12
feb 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 34 Commenti
VISUALIZZAZIONI

885

SALVINI E I TANTI AIUTINI

Interista dalla nascita detesto la Juventus, la chiamo con disprezzo la “Rubentus”. Ma il tifo neroazzurro non mi rende cieco al punto di non vedere la realtà: Ronaldo è, incomparabilmente, il miglior calciatore che gioca nel campionato italiano.

Fatto l’esempio, proseguo. Non ho mai votato lega. Ma le mie idee politiche non mi impediscono di constatare che Matteo Salvini è il Ronaldo della politica italiana. Gli altri, al confronto, mi ricordano Montolivo (il centrocampista che, quando giocava nel Milan, faceva solo passaggetti laterali o all’indietro, mai un lancio per mandare gli attaccanti in porta).

Martina? Un Montolivo appunto, incapace di lanciare gli elettori al voto; Zingaretti? Tanto valeva candidare alle primarie suo fratello, il mitico commissario Montalbano. In Forza Italia, con Berlusconi pensionato, per anni ha imperversato Brunetta “l’energumeno tascabile” (D’Alema dixit), e adesso siamo a Tajani…Non parlo di Di Maio e Di Battista perché, come noto, è da vili uccidere uomini già morti.

Se c’era un dubbio su Salvini, Ronaldo della nostra politica, bastava ascoltarlo lunedì sera da Vespa: un linguaggio chiaro, diretto, comprensibile da tutti, per parlare di temi sentiti dai cittadini comuni. E poi una capacità democristiana di girare la torta e minimizzare i contrasti con i 5 Stelle (che pure sono tanti e insuperabili).

Il paradosso è che un campione come Ronaldo non ha bisogno di aiutini. Mentre a Salvini piovono dal cielo quotidianamente.

Quei “radical chic”, così li ha definiti il leader leghista, che a Sanremo hanno fatto vincere Mahmood cosa hanno ottenuto? Da bravi Tafazzi di portare ancora voti in più alla Lega. Esattamente come i pm, di Magistratura democratica, decisi a processare il ministro degli Interni. Solo aiutini non richiesti…

Quanto ai 5 Stelle è ovvio che Salvini non ha alcun interesse a interrompere il governo con loro. Perché il confronto è disarmante. A Ronaldo non dispiacerebbe di giocare la partita assieme a Montolivo: alla fine lui prenderebbe 9 in pagella, e l’ex milanista 3.

Elementare Watson. Elementare anche per gli elettori che guardano la partita politica e poi votano le pagelle a confronto nell’urna.

885 VISUALIZZAZIONI

34 risposte a “SALVINI E I TANTI AIUTINI”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    TRAVAGLIO se non partorisce stavolta, non partorisce più.
    Ah ah

    1. marco.com scrive:

      bene bene, si comincia a ragionare
      adesso autonomia delle regioni e poi separazione nord-sud

      1. Silvestro scrive:

        SALVINI – DICIOTTI

        Prima che le decisioni e le tifoserie prevalgano per la vittoria o la sconfitta di una o dell’altra parte, è opportuna qualche considerazione.

        “l’obbligo di salvare la vita in mare costituisce un preciso dovere degli Stati e prevale su tutte le norme e gli accordi bilaterali finalizzati al contrasto dell’immigrazione irregolare“. Questa è la motivazione di base per il rinvio a giudizio di Salvini.

        Dopo un iniziale e imbarazzante arroganza nei confronti dei giudici, ben consigliato dalla Buongiorno (avvocato e membro di Governo) il Ministro ha ripiegato su posizioni più sobrie, ed ha chiesto ufficialmente che il Senato respinga il rinvio a giudizio.
        Per rafforzare questo orientamento, anche Conte, Di Maio e Toninelli, si sono praticamente autoaccusati condividendo in pieno la decisione di Salvini.Ne consegue che anche per loro ci sarà il medesimo iter.
        Già in rinvio a giudizio dell’Intero Governo sarebbe qualcosa di clamoroso nella storia della Repubblica. Ma ci sono altre due variabili:

        >> Di Maio: Se come ha fatto trapelare, in caso di rinvio a giudizio rinunciasse all’immunità la posizione di Salvini si farebbe molto più imbarazzante.
        >> Il ricorso di M5S al voto online. Al di la del risultato lo trovo scandaloso.
        SCANDALOSO perché, a prescindere da motivazioni giuridiche, etiche, morali si annulla la legittima rappresentanza democratica rinviando ad una sparuta minoranza di cittadini la decisione se un Ministro può o meno agire fuori della legge.
        SCANDALOSO perché tutto questo viene delegato ad una organizzazione privata come la Casaleggio & Co in assenza di qualsiasi controllo.
        SCADALOSO perché lo stesso Salvini si affida a questesceneggiate.

