04
dic 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.939

ZERO ALIBI 2

“Aspettare che gli altri facciano il loro dovere è il miglior alibi per non fare il nostro”. (Roberto Gervaso)

“Si vince e si perde insieme. Non ci sarà mai un responsabile con nome e cognome, il responsabile è la squadra”. Così parlò Luca Dalmonte il giorno del suo insediamento alla Tezenis. Era stato chiamato al capezzale della Scaligera dopo l’esonero di Fabrizio Frates e sconfitta in casa con Udine “allucinante, uno spettacolo indegno”, per usare le parole dello stesso coach licenziato.
3 anni e 9 giorni dopo è toccato al tecnico di Imola. Il cambio era nell’aria, non solo per le 4 sconfitte in 11 partite, culminate con i minori fischi alla fine del k.o. casalingo con Milano, ma per la netta sensazione che la squadra avesse “girato le spalle” all’allenatore.
Il vicepresidente Giorgio Pedrollo è stato netto: “Le situazioni erano ben chiare e non potevamo proseguire nella direzione che si pensava inizialmente”.
Dalmonte, come sempre in queste circostanze, paga per tutti. Un cambio di guida tecnica che probabilmente sarebbe stato più opportuno dopo gli ultimi playoff e l’eliminazione per mani di Treviglio. Ma la proprietà aveva deciso di dare ancora fiducia a LDM, peraltro sotto contratto per un’altra stagione.
Andrea Diana arriva a Verona carico dei risultati in crescendo ottenuti a Brescia: semifinale playoff in A2, promozione in serie A, playoff nel massimo campionato, semifinale scudetto, qualificazione all’Eurocup.
Un palmarés che lo ha indicato fin da subito come il prescelto per la successione a Dalmonte. Va detto che Brescia è anche l’unica piazza dove il coach livornese ha lavorato da capo allenatore, però la sua filosofia di gioco e soprattutto la gestione “semplice” dei rapporti umani con i giocatori al momento rappresentano un valore aggiunto per questo nuovo corso della Verona dei canestri. E con la doverosa premessa che la qualificazione alle Final eight di Coppa Italia non può minimamente essere in discussione, la speranza di tutti è che la palla a spicchi per i giganti gialloblù rotolerà fino a giugno.
Nel blog del 14 settembre (a campionato ancora da iniziare), scrivevo: “Siamo solo all’inizio ed è vero che i campionati si vincono a maggio (o a giugno), ma si sa già a chi verrebbe presentato il conto se le cose dovessero prendere la piega sbagliata.
La scossa è arrivata, adesso non ci sono più alibi.

01
dic 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 11 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.493

QUESTIONE DI FEELING

“Mi prendo tutte le responsabilità: questo deve fare un allenatore, uno che comanda il gruppo, con grande senso del dovere”. (Luca Dalmonte dopo la sconfitta con l’Urania Milano)

La saggezza di Donna Anna, first lady della Scaligera Basket, ha protetto il presidente Pedrollo da un legittimo sfogo dopo questa figuraccia con Milano, che avrebbe fatto il paio con quello clamoroso seguito alla sconfitta casalinga con Treviglio negli ultimi playoff.
Dopo tanto tempo sulla sirena finale sono partiti i fischi del pubblico, esclusi i tifosi della Locura che hanno sostenuto i giganti gialloblù dal primo all’ultimo secondo. Ed è ripartito immediatamente il ritornello preferito dai più critici, rilanciato puntualmente ad ogni sconfitta della Tezenis: “Dalmonte vattene”.
Il problema è che la Tezenis ha già perso 4 partite. Troppe. Anche se un altro ritornello continua a ripetere che il campionato si vince a maggio e che conta essere al top ad aprile. Ma andando avanti così come e dove arriverà la Scaligera in primavera?
E’ difficile scacciare l’impressione che l’allenatore parli una lingua e i giocatori un’altra. E il linguaggio del corpo è eloquente.
Una partita può essere il paradigma della vita che, si sa, è fatta di episodi. Talvolta ne basta uno per cambiare il corso degli eventi e nella mente di tutti i tifosi credo che rimasta impressa la schiacciata sbagliata da Jermaine Love nel contropiede 1vs0 che avrebbe portato la Tezenis sul -2 nel secondo quarto. In un amen Milano è tornata avanti di 9 con l’ennesima tripla di Benevelli e un canestro di Sabatini. Con Germano che andava in attacco palleggiando a testa bassa. Ha chiuso con virgola una partita disastrosa, sebbene nell’ultimo, disperato tentativo di rimonta forse avrebbe meritato un’altra chance.
Il secondo episodio chiave a 3’ dalla fine, dopo la tripla di Hasbrouck che aveva riacceso le speranze gialloblu sul 72-74. Tripla di Montano, poi la palla persa e il successivo fallo antisportivo di Rosselli.
Se la sconfitta a Forlì era maturata contro una squadra di livello e con legittime ambizioni, questo k.o. con la matricola milanese certifica una crisi di identità, non solo fisica.
Dalmonte aveva detto che gli si era aperto un nuovo mondo e sperava che i giocatori capissero la lezione, evidentemente non è stato così. E’ ovvio che i vari acciacchi abbiano influito e la squadra si sia allenata male, però c’è un limite se poi in difesa non tieni nessuno e subisci da qualunque giocatore.
Urge una scossa e in questi casi chi paga è l’allenatore. Resta da vedere se la società (che tra l’altro era già intervenuta con un extrabugdet per l’addizione di Bobo Prandin) riterrà opportuno attendere che la squadra ritrovi la migliore forma fisica di tutti i giocatori o se deciderà di correre subito ai ripari. E’ una questione di feeling, e di risultati.

