di verifica delle criticità, di conferma che non siamo ancora in bolla con la squadra, e in conseguenza di crescita. Quando un aereo decolla spinge i motori al massimo, deve raggiungere una determinata altezza e poi può stabilizzarsi mantenendola per arrivare al termine del viaggio a destinazione. Questo è il mio augurio per la nuova stagione del PADOVA.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Solo i veri ULTRAS possono smuovere la sonnolenta Padova calcistica che da anni si sta affossando nel nulla. Ci vuole uno scossone potente, cazzo!!!!

Rispondi
Emanuele

PADOVANITA’ E CONTINUITA’…NON E’ L’INFERNO
PADOVANITA’ E CONTINUITA’…NON E’ L’INFERNO
PADOVANITA’ E CONTINUITA’…NON E’ L’INFERNO
PADOVANITA’ E CONTINUITA’…NON E’ L’INFERNO
PADOVANITA’ E CONTINUITA’…NON E’ L’INFERNO

ma bastaaaaaaaaaaaaaaaa….ma dove vuoi che andiamo…altro che smossa che occorre…

Rispondi
DC

ACP, riprende la maglia anni 80 (primi anni, se non sbaglio biennio 83-85). A me piaceva quella con maniche rosse…

Rispondi
Emanuele

BELLA MERDAAAAAA GRAZIE ALESSANDRA BIANCHI….
130 € IN PRELAZIONE E 130 ANCHE PER I NUOVI
GRAZIE CALCIO PADOVA PER PREMIARE I COGLIONI DI TIFOSI FEDELI AI COLORI…
GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
CHE SCHIFOOOOOOOOOOO

Rispondi
Lacoste76

Pur nella tristezza di tutto il resto, devo dire che la nuova maglia è bellissima e molto evocativa della storia della squadra che riaccese gli animi ad inizio 80 dopo il grigiore dell’era Farina. La comprerò. Bellissimo vedere gli storici bottegai del centro con la maglia. Bravi. Sulla squadra in costruzione invece…mediocrità assoluta..,ma ormai si sa che va così.

Rispondi
DC

Concordo.
Il mercato è come lo scorso anno: si parte subito con 3/4 acquisti poi stasi completa e obiettivi dichiarati che mano a mano s accasano altrove. Per fortuna che essere usciti quasi subito dai play off doveva essere compensato dal poter agire in anticipo sul mercato. Condivido però una riflessione, molto amara: è inutile spendere una fracassata di soldi senza avere una buona possibilità di salire (modello tempi di Cestaro o i primi anni di Oghurlian..), vedremo se Triestina, Mantova o Wcenza che stanno facendo veramente la differenza in termini di investimenti, cosa avranno da dire a fine stagione (almeno due probabilmente saranno ancora relegate alla C)

Rispondi
ROBedamatti

La prima cosa bella… una maglia che rievoca partite all’Appiani che fa venire in mente tuttopannocarta e Ottoni. Ho pensato di fare l’abbonamento anche solo per sostenere la squadra sicuro che allo stadio non ci sarei andato lavorando spesso all’estero (in passato ho fatto l’abbonamento anche se ero in Africa), poi ho visto il triste siparietto della conferenza stampa di oggi e ho cambiato idea. Che sfiga tifare Padova!

Rispondi
DC

Sicuro? Wcenza, Triestina cui aggiungo Mantova e almeno una o due sorprese come ogni anno. Sarà dura, come sempre, la speranza è che i nostri siano all’altezza (dipenderà dai prossimi acquisti secondo me, oggi panchina un pò corta e mancanza di qualche pedina, come dice il mister). Per ora siamo nel range 4°-7°, sulla carta. Poi si vedrà, la speranza non muore mai! Sempre e solo per la maglia.

Rispondi
Massimo

Infatti come ho detto girone da terza categoria, più scarso di così non poteva essere .. se non si va su quest’anno …..

Rispondi
Il vecchio Max

Suppongo che a sto punto intendi la terza categoria del Burundi, mica la nostra. quQuelloche pensiamo noi sul valore e le difficoltà del nostro girone conta meno di zero. Parla il campo, parlano i fatti, non il “blasone”. Dal girone super scarso dell’anno scorso sono spuntate fuori le due finaliste di Coppa Italia e due squadre promosse in B. Per cui se squadra e società approcceranno la stagione come te, ho forti motivi di pensare che la B ce la scordiamo di sicuro. Anche perché il discorso del “ se non ci andiamo quest’ anno…” possono farlo ( a maggior diritto di noi) anche Vicenza e Triestina, ad esempio. Eh sì, perché se sarà comunque un girone facile, lo sarà anche per i nostri avversari. O sbaglio?

Rispondi
DC

Per la maglia, che è quella che conta. Dovessimo vedere i risultati sportivi, non esisterebbe (in giro per l’Italia) la figura de “l’abbonato”.

Rispondi
Principe

La maglia è svilita ed umiliata ogni volta che entra in scena all’euganeo
La sfera sportiva paradossalmente è quella che conta meno, anche se la totale mancanza di ambizioni rendere ulteriormente difficile seguire
Lo dissi due mesi fa: la stagione 23/24 segnerà il record negativo di abbonamenti della storia del Calcio Padova

Rispondi
Fabio

Ogni opinione personale è rispettabile.
Io però non la condivido. Io gioisco e soffro (nella mia storia di tifoso ho più sofferto che gioito) per il Padova, per il Biancoscudo.
Non per lo stadio, i giocatori o il presidente di turno.
Sarà il minimo storico di numero di abbonamenti? Probabile.
Dopo 4 delusioni in 2 anni, la costruzione di una curva che sembra fossilizzata (con i media che non aprono bocca im merito…vergognoso a dir poco), dopo un anno anonimo e un mercato non entusiasmate, è molto probabile che ci saranno pochi abbonamenti. Anche lo zoccolo duro in questo modo viene messo a dura prova.
La mia voglia di tifare e soffrire però si rigenera in estate. Ho voglia del Padova e dello stadio.
A volte penso all’era Cestaro in C: ogni anno partivamo come i favoriti, e abbiamo raggiunto un 5 posto per grazie divina (e forse anche qualcosa di più) dopo 6 o 7 anni. Penso agli ultimi anni dove eravamo i favoriti e abbiamo avuto le delusioni peggiori della nostra storia recente.
Io mi appiglio alla speranza che una maniera differente di interpretare la serie C possa essera anche per noi quella giusta. Quella di spendere e fare lo squadrone si è dimostrato sbagliato…almeno alla nostra latitudine.