        POI IN TUTTO QUESTO PERCORSO CI SONO VINCOLI, CAVILLI, TECNICITA’ CHE POSSONO CAMBIARE ANCHE RADICALMENTE L’ITER GIUDIZIARIO, SENZA TRASCURARE CHE UN RINVIO A GIUDIZIO NON E’ SENTENZA DI COLPEVOLEZZA.

        • martello carlo scrive:

          NON HO MAI SENTITO UN COACERVO DI BANALITA’, PRETESTUOSITA’ E MALIZIA ANTIDEMOCRATICA come in questo tuo intervento.
          Mi rifiuto di pensare che una persona intelligente, anche se di parte, democratica anche se simpatizzante per un partito che non lo è, si presti ad una azione così vigliacca che nulla dovrebbe aver a che fare con le garanzie costituzionali di separazione dei poteri.

          - LEGGE DEL MARE. L”ho già detto e lo ripeto: solo dei lavoratori della terra al centro di una landa desolata che il mare non l’ha mai visto possono sostenere che un servizio di REGOLARE, METODICO, PAGATO TRASPORTO DI SCHIAVI al servizio di trafficanti di esseri umani possa essere, anche solo lontanamente, accostato a quella NOBILE SOLIDARIETA’ CHE LEGA CHI VA PER MARE PER NECESSITA’.
          - ATTEGGIAMENTO DELLE VARIE PARTI POLITICHE: qualsiasi persona, di qualsiasi partito dentro il Parlamento e fuori, dovrebbe sentire l’obbligo e l’interesse a difendere i parlamentari, nell’esercizio dei propri poteri e competenze, specie quando si ha a che fare con certa magistratura espressamente e pubblicamente dichiaratasi POLITICIZZATA, delle cui azioni abbiamo già avuto più di un riscontro DISASTROSO.

          TUTTO IL RESTO E’ FUFFA, connivenza spicciola che raggiunge il suo apice con i 5* ( che sono, per statuto, contrari alla democrazia parlamentare ) affidando tramite una PIATTAFORMA WEB il potere a CASALEGGIO & C. di decidere le sorti di un governo eletto democraticamente.

          Penso che tutto debba avere un limite, anche LE MENATE SULLE GARANZIE DEI 3 LIVELLI DI GIUDIZIO che con la SEVERINO POTREBBE SBATTERE FUORI DEFINITIVAMENTE SALVINI DALLA POLITICA IN MEN CHE NON SI DICA: tutti sappiamo quanto, volendo, LA GIUSTIZIA POSSA ESSERE VELOCE E COLPIRE COME UN FULMINE.

          Chi votera’ “ SI “, si MACCHIERA’ PER SEMPRE DI UN CRIMINE contro la costituzione e quindi la democrazia, CON ESITI IMPREVEDIBILI.

          • Silvestro scrive:

            Sulle banalità, vuigliaccate ed altro facciamo subito chiarezza.

            “LEGGE DEL MARE”: il caso Diciotti non ha nulla a che vedere con scafisti e ONG. L’episodio è avvenuto sul territorio italiano, in un porto italiano e su una nave militare italiana. Su questo i magistrati vogliono valutare.
            Solo i beoti del LIKE fanno sempre di ogni erba un fascio.

            ATTEGGIAMENTO DELLE VARIE PARTI POLITICHE: “qualsiasi persona, di qualsiasi partito dentro il Parlamento e fuori, dovrebbe sentire l’obbligo e l’interesse a difendere i parlamentari….”. Ma quando Salvini girava per le piazze con la bambola gonfiabile beffeggiando la Boldrini si ispirava a questo grande e nobile sentimento?

            FUFFA:
            E vero o no che Salvini da un atteggiamento provocatorio e arrogante è passato a chiedere protezione al Senato.
            E’ vero o no che per rafforzare la sua difesa solo a fine gennaio si è ricordato che c’era il sospetto di terroristi a bordo.
            E’ vero o no che Conte Di Maio e Toninelli si sono autodenunciati e sono stati indagati anche loro.
            E’ vero o no che pur di non farsi processare Salvini ha adottato la grande strategia di mettersi nelle mani di qualche migliaio di 5S, gestiti da una struttura privata già hackerata in passato.

