18
set 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.402

LA PEGGIO GIOVENTU’

“Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol esser lieto, sia: del doman non v’è certezza”. (Lorenzo Il Magnifico)

Riflessioni in ordine sparso dopo 48 ore nelle quali si sono è consumati la presentazione della Tezenis a Giardino Giusti e il trionfo della Slovenia ad Eurobasket 2017. Che c’azzeccano i due eventi, di primo acchito così distanti tra loro? Parliamo di giovani: la Scaligera Basket ha puntato decisamente sulla linea verde (22 anni l’età media della squadra di Dalmonte, che potrebbe alzarsi un po’ se arriverà un sostituto per Totè…), l’Italia orfana del “boxeur” Gallinari è uscita ai quarti.
A luglio ci siamo emozionati con la Nazionale Under 19, che al Mondiale si è arresa solo in finale al Canada, conquistando uno splendido argento. Bene, di quella magnifica dozzina di azzurri, solo Okeke giocherà (forse) la prossima stagione in serie A con Torino, e – si spera – Pajola con la Virtus Bologna. Tutti gli altri sono stati mandati a “fare esperienza” in A2 o sono rimasti con le rispettive società del secondo campionato italiano. Nel dettaglio: Penna e Simioni a Imola, Caruso a Napoli, Denegri a Casale, Bucarelli a Cagliari, Mezzanotte a Treviglio, Massone a Jesi, Antelli a Orzinuovi, Oxilia a Piacenza e Riccardo Visconti (buon per la Tezenis) a Verona.
Facciamo un salto indietro di 4 anni: Italia campione d’Europa Under 20. Vi ricordate chi giocava in quella Nazionale? Ecco la dozzina azzurra: Tonut, Della Valle, Lombardi, Abass, Ruzzier, Imbrò, Cefarelli. Fallucca, Laganà, Landi, Monaldi, Chillo, Fallucca. Quattro anni dopo, a 24 anni suonati, solo Abass è stato portato ad Eurobasket 2017 dal c.t. Messina che ha lasciato a casa Tonut e Della Valle, gli unici di quei 12 d’oro che giocano con buon minutaggio in serie A, mentre gli altri sono ai margini delle rotazioni o, la maggioranza, giocano in A2.
Faccio un altro passo indietro. Nel 2009 al “Trofeo Città di Soave” riservato agli Under 17 vinceva una squadra slovena, lo Zlatorog Lasko, che schierava due futuri campioni d’Europa (Ale Nikolić e Žiga Dimec), ma anche Jusuf Nurkić, poi in Nba, compagno di squadra di Gallinari ai Denver Nuggets, ed ora a Portland. E pure Miha Lapornik, che adesso fa l’Eurolega con Bilbao.
Tanti talenti tutti assieme si spiegano con la capacità di fare reclutamento (quando Nurkić arrivò a Soave giocava da appena due mesi, ma aveva già il 50 di piede), ma anche con lo spirito di sacrificio, la durezza mentale, la celebre “garra” che è un marchio di fabbrica del basket slavo (dalmata, balcanico o dinarico che dir si voglia).
Il fenomeno Luka Doncić a 13 anni ha fatto le valigie per andarsene a Madrid, e come lui tanti altri. Da noi troppi giocatori dotati di talento o di fisico (tutti e due insieme diventa ancora più raro) faticano ad emergere. Franco Marcelletti, che si sta spendendo molto per ricostruire da zero il settore giovanile della Scaligera, conosce bene le difficoltà che incontra chi lavora nei vivai: la palestra è fuori mano, gli orari d’allenamento sono scomodi, ci sono troppi compiti da fare, venite a prenderlo e lo riportate a casa?
Poi ci sono i dirigenti miopi che anche in serie C preferiscono puntare addirittura su giocatori stranieri, allenatori poco coraggiosi che vanno al seguito di chi li ha ingaggiati e tengono i giovani in fondo alla panchina considerandoli solo per gli obblighi regolamentari che impongono una quota di under nei campionati senior; una Federazione con una dirigenza spesso inadeguata ed i vituperati procuratori che talvolta hanno pretese insensate. Infine la scuola, con strutture vergognose e un’attività didattica che quasi sempre è tempo perso (e due sole ore alla settimana!).
Ecco perché la Slovenia, che ha meno della metà degli abitanti del Veneto, trionfa in Europa, mentre in Italia rischieremo di fare sempre più fatica. Tutti motivi per voler bene alla giovane Verona dei canestri. E dall’1 ottobre vedremo se sarà anche lieta.

