08
mag 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 36 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.029

NON E’ COLPA DEL CUSTODE

Si sbaglia sempre. Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia. Si sbaglia per imparare. Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perché non si è perfetti. (cit. Bob Marley)
Un po’ di anni addietro Silvio Baldini, dopo una sconfitta con l’Empoli contro il Chievo, notevolmente irritato per le domande di un collega già un po’ “agè”, lo apostrofò così: “La colpa non è tua, ma chi ti mette in mano il microfono”.
E’ chiaro che questa stagione-agonia non ha un solo colpevole. Ma c’è chi non chiede scusa, nè ammette errori o colpe. Per l’intera stagione, non ho mai sentito o letto una frase, nemmeno mezza parola, uscire dalla bocca di Marco Crespi per ammettere qualche responsabilità personale nei risultati, decisamente insoddisfacenti, della Tezenis.
La colpa è sempre stata di qualcun’altro: infortuni, giocatori, società, pure degli arbitri. Il tutto sempre condito dalla metafora di turno, dichiarando più volte di essere contento o soddisfatto dopo alcune partite perse crudelmente. La quadratura del cerchio è arrivata nella conferenza stampa dopo la disfatta con Scafati al Palaolimpia, che ha sancito l’eliminazione dai playoff.
Precisando di non voler criticare nessuno, il coach della Tezenis ha manifestato il sentimento dicendo di provare grande dispiacere nel non aver potuto operare dal punto di vista umano e professionale come ha sempre fatto. Strano, evidentemente prima c’era un altro Marco Crespi. Perché al di là delle mancate scuse, come invece ha fatto Giorgio Pedrollo un secondo dopo la sirena; al di là della mancata assunzione di responsabilità, come fece Ramagli un secondo dopo l’eliminazione ad Agrigento, resta incontestabile un fatto: Crespi ha voluto questa squadra in un mercato che ha rivoluzionato il gruppo che aveva dominato la scorsa regular season (in Gold, non come adesso con 9 squadre dalla Silver), ha indicato alcuni giocatori scartandone altri, ha scelto l’assetto, tutto con l’avallo della società. E se fosse stato per lui non sarebbe stato confermato nemmeno Boscagin. E soprattutto ha allenato questa squadra.
I primi problemi sono venuti a galla molto prima degli infortuni e della cessione di Chikoko, come il crollo nel secondo tempo a Bologna e la sconfitta in casa con Legnano. Troppi alti e bassi, prove roboanti con le grandi e scivoloni imbarazzanti con avversarie mediocri.
Nel corso della stagione sono stati “distrutti” giocatori che hanno dimostrato di non sopportare la tensione esagerata e lo stress mentale: il primo è stato Spanghero (al punto che si era ventilata una sua cessione, stoppata dall’infortunio), poi è toccato a Cortese, quindi a Chikoko che probabilmente se ne sarebbe andato a Monaco anche per metà ingaggio, infine a Rice. Da Ros, fortemente voluto da Crespi, ci ha pensato da solo. In mezzo un balletto di accuse, processi al reprobo di turno, esternazioni sconcertanti, atteggiamenti a tratti indecenti di qualche giocatore e una società che non è stata in grado di gestire tecnicamente, umanamente e professionalmente la situazione.
Uniche gemme in un clima di profonda depressione, il soldatino Saccaggi, il galantuomo Michelori e il capitano Boscagin, che hanno tirato dritto, facendosi carico di molte più responsabilità di quelle che avrebbero meritato.
Crespi ha detto che il campo è serio e vince chi costruisce. Ma c’è anche il rispetto, che si conquista con i comportamenti e talvolta vale più di una vittoria. C’è il rispetto tecnico (sempre dovuto a chi s’impegna nel suo lavoro, e questo il coach lo ha sempre fatto), e il rispetto umano. E se dai giocatori non ottieni quello, tutte le metafore post-gara diventano solo una coperta corta per coprire altre magagne.
Adesso che la sirena è suonata davvero, sono d’accordo con Crespi su una cosa: il silenzio è la miglior risposta. Mi permetto solo una citazione finale: “Le scuse sono come i buchi del culo, tutti quanti ne hanno una”. (Sergente O’ Neill – Platoon)

05
mag 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 22 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.362

