21
mar 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 38 Commenti
VISUALIZZAZIONI

946

FOLLIA DESTINATA A RIPETERSI

Definirla una follia, definire un pazzo l’autista senegalese che voleva bruciare il pullman con ragazzini e professori a bordo, vuol dire tutto e niente.

Senza dimenticare che, fosse andato in porto quanto da lui programmato, sarebbe stata la strage più atroce compiuta dal terrorismo islamico. Possiamo definire pazzo chiunque compia anche un semplice omicidio. La follia, l’aggressività, è insita in ciascuno di noi. Si tratta di capire cosa la innesca e se siamo capaci di controllarla.

Il fanatismo ideologico, politico e religioso è una miccia micidiale che esclude il disinnesco da parte di ne sia posseduto. Lui, massacrando i ragazzini, voleva vendicare i morti in mare attribuiti a Salvini e Di Maio.

Ovviamente se n’è discusso anche mercoledì con gli ospiti a Prima serata. E Nicola Atalmi, esponente storico della sinistra-sinistra del Veneto, ha ricordato l’ovvio: cioè che la responsabilità dei morti in mare non è né di Salvini né di un qualunque nostro governo ma di quei farabutti criminali degli scafisti che stipano i migranti su imbarcazioni a naufragio garantito.

Ma quanti ce ne sono di nostri politici e di cosiddetti intellettuali alla Saviano che sostengono l’esatto contrario: ossia che sono i respingimenti e la mancata accoglienza a provocare i morti in mare.

Costoro la pensano come Ousseynou Sy e hanno dato un contributo indiscutibile a rendere “operativo” il suo fanatismo. In lui e in altri come lui: cani sciolti, estranei a qualunque organizzazione, apparentemente integrati e quasi normali (l’alcolismo e gli abusi sessuali non c’entrano col terrorismo) e dunque impossibili da prevenire. Quindi queste “follie” sono destinate a ripetersi.

Anche perché la società multietnica è un dato di fatto, indietro non si torna. Ma il fanatismo dilaga (ovviamente anche tra i bianchi “ariani”) e lo scontro culturale-religioso-ideologico – continuerà ad innescare omicidi e stragi tra chi è incapace di controllare la propria follia.

Dopo di che, come non sono tutti uguali gli occidentali, non lo sono nemmeno i migranti. Chi proviene dall’Europa dell’Est compie crimini anche orrendi – deruba, pesta e ammazza i nostri anziani – ma non è preda del fanatismo né religioso né politico, non compie attentati terroristici. L’esperienza dimostra che questo accade con chi è arrivato dal mondo islamico. Sia una prima, una seconda o anche un’ennesima generazione apparentemente ben integrata.

946 VISUALIZZAZIONI

38 risposte a “FOLLIA DESTINATA A RIPETERSI”

Invia commento
  1. Silvestro scrive:

    Se ci fosse un po’ di onestà intellettuale e non si raccontassero verità fasulle il confronto sarebbe molto più serio.
    Il “sovranismo” non è un pensiero solo italiano. Trump che vede delinquenti solo se vengono dal sud America, Orban che dichiara pericoloso Soros l’ebreo, Gran Bretagna il cui pericolo erano vincoli europei, i Paesi dell’est con i recinti spinati anti immigrati sono il segnale di un pensiero piuttosto diffuso.

    Da noi, Salvini segretario della Lega alla fine del 2013, radicalizzò la linea del partito, puntando tutto sull’uscita dall’euro, il tema “sovranista” per eccellenza, e sull’alleanza con i piccoli partiti dell’estrema destra.

    IL SOVRANISMO ITALIANO ED IL “PRIMA NOI” E’ QUINDI UN MARCHIO ESCLUSIVO DI SALVINI.
    Uno slogan rimarcato con ossessione negli anni che comprende i globalisti, le multinazionali, le grandi organizzazioni finanziarie, le elite internazionali. Tutti nemici contro cui si poteva (si può) fare ben poco, ma con gli immigrati no.
    Additati nel tempo come portatori di malattie tropicali, di ebola, contrari alle tradizioni cristiane, praticanti della sharia, terroristi fanatici, ladri del nostro lavoro, tutti spacciatori, tutti stupratoti etc. sono diventati in pratica l’origine di ogni nostra paura, ogni incertezza ogni sventura.
    Su questa generalizzazione, su questi slogan la Lega ha costruito il suo successo elettorale e Salvini come Ministro dell’Interno ha mantenuto il punto approfittando della visibilità che gli consente la sua posizione istituzionale.
    Questo è il clima di odio, paura e contrapposizione che è stato costruito negli anni e che ora, gradualmente ci presenta il conto.

