Torna al blog

UN BRUSCO RITORNO ALLA REALTA’, FONDAMENTALE SARA’ LA REAZIONE

Padova-Mantova 0-5. Solo a leggere il risultato, senza aver visto la partita, vengono i brividi e c’è da rimanere increduli. Come è possibile che una squadra come quella biancoscudata, dopo un intero girone passato senza perdere una gara, chiuso con un più che lusinghiero secondo posto in classifica e la miglior difesa del raggruppamento, prenda 5 gol in un’unica volta?

Per evitare di buttare via 19 partite fatte davvero molto bene e, soprattutto, di trascinarsi l’errata prestazione della ventesima rischiando di incappare in altri passi falsi che allungherebbero un divario dalla vetta che già si è fatto di 8 punti, occorre precisare alcuni aspetti che devono trasformarsi in piccoli trampolini per rilanciarsi immediatamente.

1) Innanzitutto il Mantova ha fatto la partita perfetta. Esistono gli avversari e la squadra di Possanzini ha dimostrato di meritare il primo gradino del podio per quanto espresso fino a questo momento. Il Padova invece, che pur aveva avuto un buon approccio alla sfida, si è poi lasciato trascinare nel vortice del nervosismo e del dispendio inutile delle energie in proteste per falli non concessi o situazioni non viste dall’arbitro (che pur ci sono state, va precisato). Diciamo, per fare un esempio, che il Padova si è comportato come la Triestina proprio contro i biancoscudati al “Rocco” lo scorso 22 dicembre, mettendo Donnarumma e compagni nella condizione di far proprio il risultato.

2) I gol presi sono stati 5 perché il Padova fino all’ultimo ha provato ad andare a riaprirla, anche sullo 0-3, incassando gli ultimi due gol oltre il novantesimo perché terribilmente sbilanciato in avanti. Insomma non ci troviamo certo di fronte allo 0-5 della passata stagione contro la Pergolettese, giusto per citare il precedente temporalmente più vicino e più infelice. Il fatto che i ragazzi non abbiano voluto mollare, pur non riuscendo a rendersi concretamente pericolosi, la dice lunga sulla loro grande generosità e sullo spirito di sacrificio che è davvero il loro marchio di fabbrica, da apprezzare sempre e comunque. Hanno “sudato” la maglia anche contro il Mantova, insomma, non riuscendo però a convogliare sui giusti binari il loro immenso impegno (i tifosi, a fine gara, lo hanno percepito, accogliendoli, nonostante la debacle, sotto la tribuna, con cori di incitamento).

3) C’è chi dice che il Mantova ora crederà di avere la B diretta in pugno e mollerà inconsciamente la presa. Lo ha sottolineato anche mister Possanzini a fine gara, dicendo chiaramente che toccherà a lui “rompere ai suoi giocatori le palle, per tenerli sempre sul pezzo”. 8 punti sono tanti e, anche se mollerà la presa di qualche centimetro, di sicuro il Mantova ha messo una zampata decisiva verso la serie B allungando il suo vantaggio sul Padova. Ma è giusto che, come ha già fatto qualche tifoso biancoscudato un po’ più “matto” di qualche altro, cavalcare quest’onda e pensare che, dopo questa battuta d’arresto, saremo proprio noi a caricarci al punto da compiere una bella rimonta. Anche qui torna alla mente l’episodio del 2017, quando, dopo aver perso malamente alla prima di campionato a Meda contro il Renate, l’allenatore del Padova Pierpaolo Bisoli andò sereno e convinto dal presidente Roberto Bonetto a dirgli: “Dopo questo 0-3 sono ancora più sicuro che vinceremo il campionato”. E alla fine arrivò proprio la B diretta.

Il mese di gennaio sarà contrassegnato dal mercato di riparazione. Il direttore sportivo Massimiliano Mirabelli ha già detto che non farà stravolgimenti. Dopo la batosta contro il Mantova, a mio avviso deve essere ancora più rigido su questo concetto: comprare giocatori di nome tanto per rimpolpare con qualche colpo a effetto, sconfessando di fatto il progetto della scorsa estate che ha puntato su un gruppo di ragazzi sani e con voglia di emergere, sarebbe un pericoloso boomerang e romperebbe equilibri che fin qui hanno funzionato alla perfezione.

Questa è la strada per non farsi travolgere da quanto successo lunedì sera all’Euganeo. Mister Torrente si è preso tutte le responsabilità, ma esattamente come Possanzini, è dalla scorsa estate che lavora senza indugio alla costruzione e al potenziamento tattico e morale di questo gruppo che finora non aveva mai sbagliato l’atteggiamento. Saprà senz’altro continuare sulla strada tracciata, che ha portato ad una prima parte della stagione davvero strepitosa, con prestazioni maiuscole contro tutte le componenti del girone A, ad esclusione solo del Mantova.

111 commenti - 5.820 visite Commenta

Massimo

Voglio rispondere ai punti indicati dalla Martina ( ovviamente concetti personali):
Punto 1) una squadra che gioca così, il Mantova, e’ solo perché è forte negli schemi, nel palleggio, nel possesso palla, talmente superiore che si è permessa di giocare al torello dentro la propria area ( mai visto un gioco così ne’ in C ne’ in B) e nulla ha a che fare il nervosismo del Padova , hanno fatto tutto quello che hanno voluto, sembrava per loro un semplice allenamento.
Punto 2) il Padova ha provato fino alla fine? Con un tiro in porta ( 1!!!) in tutta la partita la vedo un po’ presuntuosa come visione .
Punto 3) e’ vero la B diretta la può’ perdere solo il Mantova.. per quando riguarda l’esempio di Meda con Bisoli e’ appunto perché c’era il Bisolone ( che personalmente ritengo un ottimo allenatore) e non Torrente, differenze non di poco conto, con Bisoli non si prendeva questa imbarcata!
Per il mercato si sa che a Gennaio è come comprare con i saldi, avanzi di magazzino.
Per ultimo si devono assolutamente evitare i playoff ( solo se il Mantova scoppia) in quanto troveremo un Vicenza rinato, una Triestina forte ed altre mine vaganti, oltre ad altre di altri gironi.
Si vedrà…

Rispondi
Il vecchio Max

Devi però ammettere che 1) anche il Bisolone l’imbarcata se l’era presa 2) il Bisolone non si è trovato in mezzo ai piedi una squadra che viaggiava a una media di 2,5 punti a partita e nemmeno a una media di 2,15, che è quella del Padova di Torrente.

Rispondi
Fabio

Il Mantova ha fatto una gran impressione. Possanzini ha creato una gran macchina e bravo il DS ad andare a prendere i giocatori giusti per questa filosofia di gioco. Per niente in Inghilterra stanno incensando De Zerbi e Possanzini gioca con la sua stessa filosofia.
Quello che bisognava evitare era di andare a prenderli troppo alti, aprirsi e lasciare tanto campo aperto a Galuppini e Mensah. Ma una volta andati in svantaggio (su una palla inattiva) devi per forza cercare di recuperare e fare il loro gioco.
A proposito del calcio piazzato: mi piacerebbe sapere se il fatto che Villa stesse difendendo su Redolfi, sia stato un caso o se sono stati bravi loro a farlo capitare o se fosse voluto.
In ogni caso manca tutto un girone. Noi dobbiamo giocare e cercare di continuare a vincere per arrivare al secondo posto. Ovvio che il campionato lo può perdere solo il Mantova ma nel caso succeda noi dobbiamo essere li.
Alla fine a noi è capitato, certo sono le cose che capitano solo a noi di perdere un campionato già vinto, ma se mai dovesse capitare noi dobbiamo essere li.

Per quanto riguarda il mercato qualcosa deve essere fatto, soprattutto a centrocampo. Continuo a trovare inutile avere Dezi (che se non sbaglio è il giocatore più pagato) e tenerlo sempre in panchina. Se il mister non lo vede (lui come Bianchi) meglio cambiare e prendere giocatori che il mister faccia entrare nelle rotazioni di centrocampo, che lunedì è stato il reparto che più ha deluso rispetto al solito.

Rispondi
tifoso ignoto

7 punti di distacco dalla vetta non sono poi un’enormità, riuscire a essere sempre lucidi fino all’ultimo non è facile, del resto la capolista ha già ciccato un paio di volte anche se nel conto vittorie è la migliore del girone. Non tutto il male vien per nuocere, ci scrolliamo di dosso il peso dell’imbattibilità, torniamo sulla terra e lasciamo volare il Mantova chissà che anche per loro non arrivi il momento di precipitare.
Inoltre chi è rimasto scioccato dal gioco del Mantova tenga conto delle responsabilità del Padova secondo me impostato male per una partita del genere.
D’accordissimo con chi dice che non puoi pressare sulla loro meta-campo quando soffri il giro palla degli avversari e alla fine ti scopri e loro sanno come infilarti.
Foga contro una lucida disciplina di schemi ben assimilati, non c’è scampo.
Direi che Torrente per ora quella col Mantova è l’unica partita che ha sbagliato e lo ha fatto per troppa sicurezza, pensando piu al proprio gioco che non a quello dell’avversario. Non siamo stati umili e il Mantova ci ha umiliato e per un allenatore che ha sempre predicato umiltà direi che è un bel passo indietro.
Ultima cosa: il Mantova ha speso metà del budget rispetto al Padova, ha praticamente azzeccato tutto dal direttore sportivo ex Pro Sesto(l’anno scorso stava davanti al Padova) l’allenatore, autentica rivelazione, ma non piu di tanto come vice di De Zerbi ha assimilato alla perfezione gli schemi del gioco moderno. Puntando su Galuppini eterna promessa che ora sta mantenendo e quella mina vagante di Mensah mezzo giramondo dalla Virtus Verona passando per Trieste facendo vedere cose egregie ma discontinuo fino a Pordenone dove ha giocato poco e mai segnato, ora punto fermo del Mantova lì davanti. Qualcuno evidentemente ha visto lungo.

Rispondi
Marco

Sottoscrivo ogni singola parola. Solo a livello di palle goal crete dovremmo migliorare, solo in poche farsi del girone abbiamo segnato con regolarità, infatti i pareggi sono arrivati perché non abbiamo segnato o fatto solo una goal.
Comunque entusiasmo e fa bene Martina a richiamare all’ordine quella parte di tifoseria delusa. Alla fine i ragazzi hanno fatto una prima parte di campionato grandiosa.

Rispondi
frengo

Anche a mio parere Torrente ha sbagliato qualcosa.
Si conosceva molto bene il gioco del Mantova e si sapeva che avrebbe provato a costruire sempre dal basso, pure giocando nella propria area.
Qualche contromisura avrebbe dovuto esser trovata. Abbiamo fatto lo stesso gioco di sempre e siamo andati in confusione.
Soprattutto, sono mancate lucidità e precisione in ripartenza nel recupero palla, nelle poche (ma ci sono state) occasioni in cui il Mantova non è stato preciso in fase di ricostruzione.
I nostri tutti sotto tono e contratti e pure molto nervosi.
Comunque a scanso di equivoci, per il primo posto il campionato è finito. Pretendere che una squadra che in 20 partite ne ha vinte 16 (miglior attacco e miglior difesa del campionato) e che ha fatto 50 punti su 60 disponibili ne perda 8 dalla seconda è pura utopia.
Mettiamocela via in fretta altrimenti perderemo anche il secondo posto.

Rispondi
Il vecchio Max

Che il Mantova possa perdere qualche colpo non è utopico, è assolutamente possibile, perché finora tutto gli ha girato a favore, per loro stessa onesta ammissione. Ad esempio, noi per 4-5 gare siamo stati senza 3 attaccanti, loro nemmeno un raffreddore. Non un chiaro errore arbitrale a sfavore, tipo quello che abbiamo subito noi col loro primo gol( tra l’altro doppio, perché il fallo su Mensah per me non c’era), avversari in serie che prendono pali e traverse, gol fatti con tiri sbagliati…Diciamo che finora non sono stati messi ancora alla prova della ruota che gli gira contro, e quella di solito non guarda in faccia a nessuno. La Triestina intanto al momento ha qualche chances più di noi, visto che prossimamente avrà lo scontro diretto, mentre noi, più che mettercela via, dobbiamo preoccuparci di riprendere il percorso intrapreso in precedenza, dopo il corto circuito di lunedì, cosa affatto semplice.

Rispondi
robi14

E’ vero ci vuole equilibrio nelle valutazioni. Però…però…però….
C’è chi sostiene che i campionati si vincono non prendendo goal predisponendo difese impenetrabili e non perdendo. Ed è stato vero per il Sud Tirol. E’ pure vero però che il Mantova oggi ed il Catanzaro ieri, vinceranno o hanno già vinto i propri gironi in primis segnando a ripetizione, pareggiando poco o nulla e vincendo l’impossibile.
Però il Mantova visto a Legnago non sembrava neppure la parente povera del Mantova visto a Padova: forse che S. Antonio ha aiutato loro e voltato le spalle a noi????
Però Torrente aveva detto che queste partite si preparano da sole. Il Mantova è stato in ritiro pre-partita e sul campo sapeva bene cosa doveva fare. Il Padova che aveva già in mente cosa fare anche senza dover studiare chissà quali tattiche, in campo non è esistito proprio.
La realtà è che il calcio non è una scienza esatta e le variabili che concorrono al risultato finale sono moltissime. Puoi fare lo squadrone con nomi altisonanti e non vincere un piffero ovvero costruire un gruppo di perfetti sconosciuti ed arrivare primo nel girone. La realtà è che il Mantova ha giocato la partita perfetta mentre il Padova, forse troppo presuntuoso e mal disposto in campo, la peggiore.
Umorismo a parte i limiti oggettivi il Padova li ha e sono soprattutto a centrocampo dove Varas e Fusi hanno tenuto botta finchè hanno potuto ma adesso devono rifiatare assolutamente e Radrezza, per quanto padovano puro sangue e signor professionista, è troppo lento e lezioso sia nel proporre che nel coprire. Aggiungiamo che Dezi non è un regista, che Bianchi rimane un oggetto oscuro e Cretella sta vivendo la classica annata sfigata. Si deve andare sul mercato assolutamente.
E qui mi fermo.

Rispondi
DC

Condivido a pieno robi14. E’ dall’inizio che dico che comunque andasse, bisognava rinforzare il centrocampo e questo la sa bene anche Torrente che da quando è arrivato chiede un regista vero. Se poi Dezi e Bianchi bucano, la frittata è fatta e il fiato di Fusi e Varas è corto. Leggo su altro sito di un interesse per Ndoj in uscita dal Brescia. Comunque dopo l’iniiale disfattismo possiamo giocare con tranquillità, sapendo che a questo punto solo il MN (a proposito, sportivi complimenti alla squadra e un insulto alla tifoseria, con lame allo stadio e a fischiare il caro Andrea Moretto) può perdere il campionato. Tutto sta nel continuare a correre (pù o meno…) sperando nel classico inciampo della capolista.

Rispondi
sauz

Cara Martina innanzitutto ti sono vicino per la dolorosa perdita di tua madre è ti faccio le mie più sentite condoglianze e ti mando un abbraccio . Secondo me siamo stati dannatamente supponenti , non serve no il ritiro , lo fa il ritiro chi ha fame e palle noi invece mandiamo in loop su Instagram i reel di una rovesciata e andiamo a fare il safari in Egitto mentre gli altri si spezzano la schiena nell umidità del veronese eh ma noi siamo fighi noi non abbiamo bisogno, noi perdiamo tempo con interviste su progetti di grandeur mentre gli altri tacciono e massacrano sul campo , la imparassimo una volta nella vita la lezione . E poi il continuare a giocare sul tre a zero non è questione di cuore secondo me ma di essere una banda di eunuchi, quando hai preso tre palloni devi essere peggio dell ispettore Colombo e non lasciare nulla di intentato ed evitare figure di merda e non continuare alla cazzo di cane . Il gruppo di Bisoli era un gruppo di uomini con la U maiuscola mica questi miracolati che si credono campioni . Facciamo tre vittorie salviamo la baracca e dopo a giugno si dica a oughurlian che se deve continuare così ci lasci morire in pace , noi vogliamo gente scafata , di categoria , mi sono frantumato le uova a prendere cinque pappine una volta all anno , posso accettare di prenderne sei in serie B quando sono già con le chiappe al caldo ma in terza serie non è ammissibile , abbiamo visto più terza serie noi che Carlo Verna in tutta la sua vita con la trasmissione C siamo , sono stanco di queste figure di sterco abominevoli, non c e nessuna giustificazione e questi peracottari altro che far paura al Mantova i viegiliani possono essere fermati solo se hanno supponenza e non mi sembra il caso o se perdono qualche punto per strada e la Triestina recupera . Noi non abbiamo nessuna speranza , portiamo altro fieno in cascina , scavalliamo cinquanta punti e dopo che vadano tutti a quel paese . Mi spiace per il buon Donnarumma che crede di recuperare , io fossi lui farei dei raggi al rachide cervicale perché d ora in avanti si dovrà chinare molteplici volte per raccogliere palloni nella rete a partire da domenica dove il buon Legnago ci cuocerà come un risotto al tastasal alla fiera di isola della scala. Una squadra che va in confusione in una partita simile dove L acquolina in bocca dovrebbe essere un mantra non può fare alcuna strada . Mi spiace per chi crede nella cadetteria, scolteme mi salviamo la stagione e dopo saluti e baci questa accozzaglia di giocatori non può fare niente di più e vedrete il buon Vicenza che tanti di voi prendono per le chiappe come risorgerà e per vederlo dovremmo attrezzarci di binocolo . Questi adesso prendono il leit motiv dell anno scorso dopo Crema , poverini sono scossi , hanno paura , quanto ghe servaria on fia de caena di montaggio in un capannone zona solesino a ferragosto con 40 banane all ombra dopo te vedarissi se i posta i aperitivi nel deserto . Ma noi indomiti stiamogli vicino tanto a luglio a scaldarse i ovi al parco della musica mentre a 40 km ad est sono in serie A a 35 ad ovest sono in serie B a 80 ad ovest restano in serie a ghe semo noialtri miga iori e speremo solo che i trevigiani nn salgano di categoria , e L ultimo baluardo di consolazione che ci resta ma semo talmente sfigai che cadrà anche quello . Un pensiero va agli amici veronesi che abitanti nelle zone di bevilacqua, minerbe e compagnia cantante, ma quanto battete i denti dallo scampato pericolo ? Qualche km a ovest ha salvato L intera vostra esistenza , se nascevate a montagnana eravate strenui utilizzatori di pasta fissan e invece L avete scampata deretano indenne ! A buon intenditor …

Rispondi
QuoreSqudato

Però Sauz… anche tu!
L’unica volta che non hai pronosticato l’imbarcata, il Padova a 90°, ecco cosa succede!!
Puoi, per favore, fare una delle tue sado-maso-previsioni per le prossime partite?

Rispondi
Andrè The Giant

Chi è andato a prendere l’aperitivo nel deserto?

Sicuramente la vittoria di Trieste con tanto di eurogoal in rovesciata ha creato un eccesso di euforia. Pausa natalizia, panettoni, spumanti, imbattibilità, trionfalismi su giornali e social hanno fatto il resto.
Però da uno come Torrente non mi sarei aspettato il mollare la presa. La faccenda della partita che si prepara da se non mi ha mai convinto. L’aveva detto anche prima di Trieste ed è andata bene ma quando hai 15 giorni di pausa (durante le feste) e vai ad affrontare la prima in classifica (che invece è in ritiro) mi farei qualche domanda se la preparazione è stata gestita nel modo migliore.

Quando Torrente afferma di assumersi la responsabilità di quanto accaduto e chiede scusa credo non sia la solita frasetta che va di moda dire dopo le imbarcate (ormai tutti chiedono scusa ai tifosi, quasi fosse un atto dovuto, ma tanto sono parole…). Secondo me lui sa bene di aver sbagliato la preparazione alla gara.

Rispondi
fabio.pd

Questa era la PARTITA !! Ho visto giocatori mosci, che non correvano, la squadra sembrava un pugile inebetito che prendeva continui colpi alla testa. Pensavano che sarebbe bastato un guizzo per fare risultato ? Loro sono stati un autentico schiaccia sassi, un rullo compressore. Una squadra così merita la promozione. Questa partita è stata troppo crudele, è inutile dire che bastano tre buoni motivi per continuare a credere…..L’UNICA occasione l’hanno sprecata, buttata via. Per me il campionato è finito lunedì sera. Le due settimane di fine/inizio anno dovevano essere un’opportunità di creare concentrazione, preparazione tattica, invece questo lassismo e sperare nella buona sorte ha fatto il resto ! Pazzesco…..

Rispondi
Massimo

Fabio, tutto ciò si chiama presunzione.. la peggiore nemica, specialmente per chi in realtà è un mediocre.
E’ vero una squadra che gioca come il Mantova merita la promozione… solo loro possono perderla .