PARTITA E’ FINITA QUANDO SIRENA SUONA

Riflessioni dopo una sconfitta sanguinosa, che fa molto più male di quella già beffarda in gara-1 e ridà fiato ai seguaci del Rev., intesi come bestemmiatori.
La partita era praticamente vinta. Ma, per dirla alla Boskov, “partita è finita quanto sirena suona”. Sarebbe bastato che Michelori si mettesse il pallone sotto la maglia e non ci sarebbe stato quell’epilogo assurdo. Ma chi adesso dà tutta la colpa al centro milanese non sa di cosa parla. Stiamo parlando di un giocatore con 22 anni di carriera in serie A, che ha vinto due scudetti e vestito la maglia della Nazionale, ma soprattutto stiamo parlando di un professionista serio, che in questa stagione “sbalestrata” non ha mai dato segni di cedimento o di insofferenza, dando sempre il massimo. Ancor di più quando, dopo la cessione di Chikoko, si è ritrovato sulle spalle, a 38 anni, tutta la responsabilità del ruolo di centro. E merita rispetto, non per il suo passato, ma per l’impegno dimostrato sul campo con la maglia gialloblù.
Stiamo parlando dello stesso giocatore che subito prima aveva realizzato il canestro del sorpasso. Quindi chi ha insinuato di una palla buttata via volutamente, chi ha sentito “puzza di marcio”, evidentemente non ha mai messo piede su un campo da basket e non ha vissuto la tensione e la pressione che possono indurre a commettere errori anche clamorosi e incomprensibili. La colpa dell’overtime, poi, per dirla tutta, va spartita equamente con l’assurdo fallo di Rice su Portannese. Ma, come si è visto, anche Scafati ha commesso la stessa colossale ingenuità su Cortese. E Cortese, come Portannese, ha sbagliato un tiro libero decisivo.
E’ opportuno ricordare che la Tezenis in questa stagione ha perso tutte le partite decise in volata, con uno scarto entro i tre punti: a Brescia, con Treviglio, a Ferrara, a Mantova e le due gare dei playoff a Scafati. Unica eccezione la vittoria a Recanati.
Queste due partite, zeppe di rimpianti e di rammarichi, ci hanno offerto una squadra trasformata, nonostante l’assenza del suo capitano, sotto l’aspetto della determinazione e della coesione. Confermando che i playoff sono una stagione a parte, spesso completamente diversa da quella regolare. Rimontare una serie dallo 0-2 è impresa improba, ma finché “sirena non suona”…

24
apr 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.728

LA NUOVA STAGIONE

Playoff dovevano essere e playoff sono. La vittoria con Jesi è stata molto più sofferta del previsto, ma fino all’intervallo sono emerse ancora le tossine mentali che troppe volte in questa stagione hanno frenato i giocatori della Tezenis.
Adesso comincia una nuova stagione (Ian Miller cit.) che la Scaligera potrà giocare senza pressioni, perchè non avrà niente da perdere (Andrea Michelori cit.). Se Verona esce contro Scafati il pronostico e i valori espressi dalle rispettive classifiche saranno rispettati, se i giganti gialloblù passeranno il turno avranno fatto l’impresa. Per poi magari incorciare la strada con la Siena di Ramagli; il tabellone dei playoff riserva anche questa possibilità.
Quanto ai ripetuti proclami della società riguardo agli innesti da operare nel roster, le ultime trattative (in particolare Mortellaro, finito ad Agrigento) sono sfumate perchè la società è stata costretta ad attendere la certezza dei playoff, mentre i giocatori contattati non volevano aspettare. Oppure dovranno giocare i playout, come Callahan con Roma.
Così hanno preso corpo altre ipotesi, in definizione in queste ore, con l’obiettivo di non stravolgere completamente l’assetto voluto da Crespi ad inizio stagione e pienamente avallato dalla società. D’altro canto per sostenere le ambizioni della proprietà è inevitabile rafforzare un organico che ha mostrato limiti soprattutto di tenuta mentale.
Intanto la campagna di delegittimazione dell’allenatore è già cominciata da tempo, con buona pace della sacra regola che i processi si fanno a fine campionato e le crisi si gestiscono all’interno dei muri dello spogliatoio. E comunque, al posto di Pedrollo manderei un bel regalo a Negri: il suo tiro che ha condannato Treviglio vale 70mila euro, il bonus previsto nel contratto di sponsorizzazione Tezenis per la qualificazione ai playoff. E adesso sotto con questa nuova stagione.