    Prendersela con Zingaretti, Lerner, Rossi, con i sopravvissuti delle brigate rosse è una fesseria macroscopica. Alla luce dei fatti è patetico rivoltare la frittata fingendo di chiedersi “Chi cavalca chi, chi è isterico, chi odia chi, cari rappresentanti di una classe politica che ha creato il cavallo, l’isterismo e l’odio?”

    • martello carlo scrive:

      Mi piace vedermi citato e quasi mi sorprendo di essere l’autore di concetti tanto assennati, profondi e interpreti della realtà vera scorta oltre la coltre nebbiosa orchestrata da lupi travestiti da pie verginelle.
      Mi rincresce solo che non siano accessibili a tutti.
      E’ così difficile capire che, dopo l’ingresso di milioni di albanesi, romeni, ROM, giunti da paesi ex KOMUNISTI, incazzati come bestie per la vita grama che una dottrina tanto deprimente ed opprimente, e dopo altrettanti senegalesi e marocchini assorbita a fatica in tempi di espansione, se in piena crisi da globalismo finanziario, alcuni governi francescani ti fanno entrare un’altra milionata di morti di fame, raccontandoti un sacco di BALLE come il BISOGNO DI MANODOPERA, la NECESSITA’ DI SOPPERIRE ALLA SCARSA NATALITA’ PROPRIA CON QUELLA DEI 39 FRATELLI DELLA KYENGE, L’IMPOSSIBILITA’ DI BLOCCARE UN ESODO EPOCALE, BUTTANDO 35 E/DIE A CAPOCCIA, LA GENTE CHE NON ENTRA NEL BUSINNES, ABBIA IL DIRITTO/DOVERE DI INFURIARSI COME UN TORO?
      Anch’io sono convinto che in Italia serpeggi l’ODIO, ma non è certo nei confronti degli immigrati, bensì dei politicanti cooperativi e delle teste d’uovo che fanno loro il verso, che hanno consentito/incentivato questo stato di cose, incolpando SALVINI delle morti in mare peraltro con dati IGNORANTEMENTE falsati, interpretando la SACRA legge del mare alla mezzadro che il mare non l’ha mai visto e ricorrendo continuamente allo spettro dei campi di tortura libici come se li gestissimo noi ( ma perché questi sprovveduti di migranti passano proprio di là e non per l’Algeria, l’Egitto, o il ,Marocco? ).
      FALSITA’, che masturbano le menti deboli , le sobillano, e QUEL CHE E’ANCORA PIU’ GRAVE, ANCHE DOPO LA MESSA IN ATTO DI VENDETTE GRAVISSIME DI IMMIGRATI “PERFETTAMENTE INTEGRATI”.

      Qualche procura dovrebbe indagare su certe esternazioni che hanno tutto il sapore dell’ISTIGAZIONE.

    • The preacher scrive:

      Bravo Silvestro, uno dei pochi commenti intelligenti che ho letto, se non l’unico. Ma si sa, è tutta colpa degli immigrati e di Renzi! Piuttosto chiediamoci perchè l’Italia risulta il paese più ignorante d’Italia……Gaton lo sa di sicuro!

      • martello carlo scrive:

        Per uno che è terra terra, che non sa che i senegalesi sono cristiani ortodossi va bene così, ma, scusa, che c’entra RENZI con i nanetti alla ZINGARETTI, LERNER e ROSSI?
        Quasi quasi lo rimpiango.

        • Silvestro scrive:

          Sul SENEGAL, da wikypedia, nel capitolo Religione leggo: “Secondo le statistiche ufficiali, la popolazione senegalese è composta da musulmani sunniti per il 92%, da cristiani per il 6% e da animisti per il restante 2%.”

          Per qualcuno non è una buona giornata.

          • The preacher scrive:

            L’ironia l’avevo capita, essendo un esperto di geopolitica so bene che il Senegal è un paese islamico. E’ il tuo non argomentare o meglio, il tuo “argomentare” con battutte inutili che mi lascia sgomento. Gaton, si vede che hai tempo da perdere.

          • martello carlo scrive:

            :-( :-( :-(

            martello carlo 22 marzo 2019 alle 13:12 a THE PREACHER:

            “Lo sanno anche i polli che i senegalesi non sono cristiani ortodossi.
            L’ironia te la svelo io, dal momento che continui a rompere e GATON si rifiuta, giustamente, di farlo.
            Sei stonato come un TROLL.”