Rispondi
acp

noi siamo i padovani. staltri xe miseria. non chiedeteci più un cazzo. dovete darci la B come minimo, dovete riverirci come dei. l’euganeo è merda.

sabato tutti a sitadea. domenica tutti a legnago.

il padova siamo noi.

torrente gravemente colpevole per la lezione di calcio subita lunedì. servono due centrocampisti. lo dico da agosto. non arriveranno. arriverà l’ennesimo anno di sta merda di categoria. oltretutto nel girone più triste dei 3.

Rispondi
Flavio

Siamo la squadra dei record, in positivo (imbattibilita’) e in negativo (peggior sconfitta casalinga in C). E la tifoseria gongola, si eccita e poi, la depressione più nera con incazzatura per la storica serie di delusioni. Nei momenti che contano, quando lo stadio torna a riempirsi, ci si castra inesorabilmente: giusto per riassumere gli ultimi anni: Alessandria in casa, Palermo in casa, Virtus Verona (al di là delle attenuanti da arbitraggio) …ma, in precedenza, l’Albinoleffe etc. Siamo questi. Torneremo in B, ma chissà quando …ci vuole la giusta alchimia (si dice). Intanto, speriamo che dopo ‘sto 0-5 non sbrachino. Penso anch’io che Torrente abbia fatto il mea culpa perché ( ma con il senno di poi) ha capito che dopo i buoni minuti iniziali con un bel pressing, un Radrezza totalmente fuori misura e le avvisaglie di contropiede micidiale, doveva stare un po’ più chiuso. Ma è arrivato il primo goal (polli, da calcio piazzato). Poi sul 2-0 un 4-3-3 che si è rivelato fatale (ma era condivisibile anche se, col senno di poi, suicida). Vabbe’, speremo ben.
P.S. anche da parte mia le più sentite condoglianze a Martina per la perdita della Mamma e a tutto TeleNuovo per la perdita di Andrea Moretto

Rispondi
Flavio

Un benvenuto a Crisetig, sperando non sia solo un nome per la C ma che metta, oltre alle qualità calcistiche, cuore, grinta e sudore per la causa biancoscudata. Certo che non gioca da quasi un anno (mi pare) e chissà quando potremo vedere il suo vero valore. Sempre FORZA PADOVA

Rispondi
Andrè The Giant

L’ultima partita giocata con la Reggina lo scorso maggio.
Finalmente una valida alternativa a Radrezza, anche dotato di una certa fisicità. Il nome lo conosciamo tutti. C’è solo da sperare che raggiunga una forma decente in tempi accettabili ma d’altronde a gennaio è così.

Rispondi
sauz

Chi pensa che oggi L unico risultato disponibile sia la vittoria le cose sono due : ho ha la stessa conoscenza del Padova calcio di quanto Solange c’è L abbia per la patata o viene da Marte . Oggi se strappiamo un punto da Legnano e oro colato ma torneremo con due pappine sul groppone perché quando si costruiscono le squadre bisogna portare gente con i coglioni . Avete ragione quando dite che il Mantova dopo Trieste ha vinto subito ma loro sono di un altra pasta gente con i coglioni non gente priva di uova come i nostri . Adesso poverini hanno il contraccolpo psicologico come L anno passato , io auguro a tutti loro splendida salute e vita serena perché se dopo una sconfitta solo a Padova c e il problema del contraccolpo psicologico io non oso pensare questi giocatori quando avranno veramente difficoltà nella vita come faranno . E un leit motiv trito e ritrito oggi giocheranno impauriti e i due peri non ce li toglie nessuno poi come finirà ? Che faranno fuori il buon Torrente in poco tempo e in settimana nelle interviste ci diranno che negli allenamenti sono concentrati e che ne usciranno fuori . Sono cinque lustri che ascolto sempre le stesse manfrine e uscire fuori dal momento nero lavorando e un mantra che mi porterò finché campo . Noi ne usciamo sempre dicono e mi paiono tanto le parole di uno stitico quando spera nell agognata cagata che mai arriva . E noi tutti pronti a fare quadrato e a coccolarli , ghe credo che tutti voe vegnere xugare qua, in centro nessuno ghe rompe i cojoni perché drammaticamente questa città di pandoloni non conosce i suoi calciatori tranne noi pochi irriducibili ,, quando che i perde contestazione al minimo e attaccamento , tanto mentre loro sganciano pecore a destra e manca noi le pecore le prendiamo nel retto . Brutto risultati ieri anche dietro corrono , mi spiace per il buon Torrente uomo di altissimo profilo come non se ne vedevano da anni a queste latitudini . Crisetig grande uomo e calciatore speriamo solo che lor signori non gli mettano i bastoni tra le ruote ma tutto può accadere qui … a buon intenditor…

Rispondi
Massimo

Sauz dai oggi che problemi vuoi ci siano, siamo obiettivi il Legnago è una squadretta meno che mediocre, se poi lo dici per scaramanzia va bene ma non esageriamo… oggi si vince e basta!

Rispondi
Flavio

Non è che abbiamo un gioco che può andare (spesso) bene e (talora) male; mi pare che la variante siano le altre squadre mentre noi abbiamo quasi sempre un gioco approssimativo e in tutti i pareggi, che dovevano essere vittorie, abbiamo giocato lenti, con lanci imprecisi e tiri velleitari. Eppoi, c’è la maledizione del centravanti che ha colpito anche Bortolussi. Nostalgia per Ginestra e Succi … e Liguori tira i rigori sempre allo stesso modo …anche a Fortin

Rispondi
Andrè The Giant

Si capiva dall’intervista di sabato che avrebbe giocato Bianchi al posto di Radrezza. A questo punto direi che Dezi ha la valigia in mano.
Se poteva considerarsi un’occasione per mettersi in luce, Bianchi l’ha fallita decisamente. Praticamente non ci si è accorti che fosse in campo. Minimo sindacale e passaggetti al compagno più vicino. La riprova che al momento non esistono alternative a Radrezza, il quale, pur con i rischi delle palle perse e del rallentamento del gioco ha comunque decisamente più fantasia e visione di gioco (oltre che il famoso piede educato). Vedremo l’innesto di Crisetig, sempre sperando che non entri in forma a Pasqua.
Se difesa ed esterni si possono considerare un reparto equilibrato e con validi ricambi, vanno trovate assolutamente alternative a centrocampo, dove anche Varas e Fusi sembrano in fase di calo.
Contro le squadre chiuse facciamo una fatica bestia e i soli Bortolussi e Liguori non ne azzeccano una, con il primo che torna a centrocampo per prendere i palloni e il secondo che si innervosisce oltre misura. Sarebbe il caso di provare un attacco a 3, magari un 3421 con Tordini e Liguori dietro e davanti Bortolussi o Palombi. Naturalmente bisogna capire se un centrocampo a due può reggere e non si faccia la fine della squadra di Caneo con i centcocampisti regolarmente infilati dagli avversari.
Ieri si poteva vincere solo segnando il rigore ma Liguori ha calciato in modo ignobile, debolmente e angolando poco. L’avrebbe parato qualsiasi portiere.
Al solito, Torrente fa i cambi cambi troppo tardi e solo quando è veramente costretto.

Prepariamoci, perchè sabato sarà una partita fotocopia.

Rispondi
DC

Splendidi. Da fenomeni a brocchi in una settimana. Tutti allenatori (col senno di poi..).
E’ andata bene per un girone, queste sono le prime difficoltà, di solito arrivavano a novembre. Bisogna tenere duro, speriamo che Crisetig entri subito in forma. Delusione da Bianchi e parzialmente da Dezi: c’è il bisogno di tutti. Anche le altre hanno un pò rallentato, nulla è perduto ma nulla è stato nemmeno conquistato e le partite a disposizione diminuiscono. Avanti sempre e forza PD!

Rispondi
crestaalta!

Magari sbaglio, ma darei almeno 2, meglio 3 turni di riposo a Bortolussi e Liguori, (che appare anche palesemente nervoso), davanti Palombi e il nuovo Tordini, che mi sembra molto mobile, sperando che Crisetig entri in forma al più presto. Primi o secondi poco importa l’importante è salire!

Rispondi
Massimo

Tutti con sto Crisetig sembra sia arrivato il salvatore della patria… se è da maggio che è fermo e nessuno se lo è preso vuol dire che proprio sto fenomeno non sembra o gli altri ds sono tutti rimbambiti.
E comunque non può essere un giocatore che fa la differenza in una squadra mediocre ( seconda in un girone molto molto mediocre) , ci vogliono schemi di gioco e chiare idee di come si sta in campo e come si affronta l’avversario… cose che noi non abbiamo.
Domanda.. ma se andiamo in B ci andremo con questo allenatore e questi giocatori? A posto siamo!

Rispondi
tifoso ignoto

Ma peggio ancora, se è svincolato da maggio perchè non prenderlo subito come sostituto di Raddrezza senza aspettare 7 mesi che ora prima che entri in forma passa mezzo campionato

Rispondi
Principe

Tra Sesto San Giovanni e ieri (ma solo per citarne due) abbiamo buttato nel water 4 punti a causa di mancanza di lucidità nei momenti chiave della partita, ovvero quando si tratta di dare l’assalto a squadre chiuse.
A gennaio servono assolutamente ricambi all’altezza e non figurine, speriamo bene per Zamparo perchè Bortolussi è da ricovero poveraccio e speriamo bene per Tondini, su Crisetig bho, fermo da 6 mesi non so cosa dire

Rispondi
robi14

Sono dell’idea che non ce ne facciamo nulla di un attaccante. Con Palombi, Liguori, Bortolussi e Tordini (eventualmente un primavera) siamo a posto. Il problema è che se non vengono serviti adeguatamente possiamo avere anche Lautaro lì davanti ma non segneremo mai. Ieri sera avete visto quanti palloni giocabili ha avuto Bortolussi????? 0. Questa è l’amara verità. Tutti i centravanti che abbiamo avuto negli ultimi anni hanno fallito per questo motivo ed arrivavano a Padova con fior fiore di referenze. Quindi: benissimo Crisetig ma sapendo cheprima di un mese non sarà disponibile, diamoci da fare per acquistare un paio di altri centrocampisti che ci diano qualità lì in mezzo. Ieri Bianchi non mi è proprio piaciuto e, ribadisco, Varas e Fusi sono fusi (scusate il gioco di parole), A noi serve un Branca (Cittadella) tanto per essere chiari.

Rispondi
acp

ma siamo apposto cosa? ben venga zamparo.

serve una vera mezzala che faccia coppia con varas. in attesa che crisetig mandi in panchina radrezza.