25
nov 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

971

PIADINA AMARA

“Lottare con tutte le proprie forze contro qualcosa che non volete equivale a investire energia affinché ciò si produca nella vostra vita”. (Vadim Zeland)

Riflessioni a freddo dopo la sconfitta a Forlì. Partita a due velocità. L’energia di Forlì ha spezzato la Tezenis, ma il k.o. in terra di Romagna non deve minare le certezze della Verona dei canestri. Sarebbe l’errore più grave.
Le parole di LDM nel dopo partita possono sollevare qualche legittima perplessità (“me l’aspettavo”), tuttavia ha perfettamente ragione nel sostenere che la lezione forlivese gli serve per capire dove intervenire e spera che anche i giocatori lo capiscano .
La Tezenis ha subito 3 sconfitte in queste prime 10 giornate; l’anno scorso era 6-4, nei due anni precedenti 4-6. Anche nella stagione di Crespi stava 6-4. L’ultimo anno di Ramagli la corazzata gialloblù alla 10ª giornata era 9-1 (la prima partita con Veroli venne cancellata). Diciamo che perdere a Forlì ci sta, con Orzinuovi e in casa con Piacenza un po’ meno, al di là degli acciacchi.
Il campionato è ancora molto lungo e la promozione si deciderà a maggio, quando intensità, energia e durezza mentale saranno decisive. Ed è proprio lì che bisogna intervenire.

21
nov 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.461

210-0

“Qual è la vera vittoria, quella che fa battere le mani o battere i cuori?” (Pier Paolo Pasolini)

Nei giorni scorsi ha fatto il giro del web e dei social ed è stata ripresa da molti giornali la notizia del presidente di una società di calcio grossetana che ha deciso di esonerare l’allenatore della sua squadra Juniores perché ha vinto 27-0 e non avrebbe rispettato gli avversari, venendo meno allo spirito educativo.

Un paio di settimane fa in Veneto, campionato Under 14 femminile (quindi ben più giovani degli Juniores che possono essere già maggiorenni) una squadra di Treviso ha battuto una bellunese 210-0. Vi risparmio i nomi di “fenomeni” e “vittime”, se volete andate a cercarveli sul sito della Federbasket.

Duecentodieci a zero! Zero anche le reazioni. Nessuno si è scandalizzato, nessuno ha ripreso la notizia. A parte segnarne 210 (occorrono due referti per scrivere tutti i punti), ma concedere un paio di canestri alle avversarie, era proprio impossibile?

17
nov 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

985

DIECI FRECCE

“Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme” (Proverbio giapponese)

Avvertito un bizzarro commento nel pieno della trasferta a Imola. Un attempato tifoso, seduto dietro di me, accompagnando il ragionamento con una colorita espressione in romagnolo ha ripetutamente esclamato: “Mo’ se perdiamo con questi, che l’hanno presa in quel posto in casa con Piacenza, non esiste proprio!”. Peccato che la Tezenis fosse già avanti di 13 e che la partita al Palaruggi poi sia stata messa in ghiaccio con largo anticipo, al di là della velleitaria rimonta dell’Andrea Costa.

