Torna al blog

ODD(I)O

Ho pensato spesso a mister Torrente in questi giorni. L’immagine che mi è sempre venuta in mente per prima è quella immediatamente successiva alla vittoria per 3-2 sulla Pro Vercelli all’Euganeo con gol decisivo di Palombi al 92′ nel girone d’andata: al triplice fischio, una volta portato a casa il massimo risultato al termine di una partita che era iniziata benissimo col doppio vantaggio biancoscudato ma che poi si era complicata per la rimonta dei piemontesi, l’allenatore del Padova si mise a camminare in campo guardando gli spalti e cominciò a battere le mani al pubblico padovano, lasciando poi cadere le braccia come fa il guerriero quando ha appena portato a termine la sua battaglia, la sua impresa, e si gode il meritato trionfo. Ho sempre interpretato quella gestualità come una sorta di ringraziamento e contemporaneamente di “scuse”. Era come se Torrente volesse dire: “E’ vero, ogni tanto ci complichiamo la vita da soli, ma continuate a credere in noi perché non abbiamo mai mollato e non molleremo”. E’ questa l’immagine di Vincenzo Torrente che mi voglio portare dentro, nella testa e nel cuore. Nella testa perché i numeri (70 punti e il secondo posto alle spalle del davvero irraggiungibile Mantova) sono assolutamente dalla parte dell’allenatore e sempre lo saranno, indipendentemente dal finale che il Padova riuscirà a disegnare dopo il suo esonero, e nel cuore perché Torrente è proprio così: semplice, diretto, genuino, un uomo di calcio “vecchia maniera” e proprio per questo non meritevole della sorte che questo calcio moderno, frenetico e sempre più incapace di programmare e di attendere gli esiti della sua programmazione gli ha inflitto, nonostante il bellissimo cammino fatto a Padova in un anno e mezzo di permanenza sulla panchina biancoscudata (vi ricordate vero le due sole sconfitte subìte da dicembre 2022 a dicembre 2023?).

Su Torrente si è abbattuta la scure della legge più banale e allo stesso tempo più feroce del mondo del calcio, quella secondo cui se qualcosa comincia a non funzionare più benissimo si butta senza prima provare ad aggiustarla. Se qualcosa va storta si cambia senza tentare di trovare un modo per raddrizzarla. E’ indubbio che il Padova, nelle ultime partite, non sia stato lo stesso Padova del girone d’andata. La miglior difesa ha iniziato a imbarcare gol, il prolifico attacco ha fatto sempre più fatica a segnare, i cambi, fin qui sempre azzeccati e in grado di dare la svolta alla partita, non si sono più dimostrati efficaci. Ma la decisione della società di esonerare Torrente ha preso davvero in contropiede tutti: dall’ambiente agli stessi giocatori che non se l’aspettavano.

Se esonero doveva essere, comunque, per dare la famosa “scossa”, credo che la scelta di far tornare Massimo Oddo anziché puntare su un profilo sconosciuto, sia stata un’operazione “simpatia” non da poco. Conosce la piazza, la piazza conosce lui, di sicuro non avrà bisogno di tempo per capire come muoversi perché lo ha già fatto a queste latitudini. In più, anche se lui ha assicurato che non è così, un minimo di voglia di portare a termine quanto fatto due anni fa regalandosi un finale diverso deve pur averla provata quando ha letto il numero del direttore sportivo Mirabelli sul telefonino che squillava.

Non ci resta che augurargli di lavorare bene (“Ho già le idee molto chiare”) di riuscire a tirar fuori il meglio da ciascun giocatore (“Io di solito cerco di metterli in campo nel ruolo a loro più congeniale per farli esprimere al meglio”, ha detto) e di riuscire a conquistare la matematica certezza del secondo posto già sabato per poi lasciarsi alle spalle il campionato e proiettarsi sui playoff (basta un punto, che ce vo’?).

128 commenti - 6.530 visite Commenta

Massimo

Dopo la sconfitta con il Mantova ho sempre personalmente ritenuto che Torrente andava sostituito ma obiettivamente non ora, non credo , visto che ci sono giocatori discreti e nulla più, che ora la squadra cambi pelle e ritrovi d’un colpo gioco schemi e convinca ( se fosse così avremmo solo dei mercenari da prendere a calci in culo) la vedo difficile, anche se c’è Oddo.
Continuo nel dire che poteva essere chiamato Bisoli ( mister adatto per questi brevi periodi a far tirare fuori con le buone o con le cattive , più con le seconde, il meglio da questa squadretta e forse qualche speranza in più c’era) .
Dubito anche che fosse venuto per soli due mesi ( giocati uno d mezzo ) in quanto la dignità di un uomo non deve mai mancare a prescindere e lui lo ricordo tutto d’un pezzo.
Credo che sinceramente ci sia qualcosa sotto perché molte cose non quadrano.
Se si va in B meglio per tutti, diversamente guardiamo il bicchiere mezzo pieno, che in tal caso se ne andrà questa Società di dilettanti e ci libereremo per l’ennesima volta di improvvisazioni e varie.
Ma che tristezza!

Rispondi
Stefano

Perché pensi che se non andremo in B se ne andrà questa società di dilettanti ecc ecc ecc ?
Se non si andrà in B (che poi realisticamente e’ l’opzione più probabile ) la compagine societaria rimarrà la stessa e scommetto che anche Mirabelli resterà al suo posto ……

Rispondi
Principe

Riporto anche qua il mio commento perchè mi piacerebbe avere un riscontro da Martina, che sicuramente conosce dettagli e retroscena che noi poveri tifosi non sappiamo.

Sarà sufficiente aspettare sabato per capire se l’esonero è stato consigliato o quantomeno abbia avuto la benedizione dei giocatori oppure sia stata la scelta dell’uomo solo al comando in questa società.
Squadra priva di brillantezza si, dopo un eccellente girone d’andata e un girone di ritorno pessimo, influenzato da A) consapevolezza che il Mantova era irraggiungibile e B) l’acquisto di gente a gennaio totalmente estranea al sistema di gioco che fino a quel momento ci aveva garantito di stare ad un passo dalla prima

Se alla squadra serviva una scossa c’era Rossettini già pronto
Invece è stato preso Oddo che, dopo essersene andato sbattendo la porta, è stato costretto ad elemosinare due mesi di contratto per riuscire ad allenare qualcuno

Se non sbaglio, la difesa a 4 ha esordito a Novara con l’esordio di Faedo e da quel momento, fatti salvi un paio di exploit estemporanei, la squadra ha perso convinzione e brillantezza.
D’altra parte, se nel girone d’andata (ottimo) avevi giocato con due punte vicine e a gennaio arrivano due esterni, di cui uno accompagnato da una “garanzia” di titolarità, gli equilibri inevitabilmente saltano.

tanti auguri a Oddo

Prima la Bianchi e Mirabelli se ne vanno e meglio è per tutti
Era meglio la serie D con Bepi che qualsiasi categoria con questa gente

Rispondi
DC

Personalmente non condivido tutto questo astio verso la società, se non per un fatto: poca “presenza” nella stanza dei bottoni e, di conseguenza, poco peso politico. In merito a Mirabelli, penso sia di fatto il plenipotenziario in questo momento ed esulando da simpatia o meno che induce come persona, credo si sia mosso bene sul mercato la scorsa estate, forse un pò meno bene a gennaio anche se a onore del vero, ad esempio, il famoso “centrale davanti alla difesa” o regista era chiesto a gran voce da mesi dall’ex mister. Vedremo. In merito alla squadra penso che possa e debba rendere molto di più: maggiore attenzione in difesa, più “garra” e corsa e che qualcuno la butti dentro credo siano elementi nelle corde di questi giocatori.

Rispondi
Fabio

È strana Padova, perché prima di lunedì la maggior parte dei commenti che si leggevano chiedevano l’esonero di Torrente.
Da lunedì sera invece la maggior parte critica la scelta sostenendo che non andava esonerato. Padova è proprio strana.

Io sono stato del primo partito fino a domenica sera, dopo il secondo tempo di Lumezzane però la domanda me la sono posta, e con la leggerezza del tifoso mi son detto che andava esonerato.
Sicuramente non per i risultati che in un anno e mezzo sono stati ottimi, e tantomeno per il gioco: siamo in serie C, che bel calcio vogliamo vedere? Il Mantova è una eccezione più unica che rara.
La scelta non deve essere stata semplice, ma la squadra da quel 5 a 0 non si è più ripresa.
Si può discutere della campagna acquisti, ma non credo che le scelte non siano state avallate anche dal mister:
– Tordini (che alla fine non ha mai giocato) era il sostituto di Russini
– Zamparo la punta che è mancata ad ottobre/novembre
– Faedo un giovane interessante
– Crisetig il centrocampista che aveva sempre richiesto

L’unico che non era preventivabile era Valente. Ma se hai la possibilità di portare a casa un giocatore del genere in serie C, non lo prendi?