Rispondi
Principe

Dobbiamo tutti renderci conto che lo zoccolo duro ha già per la maggior parte mollato
Lo zoccolo duro era costituito da 4/5000 persone, irriducibili, che si sono ciucciate la serie C nell’agghiacciante teatro dell’euganeo
Non quelli che venivano in serie A, non quelli dell’amichevole con Del Piero, non quelli dei playoff e nemmeno quelli dei derby: quelli che si sorbivano il pizzighettone con la pioggia.
Ecco, questa gente ha per la stra grande maggioranza abdicato

Rispondi
acp

ormai allo stadio ci va chi ha una buona compagnia con cui andarci.

ho visto il girone. la serie D era più divertente. paesi, paeselli, paesini, paesotti. anche quelli del “andiamo solo in trasferta” finiranno in depressione.

il lato sportivo? frega un cazzo ormai. tanto in B no ghe ndemo e interessarmi a come arriveremo quarti non mi interessa.

squadra torna dal ritiro e due amichevoli a porte chiuse, la terza a ciosa con pubblico contingentato. giochiamo le amichevoli con una maglia vecchia con toppa bianca a coprire uno sponsor che non sponsorizza più. che spettacolo.

leggevo di una amichevole all’appiani a fine mese. ci sarà più gente che alla prima in casa.

Rispondi
Principe

Nel frattempo, il povero Torrente continua a supplicare a mezzo stampa l’arrivo di un giocatore per reparto, facendo intendere che così come siamo non andiamo da nessuna parte, senza che nessuno dalla società si prenda la briga di dire due parole pubblicamente

Rispondi
DC

Beh, il presidente ha detto che tutto si sbloccherà dopo ferragosto e verranno fatti degli innesti. Piuttosto, da capire poi chi saranno, tempistiche per metterli in forma e farli inserire nel gruppo squadra. Sempre che non ci siano nel frattempo “dolorose” partenze, che ben delineerebbero i reali obiettivi della stagione…fare plusvalenze.

Rispondi
crestaalta!

Dall’esterno ci danno per favoriti, con Mantova Wincenza e Triestina, certo son pronostici estivi, però anche così qualche cosa in campionato si può valere.

Rispondi
sauz

Ragazzi ma tiriamo fuori un po’ sto cazzo di orgoglio, sì che ci sono motivi per abbonarsi, il sostenere la squadra della nostra città, il far vedere che nonostante la merda che ci circonda siamo vivi vegeti e valiamo, ste pantomine di disertare lo stadio è un gatto che si morde la coda, ce lo prendiamo in culo solo noi perchè, causa anche abbandono di molti , il nostro peso in città è limitato. Lo vogliamo capire che per cambiare la nostra cazzo di storia dobbiamo presenziare, esserci e farci sentire oltre che in trasferta anche in casa. E’ vero le prospettive non sono rosee , la proprietà non investe più, ma qualcosa di positivo si muove, la presentazione in prato della valle ne e’ un esempio. Smettiamola di brontolare e di fare gli snob perchè si carissimi dobbiamo volare basso e dare di più non incensarci alla cazzo di cane che non serve a nulla. Si può e si deve sempre migliorare e il piangersi addosso non serve a una fava perchè sembriamo dei bambini capricciosi, proviamo a fare 3000 abbonati, ci riesce trieste che l’anno scorso ne ha fatti 4000 e viene da sessant’anni senza serie A e con molte analogie con la nostra storia, d’accordo hanno uno stadio con la S maiuscola ma per il resto? Riempiamo lo stadio, abboniamoci e più siamo più le istituzioni muovono il culo sennò continuiamo a considerarci gli eterni sfigati come destino calcistico e una piazza fenomenale per il resto che di strada ne faremo poca, la vita e’ breve godiamoci la nostra passione e facciamoci meno seghe mentali che saria ora..

Rispondi
Baldo

Ok.. Ma è anche vero che nel nostro girone(togli VI è TS) nn ci son grandi piazze… da far confronti

Rispondi
Pietro

Non puoi avere la bocca buona gustare cibi gourmet il Padova prepara solo pastoni per bestie posso dire che dopo più di 50 anni che tifo Padova ovunque m isono rotto i coglioni solo C, sempre C qualche apparizjone rixicola in B e poi C. BASTA CAZZO, vado a vedere il Petrarca Rugby almeno siamo i migliori.

Rispondi
acp

ah non sapevo che i colori sociali fossero il rosso e il blu.

visto il primo tempo ad abano. poi sono andato a fare aperitivo visto la totale inutilità dell’amichevole.

il passaggio al 352 resta un mistero.

basta chiacchere. contestate sta s.p.a e venite a mantova.

Rispondi
Massimo

Mirabelli ha avuto il prolungamento del contratto sino al 2026… metti che nel frattempo si vada in B ci affidiamo a lui per l’allestimento della squadra per la serie cadetta.
Per quanto riguarda Guerra … va bene un 34.nne a fine carriera … altro Ceravolo?

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code