            “Chi votera’ SI, si MACCHIERA’ PER SEMPRE DI UN CRIMINE contro la costituzione…”. ma di cosa parli!!!

            • martello carlo scrive:

              Altra ondata di FUFFA da legge del mare riveduta e corretta alla ZAPPATORE.
              Sembra che più che gli altri , tu cerchi di convincere te stesso.
              E’ tutta una gran BOIATA POLITICO/MAGISTRATURALE ROSSA per riaprire la strada all’invasione SOROSIANA e far cadere il governo
              Il fatto che gli schieramenti, pentastellati a parte, siano divisi sull’autorizzazione esattamente a seconda dell’appartenenza, senza dissidenti, EVIDENZIA SENZA ALCUN DUBBIO CHE LA SCELTA E’ MERAMENTE POLITICA E NON DI DIRITTO.
              Non è possibile che tutti, dico tutti, la pensino individualmente allo stesso modo.

              Nel merito del caso DICIOTTI, che HA SALVATO i migranti costrettavi da inadempienze e provocazioni di un paese appartenente alla UE, peraltro non sanzionate da alcuno, nemmeno dal tribunale dei ministri di Catania, non comportava che i “NAUFRAGHI” dovessero essere sbarcati automaticamente, immediatamente senza precauzioni, senza controlli, tanto più che la DICIOTTI era ed è territorio italiano ed È STATA ASSICURATA L’ASSISTENZA A TUTTI I LIVELLI.

              QUESTO ATTEGGIAMENTO DELLE FORZE POLITICHE E DI CERTA MAGISTRATURA DIMOSTRA CHE IL FASCISMO NON E’ STATO UN CASO, MA CHE QUESTO PAESE NON SA GESTIRE LA DEMOCRAZIA.

          • martello carlo scrive:

            Chi voterà “SI”, naturalmente all’autorizzazione a procedere.

        1. Gatón scrive:

          È pacifico che i magistrati, come ogni altro cittadino, abbiano diritto ad avere le proprie opinioni politiche.
          Ma queste non dovrebbero essere rese pubbliche ne’ , tanto meno, influenzare il loro operato.
          A meno che non siano di sinistra.

          1. martello carlo scrive:

            BARUFFE CHIOGGIOTTE SULLE SCHEDE DELLE PRIMARIE: MARTINA le vuole con la lista di tutti i leaderini che lo appoggiano, gli altri lo mandano a ramengo.
            Immaginiamoci cosa sarebbe successo o succederebbe con un governo giallo rosso.

            1. Silvestro scrive:

              Siamo tutti più tranquilli.
              L’ambasciatore Francese è rientrato in Italia, e subito Di Maio si è affrettato a dichiarare pubblicamente “ben tornato Ambasciatore!!”. Il franco coloniale non è più uno scandalo, e sono sicuro che i toni su Macron saranno certamente molto più rispettosi. Gli storici criminali BR che risiedono in Francia non saranno rimpatriati perché (come si sapeva da tempo) i mandati di cattura europei non sono validi per reati anteriori al 1993.

              Anche al confine le cose sono cambiate: infatti solo ieri a Modane su un treno sono stati stananti con lo spray urticante dalla gendarmeria francese dei clandestini provenienti dall’Italia. Ma mentre qualche giorno fa c’era chi chiedeva addirittura il ritiro dell’ambasciatore italiano da Parigi, ieri non c’è stata nessuna recriminazione, nessun tweet, nessuna conferenza su FB. D’altra parte anche l’immigrazione si è drasticamente ridotta (lo dice anche l’Europa); quindi più sicurezza, più legge, risparmi consistenti che prima venivano dispersi nell’accoglienza.

              Anche sul pano internazionale ci muoviamo con determinazione e con la schiena dritta. Le sanzioni economiche alla Russia, sono un errore, un danno alla nostra economia, ma poi ne autorizziamo il rinnovo (12/2018).
              Sul Venezuela L’Italia blocca il riconoscimento unanime UE del governo di Guaidò ma poi Salvini ne riceve ufficialmente una delegazione al Viminale.

              Non vanno trascurati problemi come Alitalia, TAV, Autonomia sicuramente rinviati a dopo le Europee: il governo del cambiamento, delle soluzioni rapide ed efficaci ha deciso di non decidere. Qualcuno peraltro ha già apprezzato il grande aplomb di questi ultimi giorni del Capitano che si vede pochissimo anche sui social.