Io rimango della mia opinione: quello che ha cambiato la stagione è stata la partita contro il Mantova, che non andava assolutamente persa, e perderla in quella maniera impianta un tarlo in testa che non si è riusciti a superare.
Forse non cambierà nulla, ma nonostante la riconoscenza, la simpatia e il dispiacere per Torrente, sono convinto che le probabilità sono maggiori con un altro allenatore che con lui.

Comunque Torrente rimarrà uno digli allenatori con la media punti più alta qui a Padova, e rimarrà sempre con la nostra simpatia.

Rispondi
DM

Premesso che Torrente ha lasciato un buon ricordo e va ringraziato per l’anno scorso, sono in disaccordo con la reazione della stampa padovana che si straccia le vesti per l’esonero. Le statistiche sulle poche sconfitte sono vere ma bisogna allora citare anche gli innumerevoli pareggi e il fatto che il nostro campionato è effettivamente finito l’8 gennaio. Nondimeno a Padova ogni volta che si cambia allenatore si assiste a una levata di scudi. Ricordo le “vedove” di Pavanel, che con una squadra da 8 milioni di euro ci lasciò a -8 dal Sudtirol. Perfino Caneo era inizialmente rimpianto. Cos’hanno fatto negli ultimi due anni questi due tecnici?

Sabatini, Di Costanzo, Calori, Dal Canto, Pea, Colomba, Marcolin, Mutti, Serena, Parlato, Pillon, Brevi, Bisoli, Foscarini, Centurioni, Sullo, Mandorlini, Pavanel, Caneo.

Questi gli allenatori degli ultimi 15 anni. Bisoli è l’unica eccezione (e Parlato in serie D), gli altri hanno accumulato risultati negativi dopo Padova. È completamente falso dire che il problema sia ingratitudine o che siamo una piazza mangia-allenatori. La verità è che quasi sempre gli allenatori sono stati scelti male, e hanno avuto fin troppo tempo e seconde chance.
Poi Torrente lo ritengo uno dei migliori visti a Padova, questo non è assolutamente un attacco nei suoi confronti. Ma guardiamo i fatti per cortesia.
Oddo non è un fenomeno ma l’unico che veniva per due mesi (l’alternativa interna poteva essere Rossettini). Con Torrente era palese che i playoff non li avremmo vinti; adesso rimane improbabile, è una mossa disperata per provare qualcosa.

Rispondi
DM

Errata corrige: Sabatini ottenne una promozione in B a Como nel 2015 (diversa dinamica a Mantova 2014 dove la “promozione” avvenne da decimo in classifica per via della riforma).
In ogni caso non cambia il senso del discorso: su 19 allenatori solo 3 hanno avuto successo dopo Padova.

Rispondi
DM

Dopo 6 partite di cui 1 vittoria e 5 sconfitte a Padova a fine 2018, Foscarini rimase senza squadra per quattro anni e mezzo. Assunto dall’Albinoleffe quartultimo nel febbraio 2023, fece 10 partite (1 vittoria, 1 pareggio, 8 sconfitte) chiudendo il campionato penultimo. Ai playout centrò la salvezza per un gol di scarto contro il Mantova di Mandorlini.

Non mi sembra contraddica il mio discorso…

Rispondi
Principe

E’ vero che il Mantova ci ha piallato in casa
E’ altrettanto vero che abbiamo vinto a Trieste contro una squadra che ha speso quasi il triplo di noi
E’ vero anche che abbiamo dato 10 punti al vicenza che ha speso 10 milioni sul mercato contro i nostri 4

Bisogna valutare tutte le circostanze
Capitolo nuovi acquisti e qualità della rosa: a metà aprile possiamo dire che Zamparo è meglio di De Marchi? Io credo di no

Rispondi
Flavio

Vorrei tornare sulla invasione barbariche catanesi: nessuno sconto alla multa (per me ingiustificabile ed esagerata) di 5.000€. Se poi ci mettiamo arbitraggi indecenti, quasi sistematici e decisivi (mano triestina, miopia, arbitrale vs Virtus VR, aiutino al Catania, magari il goal fantasma di Chirico’ al Palermo, etc… sempre situazioni eclatanti; ma perché l’ACP Padova è così poco rispettata da arbitri e (in)giustizia sportiva. Vabbe’, così è. Ciò significa che per avere successo il Padova deve sempre giocare al 200% e i giocatori, nelle gare decisive, devono ricordarselo e provvedere a giocare di più con il coltello tra i denti. E ora, prepariamoci ai playoff. La speranza del tifoso biancoscudato non muore mai, neanche dopo un fracco di pugnalate

Rispondi
Tifoso a 1/2

Qualche considerazione:
1) Torrente da previsione 4/5 in classifica ci ha portato al secondo posto e gliene va dato atto;
2) Dopo il girone di andata il mister continuava a martellare che potevamo arrivare al primo posto, la partita con il Mantova ha sgretolato completamente questa convinzione;
3) Praticamente il girone di ritorno è stato un saliscendi (con pochi sali) di una squadra molto incostante, alcune volte smarrita e senza mordente;
Le dichiarazioni dei giocatori postesonero confermano appieno il fatto che la società ha fatto bene perchè non si può sentire che “non me lo spettavo, abbiamo fatto tanti punti” allora ci si stava imbellettando sul fatto di aver già dato il massimo e che le motivazioni sono proprio basse; a questo punto, dando sempre atto a Torrente del posto in classifica raggiunto, personalmente non mi interessa arrivare secondo senza aver nemmeno una possibilità di poter vincere il torneo dei playoff. La finale di Catania è stata emblematica, partite così possono capitare e avere la consapevolezza di non poter nemmeno vendere cara la pelle non è accettabile. Perciò preferisco fare qualche turno in più dei playoff con voglia e fame, che arrivare diretto alla fase nazionale contando solo sul fattore fortuna. Una parola su Oddo: se la rincorsa sul Sudtirol si è infranta sul palo e su Poluzzi, Palermo grida ancora vendetta. Mi auguro che abbia anche solo la metà dello spirito di rivalsa che abbiamo noi tifosi, umiliati in mondovisione. Hai la possibilità di scrivere la storia in modo diverso, forza Padova !!!

Rispondi
Andrè The Giant

Varas fuori. Motivo? Oddo dice che non è al 100%
E ci credo… Spremuto come un limone a furia di giocare sempre e in ogni caso.
Spero lo sappia gestire e rigenerare da qui ai playoff in modo da riavere il giocatore del girone di andata. Spero anche che Tordini abbia la possibilità di giocare e far vedere se e quanto vale.

Rispondi
tifoso ignoto

Se Oddo non convince in questo finale di campionato, son capaci di richiamare Torrente .
L’Atalanta U23 ci farà vedere i sorci verdi. Dopo la vittoria contro Kloop avranno il morale alle stelle, dalla prima squadra fino al magazziniere
Forse da Fiorenzuola riusciremo a portare a casa il fatidico punticino che ci manca
Se cosi sarà, contro la Triestina mejo andare a Sotomarina a magnare folpeti e moeche

Rispondi
Flavio

È andata bene. Certamente i nostri hanno dimostrato impegno e corsa ma anche i soliti limiti difensivi. Speriamo che Oddo riesca a rinvigorirli e che risolva il problema delle palle perse …anche se l’arbitro ha favorito l’Atalanta non fischiando una serie di loro falli. Appuntamento a tra un mese circa e speriamo che alcuni difetti vengano corretti

Rispondi
Stefano

Terza volta secondi in 4 anni :
Dovrebbero promuovervi con “voto di istituto”
Come
Una volta si faceva con i pluriripetenti …..

Rispondi
Stefano

Comunque leggendo della Vicenda curva dello stadio … “strano @ che la posizione dei 2 politici sia stata archiviata quando la stessa magistratura afferma che le
Pressioni erano in vista delle
Elezioni per raccattare voti (e quindi erano fatte dai politici) ……. Che strano …… sarebbe interessante aver visto se la vicenda con “altri “ politici avrebbe avuto lo stesso epilogo …. Nel frattempo la curva rimane lì e si parla di UN anno …. Significherebbe. Fruibile dal campionato 2025 / 2026 ….. roba da vergognarsi per 25 anni

Rispondi
Massimo

Sinceramente non credevo proprio vedere un effetto così positivo della squadra con l’arrivo di Oddo, un notevole cambiamento sia di gioco che intensità, ero d’accordo nel cambiare Torrente ma non con Oddo, ma mi devo ricredere, penso così che questo è l’anno buono per andare in B.

Rispondi
Andrè The Giant

Massimo, non è che sei un tantino estremo nei tuoi giudizi?
Noi tutti ci auguriamo che finisca come dici tu ma mi riesce difficile pensare che prima con Torrente fosse tutto da buttare nel cesso mentre con Oddo gioco e intensità sono completamente diversi (in 4 giorni, con lo stesso modulo e la stessa formazione) e ora per magia la squadra sarà in grado di vincere i playoff.
La partita di domenica non è che la dimostrazione di quanto gli episodi siano decisivi nel calcio, a volte girano in modo favorevole, altre no.

A Mantova intanto Ronaldo si risveglia e, complice la rilassatezza della squadra di casa, si ricorda di avere il piede vellutato. Vabbè che il Mantova non c’è più con la testa ma hanno dimostrato quanto pericolosa sia la costruzione dal basso fatta ad ogni costo (anche quando si può evitare) se non hai la concentrazione al massimo.