5 difensori contro il.legnago. torrente ormai sempre peggio

Rispondi
Principe

cinque difensori in campo e crescenzi in panchina. io sto sempre con torrente ma l’esclusione di crescenzi post squalifica deve essere spiegata

Rispondi
Massimo

Ma se un allenatore sa che il portiere avversario ( Fortin) conosce bene il mediocre Liguori perché non ha fatto tirare il rigore ad un Varas o Fusi o… ??
Capite la mediocrità di questo allenatore tanto inutilmente osannato ( mister pareggi) con il quale latitano gioco e schemi
( vedi Possanzini ) ?
Una squadra è lo specchio di chi l’allena e la mette in campo… qui la mediocrità di questo allenatore si vede tutta!! E poi mettere Bianchi al posto di Dezi. Ma daiiii!
La disfatta umiliante con il Mantova ed il pareggio di ieri con il Legnago ( Legnago !!!!) e’ solo colpa sua… la sua fortuna ( ed io credo andrà così) e’ che il Mantova cederà ( sono anche senza stadio) e così si vincerà il campionato ma per il prossimo anno ( e questo subito a Maggio) cambiare immediatamente allenatore!!

Rispondi
pinfloi

Rispetto ogni pensiero e ci mancherebbe, ma mi sembra un filo ingeneroso il trattamento che riservi a Torrente.
Stiamo parlando di un allenatore che ha terminato imbattuto 20+ partite, che nonostante una rosa non da primi posti si trova a lottare nei primi 3, che ha – mi pare – l’approvazione della squadra stessa (cosa non da poco, come abbiamo visto millemila volte qua a PD).
Anche io vorrei vedere un calcio piu’ divertente, ma guardiamo ai fatti: siamo in C, ogni anno salta fuori il Possanzini di turno, ma è 1 su 60 allenatori. Non è semplicissimo pescarlo.
In alternativa si può prendere un nome già affermato – non sarebbe male prendere Guardiola, ma non è così semplice convincerlo, credo

Rispondi
DC

Concordo in generakle. Quello che personalmente ritengo un limite del mister è la gestione delle risorse, nel senso che mi sembra che punti sempre sugli stessi (e non è necessariamente un male) fino a spomparli e trovarsi con alternative non subito pronte.
Uno come Dezi, ad esempio, credo debba vedere il campo spesso e poi entra in forma. Si veda Delli Carri: l’anno scorso è arrivato, si è preso una scarrettata di parole per poi diventare (fin’ora) un baluardo. Questo è il limite del mister. A livello tecnico siamo pur sempre in C, il gioco superbo del MN, si tiene, è purtroppo per noi un’eccezione di quest’anno….

Rispondi
tifoso ignoto

Purtroppo non abbiamo rigoristi, quel giocatore che li mette dentro 9 su 10 al padova manca come il pane. Qualche anno fa avevamo Russo centrale di difesa che tirava delle sassate e spesso faceva centro.

Rispondi
QuoreSqudato

Io sto con Torrente.
Cosa ha sbagliato col Mantova? quello di voler vincere la partita, con i mezzi ed il gioco di cui dispone… c’è qualcosa di sbagliato in voler vincere? o doveva piuttosto mirare al pareggino chiudendosi dietro, snaturando, così sì, il nostro gioco?
E’ proprio questo che mi fa ben sperare: le altre squadre che incontrerà il Mantova lotteranno per non perdere, cercando di strappare almeno un punto a questo squadrone (perché tale è per la serie C, bisogna ammetterlo) e, come si è già visto domenica con l’Arzignano, qualcuno ci riuscirà pure.
Ora sta a noi continuare in fiducia: nei ragazzi, nel mister e nella società che mi pare anche stia facendo il suo nel mercato di gennaio, con quel che può offrire tale mercato.
Dai sù, non facciamo i super critici che è il modo giusto perché tutto vada a rotoli per l’ennesima volta.

Forza Padova, forza ragazzi!

Rispondi
Flavio

Forse, il rigorista meno conosciuto a Fortin sarebbe stato Varas e Torrente, mi pare di aver capito, aveva detto a Liguori “ricorda che Fortin ti conosce”. Liguori ha troppa fretta di andare in doppia cifra. Sono d’accordo che, sin qui, i risultati sono dalla parte di Torrente e che il problema è l’interpretazione dei giocatori in campo …che non sono fuoriclasse ma buoni giocatori di SERIE C. Ma domenica Torrente avrebbe dovuto fare i cambi in attacco almeno 10′ prima. Cmq, tutto è possibile ma l’occasione persa domenica mi fa’ essere pessimista. I nuovi acquisti aumentano la qualità della squadra: bisogna dare atto a Mirabelli e alla Società …sperando che anche Zamparo non sia colpito dalla “maledizione ” del centravanti biancoscudato (ho nel cuore Ginestra, Succi e Varicchio)

Rispondi
tifoso ignoto

mancava in mezzo al campo qualcuno che ragionasse, il punto di partenza di ogni azione, si è sentita la mancanza di Raddrezza

Rispondi
crestaalta!

Dai che la Alessandria, capita al momento giusto, si vince e si scacciano i problemi, continuo però nel dire che davanti un turno o due di riposo per Bortolussi e Liguori, sostituiti da Palombi e Tordini, o Zamparo se è pronto sarebbe bene. ALé Padoa!

Rispondi
Massimo

Senza Donnarumma avremmo 4 punti in meno degli attuali.. per essere veloci 2 con i conti 2 punti contro l’Atalanta 23 e 2 contro la Triestina, mai pareggiato per colpa sua men che meno per le 5 banane dal Mantova. Ora saremo a meno 11( 12).
Comunque non va da nessuna parte.. solo cinema

Rispondi
DC

Atteggiamento corretto da parte della società e di Mirabelli. Ci sono dinamiche che probabilmente non sapremo mai, come al solito. Donnarumma ha “mal di pancia”? E’ il suo procuratore che vuole monetizzare? Ci sono vecchi rancori? Fondamentale, credo la volontà del calciatore, cui chiederei lumi in merito…. Forza PADOVA Sempre.

Rispondi
Flavio

Grande rispetto e stima per Donnarumma per la sua dichiarazione. Sarei stato sorpreso del contrario. ..ma nel calcio è possibile tutto e il contrario di tutto. Speriamo, ora, che mantenga la concentrazione che lo ha portato ad essere quasi sempre tra i migliori in campo. Ora (o meglio da febbraio) vediamo come incideranno le novità di rosa mostre e delle altre squadre. Sempre FORZA RAGAZZI, FORZA PADOVA

Rispondi
Massimo

Donnarumma che prende le distanze dal suo procuratore… ma un procuratore non parla con il diretto interessato?
Come ho già detto questa montatura e’ stata tutto un cinema a che pro non si capisce, una chiara presa per il culo ….
D’altronde il livello di intelligenza di certe persone è questo l’importante è non badarli.
Che tristezza

Rispondi
sauz

Facessimo un campionato di martellamento dei maroni lo scudetto lo vinceremo prima dell 8 dicembre ogni anno e non servirebbe alcun tipo di rinforzo . Ringraziamo calorosamente il buon Raiola che ha destabilizzato un ambiente già di per suo in trance dopo la sconfitta con i virgiliani e il pareggio di domenica . Si badi bene al netto del rigore sbagliato il punto a Legnago e d oro perché ero convinto in una debacle pesante ma quando ti danno un rigore non lo tiri di merda, piuttosto lo spari alle stelle non citofoni al portiere così e quei due punti in più peseranno eccome . Oggi è scritta è terribilmente scritta , giochi contro degli scappati di casa che vengono da una serie record negativa dove mai potranno trovare ristoro alla loro fame di punti ? Naturalmente qui dove dopo lo psico dramma donnarumma lo spogliatoio ha pesanti scricchiolii e sebbene i nuovi arrivati siano di altissimo profilo il campionato è già andato . Il buon Torrente a fatica mangerà la colomba e avremo sempre il solito tourbillon che ogni anno ci delizia . Noi siamo quelli che quando strappano L aperitivo con La ragazza dei propri sogni il giorno dopo pensano già agli inviti di nozze senza manco averci fatto un limone , deleteria ancora una volta una prestazione Egregia come Trieste , ce L hanno menata due settimane con i reel della rovesciata in terra alabardata scordando che il buon matosevic ha dormito alla grande . E adesso sono agnellini pieni di paura , quelli da rivivere ce li abbiamo sempre e solo noi , imparino dai mantovan come si reagisce a una sconfitta anche dura , con i coglioni diamine quelli che qui nn hanno se nn con le proprie compagne. Vorrei dire a lor signori cosa rappresentano per noi gli orsi grigi ma sarebbe inchiostro sprecato . Prepariamoci stasera alle parole di rito : siamo un gran gruppo ne usciremo con il lavoro , loro si sono chiusi dopo il goal e abbiamo giocato solo noi solito refrain sentito mille volte , cazzo quando il buon Lacoste parla del Dna ha ragione da vendere , siamo prigionieri della sfiga dal primo vagito nella nostra culla , ai nati in provincia altro che fare la maglietta come L Atalanta a Bergamo anzi proporrei un pigiama con su scritto tocheve i cojoni ( se siete maschi ) ! Chiosa finale : Ricordate il buon Lino Banfi nel primo allenatore del pallone quando dopo il mancato pari con la Fiorentina intervistato da Maffei risponde ma chi sta peggio di noi? E la domanda di rito che dal 98 dovremo porci come un mantra e sarebbe da insegnare in ogni scuola euganea per capire quale disgrazia sportiva dobbiamo accettare da cinque lustri .. a buon intenditor…

Rispondi
Massimo

Sauz certo che per essere scaramantico ci sei andato giù duro, grazie a questa tua scaramanzia oggi un 3 a O non ce lo toglie nessuno!

Rispondi
Flavio

È andata bene, abbiamo giocato come quando abbiamo subito i pareggi ma l’Alessandria ha i suoi problemi e non si è resa pericolosa. Torrente era triste (e forse arrabbiato) nelle interviste ; è stato onesto nella disamina e, penso che sia la squadra che mon lo ascolta quando inizia a subire e fare passeggini in difesa e centrocampo senza voler chiudere la partita …e Varas è calato vistosamente

Rispondi
Massimo

Solo il Mantova si può mangiare la promozione diretta… per quanto visto ieri sera sinceramente non hanno concorrenti.