27
ago 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 12 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.318

SE IL BUON GIORNO SI VEDE DAL RADUNO

“Qui giace il signore de Lapalisse. Se non fosse morto sarebbe ancora in vita. Se fosse vivo non sarebbe morto. Se fosse, non sarebbe”. (Epitaffio di Jacques II de Chabannes de La Palice, meglio noto come Lapalisse).

Freguntubo. Così scriveva Aldo Giordani, il mitico Jordan, maestro della nostra generazione baskettara. Le amichevoli estive non contano nulla. E’ importante vincere in campionato, avrebbe detto Monsieur de Lapalisse. Giova ricordare le imprese in preseason due anni fa e la disgraziata avventura che ne seguì con al timone l’attuale c.t. della Nazionale femminile.
Il mondo è bello perché è vario (per usare un’altra ovvietà), così c’è chi va a vedersi i raduni delle squadre dove gioca qualche ex gialloblù e ci sono 500 che in un mercoledì post Ferragosto si sono ritrovati per il primo allenamento della nuova Tezenis.
Entusiasmo, passione, affetto, fiducia. Un poker di sentimenti confermati dai tifosi (ancora di più) che hanno fatto da cornice alla prima amichevole di giganti di Dalmonte. Altro che porte chiuse! E fa piacere vedere sorridente e moderatamente soddisfatto il presidente Pedrollo, notoriamente assai esigente. Se il buon giorno si vede dal raduno…
Appena quattro anni fa con San Bonifacio giocavo contro Orzinuovi la semifinale dei playoff in Dnc. Chi si sarebbe immaginato di rivederli in meno di un lustro in A2, vincenti – sia pure nella prima amichevole – contro la Scaligera? Questo vuol dire ambizione e soprattutto programmazione. Due qualità che la Verona dei canestri ha messo in pista.
Se la coppia americana riuscirà a garantire maggiore intensità, con la varietà di quintetti che coach Dalmonte può schierare e soprattutto con la devastante fisicità di tutti i giocatori, la stagione si annuncia divertente.
Non si potrà sempre vincere, ma divertirsi sì. Avanti con la #garragialloblù

21
lug 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.803

LE NOCI E LO IUS SOLI

“L’è facile spacar le nose con l’usèl dei altri. Prova col tuo!” (Spiritoso detto popolare, tra i preferiti del presidente Gianluigi Pedrollo)