Rispondi
Flavio

Ho visto un po’ di Catania Messina. Altro rigore dubbio. Forse, il Catania ha un “potere contrattuale” forte: 20.000 spettatori, la Cassa per il Mezzogiorno ed è “simpatico” all’ AIC di serie C. Cosa deve fare il Padova, non dico per essere simpatico, ma almeno rispettato?

Rispondi
tifoso ignoto

Il Mantova sta regalando punti a tutti, contro il Vicenza mi è quasi venuto il dubbio che fosse pilotata, vedere un portiere che passa la palla all’avversario e questo(Ronaldo) segna di prima quasi se l’aspettasse, mi vien da pensare male.
Lavoro per l’ufficio inchieste?

Rispondi
Paolo

Ma sai che e’ venuto lo stesso dubbio/sospetto anche a me ?

Che goduria se saltasse fuori un accordo sottobanco, retrocessione a tavolino per tutte e due, classifica riscritta ed il Padova promosso automaticamente in B senza disputare i playoff!

Invece, senza troppi guizzi di fantasia, se all’ultima giornata il Padova dovesse sfortunatamente perdere in casa con la Triestina, scommetto che a Vicenza sarebbero pronti a dire che abbiamo regalato la partita agli alabardati per dare loro una bella spinta per il terzo posto ai danni del Lanerossi.

Rispondi
Principe

Mi pare che in tutto questo casino, come se ce ne fosse bisogno, ci sia un enorme elefante nella stanza

Rispondi
francescosolesino

In tuttincampi ho sentito bonavina che ha detto che nessuno ha mai voluto investire sull euganeo ma mi pare che ai tempi di cestaro se gli facevano fare il supermercato lo faceva nuovo

Rispondi
Emanuele

Continua a venirmi il vomito ogni volta che mi accingo ad avvicinarmi all’Euganeo….Padova, noi padovani, sportivi, tifosi e amanti del calcio Padova non meritiamo un simile trattamento…
Basta gentaglia che senza professionalità, capacità, attitudine, decoro e rispetto per la cittadinanza, professa ancora l’innocenza e l’onesta di intenti….
Loro siedono al comando e sperperano i nostri soldi…noi continuiamo ad essere sbeffeggiati…ora anche (o ben presto) dalla CLODIENSE…
BIANCHI…se ci sei…ma proprio se ne hai voglia…batti un colpo!!!

Rispondi
francescosolesino

ormai con la curva siamo alle comiche non si sà quando aprirà che disastri solo a padova succedono queste cose

Rispondi
fabio.pd

Questa fase di campionato RISPECCHIA per certi versi la pausa natalizia: queste ultime due partite serviranno a Oddo per sperimentare nuove soluzioni o per confermarne altre non esistendo uno stimolo e una pressione in ordine ai risultati di gioco. Spero solo che anche la prima partita dei play off e, mi auguro, le successive, non RISPECCHINO un altrettanto risultato deludente come è avvenuto contro il Mantova, partita giocata senza alcuna concentrazione e dignità!

Rispondi
Stefano

Un 10% di quanto tutto va dritto all’hellas e un po’ di speranza potremmo averla anche se io continuo ad avere l’impressione di una fragilità difensiva preoccupante

Rispondi
acp

faedo è il problema della difesa del padova. deve fare il terzino sinistro. crescenzi deve tornare titolarissimo. belli fisso terzino destro.

Rispondi
DC

Crescenzi credo che in questo momento abbia problemi personali, altrimenti è proprio forte. Faedo è giovane e non è male, anche se obiettivamente la ns difesa deve assolutamente migliorare rispetto al girone di ritorno…

Rispondi
fabio.pd

Oddo crede nei giocatori…i giocatori credono in Oddo….noi crediamo sia in Oddo che nei giocatori…….a me interessa uscire da questa categoria, non ne posso più !

Rispondi
Massimo

Certo, ma quello che più mi preoccupa, a prescindere dal dire intanto ci andiamo, e’ quanto investirà nel caso la società visto che con quasi tutti, ripeto quasi tutti questi giocatori facciamo la fine della Feralpi. Lecco ecc. compreso l’ attuale allenatore da cambiare subìto anche dopo la vittoria ai playoff ( tanto il merito non può essere solo suo) .
Non mi basta dire intanto andiamo in B , qui non si deve soffrire più e dire basta ad anni ed anni di sola merda.

Rispondi
Massimo

Capelli nel gazzettino ha detto che vorrebbe di nuovo incontrare il Catania… ci credo … da tempo non vedevo una squadra così scarsa vincere la Coppa Italia … dove vuto che ndemo .. il problema è che mi metto a leggere anche certe interviste, sono proprio messo male .

Rispondi
DC

Intanto giochiamoceli, ‘sti play off. Temo che sia scritta già la fine (politicamente non pesiamo un tubo!!!), per cui in una ipotetica finale con WCenza o catania o benevento o avellino si parte già sotto di 1-0, temo; nonostante questo pretendo impegno e”garra”, ed è evidente che si dovrà vedere pure la mano del mister. Quanto a dopo, ritengo che sia feralpì che lecco abbiano commesso l’errore nostra dell’ultima serie B. Errori madornali, da dilettanti, giocatori sbagliati, organizzazione amatoriale. Certo che leggo in giro che la triestina starebbe già guardando a Toscano, il wc ha comunque un ottimo allenatore…. insomma, si stanno muovendo bene, se è così. Poi …. sarà sempre il campo a parlare.

Rispondi
fabio.pd

spero solo che le partite che contano vedano l’utilizzo di Radrezza da subito. Mi spiace per Bianchi, ma non capisco il suo inserimento…forse per dargli un pò di minutaggio…..mah…

Rispondi
tifoso ignoto

E’ un mistero per tutti il fatto che Bianchi giochi, probabilmente negli spogliatori e in allenamento si fa sentire. Quando il Cesena è riuscito a scaricarlo al Padova da quelle parti hanno tirato un sospiro di sollievo, i tifosi l’hanno salutato con un caloroso ciao ciao. Si vede che a Padova aveva qualche santo che stravedeva per lui. Chi lo sà. Se devi dare minutaggio fai giocare un giovane che così la società prende qualche soldino, invece di insistere con certi senatori. Il mantova oltre a vincere il campionato è quella che ha fatto fare piu minutaggio ai suoi ragazzi. Invece il Padova preferisce darli in prestito come Leoni alla Samp

Rispondi
crestaalta!

Forse Nicolò Bianchi è stato schierato per un saluto finale, compresa fascia da capitano, ai playoff, non credo sarà schierato…., comunque se facciamo 3 gol alla TS, possiamo sperare di affrontare quanto meno alla pari le altre squadre in finale. Alè PADOA!

Rispondi
DM

Alla lotteria dei playoff ci presentiamo con una squadra che rispetto alla “corazzata” di due anni fa è più forte in difesa, attacco e come interni di centrocampo. Il problema è il regista, dove parliamoci chiaro non abbiamo nessuno che valga metà di un Ronaldo in forma (cosa che all’epoca non era, ma lo è adesso).
Purtroppo il Vicenza oltre ad avere uno squadrone ha preso il miglior allenatore della C, che da quando si è insediato ha un rendimento da ampio primato in classifica. Per me i favoriti sono loro. Noi dobbiamo registrare la difesa che continua ad avere più buchi di un groviera, e trovare il modo di rendere Valente e Liguori pericolosi, perché ultimamente sono stati poco incisivi.

Che sia Oddo o Torrente, è ormai palese che Radrezza e Tordini siano l’ultima possibile scelta anche in situazioni di emergenza, le riserve delle riserve. Non mi è chiaro cos’abbiano fatto di più i vari Crisetig, Bianchi, Cretella, Dezi o Palombi, rispettivamente, ma queste sono le scelte.

Rispondi
roby14

Occupo un pò di spazio per spendere alcune parole a favore di Faedo. Crescerà ancora ma già adesso è un giocatore che può stare dappertutto in campo. Ieri ha fatto goal ed un assist che Crisetig si sogna. E’ ambidestro, visione di gioco, senso della posizione: gli manca forse l’esperienza. Ma si capisce che è di altra levature rispetto agli altri lì dietro. Anche rispetto allo stesso Delli Carri che è sicuramente più duro e cattivo, ma non ha i suoi numeri. Non vorrei sparare un’eresia, ma lo vedo bene anche a centrocampo. Un altro che merita una menzione a mio modo di vedere è Bortolussi. Sono due campionati che gioca a tener palla, a fare sportellate con i difensori sempre con le spalle alla porta perchè non abbiamo un regista degno che gli dia una palla in profondità o giocatori di fascia che gli mettano un pallone sulla testa. Si sacrifica ed è un gran lavoratore. Tenerselo stretto: nella rosa di attaccanti è il giocatore magari meno appariscente ma il più costante e di sostanza.
Aspettiamo i playoff e incrociamo le dita. Non ho mai visto le avversarie potenziali (Catania a parte) ma così, a sensazione, non credo ci siano squadre ammazza tutti.

Rispondi
Andrè The Giant

Bella analisi Roby. Faedo secondo me è un pò sacrificato a fare il centrale in un difesa a 4 perchè ha più responsabilità nella fase puramente difensiva, mentre fare il braccetto nella linea a 3 gli consente di sganciarsi e partecipare all’azione offensiva dove esprime le doti migliori.
Resta comunque di gran lunga il migliore acquisto di gennaio.
Anche l’analisi su Bortolussi è condivisibile. Il suo apporto per far salire la squadra è notevole, anche a scapito di qualche goal in meno. I suoi possibili sostituti tuttavia hanno dimostrato di non saper fare di meglio, quindi tanto vale che il ruolo di punta centrale sia suo.
Vedo un Dezi rigenerato e spero che lui e Cretella possano finalmente rappresentare una valida alternativa al duo Varas-Fusi in chiave playoff.
La questione regista resta effettivamente un bel dilemma ma, per quanto visto finora, resto leggermente a favore di Radrezza. Io con questi famosi giocatori di ordine, con senso tattico e di posizione faccio proprio fatica ad esaltarmi (mi riferisco a Crisetig ovviamente). Vedo solo passaggini al compagno vicino e mai un lampo di genio o un assist decisivo. Radrezza è vero che gioca troppo con la palla, a volte rallenta tenendola e rischia all’eccesso però crea e inventa. Nel complesso un bel dilemma.

Finirà che giocheremo con il Catania, me lo sento.
Il favorito nr. 1 resta comunque il Vicenza. Su questo non ho dubbi. Speriamo solo che Ronaldo faccia i playoff come ha sempre fatto con noi, ovvero da culo.

Rispondi
Principe

Faedo miglior acquisto della stagione, infatti lo aveva chiesto Torrente
Adesso almeno 20 giorni di noia totale, in attesa di conoscere i tempi del rinvio
Raramente ho avvertito tanta negatività nell’ambiente prima dei play off, a 360 gradi

Rispondi
Flavio

Diciamo che un po’ di negatività è scaramantico….visti i precedenti. Cmq, non siamo i più forti, non siamo i favoriti …ma non è un problema viste le previsioni ad inizio playoff con Palermo e Lecco. Vincerà , al di là dei pronostici, chi sarà più fresco, in forna e più motivato. Sai mai che Oddo non li prepari a puntino …

Rispondi
Massimo

Se è vero come scrive il Mattino che ai quarti si potrebbe incontrare il Catania molto ma molto bene , la semifinale è quindi certa , un bel passo avanti… sono scarsi e non avranno la fortuna avuta in Coppa Italia.

Rispondi
Stefano

Io sono convinto che ai quarti ci sarà il Vicenza e francamente non mi dispiacerebbe affatto :
2 belle partite con la seconda in casa e il vantaggio del passaggio in caso di pari risultato :
Meglio così che contro magari qualcuno con meno pronostici ma che poi ti frega-
Vediamo se ci azzecco

Rispondi
fabio.pd

Grande Gildo ! Il tuo ricordo, la tua voce, la tua passione….per sempre nel cuore di noi tifosi !

Rispondi
DC

In effetti … Sogliano ha fatto un bel buco a PD, mentre a VR le imbrocca tutte. Ha smantellato una squadra obiettivamente in difficoltà (da lui costruita in estate) prendendo diversi sconosciuti e adesso si salverà clamorosamente. Nemmeno a VR ci credevano più…

Rispondi
fabio.pd

temo per questa lunga pausa, temo per i vari articoli apparsi che danno il Padova favorito………

Rispondi
crestaalta!

la lunga pausa è per tutti, i vari wcenza,avellino o benevento, quanto a star coi piedi per terra, dipende da Oddo, non è stato preso per dare la “scossa”?

Rispondi
Massimo

Fabio .pd , in effetti è così inutile nascondersi dietro un dito, siamo i favoriti soprattutto perché Avelllino e Benevento non hanno certo un potenziale così alto da poter ambire ad una B ( guarda il loro percorso in campionato) e non hanno certo la qualità della panchina come noi.
Per quanto riguarda il Vicenza non credo proprio sia da temere, troppe primedonne, sembra noi 2 anni fa… si è visto alla fine come è andata.
Siamo oggettivamente più forti e quadrati di tutti…. sono certo che è l’anno buono, anche per questione di statistica.

Rispondi
DC

…va da sè una poderosa grattata….

Comunque sia, non sono assolutamente d’accordo sul giudizio del Wcenza. E attenzione sempre alla mina vagane di turno (Carrarese? Taranto?..)

Rispondi
Andrè The Giant

e ora tutto questo improvviso ottimismo da dove ti viene?!? Fino a ieri eravamo da scoasse…

Rispondi
Tifoso a 1/2

Per passare il tempo a ogni turno playoff vediamo chi “sulla carta” era/è partito con velleità e che viene estromesso: il Crotone è andato;
P.s. Visto chi ha vinto i playoff negli ultimi anni meglio che rimangano più possibile quelle che sulla carta sono le più forti

Rispondi
Fabio

Mah, io onestamente non ci vedo come favorita, tra le pretendenti si, ma con altre 4/5 squadre:
Avellino, Benevento, Padova e Vicenza, rigorosamente in ordine alfabetico.
Da non dimenticare anche Triestina e Catania, che hanno avuto grosse difficoltà in campionato ma con rose importanti che se trovano equilibrio possono tranquillamente ambire alla promozione.
Tra tutte, e non lo dico per scaramanzia o per tirargliela, secondo me la più quotata è il Vicenza: rosa di prim’ordine e allenatore che sa il fatto suo. Vecchi li ha messi a posto nel girone di ritorno.
Poi ovvio, vincere questi play-off è sempre un impresa e noi purtroppo lo sappiamo fin troppo bene.

Rispondi
Massimo

Perché ho giocato tanti anni a calcio ed a buoni livelli ,e vedo che se il livello degli avversari è questo non vedo grossi problemi, evidentemente sono ancora più scoasse ( vedi il livello di chi ha vinto la coppa italia) .

Rispondi
Principe

Solo un sistema calcio vecchio e incompetente come il nostro poteva architettare una formula play off così ridicola che costringe alcune squadre a stare ferme un mese
I giocatori si annoiano, l’umore si abbassa, la tensione sale.

Nel frattempo il latrina stadium come procede? Sono iniziati i lavori? E’ arrivato qualche altro avviso di garanzia? Bonavina ha dovuto rispondere lle domande taglienti dei nostri prodi giornalisti? Nessuno sa niente, avanti così che va bene

Indicarci come favoriti è semplicemente illogico
Molto curioso di vedere triestina vs giana

Rispondi
tifoso ignoto

Gli ultimi play-off disputati ci dicono che sono le terze in classifica quelle che hanno vinto e sono state promosse in B e il motivo è abbastanza semplice. Hanno il tempo giusto(ne troppo lungo ne troppo corto) per recuperare. Se passano il turno, hanno il passo gara e la condizione ideale per proseguire e battere le seconde che entrano dopo.. E’ come l’inizio di un campionato c’è chi parte forte trova subito il ritmo e per 6/8 partite di seguito vince quelle che bastano per vincere i play-off

Rispondi
fabio.pd

a me ….sapere che altre squadre sono in stand by come noi…onestamente non mi interessa. Io guardo solo il Padova e continuo a leggere interviste e commenti che puntano in alto. Io dico: ma non hanno insegnato a niente questi ultimi anni ? Devono essere concentrati ed in forma fisica. Devono lottare su ogni palla. Basta interviste che non servono a niente, dovevano farle prima, durante il campionato. Adesso servono solo ad un windows dressing individuale, per farsi vedere positivi in vista di un eventuale cambio di casacca. Penso a Crisetig che pontifica come se fosse un leader della squadra…..è finito il rodaggio di cui tanto si parlava ( “eh…. ma è fermo da mesi”)….ed è stato partorito un topolino! Basta strategie e messaggi occulti. Pensate alla/e prossima/e partita/e. Io sono stanco di questo folklore ogni anno che non porta a niente. Sono stanco di questa serie C.

Rispondi
Stefano

Le interviste più assurde (x me che sono scaramantico ) sono quelle relative “alle 6 partite che ci aspettano “ …..
Ma che sostanze assumono ????? Potremmo
Anxhe farne due (!) di partite ……..
stare un po’ zitti adesso pare così brutto ???????

Rispondi
Massimo

Secondo me per avere così tanta sicurezza qualcosa sotto c’è, d’altronde anch’io sono certo che questa è la volta buona , ripeto non vedo squadre avversarie fenomenali, d così la vedono anche loro.