Rispondi
Andrè The Giant

Una partita misera. Non puoi smettere di giocare dopo 2 minuti contro l’ultima in classifica, lasciando loro il comando del gioco, subendo 7 calci d’angolo e limitandosi ad aspettare.
Abbiamo l’attenuante del contraccolpo dovuto alle 5 pappine del Mantova? Per quanto ancora? Non sono proprio convinto che l’unico motivo sia questo. Tante altre volte in passato abbiamo beccato il pareggio in partite come questa. Ieri è andata bene perchè il golletto ci può sempre scappare.
Quel che mi fa più miseria è vedere quegli atteggiamenti di buttare via la palla nelle rimesse o nelle punizioni per guadagnare 10-20 secondi. Queste sono proprio le cose brutte del calcio, specialmente nelle categorie più basse, come la nostra.
Dopo Bianchi, anche Dezi fallisce l’occasione per mettersi in mostra. E’ evidente il confronto tra lui e Fusi. Dezi gioca con il fioretto, Fusi con la clava. Dezi gioca in punta dei piedi, non gli manca la dinamicità ma è come se avesse il freno a mano tirato, Fusi ara il campo (e spesso l’avversario). La differenza sta tutta qui, ma siamo in serie C e serve l’operaio, non il laureato.
Ottimo l’impatto di Zamparo, meritata il goal ma Varas gli ha dato un pallone che fino a qualche settimana fa non avrebbe mai sbagliato. Speriamo si riprenda perchè c’è bisogno di lui.
L’alabarda ha più culo che anima e non molla la presa vincendo a tempo scaduto e credo sia almeno la quinta volta che gli capita.

Rispondi
tifoso ignoto

tutto giusto, solo che se Ts vince troppo spesso all’ultimo vuol dire che ci credono fino in fondo

Rispondi
Il vecchio Max

Se Fusi avesse il piedino di Dezi, o Dezi avesse la clava di Fusi, avremmo la mezzala ideale

Rispondi
tifoso ignoto

Il problema a mio modo di vedere è che Dezi ha si il piedino educato ma per fare passaggi brevi possibilmente laterali, ho visto solo una triangolazione con Liguori, non ho visto un lancio in profondità che sia uno insomma il minimo sindacale. E’ anche vero che con 5 centrocampisti non hai molta possibilità di manovra, per questo secondo me non trova molto spazio in questa squadra. Si è visto quando è entrato Fusi la differenza, come presidiava la zona, l’impeto che ci metteva nel proiettarsi in avanti e allo steso tempo difendere con grinta, tutta n’altra roba, che è probabilmente quello che vuole il mister.
Magari con un modulo diverso Dezi potrebbe sentirsi piu a suo agio, ieri mi è sembrato spaesato, un pesce fuor d’acqua. E’ ammirevole come Torrente cerchi di coinvolgerlo, e lo ha fatto proprio perchè pensava una partita non difficile, credo che con Fusi fin dall’inizio almeno in quella zona di campo avremmo visto piu cross e piu movimento. Adesso vedremo in Coppa Italia come e se utilizzerà Dezi, certo che una semifinale avvicinandosi il traguardo di una coppa, non è piu un allenamento infrasettimanale, è qualcosa di più

Rispondi
Il vecchio Max

Ho visto almeno 5 partite intere del Mantova , a parte le due contro di noi, e vi assicuro che non sono state tutte rose e fiori. Con l’Arzignano, di cui ho visto solo gli highlights, strucca strucca il golletto l’hanno fatto in maniera del tutto fortuita, su assist a Galuppini di un difensore avversario , per cui magari domani capiterà a noi e non a loro. Con 17 gare da giocare darsi per vinti è da folli perdenti. Padova e Triestina devono costringerli a continuare a fare i fenomeni perché non si mangino la promozione diretta. Se ci riusciranno, però, ne vedremo delle belle

Rispondi
Massimo

Ancora con sta’ storia delle scorie del 5 a 0 contro il Mantova… ma finiamola con queste fandonie.. la squadra è questa e ci dobbiamo farne una ragione , fortuna e’ che giochiamo in un girone talmente scarso che ciò ci consente di essere secondi ( in formula uno dicono che i secondi sono i primi dei perdenti) e basta .
Ed inoltre è inutile a continuare nel dire che la Triestina vince spesso in extremis, non è un male , vuol dire crederci sempre, a differenza di chi va in vantaggio al secondo minuto e vivacchia per tutta la partita con una prestazione mediocre contro una squadra di serie D ( l’ Alessandria retrocederà di sicuro).
Mi permetto di dire che abbiamo un allenatore mediocre.

Rispondi
Fabio

Certo che il tifoso padovano è proprio frustrato alla grande.
Sentire il pubblico e leggere un po’ i commenti qui e su fb c’era veramente gente che non aspettava altro che il periodo difficile per tornare alla carica e a rompere i coglioni.
Ma fatevela una vita e andate fuori dal cazzo.
Andate a vedere il Real Mantova o la Non Mollo Mai Triestina invece di venire a vedere e seguire il Padova.
Abbiamo fatto 43 punti nel girone d’andata, mai successo nella storia del Calcio Padova, e il motivo è perché il girone è scarso? Ma andatevene a fanculo e statevene a casa vostra. Avete rotto il cazzo.

Rispondi
Massimo

Fabio se ti riferisci a me sii più esplicito, ti ricordo che l’opinione delle persone è libera sempre se tale non è offensiva verso gli altri … vedi e’ un po’ fastidioso prendere insulti da chi si cela dietro una tastiera … dal classico “ coniglio umano” … certamente me ne faccio una ragione … ma stiamo più tranquilli credo sia molto meglio.
A buon intenditor…

Rispondi
Baldo

Signori… Che piaccia o non piaccia fino ad ora il Mantova vince e CONVINCE!!
Ad oggi merita il primato e la B.

Rispondi
Fabio

Non ce l’ho con te, non ho fatto il tuo nome e non era nemmeno una risposta al tuo post. Ed in ogni caso non ho insultato nessuno.
Ce l’ho con tutti quei tifosi che non aspettavano altro che qualche minimo passo falso dopo un girone da 43 punti. Ce l’ho con tutti quei tifosi che domenica erano li a mugugnare, gente che ha iniziato a fischiare.
Domenica il Padova ha giocato male, ha fatto fatica per 75 minuti contro una squadra che ha pressato alla morte dal 2 al 75 minuto. Abbiamo un problema a centrocampo dove per un girone ci sono stati 3 giocatori affidabili, uno rotto da 3 mesi e 2 (che dovrebbero essere titolati inamovibili) che hanno mancato tutte le occasioni a loro date. E i 3 sono in questo momento in calo vistoso di condizione…però alla fine si è vinto. Con fatica, ma si è vinto.
In estate si contestava perché la squadra era scarsa e avrebbe lottato solo per i playoff, adesso si contesta perché non si sta vincendo il campionato contro una squadra, il Mantova, che sta facendo qualcosa probabilmente di irripetibile.

Tu dici che il che le scorie del 5 a 0 sono fandonie. Una sconfitta del genere ti toglie serenità, tranquillità e convinzione e ci vorrà del tempo e risultati positivi per riprendere quello che avevamo a dicembre. E ci vorrà anche un pizzico di fortuna e qualche risultato a noi positivo dalle partite del Mantova.

Rispondi
fabio.pd

permettetemi…..sabato sera io ho visto due volti del Padova. Il primo lo chiamo…”sulla via del declino”, la classica parabola tipica di gennaio. Dopo l’inserimento di Zamparo ed i successivi cambi a metà capo….il Padova ha cambiato volto. Non entro nel merito che Dezi non ha il coraggio di proporre azioni ma si limita ai passaggi all’indietro, Radrezza non è più lui, Varas avrebbe bisogno di rifiatare. Non arriveremo primi a fine campionato, ma vedere Zamparo che fa da torre su ogni pallone in area e si insinua tra i difensori come il vero attaccante…mi fa ben sperare. Se Crisetig ingrana…possiamo dire Ciao a Radrezza……..

Rispondi
Principe

Caro Fabio, ti segnalo che anche nel girone B ci sono due squadre che viaggiano oltre i 50 punti.
Noi siamo vittime di una costante e incredibile sfortuna in ogni circostanza, è innegabile. E’ innegabile che la prova di forza del Mantova all’euganeo abbia inciso sul morale dei giocatori che hanno capito di essere inferiori. Ma è altrettanto innegabile che ieri abbiamo giocato la peggior partita della stagione.
I centrocampisti titolari sono stanchi e le riserve non hanno voglia/capacità, lo vedono anche i muri. Infatti andava preso uno già in forma e non uno fermo da 6 mesi. Comunque speriamo bene

Confermo quanto scritto sopra da altri, il mantova ci ha asfaltato ma nelle altre partite che ho visto ha sempre fatto fatica, inclusa quella di ieri.
Però quando hai 7 punti di vantaggio è quasi impossibile perdere il campionato, a meno che in panchina non sieda uno psicopatico bollito

Rispondi
Fabio

Ma io non ho mica detto che sabato il Padova ha giocato bene e meritava applausi.
Sabato abbiamo giocato male, probabilmente come dici tu la peggior partita della stagione.
Ma alla fine in una giornata storta si è vinto. Nell’arco di una stagione capitano le giornate storte, a maggior ragione dopo una disfatta come quella contro il Mantova.
Per questo trovo assurdi ed ingiustificati fischi e i commenti che sono seguiti alla partita.

Rispondi
Patrick

c hai ragione da vendere e quello che evidenzi, questa frustrazione lamentosa del padova medio, è uno dei vari motivi per cui una delle piazze piu’ tristi della penisola…. anch’io sono uscito infastidito per la sofferenza di sabato, ma quello che contava era vincere, di fronte avevi il nulla che nulla ha creato, ma 3 punti così ti danno una bella spinta, di sicuro non puoi andare a novara e giocare una partita del genere ma questo lo sanno benissimo anche loro..
qui a padova ci sono plotoni di pseudo tifosi con il fucile spianato, non è un caso che quando andiamo bene scrivono 4 gatti, appena ricominciano le sofferenze i poveretti si riaffacciano all’ uscio..
fatevela una vita, questa è la giusta risposta.
e ripeto, per l’ ennesima volta, criticare è sacrosanto, essere ambiziosi altrettanto, questo non vuol dire trasformare la propria passione in una pietosa via crucis.
anche ieri il mantova ha sofferto e vinto con parecchia fortuna, il loro portiere decisivo, e la triestina, squadra accompagnata da un culo stratosferico, ha vinto con una deviazione allucinante oltre il novantesimo, guardatelo il gol…ma quale crederci, gli è andata di lusso per l’ ennesima volta…teniamo botta, non credo che il mantova manterra’ questi ritmi, certo lo diciamo da un po’, ma bisogna crederci.