              E’ ovvio, non ci sono più problemi. TUTTO RISOLTO.

              • Gatón scrive:

                Chi ha parlato di BR ?

              • martello carlo scrive:

                NON ESAGERARE: è stato il PD a risolvere tutti PROBLEMI nei 6 anni dei suoi illuminati governi :

                - Alitalia: non è ancora ancora a maggioranza ETIHAD?
                - TAV: ma non l’avete già portata a termine dopo 6 anni di PD?
                - Sanzioni alla Russia: non è stato proprio RENZI il primo ad eliminarle?
                - Migranti: qui proprio non c’è storia; il problema è stato risolto definitivamente barattandolo con le clausole di salvaguardia
                - Autonomia: non l’avete risolta col golpe del 2011?

                Non capisco perché questo governo li vada a riesumare, come se non ne avesse altri.
                MISTERI DA VITELLONI

                • Silvestro scrive:

                  Come già detto, ridetto, sottolineato, ribadito, gli elettori hanno già ampiamente manifestato il loro orientamento un anno fa. Trovo veramente pietoso che ci sia ancora chi pensa di cavarsela confrontandosi con quello che è stato ed è tuttora dipinto come il male assoluto.

                  Il “governo del cambiamento” è tale per le promesse e gli scenari annunciati e strombazzati. Poiché l’immagine, l’orgoglio nazionale, la schiena diritta sono tra i temi più ricorrenti di questo periodo, trovo corretto verificare con i fatti le intenzioni manifestate pomposamente per anni.

                  • martello carlo scrive:

                    Il fatto stesso che i burocrati del parlamento europeo attacchino il governo giallo verde sta a dimostrare che la schiena dritta è una realtà.
                    Ho avuto la pazienza di vedere tutta la sessione di TRASBURGO e devo dire che l’ intervento di CONTE è stato più puntuta e orgogliosa di quanto ci hanno fatto credere i media italiani e che c’è del marcio in europa se innalzano agli altari individui come NAPOLITANO,CIAMPI e BONINO.

              1. marco.com scrive:

                Salvino dice che si trova molto bene con di maio
                Salvino dice che il governo durera’ 5 anni.
                Salvino dice che lui rispetta la parola data.

                Io non credo che duri questa farsa
                Ma non so con quale faccia di tolla smentira’ se’ stesso
                Potrei anche ammirarlo

                1. martello carlo scrive:

                  “L’EUROPA DÀ RAGIONE ALL’ITALIA. CROLLA L’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

                  L’Europa …..ha dovuto ammettere che la ricetta italiana sull’immigrazione clandestina funziona. A dirlo …. sono … due organi della stessa Unione europea: l’agenzia Frontex e l’Easo, ovvero lo European Asylum Support Office, l’ufficio che si occupa delle richieste di asilo….
                  …Sul rapporto fra gennaio 2018 e gennaio 2019 mostra chiaramente che il numero degli ingressi illegali all’interno del territorio dell’Unione europea si è drasticamente ridotto. E sul fronte del Mediterraneo, larga parte dei meriti … è da assegnare proprio alla scelta del governo di fermare la rotta Libia-Italia.
                  . …A gennaio è stato registrato un calo del 73% rispetto a dicembre 2018 e del 96% rispetto a gennaio 2018. I dati sono chiari. Ma sono chiari soprattutto se messi in relazione con le altre due rotte del Mediterraneo: quella occidentale e quella orientale.
                  La Spagna, è diventata la meta preferita dai trafficanti di esseri umani E questo non può non essere ricondotto anche alle differenti politiche messe in atto da Madrid e da Roma sul fenomeno migratorio. Con Pedro Sanchez (socialista ndr)……che è stato costretto in extremis a fare una clamorosa marcia indietro per evitare il tracollo in termini di consenso…
                  …momento di relativa tranquillità sul fronte degli arrivi di massa. E non è un caso che ciò sia avvenuto da quando l’Italia ha impostato una netta virata nei confronti dell’immigrazione. Ma di questo, l’EUROPA NON RINGRAZIERÀ ROMA. ANCHE SE È ANCHE MERITO DI QUESTA POLITICA SE PUÒ DIRE DI MANTENERE L’IMMIGRAZIONE SOTTO CONTROLLO”-

                  http://www.occhidellaguerra.it/europa-italia-immigrazione-clandestina/

                  1. marco.com scrive:

                    e poi c’è l’ Alitalia
                    alla fine di maio e salvini ci faranno pagare anche gli stipendi degli esuberi
                    il cambiamento significa “albero della cuccagna” e dire di SI a tutti
                    si farà il TAV, si darà l’autonomia fiscale a Veneto e Lombardia, si faranno tutte le infrastrutture grandi e piccoline

                    SOLDI SOLDI SOLDI come la canzone di Maometto di Sanremo ?