18
apr 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.655

GRAZIE TREVISO, GRAZIE CHILLO

I bilanci si fanno sempre alla fine, ma il traguardo che raggiungerà la Tezenis non cambia di una virgola il giudizio su questa stagione. La squadra di Marco Crespi non è nemmeno riuscita a centrare i playoff con le sue forze, ma dovrà ringraziare due volte Treviso, per il rocambolesco successo dopo una clamorosa rimonta a Treviglio (merito anche dei due liberi sbagliati da Chillo) e per la vittoria necessaria sabato contro Ravenna. Infatti battere Jesi al Palaolimpia, come noto, non sarà sufficiente per staccare il biglietto per i playoff.
La Tezenis ha perso prima ancora di entrare in campo sia a Treviso, sia a Imola, ovvero nelle due partite in cui si attendeva il riscatto dei giganti gialloblù, una reazione d’orgoglio che invece non si è vista. Ed è strano notare che in una situazione di grave emergenza la squadra di Crespi è stata beffata di un punto a Mantova, mentre a Treviso e Imola, pur al completo, l’elettroencefalogramma è stato piatto.
Poi sentir dire che i giocatori non hanno assimilato il gioco di Crespi (dopo 29 giornate!), suona ridicolo. Il coach sostiene che la Tezenis ha passato settimane peggiori di questa che porta alla sfida con Jesi; sarà anche vero, ma è difficile scacciare l’impressione che la Verona dei canestri sia vivendo un’agonia, che coinvolge tutti: giocatori, società, pubblico.
Poi nei playoff magari sarà un’altra storia. Agrigento docet.

04
apr 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 35 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.515

RIDATECI RAMAGLI E GIULIANI

Per una curiosa legge del contrappasso, nel giorno del trionfo europeo della Calzedonia di volley (18 anni dopo quello della Verona dei canestri in Coppa Korac), la Tezenis ha toccato il fondo, dominata nel derby di ritorno a Treviso in una partita senza storia, scivolando al decimo posto in classifica, addirittura fuori dai playoff.
Giocar male si può, capita a tutti, ma quello che sconcerta è la prestazione senza capo né coda della squadra di Crespi, svuotata nelle energie, con un gioco ostinatamente a senso unico sul tiro da tre. L’assenza di un centro di peso ha impietosamente messo a nudo le incoerenze delle scelte tecniche, che vanno spartite tra società e allenatore.
Il mercato estivo è stato non solo condiviso, ma sostanzialmente guidato dal coach, che poi nell’infinito e imbarazzante tira e molla durante il picco degli infortuni, non ha lesinato lamentele e critiche all’immobilità del club. Del resto provate voi a giocare con Michelori come unico centro. Ma sotto accusa è l’intero impianto di gioco di questa Tezenis, oltre che la gestione delle risorse umane dei giocatori.
Crespi può aver cambiato idea sulla decisione di puntare su un altro esterno per aumentare la cronica capacità offensiva della Tezenis, che ha la migliore difesa di tutta l’A2, ma anche (e di gran lunga) il peggior attacco: segna di più perfino la derelitta Matera. Cambiare opinione è legittimo, tuttavia una squadra ha bisogno di punti fermi, di sicurezza, di serenità, di rispetto. Qualità che difettano molto in questa stagione.
E’ vero che quello che conta è vincere, e se la partita finisce 41-40 il tifoso è contento per i due punti; ma se offri una pallacanestro sostanzialmente inguardabile e perdi pure malamente, il pubblico s’incazza. E i tifosi veronesi finora hanno sopportato anche troppo. Il basket proposto l’anno scorso non sarà stato il massimo, però la Tezenis vinceva, tra l’altro giocando con le top 16 dell’A2, e non con squadre arrivate dalla Silver o dalla serie B. Nessuna nostalgia del passato, solo una semplice constatazione.
L’impressione è che tra giocatori, dirigenza, staff, sia diffuso il sentimento di non vedere l’ora che finisca questa stagione, cominciata in pompa magna e proseguita di male in peggio.
E’ inaccettabile che la Scaligera si ritrovi a lottare allo sprint della regular season per strappare un posticino nei playoff. E questa gestione balorda, tecnica e societaria, ha pregiudicato la crescita compiuta negli ultimi tre anni dalla Verona dei canestri, dal consolidamento in città alla considerazione nel movimento nazionale. L’infausto esito dei playoff 2015 fa parte del gioco e chi doveva pagare ha pagato. Adesso, invece, ci stiamo facendo ridere dietro da mezza Italia.