Rispondi
Andrè The Giant

Sacrosanto. Il culo della Triestina oramai è arrivato a livelli inverosimili…
Consideriamo però che da qui alla fine non vedranno più il Rocco e nemmeno i playoff potranno essere giocati lì dato che sono previsti concerti nel mese di giugno. I rapporti con la giunta comunale sono pessimi e i risultati si vedono. Buon per noi.
Il Mantova ha segnato domenica scorsa grazie ad un assist fatto dal difensore avversario e ieri non è andata molto diversamente, con deviazione fortuita che ha consegnato la palla al loro attaccante smarcato. La punizione di Galuppini è nata da un fallo molto dubbio.
Quindi diamoci una svegliata, crediamoci e andiamo avanti con fiducia. E’ un preciso dovere di tutti.

Rispondi
tifoso ignoto

Ma quasi tutti i gol nascono da svarioni della difesa o da errori di impostazione o da palle rubate a centrocampo è che noi ci focalizziamo solo su quelli che ci interessano, il Padova ha segnato su una corta respinta del difensore avversario anche quello è culo bello e buono, la bravura è essere pronti a sfruttare queste situazioni. Certo se poi sbagli i rigori allora fai piovere sul bagnato e il Mantova ringrazia perchè i rigori li butta dentro, Galuppini non li sbaglia, Ci manca un rigorista

Principe

Io chi fischia lo avrei preso a calci dopo il 5-0 col mantova, figuriamoci ieri. Aggiungo che non ho mai sopportato contestazioni e insulti vari, in campo per perdere non ci va nessuno.

Occhio ad attendere il calo del Mantova, dicevamo lo stesso del Sud Tirol
Peraltro un eventuale calo loro dovrebbe essere accompagnato da una nostra continuità di rendimento al limite dell’umano
Stiamo calmi e giochiamone una alla volta

Crescenzi deve giocare sempre
Bortolussi e Radrezza hanno le allucinazioni e meritano una settimana di vacanza al caldo
Servono assolutamente una mezz’ala e un altro difensore

Rispondi
Fabio

Beh, non è che attendiamo il calo del Mantova…diciamo che non possiamo fare altro che sperare che perdano qualche punto qua e la.
Ovvio che il loro “calo” deve essere accompagnato da nostre vittorie, altrimenti tanto vale.
Il Mantova gioca bene, gli gira più o meno tutto dalla parte giusta e ha la possibilità di giocare con la tranquillità degli 8 punti di vantaggio. Sarà dura ma ogni partita inizia dallo 0 a 0.

Io ero convinto che giocasse titolare Zamparo già sabato, ma probabilmente sarebbe stata una mazzata morale per Bortolussi e lo avresti perso mentalmente. Mi aspetto comunque che Zamparo giochi titolare più spesso di Bortolussi da qui alla fine.
Speriamo che Crisetig entri presto in condizione, non per mettere in panchina Radrezza che è stato sempre uno dei migliori fino ad ora, ma per avere almeno 4 centrocampisti a cui affidarsi e su cui Torrente ponga la sua fiducia.
È l’unico errore che gli imputo fino a qui: aver escluso totalmente fin da subito sia Dezi che Bianchi senza farli entrare mai nelle rotazioni.

Rispondi
DM

Un piccolo appunto su un tema non attuale, ma di cui si è parlato spesso in passato, l’ultima volta un anno fa. Si diceva che Padova è una piazza brucia allenatori, che il problema è della piazza e l’allenatore non può essere il capro espiatorio.
Bene, chi sostiene questo vada a vedere cos’hanno fatto Pavanel, Oddo e Caneo dopo Padova, per citare solo gli ultimi tre.
Come ho detto e ribadisco, Padova negli ultimi 15 anni (e più) ha avuto pochissimi allenatori adeguati alle ambizioni, non è da stupirsi delle costanti delusioni.

Questo ovviamente non si applica a Torrente, che il pedigree ce l’ha e con noi ha fatto molto bene. A lui l’arduo compito di gestire una rosa ottimamente rinforzata a gennaio, ma con una concorrenza interna aumentata molto. Speriamo lo spogliatoio regga, quando sarà il momento delle “esclusioni eccellenti”.

Rispondi
Flavio

Il Padova ha perso già molti punti facendosi rimontare senza essere in grado di chiudere la partita, spegnendo la luce invece della ricerca del secondo…terzo goal, come Torrente predica loro. Iniziano automaticamente a giocare di rimessa con attendismo. Con l’Alessandria è andata bene ma troppe altre volte no con tante vittorie sfumate. Se non cambiamo registro temo che questo, sin qui, infallibile Mantova non lo prendiamo né noi né la Triestina, dovesse anche perdere qc punto per strada. Cmq, Zamparo è molto piaciuto e speriamo che Crisetig si cali nella categoria, altrimenti rischia di essere azzannato dal pressing avversario come succede a Radrezza, rischiando “sanguinosi” contropiede.

Rispondi
acp

poi qualcuno ha il coraggio di dire “eh ma i padovani non vanno allo stadio”

baciate il terreno su cui camminiamo.

Rispondi
crestaalta!

prima la coppa non mi interessava, era una perdita di tempo, ora spero di andare avanti e di vincerla: farebbe molto comodo alla fine del campionato per la classifica.

Rispondi
Flavio

Beh, se questa è la voglia di vincere la coppa … Lucchese veloce e motivata, noi, con Dezi e Bianchi (Crisetig non può essere ancora giudicato) al piccolo trotto … Si capisce perché non possono essere titolari. Altro che “tecnicamente validi”. Cmq, anche gli altri sembravano essere presenti per onor di firma. Se vincere aiuta a vincere, perdere così fa venire ancor più dubbi sulla rosa ampia e di qualità

Rispondi
Flavio

Torrente parla di equilibri, io direi che a questo Padova manca la velocità; da’ quasi sempre tempo agli avversari di ripiegare per la lentezza di uscita della difesa, i tocchetti a centrocampo e i dribbling invece di passaggi (giusti) di prima; e non possiamo dire che gli attaccanti si mangiano i goal perché di suggerimenti ed assist importanti ne ricevono uno ogni morte del Papa. Sono d’accordo con Massimo, solo il suicidio del Mantova può darci qc speranza…ma occhio anche alla Triestina per il secondo posto. Ma si sa “nel calcio tutto è possibile e fin che la matematica …”

Rispondi
DC

Squadra lenta e fuori fase. Un mese fa eravamo dei fenomeni. Ora delle pippe. Dov’è la verità? Come sempre, nel mezzo. Concordo sul fatto che dovremmo giocare più in velocità: da quando Varas è in fase calante, si fa gran fatica. Bisogna sperare in cavolate altrui: certo è che se la TSina vince al 97^ o il MN non vede difficoltà… certo è che vincere aiuta a vincere e soprattutto mette pressione: questo lo abbiamo subito noi l’annata con il Perugia. E certi giocatori più esperti dovrebbero metterci maggiormente .. gli attributi per portare a casa le partite!

Rispondi
Principe

Partita di ieri sera ingiudicabile perchè la squadra era composta da gente che non ha mai giocato insieme.
Bianchi e Dezi banalmente non sono adatti a giocare con Torrente perchè lui a centrocampo vuole gente veloce che corra e possibilmente picchi quando è ora; loro sono l’esatto contrario. Potrebbero essere utili per difendere situazioni di vantaggio verso la fine al massimo.

Non so chi sia questo Faedo, ma due anni di fila titolare con la Virtus Verona vuol dire che va bene; speriamo, sono fiducioso. Belli ha dato anche troppo in una posizione non sua.

più di 100 padovani a lucca di mercoledì, chi critica questo pubblico deve vergognarsi di vivere

Rispondi
Andrè The Giant

A quel che mi pare di capire, Faedo è un centrale di ottimo livello e un giocatore di prospettiva anche per la serie B. Ha giocato titolare fino a ieri e arriva con un contratto fino al 2027 (quindi abbiamo acquistato il cartellino?). Non credo che arrivi semplicemente per fare da rimpiazzo ma probabilmente potrà aspirare alla maglia da titolare.
A questo punto credo che Calabrese verrò ceduto, anche perchè Torrente pare non prenderlo molto in considerazione. Esempio di quanto il calcio sia opinabile… Caneo aveva buttato nella mischia Ghirardello che Calabrese puntando molto su di loro anche se giovanissimi. Il primo è poi finito alla primavera del Genoa, il secondo non ha più rivisto il campo ed è ora sul piede di partenza.

Comunque 1 goal in 4 partite è preoccupante.

Rispondi
Fabio

Bisogna ritrovare il centrocampo, il problema è tutto li secondo me.
La partita di ieri non la giudico, buona solo per far fare minuti a Crisetig che serve come il pane.
Varas è spompato e manca come l’aria la sua vivacità a centrocampo. Lo stesso dicasi per Fusi. Delusissimo da Dezi e Bianchi che avrebbero dovuto essere titolari e non hanno saputo nemmeno far rifiatare chi giocava. Come scritto anche altre volte la colpa la do anche un po’ a Torrente che non è riuscito a renderli partecipi nella prima metà della stagione.
L’arrivo di Faedo con un contratto fino al 2027 indica che comunque la società non è in svendita e i programmi a lungo termine continuano. Non conosco il ragazzo, so che ci ha segnato una volta e ho letto che anche Marchetti era sulle sue tracce. La cosa fa ben sperare.
Vediamo domenica a Novara, mi aspetto Zamparo titolare e il centrocampo solito con Crisetig che subentra nel secondo tempo.

Rispondi
Massimo

Confidiamo troppo su Criesitig, se nessuno in 6/7 mesi l’ha voluto un motivo ci sarà .
Strano che il buon Fresco si sia privato di un ottimo ( forse e’ solo buono per la C) e per. Zampano si capirà tra un paio di partite. Comunque per me Torrente ha perso la rotta.