Il nuovo corso della Scaligera Basket è al via. La scorsa stagione era l’anno zero, l’avevamo capito tutti, ma il presidente Pedrollo l’ha ribadito, ricordando la situazione in cui si trovava la società esattamente un anno fa. Dopo avere allestito una squadra “raccattando quello che c’era in giro” (Pedrollo dixit), ad un anno di distanza la squadra a metà luglio è stata completata.
Il proprietario della Scaligera ha spiegato i motivi della nuova “rivoluzione”, l’accordo triennale con il Gruppo Calzedonia permette di programmare, puntando sui giovani. Finalmente. Ecco il prolungamento dell’accordo con la Reyer per Totè, un’intesa-fotocopia per Visconti, l’arrivo di Curtis e soprattutto il colpo con Omar Dieng. Il gm Della Fiori ha fatto davvero un capolavoro. Aggiungiamo poi anche Francesco Oboe, un play futuribile, sempre del 2000, prelevato da Vicenza. Insomma si torna ad investire sui giovani, quasi come ai bei tempi.
Pedrollo si è tolto anche qualche sassolino dalla scarpa, replicando agli ipercritici che nei blog e sui social hanno lamentato presunti disimpegni in caso di serie A (ipotesi totalmente campata per aria) o sollevato dubbi sul fatto che sponsor-incassi-pubblicità-contributi-quote-minibasket coprono solo il 45% dei costi e del resto si fa carico, per ora, “uno solo”, come Pedrollo ha definito se stesso, aggiungendo che “sarebbe più opportuno un altro termine”.
E se i flop durante la gestione Pedrollo non sono mancati, giova ricordare che il primo anno di A2 (ai tempi della triade Vicenzi-Pedrollo-Fadini) finì con la retrocessione, spendendo di più delle gestioni di questi ultimi anni. Buon viaggio Tezenis.
Nota finale. A proposito di Ius soli. Nel nuovo roster ci saranno sei giocatori di colore, quattro sono italiani di seconda generazione, tutti nati in Italia, tra Firenze, Cantù, Voghera, Bergamo. Giocano o hanno giocato tutti nelle Nazionali giovanili, ma da “cittadini stranieri”, almeno fino alla maggiore età.

P.S. Vado in ferie. Appuntamento a dopo Ferragosto.

13
lug 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.314

LE FIGURINE E LA “GARRA”

“Le statistiche sono come i bikini: mostrano quasi tutto, ma nascondono il più” (Le Mazelier)

Di figurina in figurina, come i tifosi sui social amano chiamare gli annunci di nuovi giocatori, la nuova Tezenis è completata. Manca il quinto lungo, un under che arriverà a breve. Intanto l’ingaggio di Jamal Jones ha sistemato il vuoto lasciato dall’approdo in Bundesliga di Michael Frazier, che dopo le promesse spese con il presidente Pedrollo ha seguito (scelta peraltro comprensibile vista l’offerta) le sirene del suo agente, novello Raiola.
E già si sprecano i commenti sul ragazzo nato in Arkansas lo stesso giorno di Micheal Jordan. Giudicare su ogni tipo di fondamentale un giocatoire che pochi minuti di video (tra l’altro esclusivamente in attacco) è quantomeno azzardato. Giova ricordare che dai video sembrava un fenomeno anche l’omonimo di Jabbar, che poi si è rivelato un tipetto “difficile”. Questo per far capire che nelle scelte su un giocatore influsicono anche il carattere, l’atteggiamento comportamentale, la dedizione e le motivazioni, lo spirito di sacrificio. Tutte qualità che non compaiono nelle statistiche. Di sicuro ci saranno parecchio giocatori con la “garra”, compreso Curtis Chinonso Nwohuocha (questo il nome completo del colosso arrivato da Cantù via Treviglio). Che d’ora in avanti chiameremo solo e sempre Curtis.

 

09
lug 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.328

PEDATORI E BASKETTARI

“Sii forte nel corpo, limpido nei pensieri, maestoso negli ideali”. (James Naismith)

La vicenda è nota. Gigio Donnarumma ha fatto fessa la commissione d’esame della sua scuola (privata) e invece di presentarsi agli orali degli esami di maturità, che aveva ottenuto di posticipare per l’impegno con la Nazionale agli Europei Under 21, ha preso un aereo (sempre privato) ed è volato a Ibiza a godersi la vita ed il nuovo contratto assai pasciuto.
Al di là dello tsunami di insulti che dai social si è riversato sul giovane portiere (con una battuta mi piace far notare che con l’ingaggio di un anno – 6 milioni – la scuola può comprarsela e avanza pure qualche soldino…), decisamente diverso è l’esempio che arriva da Riccardo Visconti, la promettente guardia del ’98 che la Tezenis si è assicurata con un accordo biennale con la Reyer Venezia.
Il giovane piemontese, che a 15 anni ha lasciato la sua Torino per le giovanili della Reyer, prima ha vinto lo storico scudetto con il club orogranata (facendo anche un’apparizione nella finale con Trento), poi ha partecipato con la Nazionale Under 20 al Torneo di Roseto (assieme ai prossimi compagni di squadra Leo Totè e Curtis Nwohuocha), quindi ha lasciato il raduno azzurro per volare in Egitto con la Nazionale Under 19, che stasera al Cairo giocherà la finale dei Mondiali contro il Canada. E ha cercato di dare sempre il suo contributo, nonostante il doppio scavigliamento.
Finito il Mondiale, Riccardo Visconti, tornerà a Mestre per sostenere gli orali alla Maturità all’Istituto per Geometri “Massari”. La scuola si è già complimentata con il suo studente per lo scudetto, speriamo nel bis per il Mondiale. Sull’esito dell’esame non ci sono dubbi. I baskettari sono di tutta un’altra pasta.