22
mar 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 21 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.055

SEPARATI IN CASA

Se non fosse tutto tristemente vero, qualcuno potrebbe pensare di essere finito su “Scherzi a parte”. Purtroppo non è così. Che i rapporti tra la Scaligera Basket e Marco Crespi (e tra il coach e la squadra) non siano più idilliaci non è certo un segreto, e nemmeno una novità. Ed anche la considerazione nei confronti del d.s. Petronio ha visto giorni migliori. E’ sufficiente andare a risentirsi le interviste negli ultimi due mesi, con Crespi che ha continuato battere il tasto dell’organico ridotto invocando l’arrivo di qualche rinforzo e soprattutto le dichiarazioni dopo l’ingaggio di Ian Miller, facendo capire chiaramente che l’esigenza primaria era di sostituire adeguatamente Chikoko.
La sconfitta con Recanati ha solo fatto deflagrare un rapporto già logoro, confermato dal tentativo avviato in precedenza di cambiare allenatore, provando a sondare Corbani, strada impraticabile per regolamento.
Poi dieci giorni fa la situazione è precipitata e ci sono stati i contatti con Sandro De Pol (che possiamo definire uno “di famiglia”) e con Marcelo Nicola, che Giorgio Pedrollo conosce fin dai tempi quando l’argentino giocava a Treviso. A prescindere dall’esito scontato della partita con la derelitta Matera.
Alla fine si è deciso di continuare con Crespi. Scelta legittima, tacendo però il principale motivo: il blindatissimo contratto del tecnico, che in questo momento obbligherebbe la società a una soluzione sanguinosa. Tutto il resto, ovvero il ritorno ad avere nove giocatori (peccato che manchi ancora un centro titolare) e le motivazioni di Crespi, passano in secondo ordine. Il presidente Gianluigi Pedrollo si è chiamato fuori da tempo; il figlio Giorgio ha una passione sconfinata per il basket e probabilmente a volte compie scelte dettate dall’emotività. Ma c’è un limite.
Non va invece sottaciuto il ritornello che continua a girare sulle assenze che hanno impedito di lavorare in modo adeguato. Qualcuno forse ha la memoria corta, allora è bene ricordare le sconfitte in casa con Legnano, Treviglio, Bologna incassate con un solo giocatore infortunato. Fino alla figuraccia con Recanati. L’anno scorso (regular season chiusa 26-4, quest’anno siamo 14-12 con nove squadre di Silver…) avete mai sentito Ramagli lamentarsi per le assenze? Eppure ci furono, al punto che – vista l’inesistenza di giocatori dalle giovanili – fu costretto a chiamare ad allenarsi il fratello di Gandini dal Gemini di serie D.
Alla fine resta solo l’inadeguatezza di come è stata gestita questa vicenda, come altre. Esporre al pubblico ludibrio giocatori e staff, sventolare velleitari provvedimenti contro il reprobo di turno, proclamare fiducia incondizionata all’allenatore, il giorno dopo avviare casting per sostituirlo, il giorno seguente dichiarare pubblicamente che si era pensato di mandarlo via ma alla fine resta perché ha le motivazioni per chiudere bene la stagione. Certe magagne per favore lasciamole al calcio e a gente come Zamparini.

13
mar 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 9 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.737

L’URGENTE SENSO DELL’URGENZA

La figuraccia contro Recanati ha messo impietosamente a nudo l’inadeguatezza delle scelte compiute dalla Tezenis in questa disastrosa stagione. Nemmeno il più fosco pessimista si sarebbe immaginato, a cinque giornate dalla fine della regular season, di dover mettersi a fare i conti sulla differenza-canestri negli scontri diretti tra Verona, Bologna e Trieste per vedere che, in questo momento, la Scaligera sarebbe ancora nei playoff, occupando un misero ottavo posto (l’ultimo buono), solo grazie alla classifica avulsa.