Rispondi
Il vecchio Max

Non capisco bene perché noi possiamo “suicidarci “( vedi la gara con il Mantova), la Triestina può “ suicidarsi” ( vedi gara con l’ Albinoleffe) e il Mantova no. Non capisco perché noi possiamo avere infortuni seri importanti ( Liguori, Palombi, De Marchi , Russini , lo stesso Cretella), la Triestina anche( Redan, Lescano, Correa), e il Mantova no. Non capisco perché noi e la Triestina possiamo avere qualche giocatore basilare fisiologicamente in temporanea fase di calo di condizione e loro no. Sono degli alieni? Hanno fatto un patto col diavolo? Ecco perché penso che non occorre la tesi del suicidio o del “ mangiarsi “ la promozione diretta perché loro riducano la loro media punti, basta infatti molto meno. Non dico che sia una tesi sbagliata in senso assoluto, ma in senso “temporale”, perché mancano 16 partite, mica 5,ci sono 48 punti da spartire, mica 15, e la matematica non è una supposizione. 3 partite, 3 sole partite possono cambiare gli scenari. 3 partite fa Padova e Triestina erano indietro, ma ancora perfettamente in corsa. Dopo 3 partite sono state pesantemente distanziate, eppure bastano “solo “ 3 partite su 16 perché Padova e/o Triestina possano andare in testa. Se voi mi dite che adesso sono loro i favoriti, sono d’ accordo. Se mi dite che è più facile che loro perdano qualche colpo piuttosto che noi e/o Triestina inanellino filotti di vittorie, sono altrettanto d’accordo. Magari da domenica serviranno 4 partite negative per loro e positive per noi per poterli riacchiappare, o forse 2, chi lo sa. Ma lascerei stare i discorsi dei suicidi calcistici adesso, con quasi mezzo campionato da giocare. Se mi sbagliassi, e davvero solo il Mantova può’ mangiarsi la promozione già a gennaio, allora gli posso solo augurare buon appetito !

Rispondi
pinfloi

Commento da incorniciare, ogni analisi sensata dovrebbe partire da questo.

Aggiungo che se anche alla fine di questo weekend dovessimo trovarci a -10 (sgrat sgrat) non sarebbe comunque ancora arrivato il momento di stracciarsi le vesti

Rispondi
fabio.pd

non so se avete fatto caso….ma prima dell’inizio della partita…….l’addetto alla musica emessa dagli altoparlanti dello stadio….usualmente fa sentire la canzone dei Depeche Mode: Ghosts Again (ancora fantasmi). Personalmente della serie C nefasta io non ne posso più. Suggerirei all’esimio disc jockey di farci sentire piuttosto la canzone “Enjoy the Silence”………….

Rispondi
sauz

Hai centrato il punto Patrick senza volerlo , la nostra passione e la nostra via crucis . Chi dopo anni arrabbattati di delusioni torna in B si salva è retrocede per illecito ? Chi con uno squadrone con futuri nazionali perde la massima serie giocando fuori casa con la sesta in classifica che non aveva più ambizioni ? Chi la riperde due anni dopo all ultimo minuto per un goal fortunoso in altro campo ?chi torna in A dopo un eternità tramite uno spareggio dopo essere stato per trenta partite su trentotto tra le prime tre ? Chi si salva L anno dopo solo allo spareggio dopo dodici vittorie e quaranta punti perdendo la salvezza diretta per un goal dell avversario all ultimo minuto ? Chi viene ceduto a peracottari e scende di tre categorie in quattro anni con L ultima retrocessione tramite spareggio che non si doveva disputare ma si è fatto solo perché il minchione del proprio allenatore non conosceva là regole ? E lo spareggio si è perso contro una squadra che in stagione regolare aveva fatto almeno quindici punti meno di lei ? Chi si trova in presidente miliardario e riesce a tornare in B dopo sei anni di cui cinque senza che si arrivi ai playoff? Chi una volta in B perde il treno che le avrebbe cambiato totalmente la storia per un goal all ultimo secondo di un suo concittadino contro una squadra ben più debole che la condanna a una finale quasi scritta ,contro la sorpresa dell anno che non andava in a da 45 anni ? Chi poi dopo il fallimento torna in B e retrocede subito mentre si è visto che quasi impossibile al primo anno ? Chi dopo perde un campionato già vinto a cinque giornate dalla fine consei punti di vantaggio e chiude a pari merito ma resta in terza serie per differenza reti ? Chi poi perde ai rigori la B contro una squadra che da nove lustri la stava aspettando ? Chi L anno seguente fa milioni di punti ma riperde il treno perché trova un armata di boscaioli invincibili ? Noi e solo noi e dopo ea ciamemo passione , io odio L estate , il caldo , ma L unica cosa positiva è che per due mesi non sacramento per questa squadra che ci fa dannare . Sabato si è vinto ed è stato preziosissimo chi fischia non capisce nulla perché nel calcio conta portare a casa fieno , per divertirmi faccio altro , vado al cinema , in montagna ma di sicuro non mi diverto in quel letamaio di stadio, solo la compagnia di cari amici rende piacevole stazionare all Euganeo . Adesso tutti che si lamentano del culo della Triestina , qualcosa non mi torna , ma nei social e anche qui non avevate esultato L estate scorsa per la loro salvezza ai danni del San Giuliano ? E si che tra Pergolettese L ultima di campionato e spareggio di bofice ne avevano mostrato anche lì ma vi andava bene per farvi la trasferta al Rocco e a casa mia si dice ahinoi mal che voe no doe. Ve L avevo detto che era meglio averli in D e invece voi credete troppo nelle potenzialità degli ammassi di amebe che ogni anno giocano con noi , pensate di tifare per una grande squadra ma solo il nome ci è rimasto , abbiamo lo stesso appeal del cuoiopelli e lo dico non a cuor leggero ma incazzato nero . E lo sono anche con quel pirla di Lovisa se non era per la sua gestione da fanecco a quest ora i Mantovani facevano il corteo senza scorta a Castel D Ario altroché . I punti altra questione calda , lo so anche io che ne mancano 45 ma invece di pensare ai crolli dei Mantovani vittoriosi anche oggi è dei triestini pensiamo ai nostri che si sono fermati ai reel post Trieste . Questa squadra altro che guardare avanti dobbiamo guardarci dietro , L unica che ha la stoffa e i coglioni per fare qualcosa e la Triestina . I nostri i fa fadiga ad andare a fare qualcosa a Lucca dove casso voi che ndemo. Domenica ci troviamo a meno dieci perché il Novara ci apre il culo come una Canocia mangiata al Granso Stanco , il buon Torrente verrà segato e via in loop come ogni anno , stessa solfa, credere nella serie B con questa squadra e come credere che la Salernitana arrivi ai preliminari di champions . Scolteme mi , no n c e ciccia , si impegnano si ma noi ghe riva , i campionati li vinci con i galuppini e ì mensah no con questo branco di dopolavoristi alle ferrovie . Onore ai 109 di Lucca tantissima roba e a chi si sobbarcherà Novara tornando con L amaro in bocca , siete grandi , non meritano tutto questo ma è così ogni anno . Salviamoci , facciamo fieno in cascina che è andato tutto a puttane . A buon intenditor …

Rispondi
Mario

Bè, manco mae che a canocia jera tanto dura.
Grande Sauz, ti leggo sempre con piacere, avanti così!

Rispondi
tifoso ignoto

E’ ovvio che tutta la negatività di Sauz è solo scaramanzia, afferma il peggio perchè si realizzi il meglio. E’ una vecchia storia

Rispondi
QuoreSqudato

Per questo dobbiamo sostenerlo e farlo inferocire ancora di più!
L’unica volta che non l’ha fatto abbiamo preso 5 peri… non lo so!?

Rispondi
Andrè The Giant

Al di là del goal da spellarsi le mani di Liguori, la vittoria di ieri ci voleva proprio. Finalmente prestazione convincente e risultato largo senza alcuna sofferenza (e messaggio chiaro al Mantova che da queste parti non molliamo).

Il mercato invernale credo abbia sorpreso un pò tutti. Se ora, come pare quasi certo, arriverà anche Valente saranno ben 5 i nuovi innesti. Segno che la società ci crede e che l’impegno finanziario è innegabile.
Francamente non mi aspettavo che ieri Faedo potesse già debuttare.
Leggendo tra le righe di quel che dice il buon Vincenzo spesso si capisce il suo pensiero. Delli Carri è quello che vede meglio nel ruolo di centrale e braccetto di destra Bell, finalmente nel suo ruolo naturale. A sinistra c’era gente che non lo convinceva e quindi è stato preso Faedo. Padovasport (sempre da prendere con le pinze) dice che oltre a Calabrese anche Granata è sul piede di partenza. Se così fosse il risultato netto è un centrale in meno, con i soli Perrotta e Crescenzi a fare da alternative ai 3 titolari.
L’arrivo di un attaccante esterno (Valente) mi fa pensare che Torrente non si fidi a fare un 3421 (come ha più volte dichiarato) ma possa prendere in considerazione un 433 alternativo riportando Liguori a destra. Un’alternativa più offensiva all’attuale 352 che potrebbe essere utilizzata in caso serva più gioco offensivo. La difesa a 4 non richiederebbe la presenza di ben 6 centrali in rosa. Ecco perchè potrebbero anche partire in due.

Rispondi
fabio.pd

Liguori ha qualità sia umane che tecniche non trascurabili ! Zamparo ha doti non indifferenti, tante occasioni, gli manca solo il suo primo gol, primo di tanti sicuramente.
E’ un altro Padova, staremo a vedere…..spero che il prosieguo del campionato sia come la partita di Sinner di ieri….. l’umiltà nei giocatori non manca, speriamo in un cedimento della forma fisica di quelli del mantova….

Rispondi
Principe

Torrente lo dice dal primo giorno: conta avere una difesa ermetica, poi viene tutto il resto. E ha ragione, in serie C si vincono così i campionati.
In ogni caso manca clamorosamente una mezz’ala per fare il cambio a Fusi e Varas.
Ieri vittoria di forza, bene così. Domenica un’altra delle nostre tante bestie nere

Bonavina fa ancora annunci urbi et orbi sulle tempistiche della curva sud con i giornalisti che lo ascoltano e prendono appunti in silenzio. Io bho

Rispondi
fabio.pd

bisognerebbe ignorarlo, ormai ha stancato con le sue uscite a vuoto…….pensa che la gente sia stupida.

Rispondi
Massimo

Sperare va bene, ci sta anche … ma solitamente le squadre che cedono e’ perché quello che hanno dato è stato molto occasionale o frutto di un periodo fortunato.
Il Mantova invece è tutt’altro , hanno gioco, schemi , palleggio giocatori forti… ad oggi hanno asfaltato tutti ( noi alla grande) .
Poi ricordiamoci che hanno 3 partite e mezza di vantaggio ( 8 punti) …. e noi comunque nessun calo perché la prima partita storta sei completamente fuori dai giochi.

