28
feb 2019
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 26 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.844

MA QUANTO VALE IL VERONA SE SI PERDE L’ASSET PRINCIPALE?

Qual è l’asset principale del Verona? Il patrimonio giocatori, azzerato in questi ultimi anni? Il settore giovanile che naviga anonimo? Il centro sportivo che è una chimera da anni? Lo stadio che, semmai venisse costruito, non sarà di proprietà della società?

Non c’è dubbio che la principale ricchezza del Verona, l’unica che ha un peso, e che conta è ancora la passione dei propri tifosi. Se il Verona ha una valenza “politica”, se viene considerata dalle televisioni a pagamento, se conta ancora qualcosa, è perchè gli spalti del Bentegodi non si sono mai svuotati. Sono stati i tifosi a salvare il Verona. Senza quell’eccezionale trasporto, l’Hellas sarebbe già scomparso. Le trasferte oceaniche della serie C, la trasferta di Busto Arsizio per non crollare in C2, gli abbonamenti di massa dopo la retrocessione. Non ci sarebbe marchio senza quella gente. Il marchio del Verona non l’hanno certamente “costruito” i vari gestori della società (compresi alcuni mascalzoni…)  ma solo ed esclusivamente la gente di Verona.

Per questo la china che ha preso il Verona di Setti, la freddezza fino alla disaffezione di queste giornate sta creando un danno irreparabile. Il Verona sta perdendo la passione della sua gente, sta perdendo il suo principale asset. Setti ha spento l’entusiasmo, la scelta di collaboratori inadeguati ha allontanato la città, gli abbonati sono crollati in questi anni, il Bentegodi è sempre più vuoto. “Prima il bilancio” è stato il motto che ha tolto i sogni ai tifosi, il resto lo sta facendo Grosso con una squadra che non riesce a emozionare.

Senza gente, senza passione, allora quanto vale il Verona? Settanta milioni di euro come dice Setti? Cosa acquisterebbe un eventuale acquirente se non il valore di quel marchio che, come è dimostrato, ha valore solo perché ha avuto un incredibile seguito? Il Verona senza tifosi vale zero.

3.844 VISUALIZZAZIONI

26 risposte a “MA QUANTO VALE IL VERONA SE SI PERDE L’ASSET PRINCIPALE?”

Invia commento
  1. avanti i blu scrive:

    Se in signore di carpi ha olfattato la possibilità di fare ALTRI soldi con lo stadio beh, per altri anni ancora lo avremo tra i piedi. Quando se ne andrà avremo magari un bello stadio , una squadra oscena ed una tifoseria distrutta

    • Mariino scrive:

      Certo se anche il sindaco fa parte di questa cricca noi tifosi siamo a posto.A fine mandato sparirà anche lui e penso pure i partiti che l’hanno appoggiato non avranno di certo il mio consenso futuro e spero di molti altri tifosi.

    1. avanti i blu scrive:

      In una trasmissione della concorrenza Mazzi ha affermato che il padrone di calzedonia aveva intenzione di rilevare il Verona ma è scappato via dopo aver sentito quanto chiedeva il carpigiano…. c’è da chiedersi Perchè di fatto non voglia vendere il Verona quando è palese che lui è inadatto al Verona

      1. Esteban scrive:

        Le radici della nostra comunità di destino affondano nelle profondità di una storia ultramillenaria. L’Hellas è uno dei simboli più potenti e rappresentativi della “veronesità”, una realtà scomoda, una fiera domata, un faro disattivato. Quando verzì el vaso de Pandora? Se spetè de averghe un patrono de drio ale spale stasì freschi. Il momento storico è propizio. Orgoglio, coscienza, indignazione, rabbia…come sempre manca la fiducia. La dinamite è pronta, la miccia è infilata…chi avrà mai il coraggio di accendere la scintilla? In questi giorni un vate è inefficace e inopportuno. L’eloquenza tocca solo pochi Uomini liberi e si addice a decantare gesta già compiute. In questi giorni servono audacia e fermezza implacabile congiunti a realismo e pragmatismo. L’amore per la mia terra, per la giustizia e l’ingestione qualche buon alimento alcolico mi inducono a questa supplica.

        1. Francesco scrive:

          ah no scusate

          1. Francesco scrive:

            com'è che i miei commenti sono stati cancellati?

              1. Alberto scrive:

                E zo bire per dimenticare…

                1. Jordan scrive:

                  Oggi settimo anniversario della scomparsa del grande Germano Mosconi. Ah che non me incazza!!!!

                  1. Mariano scrive:

                    Caro Vighini, c’è un giornalista o pseudo tale che rispondendo a vari tifosi su facebook continua a fare riferimenti alla vostra testata. Perchè non prendete posizione nei confronti di questo signore che invece di avere la dignità di alzarsi in conferenza stampa durante l’indegno attacco di D’Amico continua a insinuare che voi avevate “accordi commerciali” nei confronti del Verona? Mi piacerebbe avere una risposta

                    • vigo scrive:

                      C’è poco da rispondere. Il lavoro credo che parli da solo. Abbiamo stretto un accordo commerciale quando in società c’erano alcune persone di grande professionalità che hanno portato risultati evidenti. Siamo stati partner quando il Verona aveva il bomber del campionato e la Primavera arrivava in finale al Viareggio. Ho sempre promesso che avrei vigilato e che avrei denunciato tutto quello che non andava. E così ho fatto in tempi non sospetti, anche quando il vento generale era da un’altra parte e mentre eravamo ancora partner. Sicuramente nessuno di questa redazione si è mai sognato di farsi selfie con Setti. E con questo ho detto tutto.