Il Palaolimpia è stato terra di conquista anche per la penultima in classifica, che ha impartito una lezione di umiltà ai giganti di Crespi. Quell’umiltà che avrebbe consigliato meno proclami da “ganassa” per motivare l’attesa nelle operazioni di mercato (“Tanto giochiamo contro le ultime due in classifica”). Una squadra senza né capo né coda in attacco, in manifeste condizioni di inferiorità nel reparto lunghi dopo la cessione di Chikoko. A questo proposito, dopo i 13 e i 16 punti segnati nelle prime due partite con il Bayern è legittimo chiedersi per quale motivo non abbia mai toccato questi bottini in gialloblù. Non stiamo parlando di trentelli: ma di un contributo costante e redditizio in attacco.Troppa pressione? Incompatibilità con l’allenatore? Giochi inadatti per lui? Vallo a capire. Ormai anche questo fallimento è passato in archivio.

La stagione è ampiamente compromessa, tuttavia resta la speranza di provare almeno a salvarla operando quegli innesti invocati da tempo: un lungo passaportato (ammesso che si trovi) e un play-guardia con punti nelle mani e in grado di far girare la squadra. tutto questo incardinato in un campionato e una Lega ridicoli, dove le regole non sono mai state chiare e solo a metà marzo (sic!) si è capito che si possono muovere giocatori vistati anche all’interno della stessa A2. Perché se è vero che la difesa ti consente di tener botta nei momenti di emergenza, per vincere bisogna segnare un punto in più. E se non fai canestro non va da nessuna parte. Questo è il vero, reale e unico senso di urgenza alla Tezenis.

29
feb 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 12 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.160

IL SILENZIO E’ D’ORO

Dopo l’ennesima beffa appare sempre più evidente che l’impianto di gioco scelto da Crespi e avallato dalla Scaligera mostra troppe crepe. E non è solo colpa degli infortuni, senza i quali la posizione della Tezenis sarebbe stata verosimilmente tra il secondo e il terzo posto.
La prova non c’è, invece abbiamo ormai la certezza che per gli infortuni e per problemi tecnici bisognava mettere mano a questa squadra. E più di un play italiano all’altezza difficile da trovare, il vero senso dell’urgenza era modificare l’assetto.
Se risponde al vero che Chikoko ha richieste in serie A o dall’estero (fare il cambio per 5’ è tutt’altra cosa avere il peso della responsabilità in una squadra di A2 che punta alla promozione), sarebbe stato opportuno fare un tentativo con Siena per Di Liegro, cercando poi un play-guardia Usa. Il buy-out era un problema? Difficile credere che non fosse possibile trovare un accordo con una società alla canna del gas. In ogni caso il mercato di A2 chiude oggi, resta aperta la possibilità dell’arrivo di un giocatore passaportato non formato dalla serie A o dall’estero, oppure di un centrone straniero al posto di Chikoko.
C’è ancora tempo per tentare di porre rimedio a una stagione finora disgraziata. Altrimenti si dimostrerebbero senza senso i ripetuti proclami sull’arrivo certo di un rinforzo, così come andrebbe blindata nello spogliatoio la gestione dei rapporti personali, senza mettere in piazza liti e scazzi, alimentando dannose tensioni. Il silenzio è d’oro.