Questa vittoria ci consegna un’altra prestazione da manuale del collettivo. Un gioco proteso a cercare sempre il compagno meglio piazzato, con il giusto equilibrio dentro-fuori. Una difesa che ha offerto buone letture, anche nel momento di massima spinta degli avversari. E una buona solidità mentale.

Il contropiede “coast to coast” di Rosselli sta diventando ormai un “must” e 5 giocatori in doppia cifra (con meno di 80 punti segnati) certificano le potenzialità della Verona dei canestri. Tante armi a disposizione: le triple di Severini, la versatilità di Udom, la doppia dimensione di Candussi e Poletti, le brucianti accelerazioni di Love, la capacità di essere pronti di Tomassini e Prandin. In buona sostanza, tanti possibili leader. Andando oltre gli acciacchi, gli allenamenti in emergenza, i fischi contestati.

Primato solitario ritrovato e avanti con il vento in poppa, ma il porto finale è ancora troppo lontano.

31
ott 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.179

SCONFITTA SALUTARE, ALLENAMENTI SALUTARI

“Gli alibi appartengono ai deboli” (Luca Dalmonte)

Le prime avvisaglie forse si erano già avute nella partita contro Roseto, con la Scaligera costretta per più di metà gara ad un’affannoso inseguimento della giovane banda abruzzese.  A Montichiari si è acceso il campanello d’allarme. L’assenza di Jermaine Love non può certo giustificare la sofferta prestazione al cospetto della matricola bresciana, che ha impartito una lezione di mentalità e aggressività ai giganti gialloblù.

Coach LDM ha parlato di sconfitta “salutare”, nel senso che può far bene e può servire, a patto che l’approccio della squadra e la durezza mentale (tanto cara a Crespi) cambino.  Tuttavia la netta sensazione emersa per lunghi tratti nella partita a Montichiari è di una squadra apparsa stanca. Con tre partite in una settimana il materiale umano va gestito, probabilmente anche in allenamento. A maggior ragione con le rotazioni accorciate, giocatori reduci da acciacchi (Poletti) o ancora in via di recupero (Tomassini), e con la tegola finale caduta su Hasbrouck.

A San Severo e nelle partite successive occorrerà mettere il campo tanta “garra” e ritrovare freschezza e lucidità, non solo mentali, ma anche fisiche.

20
ott 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 7 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.839

1645 GIORNI + 497 GIORNI

“L’attesa attenua le passioni mediocri e aumenta quelle più grandi”. (François de la Rochefoucauld)   

19 aprile 2015: la Tezenis di Ramagli vince a Torino e chiude saldamente al primo posto della classifica di A2 Gold.

20 ottobre 2019: San Severo perde a Forlì e la Tezenis, dopo aver battuto nell’anticipo Ravenna, è sola in testa alla classifica del girone Est.

Dopo 1.645 giorni. Non si può dire che l’attesa ne è valsa la pena, in mezzo ci sono state la sanguinosa eliminazione dai playoff per mano di Agrigento, la sciagurata stagione con Crespi, l’esonero di Frates, la lunga avventura targata LDM, che tuttavia aveva cominciato con una sconfitta sia due anni fa (a Jesi), sia l’anno scorso contro la corazzata Fortitudo.

Allora si può almeno dire che adesso vale il prezzo del biglietto vedere  l’attuale Verona dei canestri. La zona di Cancellieri ha imbrigliato i giganti gialloblù, ma l’ultimo quarto è stata una sinfonia di puro show-time, con Rosselli a dirigere (sontuoso il coast-to-coast), Hasbrouck a trafiggere (il ragazzo è tutt’altro che timido, 19 tiri…), Candussi a troneggiare dentro e fuori il pitturato. Tutto questo con Udom costretto sul legni per un problema alla caviglia e con il sospirato debutto di Giovanni Tomassini, tornato in campo 497 giorni dopo il brutto infortunio a Trieste, nella finale dei playoff con Casale. Quella finale che è l’agognato traguardo per tutti i tifosi. Scongiuri e avanti così.

13
ott 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.442

PEARA’ BATTE SAN DANIELE

Come raggiungere un traguardo? Senza fretta ma senza sosta (Johann Wolfgang Goethe)

Se la trasferta a Udine doveva essere un esame da grande, la risposta è tutta condensata nell’ultimo quarto della Tezenis. Rifilare quasi un ventello in 10 minuti ai friulani sul loro campo non è da tutti, ma Germano Amore e Guidone assieme agli extrapossessi del Barba hanno schiantato la banda di Ramagli.