                    1. marco.com scrive:

                      ma è vero che salvini ha detto che il latte di pecora dei pastori sardi deve essere pagato almeno 1 euro al litro?
                      oppure è una fake news?

                      1. Silvestro scrive:

                        Ci fu una grande risonanza mediatica quando IL governo gialloverde denunciò l’airbus di Renzi preso in leasing con enorme spreco di denaro pubblico anche se poi mai utilizzato. Grande esposizione su FB, commenti di censura, tweet di disprezzo verso una elite che finalmente, e giustamente, è stata mandata a casa.

                        Spenti i riflettori risolto il problema? Assolutamente NO. Il link ci dice che non è cambiato proprio niente; però nessun tweet, nessun commento, zero conferenze social.
                        Quindi il problema non esiste, ci sono altre priorità.

                        https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/02/13/voli-di-stato-catering-e-vino-il-cambiamento-non-decolla/4968453/

                        Tanti like in catering.

                        1. marco.com scrive:

                          E’ giusto pagare 1 euro il latte di pecora ai pastori sardi se al supermercato il pecorino romano non viene comprato ?

                          Se al supermercato trovi l’olio extravergine di oliva a 4 euro al litro lo sai che sono olive tunisine, vero ?

                          Capitalismo, dazi , mercato, protezionismo, reddito di cittadinanza, grandi opere, scuole che cadono a pezzi, treni dei pendolari da terzo mondo.

                          Dove andiamo?

                          1. Gatón scrive:

                            In politica ciascuno vota per chi sostiene i suoi interessi, individuali o sociali, ideologici od economici che sia.
                            Ma che un leader richieda la restituzione di quanto precedentemente elargito non si era ancora visto.

                            • marco.com scrive:

                              nessun stupore da tal personaggio
                              maggior stupore viene da berlusconi che a quanto parte è diventato ideologicamente di sinistra
                              come è noto infatti, sono quelli di sinistra che non accettano il verdetto delle urne

                            1. martello carlo scrive:

                              SALVINI mi ha sorpreso, per la sua capacità di mantenere l’aplomb di fronte a tutti e a tutto, di mediare ma allo stesso tempo di essere fermo nelle sue decisioni.
                              Ha una squadra che nasce dall’esperienza maturata su territori che sono il cuore del paese da cui nascono i bisogni reali della gente che lavora e produce e che ha saputo interpretare adeguatamente, evidenziando velleità infantili di un movimento che sembrava inarrestabile sin dai tempi della figuraccia di BERSANI.
                              Qualcunodice che non c’è opposizione: forse non ha capito chi ha gestito la politica italiana degli ultimi 30 anni. Nell’ORCHESTRA ROSSA continuano a suonare trombe, tromboni, violini e chitarre accompagnati da cantanti in PROMOZIONE, con tanto di BUTTAFUORI all’imgresso.
                              Per fortuna la gente che VOTA l’ha capito, anche se sta raddrizzando il tiro, rifiutando, anzi irritandosi, per certe SINFONIE STONATE suonate e risuonate.
                              SALVINI sta macinando consensi, e questo a mio parere aumenta il pericolo che l’ORCHESTRA si trasformi in BANDA, e cambi il corso democratico, come la storia insegna, con metodi che ancora non hanno trovato un antidoto pacifico.
                              Attenzione perché i vili sono ancora in circolazione.

                              1. Gatón scrive:

                                L’ultima di Grillo, sentita stamattina.
                                “Gli abruzzesi sono liberi di votare per chi vogliono, ma oggi dovrebbero restituire gli spazzaneve e le ambulanze donate dal M5S.”
                                MA NON SI TRATTA DI VOTO DI SCAMBIO

                                • Silvestro scrive:

                                  Grillo, Di Maio e compagni erano quelli che in occasione degli 80 euro di Renzi si scandalizzavano parlando di marchetta politica, mazzetta elettorale. Ma anche Salvini si irritò molto affermando che  ”Il paese non si governa lanciando di tanto in tanto 80 euro dalla finestra ….”.
                                  Ma il risultato è che una volta al governo, gli 80 euro si sono guardati bene dal cancellarli. Eppure si trattava di 10 miliardi, non a debito, molto utili per i loro obiettivi.
                                  Quota 100, reddito di cittadinanza, da avviare a tappe forzate prima delle europee.
                                  ALTRO VOTO DI SCAMBIO? Lascio a te la valutazione.