            Se non l’hai letto è perché, oltre a dire minchiate, il NEW TROLL, incasina anche la sequenza degli interventi

          • Gatón scrive:

            Che il nuovo troll / multi nick non sia in grado di capire l’ironia, lo sappiamo.
            Me che nemmeno tu…mi stupisce.
            Su una cosa del tuo post iniziale sono d’accordo: i recinti in filo spinato dei Paesi dell’Est, in funzione anti-immigrazione.
            Come il muro di Berlino, erano stati costruiti all’epoca della guerra fredda con lo scopo dichiarato di impedire l’infiltrazione di spie.
            In realtà per evitare fughe dal paradiso comunista.
            Prova ne sia la consistenza dei controlli, semplicemente formali in entrata, rigorosi e meticolosi in uscita, compresa l’ispezione della parte inferiore di auto e bus a mezzo di appositi carrelli dotati specchio, caso mai qualcuno si fosse ispirato all’Odissea.
            Niente di letterario o riferito, esperienza personale.

      • The preacher scrive:

        *d’Europa

    1. marco.com scrive:

      Salvinus vincit, salvinus triumphat
      Ben venga tutto ciò che faccia sparire il prima possibile quel sorrisetto odioso dalla faccia di di maio

      1. Lona scrive:

        Buon giorno anche a te Basilicata
        Like like like like.

        1. Silvestro scrive:

          MARTELLO (23 marzo 2019 alle 00:48)

          “Anch’io sono convinto che in Italia serpeggi l’ODIO, ma non è certo nei confronti degli immigrati…”.
          BELLO!!! SEMBRA LO SLOGAN DEL PACIFISMO ARCOBALENO.

          Però, se guardo le numerose dichiarazioni ed i proclami quotidiani di Salvini di questi tempi non mi sembra che sia cosi. I gesti di intolleranza verbale e fisica sempre più frequenti della gente verso migranti, islamici, neri, rom, hanno uno sfondo politico ben preciso.
          Quindi la tua interpretazione di questi episodi sarebbe:

          >> La popolazione non comprende i sentimenti nobili che Salvini si sforza di comunicare.
          >>Il vangelo il rosario, ed il Padreterno che invoca anche dai banchi del Parlamento con qualche lacrima di contorno, sono il modello del suo quotidiano rispetto dell’accoglienza.
          >> L’adesione ufficiale della Lega al movimento di supremazia bianca di Steve Bannon, è il riconoscimento della tolleranza per la diversità.
          >> Il Ministro dell’Interno è stato frainteso sulle sue iniziative di indulgenza e di coesione sociale.
          >> La grande vittoria elettorale ottenuta con questi argomenti è il risultato di un gigantesco equivoco verbale.
          >> Gli italiani sono un coacervo di coglioni che non hanno capito slogan e proclami.

          Perfetto; ora possiamo pure discutere quali sono le MENTI DEBOLI E MASTURBATE.

          • martello carlo scrive:

            BERLUSCONI, BERLUSCONI, BERLUSCONI, BERLUSCONI, BERLUSCONI, BERLUSCONI………………
            SALVINI, SALVINI, SALVINI, SALVINI, SALVINI, SALVINI…………..
            Quand’è che tirate fori qualche nipotina di MUBARAK per fare lo sgambetto a questo personaggio per voi così scomodo ed ingombrante? Ah già, dovrete cambiare canovaccio, dal momento che Salvini “odia anche gli egiziani.”…
            Mi piacerebbe che tu ampliassi un po lo sguardo, magari sulla VESTAGER, la corte UE e la condanna dei risparmiatori e delle banche italiani orfani del fondo interbancario bollato come aiuto di stato.
            Ma tant’è: Zingaretti continua testardamente a proporsi come lacchè EN MARCHE con MACRON per perpetuare un’EUROPA della finanza al servizio della DETSCHE BANK e del CREDIT AGRICOLE.
            A voi interessa il MOSTRO, va creato il mostro a tutti i costi, solo così riuscite ad essere più sopportabili. Nei sei punti delle tue solite freccette, non fai altro che proporre gli italiani come accoliti del KU KUX KLAN aizzati da un SALVINI , incappucciato con la fiaccola in mano per dare fuoco alle baracche e ai gommoni dei poveri migranti.
            Da dove tu tragga queste visioni persecutorie la sanno solo i mestatori della premiata scuola BOLSCEVICA: io vedo una comunità di lavoratori immigrati onesti perfettamente integrata da una parte e dall’altra parte il realizzarsi solo di mafie nigeriane e albanesi che si impadroniscono di intere città con attività illegali di tutti i tipi, vedo una tolleranza scandalosa da parte di una élite bisognosa di paradisi olltre che fiscali, ARTIFICIALI. Nell’esaltazione multiculturale in versione pummarola di certi sindaci, Milano sembra volere a tutti i costi il suo BRONX, la sua CHINATOWN per essere come NEW YORK: tr… pardon, meretrici e krac dappertutto alla luce del sole.
            La COESIONE SOCIALE, NON SI CREA CON L’INDULGENZA VERSO I DELINQUENTI E I FUORILEGGE, bensì con la loro esemplare punizione e segregazione: è ora di smetterla di considerare la detenzione come ultima risorsa e solo a fini rieducativi; essa deve essere deterrenza e MONITO, quindi SEVERA e INFLESSIBILE nella sua applicazione.
            Se per te questo indirizzo della politica di SALVINI non va bene, la prossima volta imbarcati sulla IONIO insieme a CASARINI