                    1. andrea scrive:

                      scusa Vighini
                      ma vorrei una tua risposta su una affermazione che hai fatto in trasmissione tempo fa. Potrei aver capito male, ma mi sembra tu abbia detto che setti ha rilevato l hellas da Martinelli pagandolo 4.5 ml. Ma, ripeto, ho capito male io o e una verita?? se fosse vero avrebbe dell incredibile

                      1. conte scrive:

                        è vero,il momento è buio. Concordo il valore del Verona è la sua gente.ci può essere disaffezione,ma solo per questa indecente gestione,non per il nostro Hellas.Io stesso ho deciso (pur essendo la maglia di quest'anno bellissima) di non foraggiare in nessun modo Setti e amici.Pero' questo valore rappresentato dal popolo gialloblù non si cancella in alcune stagioni mediocri.Siamo in tanti pronti a riaccendere l entusiasmo.Forse questo Setti lo ha capito meglio di noi stessi

                        1. SERGIO scrive:

                          Finalmente qualcuno che dice la verità vera!
                          Mi chiedo: possibile che non ci sia in giro nessuno cui interessa una piazza in città come questa?
                          Io sono dell’idea che ce ne sono stati e ce ne sono tuttora, e non pochi, ma chissà perché la cosa non si è mai concretizzata. Perché?
                          Io sono sicuro che in giro ci sono grandi aziende e brand internazionali interessati al Verona e alla sua piazza; e che non avrebbero problemi ad acquistarlo (per questi sarebbero comunque cifre contenute). Perché ciò non succede? Forse è per il marchio d’infamia accollato alla tifoseria dai media italiani? Non lo so. Qualcosa mi sfugge…
                          Lancio una proposta a te e a tutti i giornalisti che amano l’Hellas: proviamo a capire il perché e suscitiamo un dibattito che coinvolga i tifodi, i veronesi, la politica cittadina e non solo?
                          Io non voglio rassegnarmi alla realtà di oggi. Abbiamo vinto uno scudetto: possiamo raggiungere qualsiasi obiettivo!!!

                          1. Francesco scrive:

                            cantare e bere non mi dà niente se quello che vedo non mi coinvolge

                            1. Alberto scrive:

                              E ti canta e bei bira…

                              1. Francesco scrive:

                                schetch
                                hai proprio centrato il punto. sono quasi due anni che seguire l'hellas non mi dà più nessuna emozione, vittoria e sconfitta sono la stessa cosa, a pochi giorni dalla partita inizio a pensare "che maroni, sabato DEVO andare allo stadio", non avrei mai pensato (ho 42 anni) di arrivare a pensare cose del genere… la cosa che più mi dispiace è che sono consapevole che questo è proprio quello che vuole setti, ma dopo due anni così ho raggiunto un livello che non riesco più a sopportare. voglio gioire delle vittorie, e incazzarmi un casino per le sconfitte. preferirei perderle tutte e passare un campionato intero incazzato e fuori di testa che vivere le partite così come adesso, senza nessun coinvolgimento

                                1. Ruspa62 scrive:

                                  C'è solo una soluzione a tutto questo, il miracolo di una nuova proprietà, auspicabilmente veronese, magari con la passione che aveva Martinelli. Finché resta l'attuale proprietà con collaboratori palesemente inadeguati e la gestione assurda degli ultimi anni non sarà possibile riavvicinare il grande popolo Gialloblu. In una trasmissione di qualche giorno fa ho sentito l'ex presidente Stefano Mazzi raccontare che quando la sua famiglia acquistò il Verona aveva la consapevolezza che era un bene della città e della provincia che veniva loro affidato e che un giorno avrebbero dovuto passarlo a qualcun altro in condizioni migliori di quelle nelle quali lo avevano preso. Lo vada a spiegare a setti! Comunque sempre Forza Hellas!

                                  1. Jordan scrive:

                                    A volte preferiso i terr. quando i se incazza con la so società.

                                    1. hellaS 8 scrive:

                                      io spero solo in Dio che faccia sto miracolo io non riesco più a dore che sono un tifoso Hellas hai miei amici qui dalla provincia di Roma Daje sbrigateve a fargli il fiato sul collo a questo pseudo Presidente Daje Daje!!!

                                      1. schetch scrive:

                                        E chi va allo stadio ci va come se fosse una penitenza… Senza nessun sapore.
                                        Il valore di una azienda/attività lo fanno i corrispettivi. Ecco mettiamo che i corrispettivi siano i tifosi…. 70 mln? Non rido per non piangere.

                                        1. RobyVR scrive:

                                          El danno no l’è mia irreparabile, scometo che anca in Lega Pro ma con i calsetti piutosto che sensa la saria n’altra storia.

                                          1. Venus scrive:

                                            Se il filibustiere di Carpi dovesse vendere, allora i tifosi ritornerebbero.

                                            1. Davide scrive:

                                              Azionariato popolare? Non se ne parla più…

                                            Lascia un Commento

                                            Accetto i termini e condizioni del servizio

                                            Accetto i termini sulla privacy

                                            *