Rispondi
Flavio

Penso che nessuno si illuda ma tutti speriamo in un +8 sul Mantova da qui alla fine. E’ vero, un passo falso ed è finita e 4 punti sulla Triestina non sono molti: Quindi, cerchiamo di vincere la Coppa Italia. Per altro, il Padova, con i nuovi di gennaio, mi sembra rinforzato e, dovessimo fare i playoff (con probabilità attuali del 80-90% ) qualche speranza (anche ‘sta volta) l’avrei. Ma i Ragazzi devono continuare a crederci e giocare con la voglia di fare goal anche se si è in vantaggio e… quel che sarà, sarà

Rispondi
Principe

La prospettiva dei playoff, per quanto agghiacciante, è molto meno tragica quest’anno rispetto alla scorsa stagione quando nessuno ci credeva e infatti siamo usciti praticamente subito dopo aver fatto pena tutto il campionato.

Rispondi
sauz

Vittoria convincente domenica bravi ragazzi non era assolutamente facile e ora che di fieno in cascina c’è n è qualche riflessione sparsa . Il mercato è stato eccellente , ogni pecca è stata sistemata e adesso non dico che Torrente abbia una Ferrari ma una Maserati senza ombra di dubbio alcuno . Il difficile è che sinceramente il campionato è bello che andato , questo Mantova non è lontano parente dell Alessandria sprecona contro la cremonese ne simile a noi tre anni fa ne tantomeno uguale al Sudtirol di due anni orsono. Vincono , avranno anche culo ma giocano bene e una loro debacle la vedo alquanto remota . Se passano indenne L ostacolo Trieste possono mettere la boccia in fresca . Noi è chiaro dobbiamo essere sul pezzo e vincere sempre o quasi e questa possibilità è alquanto-ardua , già domani e difficilissima . Non vorrei sprecassimo tempo per niente mentre un Vicenza più riposato può presentarsi ai nastri di partenza dei playoff mentalmente in una condizione diversa dalla nostra , rischiamo di arrivare ai playoff con la lingua fuori e dopo si da come finisce in questi casi . Pochi conti e poche imposizioni , maciniamo ma senza illuderci che fa solo del male . E occhio che Fresco pur di metterci a pecora farebbe carte false sia lui che i giocatori a buon intenditor ..

Rispondi
Il vecchio Max

Ai fini play- off possono essere interessate a vincere la coppa Italia solo le squadre che si classificano dal quarto posto in giù’. Per il Padova arrivare terzi o vincere la Coppa Italia non cambierebbe nulla , perché in ogni caso entrerebbe direttamente al primo turno della fase nazionale.

Rispondi
acp

passeremo a un 433 a breve. abbiamo ridotto il numero di centrale difensivi a 5 e aumentato a 6 il numero delle punte. lo scorso anno con torrente abbiamo visto del buon calcio col 433. quest’anno col 352 è stata un’agonia continua a livello di gioco. credo verrà tenuto solo modulo da ultimi 20min.

comunque 352 o 433 ci serve una mezzala. solo varas sta rendendo ad alto livello. dezi, fusi e cretella per me stanno bene in panchina.

fra un paio di mesi crisetig sarà padrone delle partite. mezz’ora domenica favolosa.

Rispondi
crestaalta!

Per quel che ho capito , Valente dovrebbe sostituire Russini, ma è più vecchio, e molto basso (1.70) per una punta, certo lui è contento perchè si avvicina al paese suo, ma se come si spera Russini torna per la fine del campionato, perchè fargli un biennale??

Rispondi
Tifoso a 1/2

Qualitativamente siamo migliorati e non di poco; i playoff sono raggiunti, vediamo cosa succede da qui a fine marzo per quanto riguarda l’obiettivo verosimile, ad oggi secondi o terzi; tra secondo e terzo posto si salta un turno a/r di playoff nazionale che non è poco; abbiamo un paio di mesi per vedere se possiamo recuperare sul Mantova, se questi calano dobbiamo essergli alle calcagna pronti a sfruttare, se continuano con il trend attuale lasciamoli correre e prepariamoci per i playoff dove anche il minimo dettaglio conta e se sbagli vai a casa subito. Continuare a lavorare sulla testa e sul gruppo, ma ripeto (senza tanti affanni) che per il primo posto è doveroso provarci.

Rispondi
Flavio

Condivido pienamente quanto espresso da tifoso a 1/2. Alla dirigenza e a Mirabelli un plauso, hanno fatto più di quello che immaginavo. Ora sta ai Ragazzi mettere cuore, cervello e muscoli e a Torrente gestire al meglio il gruppo. Bisogna tentare di vincerle tutte, ad una ad una, senza pensare di essere forti o pensare al blasone, con umiltà e determinazione, a partire da domenica (…campo sempre difficile, ma là il Mantova ha vinto 2-0).
Penso che il naturale sostituto di Russini sia Tordini; Valente può fare il centrocampista offensivo, meglio di fascia, e potrebbe alternarsi con Capelli. Fa sempre tanti assist: Bortolussi e Zamparo…in campana

Rispondi
Principe

Torrente non si tocca, non è colpa sua se ai giocatori hanno tremato le gambe nè se i rimpiazzi non si sono fatti trovare pronti. Inspiegabile Bianchi titolare, questo si. Per il resto cosa gli vuoi dire.
Meglio così in ogni caso, concentriamoci sul secondo posto e cerchiamo di arrivare freschi di testa e di gambe ai playoff

Rispondi
Flavio

Sono d’accordo, Torrente è un’ottima guida per questo Padova, sono i giocatori che non esprimono il gioco che chiede loro. Certo è che abbiamo sprecato 2 occasioni = 4 punti …e saremo a meno2. Cmq, il Mantova non è imbattibile, speriamo ceda. Molte insufficienze a Crisetig che a me è parso dimostrare quanto vale e non ha commesso errori (temevo perdesse palle per il contropiede Virtus) ma è stato ordinato. Ceto che con il senno di poi (“meglio questo, meglio quell’altro “, perché Bianchi, perché Zamparo…); l’importante è che i cambi servano e ieri hanno fatto 30′ di fuoco…ma non è bastato. PECCATO! Cmq, quest’anno ci fanno stare con il fiato sospeso allorché ci aspettavamo un campionato meno interessante. Speriamo solo nel gran sospiro di sollievo finale. Sempre FORZA PADOVA

Rispondi
Fabio

Ieri al 90esimo la delusione per l’occasion sprecata era tanta.
Il primo tempo è stato piuttosto insufficiente, ma me lo aspettavo perché il campo è ostino e la Virtus è spesso stata una bestia nera.
Mi aspettavo un di più da Zamparo e credo che Valente possa fare il quinto, ma perda molta della sua pericolosità davanti.
In ogni caso ora cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno: abbiamo recuperato un punto, il Mantova si è dimostrato che non è imbattibile.
Noi non possiamo sperare di vincere tutte le partite da qui alla fine, certo sarebbe utile, ma non è realistica come cosa.
Visto che dobbiamo pareggiare delle partite, meglio che capitino quando il Mantova perde.
Ora testa bassa e sotto con Trento sabato pomeriggio.

P.S. Sarebbe da chiedere alla lega se per giocare alle 14 in casa aspettiamo i 30 gradi di giugno…

Rispondi
Principe

Difficile vedere il bicchiere mezzo pieno stavolta.
Il Mantova sarò ulteriormente ringalluzzito sapendo che nonostante il loro scivolone la situazione è rimasta praticamente inalterata

Settimana prossima giochiamo di nuovo dopo di loro
Sogno che Torrente passi tutta la stagione da oggi a dire che l’obiettivo è il secondo posto

Rispondi
Massimo

Si può dire quello che si vuole ma mi sono stancato di sentire Torrente sempre a lamentarsi ( sfortuna-rigori-giocatori che gli servono-il portiere avversario che para tutto ) … senza pensare , o forse meglio senza dire, che questa squadra non ha gioco e si vive o meglio si segna solo per individualità con una foga generale che porta solo a tanta confusione.
Se una squadra con questi giocatori non riesce a vincere partite determinanti e’ solo colpa di chi la guida.
E comunque ieri il Mantova non meritava di perdere quindi attendiamo nel dire che può essere l’inizio della loro crisi.

Rispondi
fabio.pd

Premetto: io sono convinto che il pippone di Sauz prima di ogni partita è giovevole ed opportuno per il buon esito della stessa. Nè contro il Mantova nè contro la Virtus c’è stato. A parte ciò….ma come si fa a giocare in maniera evanescente e nulla come il primo tempo di ieri? Conoscendo già la soluzione al problema (la sconfitta dei mantovani) bastava buttare il cuore oltre all’ostacolo !! A me non interessa sapere che però alla fine il Padova attaccava e che la differenza l’ha fatta il loro portiere: vediamo TUTTA la partita. Mettere dentro Bianchi, un suicidio, Faedo non pervenuto, Valente Ok. Serata che brucia, altra occasione buttata alle ortiche. Passo e chiudo.

Rispondi
DC

Credo si sia persa un’occasione d’oro, ma nulla è perduto, speriamo. Se la squadra non gira l’unico che può dare la scossa è il mister. Sono il primo a dire che .. tanto di cappello per questo campionato (per il momento) però è vero che con gli uomini che ha, forse, si possa fare di più e meglio. Tanti palloni buttati in avanti, a volte confusione, ero lì e non ho visto la cattiveria che in questo momento la squadra doveva avere. Temo che dalla lezione calcistica col MN, il mister ci stia capendo ben poco, contro le squadre un pò organizzate si soffre sempre, ci bloccano facile e non si crea se non lo spunto. E’ vero, è serie C, non la Premier, ma MN insegna che con palla a terra e ripartenze, si vincono i campionati. Ancora mi sto domandando come il mister abbia preparato quella maledetta partita tatticamente allucinante.

Rispondi
DM

Come ho detto dopo l’eliminazione agli scorsi playoff, se non sei capace di vincere contro la Virtus Verona non meriti la promozione in serie B. Non me ne frega niente se c’era o meno un rigore su Bortolussi, i fatti dicono che non sei stato in grado di portare a casa i 3 punti, e anzi hai rischiato di perderla. Non ci sono alibi, a maggior ragione dopo il mercato di gennaio. Questi sono punti buttati che peseranno molto.

Rispondi
frengo

Formazione iniziale discutibile.
A parte Crisetig, cambio quasi obbligato, Bianchi deve solo fare il rincalzo per 20-30 minuti. Sicuramente meglio Dezi. Zamparo andava inserito gradualmente. Valente esterno a tutta fascia inspiegabile. Poteva mettere nel suo ruolo naturale Capelli e poi far subentrare Valente a partita in corso, sicuramente più vicino alla porta.
Punte del tutto scollegate dal centrocampo. Tordini fra l’altro mi sembra ancora un pò appesantito.
Torrente deve meditare in fretta un cambio modulo. Come dice DC, contro le squadre organizzate siamo fatichiamo sempre, sopratutto quando iniziamo a giocare al 75′.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code