22
feb 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.720

SUSSURRI E GRIDA

Dicono che il presidente Pedrollo non ha più voglia. Dicono che (francesismo) Pedrollo sr. si è rotto i coglioni. Dicono che la squadra va in palestra senza voglia. Dicono che il gruppo non c’è. Dicono che c’è da salvare solo il capitano. Dicono che Crespi non fa mai autocritica. Dicono che Crespi ha un contratto blindatissimo. Dicono che Giorgio Pedrollo dà sempre la colpa solo ai giocatori. Dicono che il caso Cortese è stato gestito malissimo. Dicono che volevano cedere Spanghero ma si è infortunato. Dicono che volevano tagliare Chikoko per prendere un play americano e un centro italiano. Dicono che volevano fare ancora un tentativo con D’Ercole. Dicono che vincendo a Treviglio si poteva provare a prendere Marino. Dicono che non verrà nessuno perché la società non è capace. Dicono che non verrà nessuno perché il budget è esaurito. Dicono che non verrà nessuno perché non gli garba essere allenato da Crespi. Dicono che due-tre giocatori non sopportano il coach. Dicono che qualcuno rema contro. Dicono che senza gli infortuni non ce n’era per nessuno. Dicono che gli infortuni muscolari sono colpa del sovraffaticamento. Dicono che la squadra si allena troppo. Dicono che il recupero di Boscagin è stato prodigioso. Dicono che ci vuole pazienza perché il basket di Crespi deve essere assimilato. Dicono che Crespi è insicuro. Dicono che Crespi a Siena ha fatto miracoli ottenendo il massimo da tutti. Dicono che Crespi mette troppa agitazione. Dicono che la difesa di Crespi non ha eguali. Dicono che Chikoko prima o poi esploderà. Dicono che Chikoko non vale un braccio di Monroe. Dicono che la squadra dell’anno scorso nel girone di quest’anno avrebbe perso al massimo una partita. Dicono che non serve a niente perchè poi tanto ci sono i playoff. Dicono che ai playoff non ci andremo. Dicono che dopo Mantova il calendario è favorevole. Dicono che abbiamo già perso 10 partite. Dicono che c’è da rimpiangere Ramagli. Dicono che è stato buttato via un altro anno. Dicono che c’è chi ha strappato l’abbonamento. Dicono che i veri tifosi non mollano mai. Dicono che sono buoni a criticare solo con la tastiera. Dicono che viene meno gente al Palaolimpia perché il gioco fa schifo. Dicono che la gente viene solo se si vince. Dicono che in società sono in confusione. Dicono che a parte marketing e social nel club sono dei dilettanti. Dicono che a fine stagione andranno a bussare alla porta di Vicenzi. Dicono che tornerà Fadini. Dicono che ne vedremo ancora delle belle. Dicono tutto e il contrario di tutto. Dicono.

15
feb 2016
AUTORE Mario Poli
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 7 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.331

EMERGENZA, SOFFERENZA, DIVERGENZA

Se segni 7 punti in un quarto, 30 negli ultimi 30’ dopo averne messi 27 nei primi 10’, riuscire a vincere diventa una sorta di “mission impossible”. Eppure, nonostante una media da squadra Under 13, la Tezenis ha avuto il tiro per vincere a Ferrara. Gestendolo male.
Un epilogo specchio della partita a due velocità dei giganti gialloblù: un quarto pimpante e all’arrembaggio, poi una grande sofferenza sul cambio difensivo di Ferrara. Una sofferenza comunque esagerata.
E tirare in ballo le rotazioni ridotte non ha molto senso, visto che gli estensi hanno ruotato 7 giocatori concedendo pochissimi minuti a due ’96, mentre Verona ha utilizzato pure sette uomini, oltre a Bernardi, rimasto in campo 10’, più di Michelori, ad esempio. Sotto l’aspetto tecnico troppi tiri dal perimetro e troppi secondi sprecati con il povero Saccaggi a pompare palla.
Ma il problema è più profondo e sta nelle parole di Marco Crespi, che con garbo ma con estrema oggettività ha detto che con un solo giocatore in più tutto poteva essere diverso e sarebbe stato lo stesso anche se la bomba di Cortese fosse entrata. Il coach della Tezenis ha parlato di “una situazione di emergenza oltre che per la partita anche per gli allenamenti, come dico da tempo”.
Non ci vuole molto per capire che il tecnico sollecita “da tempo” un innesto per alzare la competitività (a cominciare dagli allenamenti) e aumentare le rotazioni, un’opinione in divergenza con la società che non ritiene che sul mercato ci siano giocatori per i quali vale la pena operare con un movimento. E a questo punto della stagione (i trasferimenti degli italiani si chiuderanno il 28 febbraio) non ha nemmeno più senso cercare un inserimento.
C’era l’ipotesi di rinunciare a Chikoko per ingaggiare un play americano e cercare un lungo italiano, che però non si trova. E sulle disgrazie della Mens Sana non si può far conto, dopo tutto Siena ha vinto ancora ed è terza in classifica, a due punti dal secondo posto.
Il problema è che il calendario non aiuta. Contro Brescia capitan Boscagin (forse) andrà in panchina a fare da “feticcio” motivatore; poi ci saranno le trasferte a Treviglio e Mantova. Sempre senza Spanghero.
E il ritornello ormai infinito che conta arrivare in forma ai playoff sembra ormai l’unico appiglio a cui si aggrappa la Tezenis.