          • Gatón scrive:

            L’odio c’è, si respira, è palpabile.
            Nei confronti di una singola persona.

            • marco.com scrive:

              Renzi? Fornero? Basta ascoltare “il rosso e il nero”
              E’ incredibile quanto non riesci ad avere una visione equilibrata

          1. marco.com scrive:

            adesso è più di un indizio: il neozelandese Tarrant deve essere un lettore del nostro blog e uno dei nomi messi sul fucile non è un caso
            quindi tutto confermato, follie e fanatismi
            come hussein ousy che si sentiva vittima e in dovere di vendicarsi

            1. martello carlo scrive:

              ZINGARETTI: cavalca i problemi degli italiani…non li risolverà mai… difatti è tornata una forma di terrorismo dopo moltissimi anni ( immigrati che sbagliano )
              LERNER: follia criminale è l’esito della contrapposizione isterica agli immigrati
              ROSSI, pres. Toscana: odio chiama odio e il terrorismo chiama terrorismo.
              Indovinate con chi ce l’hanno questi sopravvissuti all’era delle BRIGATE ROSSE senza averci capito una emerita pippa.
              Chi cavalca chi, chi è isterico, chi odia chi, cari rappresentanti di una classe politica che ha creato il cavallo, l’isterismo e l’odio?
              Questi politici e giornalisti da strapazzo, se avessero un minimo di onestà e di autocoscienza, capirebbero che i loro scritti e le loro declamazioni potrebbero suonare come scusante e incitamento per le menti “deboli” a ripetere atti come quello di SY, ma che potrebbero avere un esito DISASTROSO.
              Personalmente, se dovesse ripetersi un atto simile li riterrei responsabili in prima persona…….
              Il fatto più grave della vicenda, è la LEGGEREZZA. la PERMISSIVITA’, l’IMPUNITA’ che i simpatizzanti dell’invasione incasinata hanno verso gli immigrati che in questo caso si sono tradotte nella licenza di far condurre l’autobus ad un ubriacone, violentatore pregiudicato, ma in molti altri casi si traduce nella immunità garantita dalla parzialità e iper tolleranza della giustizia di questo paese di fronte a chi NON HA TITOLO PER TROVARCISI.
              I primi che dovranno pagare in questo caso, dovranno essere i responsabili che hanno assunto OUSSEYNOU con tanta superficialità, magari per risparmiare qualche euro, come s’usa da parte degli schiavisti sostenitori dell’immigrazione ad ogni costo.
              Quanto ai politici sopra citati, sarà il popolo a giudicarli e condannarli come e peggio ( per reiterazione delle colpe ) ha fatto alle ultime elezioni.

              • Gatón scrive:

                La cittadinanza è un mero status amministrativo.
                Estendendola a tutti quanti calpestano il suolo nazionale, si eliminerebbe ipso facto qualsiasi atto criminale commesso da stranieri.
                Ancor meglio, concedendola immediatamente e contestualmente a chiunque venga colto a delinquere, si otterrebbe l’ulteriore vantaggio di avere una schiera di stranieri che rispettano la legge.
                Mi stupisco che il PD non abbia ancora avanzato un progetto di legge in tale senso.

                • marco.com scrive:

                  questa proposta – paro paro – è stata presentata da un certo Sergio nella trasmissione “Il Rosso e il Nero” di oggi 22 marzo (udire podcast per credere)
                  che coincidenza
                  un Sergio a sinistra del PD

              1. Lona scrive:

                si ma l'humus lo avete portato voi sinistrati. il peggio humus della terra.

                1. The preacher scrive:

                  Il nesso tra terrorismo islamico e l’infausto gesto dell’autista italiano di origine senegalese, lo sa solo lei…ahhh, il “giornalismo”, quello bello….

                  • Gatón scrive:

                    Effettivamente, i senegalesi sono da secoli cristiani ortodossi.

                    • The preacher scrive:

                      Cmq sei forte Gaton! Quando ti si chiede di argomentare, scappi……aveva proprio ragione Umberto Eco

                      • martello carlo scrive:

                        Lo sanno anche i polli che i senegalesi non sono cristiani ortodossi.
                        L’ironia te la svelo io, dal momento che continui a rompere e GATON si rifiuta, giustamente, di farlo.
                        Sei stonato come un TROLL.

                    • The preacher scrive:

                      Gaton, perchè secondo te tutti i mussulmani sono terroristi? Sei serio? Ma prima di scrivere cazzate simili ragioni o sei uno spammone senza cognizione di causa?

                      • Gatón scrive:

                        Ho scritto questo ?
                        Non mi pare, ma mi sembra che è quello che tu vorresti che io scrivessi per screditarmi.
                        E adopera il tuo solito nick, tanto ti riconosciamo subito.

                        • The preacher scrive:

                          Ti sbagli di brutto. Che poi, uno che si vanta del proprio QI è veramente patetico. Intelligente è colui che viene definito tale da altri e non da se stesso.

                          Dato che non capisco la tua altissima metafora, spiegamela per favore. Cosa intendevi dire con “Effettivamente, i senegalesi sono da secoli cristiani ortodossi”?

                        • Gatón scrive:

                          Forse mi sbaglio.
                          In effetti pensavo fossi uno col q.i. mooooolto più alto, oltre 140 aveva scritto una volta.
                          Tu, al contrario, sembri non capire l’uso di figure retoriche quali la metafora.

                        • The preacher scrive:

                          I senegalesi non sono cristiani ortodossi quindi hai scritto una palese cazzata…….che tra l’altro sto qua era pure italiano……

                          Allora dai, chi sono, dato che mi riconosci subito? Robe da matti…

                          Zwirner, inutile che profetizzi “una follia destinata a ripetersi”. Il primo partner commerciale del terrorismo islamico vive in Italia e si chiama Mafia. Saranno pure pazzi invasati ma non sono coglioni i terroristi islamici….spiegato con una frase perchè, la tua insana profezia, non si ripeterà.

                  1. marco.com scrive:

                    si dice che cagnetti e gattini perdano il pelo ma non il vizio e infatti “è sotto gli occhi di tutti”

                    il colmo è che condivido la tesi dell’opinion maker: la follia nasce più facilmente nell’humus del fanatismo, come non essere d’accordo?
                    L’opinion maker però poi lo applica unilateralmente all’islam
                    sarebbe stato espressione di maggior onestà intellettuale se l’avesse applicato anche al neozelandese

                    • marco.com scrive:

                      per evitare inutili entropie: aborrisco l’islam come se non di più di quelli che si esprimono qui CONTRO L’ISLAM

                    • Gatón scrive:

                      Dov’è che non lo avrebbe applicato?
                      Ha forse scritto qualcosa di contrario?
                      Lo ha giustificato o compreso in qualche modo ?

                    1. marco.com scrive:

                      mi devo essere perso qualcosa, chiedo info a voi: Oussenyou ha fatto quel che ha fatto in nome di Allah?

                      • Silvestro scrive:

                        Ti spiego:
                        Oyssenou Sy è nigeriano e stando alle sue dichiarazioni voleva compiere un gesto di solidarietà per i migranti che muoiono in mare. Ma siccome tutti i migranti sono islamici, e quindi sono tutti terroristi, per analogia Oyssenou Sy che ha cittadinanza italiana, è comunque un terrorista islamico e quindi oltre alla galera, è necessario toglierli la cittadinanza.

                        Rami e Semir, i ragazzini che hanno nascosto il cellulare e hanno allertato la polizia salvando i compagni, sono figli di una famiglia marocchina e di una egiziana. Non sono cittadini italiani, ma data l’origine, sono sicuramente islamici e quindi da grandi anche loro saranno certamente dei terroristi. Quindi giusto negare loro la cittadinanza, ma sono da attenzionare fin d’ora.

                        Logico no?

                    Lascia un Commento

                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                    Accetto i termini sulla privacy

                    *