Rispondi
Stefano

E così il catania ha beccato l’Atalanta under 23 al sorteggio …. Chissà come finirà tra volponi poi il var e ragazzini ……
Domenica prossima sorteggio e sono sicuro ci capiterà il Vicenza (per la Lega ottimo se una delle due tra padova e Vicenza esce ai quarti )
Al catania capiterà la vincente di carrarese Perugia

Vediamo
Se ci azzecco

Rispondi
Andrè The Giant

Si inizia con la solita musica anche in questi playoff.
Ieri a Trieste Giana Erminio derubata del goal del 2-1 al minuto 93 con palla nettamente entrata in porta ma “non vista” dall’arbitro

Rispondi
Massimo

Intanto al Wcenza gli è capitata una bella gatta da pelare, il Taranto è forte e le probabilità che passi il turno sono elevatissime.
Questi sono i playoff.

Rispondi
Tifoso a 1/2

Giana era una scheggia impazzita, meglio così. Triestina solo per come é finita lo scorso e come ha mandato via Tesser merita di uscire subito

Rispondi
Flavio

Fare pronostici lascia il tempo che trova, anche se è un esercizio divertente. Certo che è comprensibile creare entusiasmo na con questo Padova è più saggio volare bassi e non creare aspettative. Se poi guardiamo gli ultimi mesi, la difesa è quasi un colabrodo (vedi anche ieri), quindi … All’inizio della stagione abbiamo preso pochi hial perché c’era una fase difensiva attenta che coinvolgeva tutta la squadra, ora NO. Vabbe’, stiamo a vedere. Meglio essere ai playoff che non esserci. Accontentiamoci

Rispondi
QuoreSqudato

Bene, bene. Finché non scendiamo in campo noi , questi playoff stanno procedendo molto bene, ad ogni turno metà squadre vengono eliminate. Avanti così!

Rispondi
frengo

Giana letteralmente derubata. Episodio molto peggiore del gol di Gomez di mano oppure del rigore non datoci contro la Virtus Verona. Proprio perché c’era il VAR.
VAR in totale malafede (come nel nostro gol annullato con il Catania) e in grado di indirizzare molti episodi.

Rispondi
Fabio

Premetto che per me è gol, dalle immagini confrontando la posizione del portiere che è parecchio al di la della linea di porta si può dedurre che la palla fosse entrata.
Il VAR però ha un protocollo da seguire, e se non si ha la assoluta certezza non può intervenire e rimane quindi la decisione che ha preso l’arbitro (o l’assistente) in presa diretta.
E dalle immagini non si può avere la certezza matematica che la palla sia entrata, perché la palla è in aria e le telecamere non sono in linea.
È secondo me la stessa cosa che è successo con il rigore del Catania: alla sala VAR probabilmente non hanno avuto il video che chiariva la situazione, ma solo quello impallato che non mostrava il contatto del pallone con Perrotta e quindi è rimasta la decisione dell’arbitro.

Si può eventualmente discutere sul fatto che metti il VAR ma non hai l’opportunità di sfruttarlo perché ti mancano telecamere. Certo piuttosto di niente, meglio piuttosto, ma mi romperebbe avere ancora episodi sfavorevoli come contro il Palermo in casa o come contro la Virtus lo scorso anno.

Rispondi
Flavio

Ci sono squadre per le quali gli arbitri “sembrano” non avere il coraggio di fare le scelte più ovvie e la Triestina è una di quelle (goal di mano contro di moi, goal della Giana sul quale non avrei dubbi); oppure, fanno scelte dubbie come col Catania (il rigore dato, il goal di Liguori annullato dopo aver dato il vantaggio). Conti alla mano, il Padova è molto più spesso penalizzato. Perché? Perché ispiriamo decisioni penalizzanti? Non per cercare alibi ma al Padova viene richiesto di fare molto di più per vincere …e speriamo che i nostri ragazzi lo capiscano

Rispondi
frengo

Sul nostro gol annullato a Catania anche una persona equilibrata come Montrone ha manifestato seri dubbi sulla buona fede del VAR

Rispondi
francescosolesino

io mi ricordo il gol di porrini dentro di mezzometro non dato in padova albinoleffe

Rispondi
Principe

Dominio netto del Vicenza a Taranto, prova di forza notevole in casa della seconda classificata del girone C nonostante i mitologici “condizionamenti” dei campi del sud
Ronaldo nonostante i falli subiti ha mantenuto la calma ed è stato il migliore in campo.
La vedo molto molto dura

Rispondi
fabio.pd

…il Taranto ha giocato con il cuore, ma tiri in porta pochissimi. L’unica grossa occasione l’ha avuta De Marchi che in spaccata ha consegnato debolmente la palla nelle mani del portiere wcentino, sarebbe stato bel gol…….sarebbe….. Bifulco ha deluso….

Rispondi
Massimo

Secondo me il Taranto ha fatto una buona partita e di importanti occasioni ne avuto almeno 3 e quella di De Marchi il portiere del WC ha fatto un mezzo miracolo.
E’ bene che il Taranto venga eliminato perché è una vera mina vagante, tanta intensità e non ha nulla da perdere, e’ vero segna poco ma anche non ne prende, l’entusiasmo inoltre è un arma in più non da poco .
Al Wcenza vorrei chiedere invece se ci possono restituire Ronaldo ( tanta roba signori) in cambio di Crisetig e Radrezza messi insieme ed un conguaglio di 200mila euro. (ma non so se accettano).

Rispondi
roby14

Ho fatto zapping tra le varie partite: un minuto una un minuto l’altra. In realtà quel che ho visto sono state partite comandate dal timore di prenderle. Vado contro corrente su Taranto Vicenza. Il Taranto non mi è sembrato un granchè. Greco del Vicenza si è mangiato due goal fatti da solo davanti al portiere (Vannucchi….ve lo ricordate???) e sempre il Vicenza l’ho visto difendersi anche a 5 contro una squadra tanto fumosa e inconcludente. Triestina Benevento: la prima con individualità buone ma squadra senza capo nè coda; la seconda compassata ma tecnica ed in buone condizioni fisiche, a mio avviso molto pericolosa. Atalanta Catania. Tecnica e ingeniuità contro volponi smaliziati. Mi preoccuperei se dovessi incontrare i secondi solo per le condizioni ambientali. Perugia Carrarese: Perugia indegno e Carrarese buon gruppo. Però nulla di che. Juve Casertana non vista. A mio avviso, ma sarò sicuramente smentito, tra tutte vedo il Benevento come squadra tecnicamente tosta. Poi il Vicenza.
Stiamo a vedere.

Rispondi
Massimo

Benevento proprio no, da verificare l’Avellino , Vicenza non arriverà in finale , le altre non fanno una grande impressione… ripeto, secondo me , visto il livello tecnico generale , è con moltissime probabilità l’anno buono , e visto il grande ottimismo dei nostri ci siamo.

Rispondi
Flavio

No, dai, non siamo nostalgici per Ronaldo che da un momento all’altro può sbracare. Comunque, stato psico-fisico ed episodi (vedi Giana con la Triestina) decideranno le partite. FORZA PADOVA …e quel che sarà, sarà

Rispondi
Flavio

…dimenticavo: eppoi, ci sono gli arbitri e il VAR con le loro interpretazioni che non infrequentemente sono “bizzarre”: premeditazione o incapacità?

Rispondi
sauz

Avete presente quando andavate a scuola le cosiddette seghe della classe come facevano a sbarcare il lunario e a salvare l’anno scolastico? Oltre a studiare a capofitto e di più rispetto agli altri che ci arrivavano prima, cercavano comunque di stare lontano dai riflettori, professando umiltà, evitando interrogazioni perché il basso profilo in situazioni precarie è l’unica ancora di salvataggio. Ecco calandoci nel nostro mondo calcistico è l’esatto contrario di ciò che stiamo facendo da venti giorni a questa parte dove un senso di nausea notevole mi invade ed è difficile da mandare via manco fossi in stato interessante.
Noi non abbiamo capito un cazzo da ciò che è successo due anni fa quando abbiamo permesso a degli scappati di casa colossali di andare in B dopo nove lustri e tantomeno abbiamo capito qualcosa da l’anno seguente quando dopo una rincorsa folle ci siamo spenti quando chiunque avrebbe dato l’ultima stoccata.
Adesso vogliono lor signori rigiocare con il Catania quando in terra etnea due mesi fa ci hanno aperto l’ano manco fossimo Milly D’Abbraccio in una performance di grido e si augurano anche il Vicenza che tra andata e ritorno ci ha fatto vedere il pallone forse per un quarto d’ora? Eh sì perché noi a parole siamo meglio del Real Madrid di Ancelotti ma nella realtà dei fatti siamo come l’Ancona dei record di Mario Jardel.
Tutti a fare filosofia di questo o di quello, ma mettiamocelo bene in testa, in questi playoff faremo una comparsata come il primo anno di Mandorlini, siamo una squadra senza spina dorsale che ha voltato le spalle ad un uomo con la U maiuscola come Vincenzo Torrente dimostrando ancora una volta di essere costruita da piccoli uomini.
Guardando al Verona dove lavora il tanto bistrattato Sogliano guardate che non è che hanno solo culo sono semplicemente persone con le palle grosse come quelle di Rocco Siffredi mica come i nostri per quello stanno tentando un’ impresa al limite dell’eroico.
Qui nell’assolata domenica contro la Triestina sentivo di gente che parlava della mano di Oddo, di gente che applaudiva convinta a fine partita, ma io non mi faccio più abbindolare da questi personaggi che puntualmente ogni sacrosanto anno ci prendono per il culo, ma ci sta bene, no bene ci sta benone, A noi basta vedere uno sprint e giù di applausi scroscianti, ci basta vedere un sombrero ed ecco il nuovo Del Piero. Di calcio a queste latitudini non si capisce una sega, siamo massa boni, ma dopo sei lustri di merda direi che xe’ ora che se demo na svejada.
Questi playoff avranno un vincitore che sarà ahinoi il Vicenza, squadra quadrata, compatta con talento e con un allenatore vero con la A maiuscola non come il nostro ottimo giocatore di padel e mister a tempo perso.
Volevano tentare l’all in dopo l’esonero di Torrente? Legittimo ma allora si virava sul buon Tesser, che ha una voglia di rivalsa da spaccare il mondo, li si costruiva un progetto biennale e si partiva con anche buone chance di fare dei playoff decenti, ma Oddo no, Oddo due anni orsono ha costruito sul lavoro di Pavanel e quest’anno su quello di Torrente senza metterci nulla di suo, peraltro se vogliamo fare le pulci, ha rischiato di perdere con il Fiorenzuola con il quale il Novara ha giochicchiato sabato scorso.
Troppe parole, anche Crisetig che mi ha ricordato quest’anno il quinto a calcetto che viene a giocare per forza come se fosse sora on mare de ovi giocare in punta di piedi per paura di farsi male, ma dove vutto che ndemo con sta xente qua, qui ci serve gente con garra, con fame, con grinta, con maglia sudata, se mi serviva un geometra ne conosco uno ottimo che lavora per me e costa almeno un ventesimo di quello che prende il friulano.
Il buon Fusi , lui si con un campionato di spessore, mi parla pero’ che non abbiamo paura di nessuno, caro il mio Pietro, noi siamo il Padova la squadra per cui nessun essere senziente vorrebbe tifare se non costretto dalla propria genetica, la squadra che ha permesso agli orsi grigi di avere l’unico orgasmo in mezzo secolo, ce la giochiamo noi e il Taranto per la squadra più sfigata d’Italia, ormai la Reggiana è salita ai piani alti e con la proprietà che si ritrova temo ci vorranno anni per rivederla nella merda con noi.
Pensiamo a costruire qualcosa per l’anno prossimo , ma bisognerebbe ripartire da una società con idee chiare, con un direttore con la d maiuscola, con questa gente l’oblio sarà servito e speremo che non ripeschino anche i radicchi che fa tempo a tornare in serie a mentre noi ancora a vegetare in questa merda con lo stadio peggiore d’italia e con una città che se va tutto ben per sabato prossimo riuscirà nell’impresa di portare 3000 persone allo stadio e dopo diciamo noi siamo i padovani e per fortuna che non lo sono gli altri senno’ ci sarebbe un’impennata di richieste di apolidia che mandaria gli uffici anagrafe in tilt.. a buon intenditor..

Rispondi
Il vecchio Max

1) Riguardo Tesser, ho fondati motivi di pensare che se avesse portato a Padova i risultati ottenuti a Trieste sarebbe stato esonerato molto prima. 2) Qualsiasi risultato diverso dalla promozione in B sconfesserebbe la scelta del cambio di allenatore, quindi non è solo Oddo che si gioca tanto in questi play-off. 3) Spero che ci capiti in sorteggio per i quarti l’ avversario più temibile, se reale potenziale finalista e oggettivamente più forte di noi. 4) Mi piacerebbe sapere se Crescenzi è un giocatore realmente schierabile, perché è da mesi che non vede il campo . Sembrerebbe di no, il che potrebbe rivelarsi un problema grave se si dovesse andare avanti. 4) In questi play off avrei anche motivi più che fondati per pretendere che il fattore C sia sfacciatamente a nostro favore. Sarebbe cosa strameritata.

Rispondi
Flavio

Sono anch’io curioso di vedere.se, dopo tutte queste dichiarazioni ottimistiche, probabilmente frutto di training autogeno, dimostreremo un certo valore. Spero anche di non vedere lo “spettacolo” (fumogeni, petardoni) del tifo di Vicenza e Taranto che minimo procurano grosse multe e, se succede, qcs di più grave anche partita persa. Solo per l’esibizione dei catanesi ha procurato più danno agli avversari (ovvero, noi)

Rispondi
crestaalta!

Penso che il tragitto per la B dopo il doppio derby, sia battere prima Avellino e poi il Benevento. comunque vada come vada, importante è uscire dal Menti non senza avergli lasciato un paio (almeno) di gol in rete. ALE’ PADOA!!

Rispondi
Massimo

Avevo detto che il Vicenza non andava in finale , ora a maggior ragione sarà così in quanto queste due partite saranno certamente due pareggi e noi abbiamo due vantaggi in più, i due risultati su tre e la loro stanchezza… hanno speso molto contro un’ottima squadra come il Taranto.

Rispondi
Baldo

Diciamo che per arrivare in finale, dovremmo affrontare squadre forti con piazze importanti.
Se dovessimo scavalcare questi ostacoli, vedo una finale più(tra virgolette) facile

Rispondi
Stefano

Ottimo – il sorteggio che ho sempre sperato. – certo , sabato prossimo potremmo essere già fiori ma sarebbe potuto aaccadere anche contro la Juventus next e vuoi mettere che tristezza – zero adrenalina – stadio vuoto
All’andata ecc ecc ? Molto meglio così !!!!

Rispondi
fabio.pd

il commento di Sauz è da incorniciare!!
io chiedo solo una cosa: fate giocare Radrezza, Crisetig sarà anche un bon toso….ma preferisco Radrezza ! per cortesia….

Rispondi
DM

Non poteva esserci sorteggio peggiore. Il Vicenza è di gran lunga la squadra più forte ai playoff e allenata benissimo. Arrivano da due partite: abbastanza per avere ritmo nelle gambe senza essere stanchi.
Noi arriviamo da un mese di inattività e con una difesa non solida. L’unico lato positivo è che se proprio dovevamo affrontarli, meglio ora con 2 risultati su 3, ma storicamente il Padova non sa gestire. Le dichiarazioni dei nostri giocatori sono tutta pretattica per aumentare la propria convinzione, ma c’è ben poco da essere arroganti. L’ultimo derby il Vicenza ci ha picchiato tutta la partita, Ronaldo in primis. Oddo deve preparare anche questo aspetto mentale, saranno partite molto fisiche e sporche e noi non dobbiamo essere da meno, anzi farli innervosire.
Vedremo se Valente e Crisetig finalmente porteranno quello che ci si aspettava da loro.

Rispondi
Massimo

Due risultati su tre ed il ritorno in casa sono tanta roba, provate a pensare se fosse il contrario… e comunque dover vincere per forza mano a mano che passano i minuti e non vai in vantaggio psicologicamente e’ devastante.
Secondo me è bene così , sarebbe stato decisamente peggio trovare l’ Avellino in semifinale ed il Vicenza in finale, non ne saremo mai venuti fuori. Grande la disamina di Sauz che condivido completamente!

Rispondi
fabio.pd

io preferisco uscire subito piuttosto che attendere l’ennesima finale e perderla. Mi auguro che Oddo valuti attentamente “la fame” dei giocatori e inserisca quelli che garantiscono il massimo impegno……dopo aver provato in queste settimane qualche schema di gioco, magari. Mi auguro inoltre di trovare un arbitro all’altezza, anche un pò all’anglosassone, che faccia giocare senza fermare il gioco ogni volta che pompeo simula qualcosa…..

Rispondi
Principe

Dichiarazione dei giocatori semplicemente senza senso, nella migliore delle ipotesi
Nella peggiore invece si tratta di superbia e allora la società dovrebbe imporre il silenzio stampa, ma qui pare che la società non ci sia

Avere due risultati su tre non è affatto un vantaggio per i seguenti motivi
1) il vicenza attaccherà dal primo minuto della gara d’andata e noi siamo in grossa difficoltà con le squadra che ci mettono sotto (inutile ricordare i precedenti della stagione in corso)
2) noi il fattore campo non lo abbiamo, casomai ne giochiamo una in trasferta e una in campo neutro

Oddo è qui da due mesi, ha avuto tutto il tempo del mondo per conoscere e parlare con tutti i giocatori. La responsabilità ora è sua e della società che ha cacciato Torrente perchè evidentemente vuole vincere i playoff a tutti i costi

1200 biglietti finiti in 3 ore, eh ma la disaffezione del pubblico padovano

Rispondi
Stefano

Letti tutti i commenti e sempre più convinto sia meglio così –
Vedo il rischio di prendere goal nei minuti iniziali proprio perché saremo “ a freddo “ :
Detto ciò poi le cose cambiano e si può sempre rimediare .
Ronaldo in formissima – talmente in forma che potrebbe magari esagerare chi lo sa …. Oppure Cretella ha la formula magica per dirgli una cosa che lo manda in bestia …. Può accadere di tutto in 2 partite così ravvicinate ma comunque andrà ne valeva la pena – e se andrà male essere “liberi il 25/5 “ e’ sempre meglio di cadere all’ultimo rigore –
Altra cosa : dovesse andare male per la prima volta mi augurerò che vadano su i vicentini altrimenti il prossimo campionato sarebbe già ipotecato da loro –

Rispondi
Massimo

Altro fattore a favore, prevista pioggia e campo pesante sfavorevole alle giocate di Ronaldo ( che piaccia o no fa la differenza) e per chi deve forzatamente vincere, i buoni presupposti ci sono tutti.

Rispondi
Lacoste76

Certo Massimo che tu la scaramanzia proprio non la prendi in considerazione.
A me il calcio ha insegnato che chi fa tanti proclami poi raccoglie poco

Rispondi
sauz

E’ lapalissiano che andremo fuori e vi elenco gli svariati motivi:
1) Il Vicenza con noi non vince da un po’ e noi, volponi che non siamo altro, li abbiamo presi anche per il culo in maniera bambinesca dopo il pari rubato a Marzo. Noi vinciamo quando serve un po’ loro invece ci massacrano il culo quando serve veramente
2) Ronaldo farà due partite eccezionali perché è carico a pallettone visti anche i nostri epiteti. Ma ignorare non era meglio? Che cazzo ci viene in tasca ad insultarlo perché è andato a Vicenza, cazzi suoi era probabilmente destino. Il tutto ci si rivolterà in culo come per esempio è successo spesso e volentieri con Calhanoglu da quando veste la maglia dell’Inter contro il Milan, ma almeno i milanisti posso anche cercare di comprenderli, tifano per una squadra un tempo gloriosa, mica per la scoassa che nessuno vorrebbe o almeno si augura di dover tifare come succede a noi.
3) Dall’altra parte del Bacchiglione hanno un profilo piu’ basso di Danny De Vito qui invece si montano reel come non ci fosse un domani appena si e’ saputo di giocare contro il Vicenza. Meno chiacchere e piu’ attenzione.
4) Quando ho saputo che sarà della contesa Delli Carri con Faedo me la sono gia’ messa via, sapete come andrà a finire? Che ci colpiranno per una delle nostre note disattenzioni nella prima quindicina di gioco e subito saremo disorientati e non combineremo una sega, sperando almeno il passivo sia di un goal senno’ il ritorno e’ completamente senza senso. Bisogna inserire Crescenzi se si vuole qualità, Delli Carri e’ un inutile scarpone che va bene solo quando la azzecca di testa e segna, è scomposto, ci e’ costato una Coppa Italia e a Trieste è stato graziato da un rosso sacrosanto.
5) Io me li immagino già sotto il nostro settore a fine partita Donnarumma avrà la faccia disorientata come un elefante allo zoo e cercheranno di avere parole di sostegno che puntualmente arriveranno anche se immeritate.
6) E come finirà il tutto? Che da domenica inforcheremo lo scooter e come ogni fottuto anno andremo a Sottomarina a farci prendere per il culo dai ciosoti e dai veneziani che ormai si sono affezionati a noi li facciamo tenerezza tanto semo sfigai, E i nostri eroi? Dopo il post di rito su instagram di addio con mille lacrime a una piazza che non dimenticheranno mai e a cui rimarranno legati a vita, si parte subito con le stories da formentera come non ci fosse un domani con fighe al seguito e drink a manetta mentre noi sul mattino seguiremo l’evolversi dei lavori per la curva sud che sara’ pronta per il giubileo 2050 secondp anticipazioni fornite dal pontefice Bergoglio.
7) Smettiamola di illuderci e di pensare se il campo xe’ pesante o no, il destino ci ha messo contro chi con noi non vince mai, non vorrete che gli eroi che hanno permesso agli orsi grigi di uscire dai tombini non perdano l’occasione per sovvertire la tradizione e regalare ai berici una promozione che sarà terribilmente reale?
8) L’anno prossimo poi il redivivo Novara dopo essersi salvato di culo incontrando il nulla ai playout farà una signora squadra e ne vedrete delle belle. Noi invece proseguiremo con l’Ariedo Braida di Castrovillari con l’illusione che ci venderanno di fare una squadra per la B. Questo ce lo dobbiamo sorbire un altro anno…urge toccata di uova da parte di tutti.
9) Ho visto l’eroica salvezza dei gialloblu, uomini con i contro cazzi, pochi social, poche chiacchere tanta umiltà e cojoni…noi abbiamo solo gli ultimi e anca pien de pei…
10) Al buon Stefano che lavora in riva all’Adige, sai cosa penso ? Che in parte il discorso di culo è vero ma e’ una cosa piu’ profonda, piu’ intrinseca, mi spiego meglio: C’e chi nasce con la camicia e chi senza nemmeno mutande, c’e’ chi nasce in Africa senza nemmeno un piatto da mettere sotto i denti e chi nasce in Nord Europa con servizi eccellenti, c’e’ chi nasce a Verona con una città in cui si respira la squadra in ogni dove in ogni osteria e con risultati spesso entusiasmanti e chi nasce a Padova dove non si respira la squadra manco nei sampietrini nuovi messi a Pontecorvo tranne per i pochi eroi che la seguono costantemente. E’ questione di culo, e’ questione di direzioni c’è chi la palla la mette sempre in rete o in buca e chi la prende sempre nel culo…a buon intenditor..

Rispondi
Massimo

Lacoste76 , ho solo detto la sacrosanta verità… la scaramanzia nella vita è la virtù dei deboli

Rispondi
roby14

Siamo belli noi padovani: a leggere i commenti c’è di tutto ed il contrario di tutto.
Come tra “vecioti brontoloni” seduti ad un tavolo di osteria mentre si gioca a briscola imprecando.
Si è vero le premesse per prendere una legnata ci sono: la presunzione delle parole dei giocatori e dell’allenatore che hanno anticipato il derby, tutti i precedenti playoff, il Vicenza che improvvisamente si è risvegliato, la legge dei grandi numeri per cui loro dovranno pur vincere prima o poi….
Dico questo:
– leggendo anche le probabili formazioni, non vedo nel Vicenza una rosa superiore alla nostra. Certo invidio loro Ronaldo, ma per il resto……boh….;
– fossi Oddo terrei a bada 3 giocatori che a mio avviso stanno facendo bene e sono duri da controllare per il loro cambio di passo e per la posizione: Costa, Greco e della Morte;
– evitando punizioni e calci d’angolo togliamo a loro il 70 % delle potenzialità e ci tuteliamo dai soliti buchi difensivi che ci contraddistinguono;
– concordo su Delli Carri scarpone che con il terreno bagnato poi rischia ammonizioni o peggio;
– conto sul solito Varas inesauribile, su Fusi che centri finalmente la porta, su Bortolussi e la sua caparbietà, sul fatto che Liguori non passi il pomeriggio a terra rotolandosi per falli inesistenti e su chi a metà campo metterà ordine e giudizio (non dico nomi) al gioco. E chissà che Valente si svegli finalmente.
Un ultimo pensiero.
Mio padre mi portava al Menti a vedere le squadre di serie A da bocia. Avevo l’abbonamento in curva mentre lui se ne andava in tribuna, famosa per quei piloni di sostegno che chiudevano la visuale. Ho visto decine e decine di partite con qualsiasi tempo. Pensare che adesso non posso andare allo stadio perchè non posso comperare un biglietto in un settore dello stadio che non sia la curva ospiti (chiuso come un poeastro in un recinto) da dove si possa vedere decentemente, davvero mi fa incazzare. Ma tant’è….
Aspetterò le 20.30 per vederla in tv, tenendomi i maroni e pregando S.Antonio.
Hasta la victoria siempre!!!!!!! (p.s.: il CHE mi perdonerà!!!!!)

Rispondi
Stefano

Ho letto Sauz con la
Solita grande Attenzione
Punti 1-2-6-7 ineccepibili concordo al
100%
Punto 3 / i vicentini (non solo Noaro ) ma anche giornalisti che consosco sono assolutamente certi di passare il turno e pensano solo a chi sarà il prossimo avversario – direi che sono già gasati ….
4) l’ho già scritto – mi attendo anche io un goal subito a freddo ….. crescenzi temo abbia problemi non fisici …..
9-10
/ verona e’ proprio un caso a parte – dopo tutto vedi persone “ normali “
Girare con l’adesivo sull’auto “na spana Sora”
… te lo immagineresti a padova un adesivo così ?
Questo e’ lo spirito e vale per tutto : dal calcio alla fiera al turismo ecc ecc
7) io ormai del perdere o comunque mancare gli obiettivi ho fatto una ragione di vita /
Se ci fosse cercherei l’adesivo : Na spana dopo ma
Orgoglioso –

Rispondi
Stefano

Lette le prescrizioni sull’’euganeo /concessi
Poco più di 7000 spettatori di cui 1500 ospiti fossi l’armeno mollerei tutto – solo a padova possiamo portare una cattedrale del deserto a 1/4 della disponibilità limitando a 5000 persone la capienza per i padovani – dove sono i “saggi “ che si schierarono contro il plebiscito ??? Il calcio a padova e’ un fastidio : non deve esistere : fate un orto all’Euganeo e facciamo prima.