03
lug 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.391

CIAO PERICLE

Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese (J.F. Kennedy)

Nomen omen, dicevano i latini, ma non sempre il destino è insito nel nome di ciascuno di noi. Penso ad esempio all’amico Pericle Manarini, storico dirigente addetto al tavolo della Scaligera Basket, che se n’è andato nel sonno all’alba di un triste lunedì d’inizio luglio.
Uomo buono e mite, era certamente distante dal generale ateniese cui doveva il nome. Però ha sempre saputo farsi rispettare e benvolere, passando attraverso gm e ds di personalità più o meno forti e soprattutto attraverso campionati esaltanti e altri decisamente bui.
Quando la Sanzeno di Giuseppe Vicenzi giocava il derby con San Bonifacio in C2 lui era al suo posto di comando, nell’angolo del tavolo sul lato opposto della panchina; come c’era nella finale di Coppa Korac con la Stella Rossa in un Palaolimpia gremito, nelle semifinali scudetto o all’indimenticabile esibizione Glaxo-Stefanel con le stelle della Nba Scottie Pippen e Charles Barkley. Sempre disponibile, mosso dalla grande passione che lo ha accompagnato per più di trent’anni e per 609 partite.
E’ noto che i successi di una società sportiva si costruiscono dal basso, grazie al contributo di chi lavora dietro le quinte, senza mai chiedere qualcosa in cambio. Si chiama passione, amore per lo sport, per il nostro grande basket. E sublima lo spirito kennedyano ci cosa ognuno di noi può fare per la collettività, senza dover sempre chiedere che cosa gli altri possono fare per lui o per il prossimo.
A Pericle devo un po’ di partite quando il figlio Pietro giocava nelle giovanili, le chiacchierate in quegli anni quando andavo a trovarlo in Comapre o all’Autostrada, i ritagli di giornale delle stagioni della Citrosil che lui conservava in perfetto ordine, numerati con la sua bella calligrafia da geometra. Un giorno mi consegnò tutto il malloppo: “Tienili tu, a te saranno sicuramente più utili”.
L’ultimo sorriso, dopo che il cuore lo aveva già messo in crisi, gli era scappato quando la sua Cremonese aveva completato l’incredibile rimonta sull’Alessandria. Purtroppo non potrà più regalare i suoi timidi sorrisi alla sua bella famiglia. Ti sia lieve la terra e risposa in pace, amico mio.

01
lug 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

917

FEDERPOLPOT

Il buon cittadino è quello che non può tollerare nella sua patria un potere che pretende d’essere superiore alle leggi. (Marco Tullio Cicerone)