                                1. Ciccio Fedele scrive:

                                  Solo io rimango sconcertato dal disagio dell’opposizione nazionale?
                                  Da un parte un ottuagenario in cerca dell’ennesima erezione che elemosina voti da Barbara D’Urso e si attacca al carrozzone della vittoria abruzzese come se il suo ex Milan avesse vinto la Champions League…
                                  Dall’altra la miriade di correnti politiche della Sinistra italiana: i renziani, i martiniani, i leu, gli zingarettiani, i civettiani e i police prima maniera, gli U2 prima di The Joshua Tree Album, e i Sex Pistols prima di qualsiasi altro album e i solo non si vedono i due liocorni.
                                  In un panorama cosi triste e’ indubbio che Salvini sia il vero e proprio Deux ex machina di questa classe politica che sta candendo sempre piu’ nel baratro…E non c’e’ da stupirsi se viene pure aiutato da politici inesperti quali i fessi M5S che a forza di dire cazzate si stanno affondando da solo.

                                  1. Gatón scrive:

                                    Eliminare la TAV perché dirottando le merci su ferrovia lo Stato incasserebbe meno accise sui carburanti…
                                    …e qualcuno meno pedaggi autostradali…
                                    Siamo proprio al capolinea.

                                    1. Esule Valtellina scrive:

                                      Ronaldo Montolivo

                                      Ho capito il tentativo do metafora però penso che Ronaldo giocherebbe più volentieri con un Pirlo, più in grado di esaltarlo, mentre un Montolivo forse potrebbe deprimerlo. Ad ogni modo sono d'accordo e aggiungo che, ben hanno fatto, quelli che hanno coniato l'espressione Pdioti…sintetizzando l'intelligenza politica di questi parlamentari…se fossero calciatori farebbero un sacco di autogol e di fuorigioco sbagliati…Cordialità

                                      1. Lona scrive:

                                        Di certo, prima si giocava a calcio balilla…..ovvero con ometti manovrati. Per il resto …. a settembre…..la speranza é sempre l ultima a morire….

                                        1. Silvestro scrive:

                                          L’esempio di Ronaldo non fa una piega. Un bomber deve innanzitutto saper fare gol, buttarla in porta. E’ altrettanto ovvio che se la squadra lavora compatta per il goleador tutto è più semplice; ma è ancora più facile se gli avversari sono anche delle nullità (la sinistra) o sono dei dilettanti (M5S). Poi, se giochi spesso nei campetti parrocchiali in partite che assomigliano molto a quelle tra scapoli-ammogliati, chi emerge un po’ appare un fuoriclasse, e se la tifoseria ti esalta, magari ti monti la testa.

                                          Ma resta da stabilire quale sia il nostro torneo. La compagine di Ronaldo oggi è imbattibile, ma vince la sua squadra o l’Italia; il nostro campionato è quello italiano (cioè poca cosa) oppure la “champion league”. Ma siamo poi sicuri che non ci si debba misurare in un confronto mondiale? La mia impressione è che dobbiamo giocare contemporaneamente il tutte queste competizioni. Il goleador, nel campetto, ha attenuto risultati eclatanti, ma sugli altri campi di gioco come vanno le cose. Non mi risulta che nell’ambito internazionale la squadra goda di grande rispetto considerazione.

                                          NON siamo alla partita di calcio dove esauriti i 90 minuti, torni a casa e, vincitore o vinto, tutto torna come prima. Se perdi pagano tutti, Salvini, Lega e tutti gli italiani. Per toccare con mano tutto questo non dobbiamo aspettare molto: tra qualche mese (settembre) vedremo se i tifosi fanatici sono ancora esultanti e numerosi.

                                          1. marco.com scrive:

                                            come detto nel precedente topic: “Grazie Abruzzo. prima scomparirà dalla bocca di di maio quel suo sorrisetto irritante, meglio sarà”.

                                            Sezione proposte.
                                            Se proprio dobbiamo dare il rdc chiediamo ai percettori di contribuire a scavare il tunnel del TAV.
                                            Con i picconi.

                                          Lascia un Commento

                                          Accetto i termini e condizioni del servizio

                                          Accetto i termini sulla privacy

                                          *