Rispondi
Andrè The Giant

Sono d’accordo con te. Ogni cosa che succede ci si ritorce conto in modo surreale…
L’invasione di campo alla fine la paghiamo più noi tra mule e capienza ridotta che quei 4 pregiudicati che con daspo e il foglio di via ci si puliscono il culo

Rispondi
Principe

Mi stupisco che vi stupiate
L’euganeo non ha portato un solo vantaggio al Padova in 30 anni di attività, solo rogne
E’ una maledizione

Rispondi
fabio.pd

I commenti di Sauz sono sempre ricchi di quelle verità che sono un pò scomode da dire e che nessuno vuole far emergere. D’altro canto però osservo che dopo ogni suo intervento colorito che scandaglia a fondo le vicende del presente (e del passato), il risultato sul campo risulta, statisticamente, positivo. Sperem ben….

Rispondi
Principe

Gestione della sicurezza allucinante
A 5 ore dal calcio d’inizio non c’è un comunicato ufficiale della Lega Calcio
Il sindaco di Vicenza dice, nemmeno tanto tra le righe, che per lui si poteva giocare ma il prefetto non ha voluto
La società Calcio Vicenza non parla
La sig.ra Bianchi dice che noi siamo disponibili a giocare anche domani e magari a pagare da bere a tutti intanto

Morale della favola: la situazione dei fiumi era chiara da una settimana, così come le previsioni meteo. Le stesse previsioni secondo cui domani diluvia.

Dilettanti allo sbaraglio
Il fatto che l’Italia non abbia subito alcun attentato terroristico nonostante i personaggi che ne curano la sicurezza è francamente un colpo di culo incredibile

Rispondi
Massimo

L’ Avellino non è quello squadrone che si dice.
Con il Vicenza due pareggi già scritti sulla pietra.
Questo è l’anno buono.

Rispondi
Il vecchio Max

Nel calcio gli unici pareggi scritti su pietra che conosco sono i famosi “ biscotti”. Non comprendo questa ansia di fare lo spoiler. La “verità “ la scrive il campo.

Rispondi
Stefano

Io sulla pietra non vedo scritto proprio nulla –
Oggi in ufficio i veronesi (tutti a ragione gasatissimi per la mega salvezza soprattutto per come e’ stata ottenuta e che porterà ulteriori mega plusvalenze ) mi hanno “trattato bene” :
Tradotto , come dicono loro : ghe fasso de peca ‘(sportivamente parlando ) …..

Però mi rispettano perché lo sanno bene che ho sempre e solo tifato Padova – 😁
…………….

Rispondi
Stefano

Ma quanto brutti siamo …. scrivo alla fine del,primo tempo ,,, faedo sembra uno di prima categoria capitato lì per caso . Facciamo dei cross che fanno ridere .
Mamma mia

Rispondi
Stefano

Il secondo goal è una vergogna – costa fa quello che vuole . Come si fa a subire goal da campionato allievi così … dai…

Rispondi
Tifoso a 1/2

Male male male. Approccio e voglia da dimenticare. Gravissimo visti i presupposti che c’erano…

Rispondi
Flavio

Certo che se questo è il Padova … cross inguardabili (loro con due cross ben fatti, due goal), passaggi lenti e scontati se non sbagliati, attacco impalpabile, sufficienti solo Villa, Cretella e Radrezza sulla fiducia … Cmq, dove sono i capi ultras che consentono o forse armano quei petardisti del c…o che provocano danni, feriti e multe per cosa? Capisco, ubriachi, fatti, minus …ma tratteneteli per carità, speriamo almeno per l’ultima ns apparizione quest’anno

Rispondi
Andrè The Giant

Dopo un mese passato a fare proclami e confronti con 2 anni fa del tipo “eh ma li siamo arrivati cotti e logorati dopo la rincorsa al Sudtirol” questo è il risultato.
Quando le cose stanno così e da salvare c’è poco o niente, significa che si può sperare solo in un miracolo. Facciamo il nostro dovere di tifosi e sabato rechiamoci nell’immondo catafalco ben preparati a degustare l’ennesimo piatto di merda che ci verrà servito.

Rispondi
DC

Breve riepilogo della stagione 23/24. Ovviamente non esaustiva…
Si parte con un profilo non di primo piano, anche se a detta del DS obiettivo è la promozione. E’ chiaro fin da subito che ci sono squadre sulla carta ben più attrezzate (Wcenza, Triestina, e nonostante tutto quel che si dice anche Mantova… una squadra che punta su Burrai subito non può non pensare alla promozione…). Girone d’andata suntuoso! Ci siamo.. sempre lì attaccati alla vetta anche se il MN sta facendo furore, VI e TS arrancano. E si arriva a gennaio… cambia tutto. Si perde in maniera ignobile lo scontro diretto, surclassati, e sul mercato arrivano giocatori forse utili e forse no. Sicuramente funzionali ma o perchè fuori forma o perchè sopravvalutati o perchè..non lo so, sono utili come il due di coppe quando briscola è bastoni (forse tranne Faedo, dipinto come “il più forte giovane difensore della serie C”). Da lì è un’agonia, culminata con esonero di Torrente (a mio avviso motivato). Si punta su Oddo, che è bravo o no, non lo so, a tutto sommato allena una squadra che credo abbia bruciato tutto quello che aveva nel girone d’andata. Si arriva a ieri, stendo un velo pietoso, si spera nel miracolo per sabato e magari, per una volta , potrebbe anche accadere… ci credo poco ma per la maglia si crede anche all’incredibile. In tutto questo contesto abbiamo una proprietà assente, un DS che appare ogni tanto che David Copperfield spostati, un presidente impalpabile e una AD empatica come un boiler. Ci aggiungiamo uno stadio di melma e una amministrazione pubblica che o per colpa o no, comunque, sembra disinteressata.
Questo è il quadro che mi sono fatto. Manca qualcosa??
Comunque, si tifa per la maglia indipendentemente dalla serie !

Rispondi
fabio.pd

E’ accaduto ciò che purtroppo temevo. Anche un cieco si rende conto che Crisetig, ogni volta che gioca, ha involuto il gioco della squadra: è possibile che sia Torrente che Oddo non abbiano capito e non capiscano ciò ?? Anche quest’anno è finita !! Ieri sera le punte non hanno visto la palla, Liguori doveva andarsela a prendere a centrocampo ! Oddo sabato terminerà la sua esperienza a Padova e ancora una volta si volterà pagina……..che delusione.

Rispondi
Tifoso a 1/2

Purtroppo quanto traspariva dalle dichiarazioni si è puntualmente avverato: niente umiltà, niente fame, tanto specchio…. Uno pensa: dopo la batosta di ieri sera si è capito e ci si rimetterà in riga; invece sentendo Oddo e Crisetig siamo sempre sui toni del pre-partita: no i gà capio un caxxo; andate a vedervi le dichiarazioni di Vecchi e Ferrari, questi hanno il sangue agli occhi, vengono da noi e ce la sfangano di nuovo e ancora di più. Se in due giorni non succede qualcosa di miracoloso la fine è già segnata, non capisco perchè tantissime volte (quasi sempre) arriviamo ai momenti fondamentali completamenti impreparati e con atteggiamento da prenderli a calci in cxxx. Da vergogna, aggravante è aver perso tutto quello sembrava esserci nel girone di andata. Prepararsi all’anno prossimo con Triestina, Feralpi, Lecco, Vicenza (se non va su) e la solita sorpresa del girone A

Rispondi
stefano

crisetig in campo se trovasse uno specchio si fermerebbe ad aggiustarsi il capello <

sta a furore agonistico quanto i gambaletti alla lingerie

Ps qui in ufficio nemmeno accennano a ieri sera – io francamente un po' mi vergogno , solo pensare a "ecco" Liguori mi fa venire il magone

Rispondi
QuoreSqudato

sì abbiamo giocato male e il Wicenza ha meritato di vincere. Ma un gol di scarto era più che sufficiente ad esprimere i valori in campo. Un 2 a 1 ci poteva stare benissimo.
Ma quando mai abbiamo un po’ di culo nei momenti topici del campionato?
e il VAR? non era da rivedere forse quell’intervento di Ronaldo su Varas in area? nemmeno considerato…
E sempre Ronaldo si è procurato quella punizione inesistente buttandosi al limite della sua area… da lì sono ripartiti per il 2 a zero.
Quando si dice che il destino si accanisce contro di noi.
Forse i miei nipoti vedranno il Padova in una categoria migliore di questa merdosa serie C.

Rispondi
fabio.pd

ma affermare: “ci crediamo e possiamo riprenderla”………ha tanto un sapore da trincea della 1 guerra mondiale………

Rispondi
fabio.pd

poi…..scusate….vedere Mirabelli a passeggio sull’erba davanti alla tribuna con il sigaro in bocca anon è stata una bella immagine…….ha fatto da contraltare l’immagine di Enzo Rosso, in piedi
teso e nascosto dietro ad una barriera umana, che si pregustava la vittoria. La spocchia contro l’umiltà.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code