Nelle ultime ore circola l’ipotesi di una modifica della composizione dei gironi nel prossimo campionato di A2. Il Settore Agonistico della Fip avrebbe proposto una divisione “alternativa” (per usare un eufemismo…) che prevede lo spostamento di Piacenza nel girone Ovest dove ci sarebbero tutte le squadre lombarde, nell’Est finirebbero Cagliari (che ha rilevato i diritti da Ferentino), Napoli, Scafati e Reggio Calabria.
A parte che non ci capisce cosa c’entri Napoli (e pure Scafati) con il girone Est, ma dietro questa bizzarra suddivisione – che dovrà passare all’esame della Lega Pallacanestro – ci sarebbe la volontà della Lombardia di tenere assieme tutte le sue squadre (la retrocessa Cremona, Mantova, Treviglio, Legnano e la neopromossa Orzinuovi).
Chiedere risposte alla Fip risulta alquanto complicato, tenuto conto, tra l’altro, che gli uffici romani sono rimasti chiusi due giorni per la festività dei santi patroni Pietro e Paolo, che cadeva giovedì 29, ma già che c’erano non si sono lasciati scappare l’occasione di chiudere anche venerdì 30 regalandosi, grazie al Coni,  un bel ponte di quattro giorni. In via Vitorchiano dovrebbero avere la cortesia di spiegare i motivi di una scelta talmente insensata da faticare a credere che possa essere stata presa in considerazione.
L’ultima stagione ha dimostrato in modo chiaro che il girone Est è di un altro livello rispetto all’Ovest, allora l’unica cosa serie sarebbe aggiustare l’equità competitiva, magari rimodulandola sulla base dei piazzamenti del campionato 2016/2017. Altrimenti si mescolerebbero solo le spese di viaggio, con buona pace di una Federazione forte con i deboli (tipico delle gestioni dittatoriali) e debole con i forti, come purtroppo hanno dimostrato i recenti Europei femminili. E con buona pace dei buonisti.

29
giu 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 9 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.481

VIVA RADIO ADIGE!

“La radio lancia la notizia, la tv la fa vedere, il quotidiano la spiega”. (Hubert Beuve-Méry)

Domani, 30 giugno, sarà l’ultimo giorno di trasmissioni di Radio Adige. La storica emittente, fondata nel 1976, ha ceduto la frequenza a Radio Freccia del Gruppo Suraci (Rtl) e cessa l’attività. Era la radio più ascoltata dai veronesi. Ha raccontato con la voce memorabile di Roberto Puliero lo scudetto e tante altre imprese dell’Hellas Verona, e ha raccontato per una sola stagione anche le vicende della Verona dei canestri.
Era la Müller che sotto la guida di Pippo Faina arrivò fino alla semifinale scudetto contro la Fortitudo, conquistando una storica qualificazione all’Eurolega.
Poi l’allora presidente di Confindustria si mise di traverso, “imponendo” il ritorno delle radiocronache alla radio del gruppo, ma quell’avventura mi è rimasta nel cuore, assieme a quasi 30 anni di collaborazione.
Dai tempi della mitica sede con il balcone su piazza Bra, a via Cappello, fino a piazza Nogara. Dai microfoni di Radio Adige (che ebbe tra i suoi fondatori il direttore-editore di Telenuovo, Luigi Vinco) sono passati fior di professionisti e tanti amici, è continuata l’oculata gestione della famiglia Grigolini, ma soprattutto è rimasta, per 41 anni, la passione incondizionata per quello straordinario e meraviglioso strumento di comunicazione inventato dal genio di Guglielmo Marconi, che è stato rivoluzionato dal web.
Così il…fiume diventa amaro. Alla tristezza per la scomparsa di una voce nel mondo dell’informazione, una lacrima ma anche la fierezza di un sorriso sulle ultime note e sulle ultime parole in onda.

