16
ott 2018
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.821

INDIZI E PROVE

“Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. (Agatha Christie)

La sconfitta di Forlì è stata sanguinosa, ma deve lasciare la consapevolezza che si può solo far meglio. Evito lo sciagurato “siamo in crescita” di pecchiana memoria, tuttavia la trasferta in Romagna, pur nel beffardo epilogo, qualche segnale lo ha dato. La miglior selezione dei tiri, il maggior coinvolgimento di Candussi (che ha dovuto sbattersi anche in difesa su Lawson). E qua ci fermiamo, come ha detto anche coach Dalmonte commentando la gestione dei falli da spendere nel finale al Palafiera.
Perché il rammarico è forte, soprattutto per gli episodi finali, appunto con tre falli da spendere negli ultimi 80 secondi, subendo però la tripla dell’aggancio di Lawson e quella del sorpasso di Marini, probabilmente dopo aver commesso il quarto fallo troppo presto. Ma si sono anche i colpevoli 20” di black-out sul +9, che hanno propiziato la tripla di Donzelli alla ripresa del gioco (con solo 6” a disposizione sul possesso), seguita da Johnson in transizione da una palla persa.
Aggiungiamo Ferguson che si ferma a 8 punti (comunque ingiustificabile anche in una serata con basse percentuali), Severini che si prende 3 tiri in 25’, Udom che troneggia a rimbalzo ma in tutta la ripresa tira solo 3 volte (dopo 11 tentativi fino all’intervallo) e un gruppo che deve prendere assolutamente confidenza a correre di più.
Allenatore e giocatori sono abituati a vivere con la pressione e per scacciare dubbi e preoccupazioni sarà necessario vincere domenica con Mantova. Perché poi incombe un’altra trasferta, a Imola, proprio dove in precampionato si è acceso il campanello d’allarme. Una cosa è certa: il disfattismo non aiuta. Se il calendario avesse mandato la Tezenis a Cagliari e poi in casa con Forlì, probabilmente adesso il clima sarebbe di esaltazione per 4 (verosimili) punti in classifica. Così va il basket, pollastri compresi.

1.821 VISUALIZZAZIONI

8 risposte a “INDIZI E PROVE”

Invia commento
  1. Carlo scrive:

    se mia nonna avesse le ruote sarebbe una bicicletta

    1. Jes scrive:

      Concordo a parte l’ultima riga…
      Io vedo tv davanti alla fortitudo, e son pronto a scommettere che non farà campionato a se

      1. gla scrive:

        Il fatto principale secondo me è: che obbiettivo abbiamo?? Vincere il girone per la promozione diretta? (non credo, oggettivamente abbiamo squadre più forti, almeno un paio)e siamo già a -4. Andare ai play off e giocarcela ? ecco, credo questa sia la risposta più plausibile e a quel punto, ricordando lo sciagurato anno della sconfitta al primo turno con Agrigento, non è un problema se all’inizio la squadra non abbia ancora un suo equilibrio…cresceranno col tempo per i mesi più caldi e un terzo o quarto posto nel girone, in vista dei play off, potrebbe essere un ipotesi realistica nel lungo periodo
        Tanto ripeto….quest anno la Fortitudo per me va su diretta a mani basse.

        1. Lilloball scrive:

          Sono d’accordo Jes, Severini puo’ coprire perfettamente il ruolo di 3, ma’ ora come ora lui come tanti altri (vecchi e nuovi .!!) non e’ ancora perfettamente dentro gli automatismi di gioco. Ma se’lo puo’ fare lui che e’ 1,97 x 85Kg. perche non Henderson 1,96 x 86Kg (fonte sito scaligera). Hederson salta 15 cm piu’ di Severini (contro la F saltava piu’ alto di Pini che e’ 12 cm + alto) con vantaggi veramente notevoli rispetto ai pariruolo piu’ lenti e pesanti. Inoltre troverebbe un suo spazio, invece di essere costretto come oggi a fare il compitino, xche’ i terminali prioritari in attaco sono altri (Candu,Amato,Jazz, Udom etc.), Dieng 2,01 x 106Kg.( +grande&grosso di Udom.!!!) non puo’ fare il 3, troppo grosso e lento. Il suo ruolo “naturale” e’ il 4 e servirebbe entrasse nelle rotazioni dei lunghi, dato che ora come ora Quarisa ha dei problemi a tenere il campoe Maspero e’ anccora mezzo infortunato. Mattia Udom potrebbe fare anche il 5 “tattico” perche’ come “rimbalza” lui non rimbalza nessuno…!! Inoltre a mio parere Dalmonte con i giochi dovrebbe andare un po’ incontro alle caratteristiche dei giocatori di quest’anno (che sono molto dverse da quelli dell’anno scorso), e non volere puntare solamente sul fatto che i giocatori si adattino al suo schema di gioco di “giropalla” perimetrale.. Mariobasket tace.., non so’ se per rispetto o perche’ non ha piu’ parole.. Mario dai…!!! deliziaci con qualche citazione e dicci qualcosa.!!! Ciao

          1. Llloball scrive:

            La squadra a me’ non e’ dispiacuta, perche’ in un campo difficile come quello di Forli, oltre per le questioni tecniche anche per l’ambiente, abbiamo giocato con personalita’ ,sopperendo alle % da 3 disatrose, facendo e poi disfacendo noi la partita, mentre l’anno scorso subivamo in maniera incredibile le partite lontano dal Palaolimpia. Purtroppo pero’ c;e ancora strada da fare perche’ non siamo “in fiducia”: si nota da 1000 piccoli e grandi dettagli. Credo che la soluzione di far partire Dieng nello starting five non paghi sia per lui che per la squadra. Forse sarebbe meglio farlo entrare a partita in corso secondo le necessita’ del match, mentre lo startibg five lo vedrei con Ferguson, Amato,Henderson,Udom, Candussi, con Terry da 3 . Ha il fisico e l’atletismo per coprire il ruolo, mentre Jazz deve entrare subito nel match, pena il rischio di rimanerne ai margini, come sta’ succedendo ora. In questo caso avremo anche piu’ punti nelle mani perche’ Omar in questo momento se la cava in difesa ma’ non riesce ad avere produzione offensiva. Poi le rotazioni potrebbero essere piu’ ragionate in funzione del diverso andamento dei matchs e non predetermnate dalla suddvisione dei minuti di gioco. Abbiamo bisogno di “fiducia” e “autostima”. La preseson invece di darne ne ha tolto, quindi domenica con Mantova dobbiamo assolutamente vincere. Tu cosa pensi Mario.?? Forza Ragazzi.!!!

            • Jes scrive:

              Henderson non ha nulla del 3.
              Un 3 l’abbimo Severini ma nelle 2 gare fatte è parso il + spaesato e fuori dai giochi.
              sanguinoso l’errore in entrata su cui ieri poi si è fatto male il loro che poteva dare un vantaggio pesante.
              Meglio comunque la squadra rispettto alla prima, ma cè da lavorare.
              Importante vincere con Mn x dare tranquillità alla squadra

            1. GIUSEPPE scrive:

              Seguo da anni la Tezenis, ma ancora non riesco a vedere un progetto di reale crescita consolidato nel tempo. Personalmente degli inserimenti di quest’anno al momento sono contento di quento ha espresso e soprattutto credo potrà esprimere ancora Candussi. Gli americani: boh ? Maspero ieri inguardabile e quindi ingiudicabile per me. Amato e Hudom conferme su cui poggiare una (eventuale) crescita, ma per il resto …. Ma con un palazzetto che almeno nelle partite importanti fa comunque registrare buona affluenza, c’è veramente voglia di investire per la A1 ? Mario come la vedi ?

            Rispondi a Carlo

            Accetto i termini e condizioni del servizio

            Accetto i termini sulla privacy

            *