Sette giganti gialloblù in doppia cifra. La solidità è stata la chiave di un successo figlio ancora una volta della profondità del roster scaligero (e Tomassini deve ancora scendere in campo), con LDM che nel finale ha potuto tenere sui legni Hasbrouck, peraltro non al top e comunque più che positivo fino all’intervallo con tutti i suoi 10 punti. Una partita dai due volti anche per Love, capace di passare dalla virgola (con tre falli) nel primo tempo ai 19 punti nel secondo.

Per il resto siamo appena alla seconda giornata di un campionato che si deciderà dopo la sciagurata fase ad orologio. E nei playoff conteranno forma fisica, durezza mentale e anche un po’ di culo non guasterà. Intanto godiamoci questa vittoria corsara. E la pearà batte il prosciutto San Daniele.

07
ott 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.328

PROVA DI FORZA

“Lo primo tuo refugio e ‘l primo ostello / sarà la cortesia del gran Lombardo / che in su la scala porta il santo uccello; / che in te avrà sì benigno riguardo, / che del fare e del chieder, tra voi due, / fia primo quel che, tra gli altri, è più tardo”. (Dante Alighieri – “Divina Commedia”, Paradiso, Canto XVII)

Buona la prima, anzi, più che buona. Il Paradiso è ancora lontanissimo, ma è stata imboccata la strada giusta. La Tezenis non poteva trovare partenza migliore. La rotonda vittoria contro Caserta ha fugato in un amen le perplessità emerse in precampionato. Emblematica la prova di Jermaine Love, il giocatore più sotto osservazione: punti e leadership che hanno marchiato la rimonta e la fuga veronese. Cinque gialloblù in doppia cifra, una difesa che non ha concesso nulla nel pitturato (4 punti di Cusin) e una selezione mdi tiri in attacco che, dopo l’avvio squilibrato sul perimetro, ha permesso di sfruttare al meglio i mis-match, esaltando le doti di Udom.

E se è vero che Caserta era azzoppata (oltre a Carlson è rimasto sui legni per l’intera partita anche Sousa), Dalmonte ha dovuto rinunciare dopo poco a Hasbrouck, il cui recupero sarà fondamentale in vista del big-match a Udine.  La sfida alla barbara ora di pranzo sarà la prima reale prova di forza, dopo l’antipasto servito al debutto.

14
set 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.513

ZERO ALIBI

“Cambia tutto vivere sotto pressione. Certe persone le spremi e si svegliano, altre crollano” (John Milton – Al Pacino, “L’avvocato del diavolo”). 

Se prima poteva esserci qualche dubbio, adesso non ce ne sono più. La Tezenis, che già in partenza godeva dei favori del pronostico nel girone Est, adesso rafforza la sua leadership nel ranking del campionato. L’arrivo di Bobo Prandin, bella persona prima ancora che giocatore con una buona carriera e due promozioni negli ultimi due anni, spazza via anche le ultime incertezze sulle ambizioni della Verona dei canestri. E non ci sono alibi.

Evidentemente la società è stata convinta a compiere un ulteriore sforzo per allungare la panchina e aumentare le rotazioni, anche se l’arrivo di Prandin c’entra poco con l’infortunio a Tomassini, che da martedì si allenerà a pieno regime con la squadra.  Non ci voleva un genio per immaginare che un ragazzo del 2003 non può garantire energia, intensità, esperienza che vengono assicurate da un giocatore di 33 anni, con una lunga e consolidata e esperienza nella categoria, impreziosita da due promozioni.  La famosa qualità degli allenamenti, i celebri accoppiamenti…poi staremo a vedere chi giocherà e quanto giocherà, considerato che LDM solitamente gestisce non più di 8 rotazioni.

Dalle prime indicazioni fornite dal campo sembrerebbe auspicabile che Jermaine Love avesse la possibilità di innescare la sua rapidità e Candussi ricevere un numero di palloni adeguati vicino a canestro, invece di continuare a fare la guardia in un corpo da centro. Insomma qualche blocco in meno sul pick and roll e un po’ di secondi da sottrarre al tempo perso con la palla in mano.

Siamo solo all’inizio ed è vero che i campionati si vincono a maggio (o a giugno), ma si sa già a chi verrebbe presentato il conto se le cose dovessero prendere la piega sbagliata.