25
giu 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 24 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.080

EMMENTAL E CANNOLI

“Chi si loda, s’imbroda” (proverbio popolare)

E’ un’estate di sfoghi. Prima quello, legittimo, di capitan Boscagin. Poi quello, meno comprensibile, di Marco Portannese. Il siciliano-rossocrociato, fresco di convocazione nella nazionale elvetica, ha scelto la pagina ufficiale di Facebook (quella di atleta, non la sua personale) per togliersi qualche sassolino dalla scarpa.
Libero di esprimere la sua opinione, se non avesse tirato in ballo il ventilato taglio (“manifestato quasi subito”), la stima di molti suoi compagni e l’affetto dei tifosi.
Sarebbe opportuno lasciar dire agli altri gli attestati di stima, altrimenti si corre il rischio di autoincensarsi, per non parlare delle lamentele a scoppio ritardato. E bisogna distinguere il bravo ragazzo dal buon giocatore, visto e considerato che, fino a prova contraria, cuore e altruismo dovrebbero sempre far parte delle qualità di un atleta, senza la necessità di tirare il ballo il contratto.
Poi ci sono i tifosi e tanti hanno osannato il ragazzo di Agrigento (e adesso pure un po’ di Berna…). Giustissimo. Però veder paventare, come ho letto sui social, il mancato rinnovo dell’abbonamento o lo sciopero del tifo, invita a una domanda molto semplice: ma si tifa per la squadra o per un giocatore? Altrimenti suggerisco di trasferirsi a Treviso, o a Scafati o dove sarà la prossima destinazione dell’ultimo numero 8 gialloblù, che sicuramente rispetterà la tradizione degli ex in gran spolvero quanto ritrovano Verona da avversari .
La seconda domanda invece è un po’ più intrigante: nessuno si è mai chiesto perché Portannese, escluso il biennio a Capo d’Orlando, ogni anno cambia squadra? E perché dopo essere approdato in serie A alla Virtus Bologna è finito a Latina, in A2 Silver? Magari si potrebbe chiederlo ai suoi compagni…

17
giu 2017
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.303

LE RAGIONI DEL CUORE

“Non piangere per chi non merita il tuo sorriso”. (Jim Morrison)

Adesso che è tutto finito, che tutto è stato affidato alle parole dei comunicati ufficiali e delle dichiarazioni di rito, l’addio a Giorgio Boscagin (o meglio, la rinuncia unilaterale) è la sublimazione del nuovo corso della Verona dei canestri.
Come spesso accade quando si prende una decisione dolorosa, subentra un problema di metodo e uno di merito.
Il primo è legato alle ragioni del cuore, il secondo alle ragioni della testa. Non bisogna essere ipocriti: la logica dice che il progetto tecnico della Scaligera Basket che vedrà la sua graduale crescita e realizzazione nelle prossime stagioni, prevede un percorso senza Giorgio Boscagin.
Il cuore tuttavia dice esattamente il contrario. E siamo alla questione di metodo. Il Capitano, bandiera di questi sei anni di “alti e bassi” (lo ha ammesso il Bosca, con grande onestà intellettuale) non ha avuto la possibilità di salutare ed essere salutato come si deve dalla sua gente. Ma non era prevedibile la piega che poi hanno preso gli eventi.
Fin qui questa commedia dal triste epilogo, perché io appartengo ad una generazione un po’ nostalgica, che crede ancora nelle bandiere, anche se le bandiere non ci sono più. Bisogna farsene una ragione.
Poi i fenomeni da tastiera che hanno parlato di soldi (riferendosi a uno che un anno fa ha rinegoziato il contratto) o di età avanzata dovrebbero provare vergogna. Giorgio Boscagin merita solo rispetto. E a chi parla di un giocatore in declino, ricordo che è sempre stato l’ago nella bilancia dello spogliatoio, e che nella stagione disgraziata di Crespi ha sempre dato tutto quando chiunque altro, al posto suo, avrebbe preso armi e bagagli e se ne sarebbe andato. Stiamo parlando del giocatore veronese con più presenze in Nazionale. Ci mancheranno soprattutto la sua carica umana e professionale. Adesso la “veronesità” della Tezenis sarà tutta sulle spalle di Leonardo Totè.
Quest’anno il Capitano ha firmato una delle vittoria più belle, all’imbattuto Palaverde. Io quella sera ero in ospedale e a fine partita mi ha salutato. Non potrò dimenticarlo. Mai. Grazie Bosca, in alto i cuori. E goditi Leonardo, il tuo canestro più bello.