31
gen 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.894

FISCHI E FIASCHI

“End is not the end. END means Effort Never Dies” (Anonimo coach – segnalato da Luca Dalmonte) 

In 9 anni di A2 la Scaligera non aveva mai perso in casa subendo più di 100 punti. Anzi, nemmeno in trasferta. L’unica volta con un centello incassato coincise con una grande vittoria al Palaolimpia: 113-105 contro la Virtus di Alessandro Ramagli che poi sarebbe salita in serie A, ma allora fini all’overtime (parziale 26-18). Sulla panchina di Verona c’era già Luca Dalmonte.

Il k.o. con Imola fa male, doppiamente male, ha portato i primi fischi di una parte del pubblico (nella ripesa capitan Amato ha invitato la tribuna a sostenere la squadra in rimonta, trovando in verità scarsa reazione) e porta anche delle sinistre coincidenze. Sulla pagina social dell’Andrea Costa c’è chi si è lasciato andare alla battuta che ha vinto il Dalmonte giusto (Lorenzo, figlio del coach gialloblù e assistente di Di Paolantonio), ma è indubbiamente curioso che questo record negativo sia arrivato per mano della squadra della città di LDM.

Coincidenze a parte e infortunio di Henderson a parte, l’impressione è che si sia rotto qualcosa nel delicato equilibrio della squadra; un gruppo che sembrava avere trovato coesione e compattezza, ma evidentemente le 9 vittorie consecutive sono proliferate su un confine molto sottile e precario, che ha permesso di strappare vittorie sofferte o in clamorosa rimonta come nel trittico Ferrara-Jesi-Montegranaro, poi di piegare Roseto dopo tre supplementari e di sudare un po’ anche sul campo di Cento.

In questo poker di sconfitte pesa soprattutto il sostanziale dominio in tre partite: nella tana della Fortitudo ci poteva stare, ma in casa con Forlì (priva di un americano) e contro Imola, no. E in mezzo la beffa di Mantova.

Il campanello si è acceso per segnalare un allarme, che è nella testa dei giganti gialloblù. Hai voglia di pretendere di resettare una sconfitta bruciante, se 72 ore dopo concedi il 100% da 2 agli avversari nel primo quarto (10/10, mai visto), 14/15 all’intervallo e 10/14 nelle triple. Se subisci più del 70% da 3 forse devi chiamare LBJ per vincere. Eppure nella ripresa la Tezenis è risalita fino a due possessi di distanza, ricadendo però sempre nei soliti errori. A cominciare da una difesa che talvolta si è rivelata in fiasco, concedendo sul p&r centrale reiteratamente e pervicacemente un numero esagerato di scarichi in area, in particolare sul back-door.

Da quello bisogna ripartire per ricompattare una squadra che sembra avere smarrito la fiducia in se stessa. Lasciando da parte l’angoscia e cercando con pazienza le scelte migliori. Ma c’è sempre il rischio che la pazienza del presidente Pedrollo sia arrivata al limite.

1.894 VISUALIZZAZIONI

8 risposte a “FISCHI E FIASCHI”

Invia commento
  1. Vittorio scrive:

    Scusami Mario, potresti chiarirmi un aspetto? Nella partita con Perugia ho contato fino a 7 membri dello staff in panchina. Potresti spiegarmi, a parte Della Fiori, quali sono in pratica le loro mansioni? Io sarò anche “vecchio” ma anni fa non ricordo un affollamento così incredibile. Si va da un ragazzo con il felpino che corre incontro ai giocatori prima dei time out dispensando sapere cestistico a tizi vestiti in giacca e cravatta che fanno i vice, vice del vice e videdelvicedelvice allenatore. Una volta ho guardato la panchina e su metà c’era lo staff e sull’altra metà la squadra: come sono giustificate così tante persone nello staff, anche alla luce delle ultime partite che, dicoamocelo, sono dei fallimenti clamorosi?

    1. Armix66 scrive:

      Questa volta non sono d’accordo con alcune affermazioni.
      1) fischi: veramente pochi (forse piu mugugni) rispetto a quanto in altre piazze la squadra ne avrebbe ricevuti con una simile prestazione; pochi pubblici continuerebbero a sostenere la squadra, come invece è accaduto ieri, anche sul meno 25. Verona ama ancora questa squadra e questa squadra ama il suo pubblico (quanti avrebbero fatto il giro di campo in altre squadre ?
      2) 9 vittorie in un confine sottile e precario: vittorie cercate e ottenute con una feroce determinazione non dimentichiamolo (in alcuni casi anche fortunose ma comunque cercate)
      3) rotto qualcosa nel Gruppo: dall’esterno non sembra, i giocatori non si sono lasciati andare a gesti di nervosismo né tra loro né nei confronti del coach, in certe situazioni si è respirata una situazione di quasi rassegnazione , impotenza, comunque generale non a livello dei singoli
      Ripartire per scompattare la squadra che sembra avere smarrito la fiducia.. su questo sono d’accordo

      • tom scrive:

        Anch’io credo che l’Agsm Forum sia stato veramente clemente, come nel caso di Forlì. E in generale nei confronti della totale assenza di “garra” di queste ultime uscite.
        Mi auguro che quei buchi in difesa siano frutto della testa che ha mollato (e che quindi può “rinascere”). Perché non voglio nemmeno pensare che LDM e Gandini abbiamo preparato il match in quel modo, con quei ritardi macroscopici nelle rotazioni difensive. L’altra sera OGNI raddoppio (pitturato o fuori) ha portato a scarichi facilissimi e tiri aperti: inguardabile in A2, tollerabile in CSI.

        Speriamo bene, anche il girone di andata era partito così. Poi sono usciti.

      1. Marco scrive:

        Buonasera Mario, novità dalla sede? io credo che non avrebbe senso cambiare coach…l’anno prossimo sarebbe un nuovo anno zero..

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *