31
mar 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

371

OVI DURI E VACANZE ROMANE

“Si trovano a Roma vestigia di una magnificenza e di uno sfacelo tali, che superano l’una e l’altro, la nostra immaginazione…. A Verona nei giorni di mercato le piazze sono zeppe di gente, si ride, si scherza per tutta la giornata. Il popolo è tutto bello e buono e bada con occhio acuto ai fatti altrui…” (Johann Wolfgang Goethe, Viaggio in Italia)

Conquistata la certezza matematica dei playoff con una giornata di anticipo, la Tezenis attende la montagna di recuperi per conoscere il suo cammino nella Fase a orologio.
LNP ha perseverato nella scelta (scellerata, a mio modo di vedere) di far giocare le inutili Final eight di Coppa Italia, costringendo ad un tour de force alcune delle squadre coinvolte nella competizione.
Ferrara dovrà giocare 5 partite tra il 7 e il 21 aprile, posticipando l’ultima uscita 4 giorni prima dell’inizio della 2ª fase. Orzinuovi giocherà 4 partite in 10 giorni.
Una situazione senza senso. Con la spada di Damocle di future criticità che potrebbero mettere a rischio il regolare svolgimento dei playoff, quando le partite saranno molo più ravvicinate. Coppa Italia a parte, annullare la Fase a orologio e rimodulare la formula del campionato passando direttamente ai playoff/playout avrebbe concesso più spazi nel calendario, mettendo le società al riparo da brutte sorprese legate al Covid.

In questo contesto è interessante allargare lo sguardo al piano superiore, approfondendo il bel pezzo di Marco Bonarrigo sul Corriere della Sera. L’articolo ci ha permesso di scoprire che l’Italia, oltre alla Svizzera, è l’unica nazione europea a non avere una squadra della capitale nel massimo campionato di basket.
Detto del dispiacere per gli amici bernesi, Roma non è più caput mundi da un bel pezzo. Non va dimenticata l’autoretrocessione in A2 nel 2015 e la promozione diretta nel 2019 conquistata senza patemi d’animo grazie all’esclusione di Torino decisa d’imperio dal Consiglio Federale (presieduto dal romanissimo Petrucci), salvo poi riammettere in A2 Torino dalla finestra già nella stagione successiva. Gli amici di Capo d’Orlando non hanno certo dimenticato.
Poi se Roma è sparita dalla geografia di vertice della pallacanestro italiana la colpa non è di Toti, che di soldi ne ha messi finché ha potuto. Cosa dovremmo dire di una capitale che ha un palasport da 15mila posti che costa 20mila euro di affitto a partita? E dell’altro palazzetto dello sport (3500 posti) abbandonato da anni? Colpa di Toti? L’Eurobasket, che ha ambizioni ed è diventata la prima squadra di Roma, è stata costretta a giocare a Cisterna, in provincia di Latina. La capitale d’Italia che non è in grado di dare un campo degno di questo nome alle sue squadre di vertice.

Il disegno di Petrucci di prediligere le grandi piazze per aumentare la diffusione e la promozione del basket italiano non è mai stato nascosto: non solo Roma e Torino, ma anche Genova, Bari, Firenze. Tutte città dove la pallacanestro e gli altri sport sono stritolati dal calcio. E’ giusto che Verona per un’eventuale wild card debba avere meno chances di altre piazze solo perché in Veneto ci sono già Venezia e Treviso in serie A? Aggiungiamoci l’inadeguatezza di tanti, troppi dirigenti, e si completa una fotografia impietosa del basket tricolore. Abbiamo avuto i 4 tenori in NBA, ora ce ne sono due più Nico Mannion, ma l’organizzazione di molte società e lo stato di quasi tutti gli impianti sono rimasti fermi agli anni ’80. Quando almeno c’erano i miliardi garantiti dalla presidenza De Michelis alla Lega Basket. Adesso la dirigenza di LBA (e anche di LNP) è convinta che la formula migliore per dare visibilità al nostro sport, quindi alle squadre e ai suoi sponsor, sia quella delle piattaforme a pagamento. Così l’orchestra continua a suonare sul Titanic dei canestri.

 

Buona Pasqua a tutti e ovi duri.

18
mar 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

571

IL CACIUCCO DEL PONTINO

“Le parole se le porta via il vento, le biciclette se le portano via i livornesi” (tradizionale detto di Livorno)

Ma cos’è cambiato dalla Tezenis del livornese Diana a quella del concittadino Ramagli? Il coach cresciuto nel quartiere Pontino che appena 20enne allenò il bambino Diana innanzitutto ha cambiato registro alla difesa:molto più intensa, energica, quadrata. I cambi sul pick and roll che Diana prediligeva spesso si erano rivelati letali, lasciando l’area colorata sguarnita per back door sanguinosi o penetrazioni centrali con scarichi ugualmente dolorosi. Così la squadra si trovava spesso scoperta a rimbalzo, pagando dazio perché non c’era sufficiente protezione.
Anche in attacco i giochi sul p&r hanno condizionato il rendimento di Candussi, che adesso invece viene coinvolto molto più spesso in post basso, posizione peraltro preferita da Rosselli che da playmaker aggiunto sia in fase di transizione, sia contro la difesa schierata è in grado di pescare magistralmente i compagni.
La partita a Capo d’Orlando è stata più sofferta per i lunghi gialloblù, ma ci ha pensato Bobby Jones a confezionare un’altra prova di grande solidità (e anche di tenuta mentale) che ha reso sempre più sbiadito il ricordo del giocatore in predicato di fare le valigie, che litigava con arbitri e avversari.
In sostanza il Reverendo da Livorno ha portato del sano pragmatismo, condito da un’energia che prima era emersa assai di rado. La celebre “cazzimma” che Andrea Diana aveva vanamente invocato. Evidentemente la sua lingua cestistica non è stata compresa.
Così con questa prima trasferta vincente in Sicilia, al PalaFantozzi, dove la Tezenis è tornata dopo essersi giocata nel 2014 l’accesso alla finale dei playoff che avrebbe garantito il ripescaggio in serie A, Verona ha messo ancora più nel mirino i primi 4 posti.
La classifica resta indecifrabile, però la Scaligera è in vantaggio con Milano, Udine e Piacenza. Pesa lo 0-2 con Treviglio, che giocherà in casa con Orlandina e Orzinuovi e avrà lo scontro diretto a Milano. Ma l’alto numero di recuperi continua a condizionare la classifica, che al momento vede la Tezenis ancora al sesto posto per la percentuale vinte-perse: 12-11. Tuttavia per la prima volta Verona è sopra il 50% di vittorie, era successo solo dopo la prima giornata. Tanto per capire la portata della svolta.

08
mar 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 1 Commento
VISUALIZZAZIONI

1.149

INTELLIGENTI E STUPIDI

“Un pensiero intelligente si addormenta in un orecchio stupido” (William Shakespeare)

Tre vittorie di fila. La capolista fermata con un’intensità difensiva che ha mandato in tilt Tortona. Gli alessandrini (4 perse nelle ultime 6) probabilmente sono in flessione, ma Verona ha costruito il successo ancora una volta dalla testa. Nervi saldi, anche con un arbitraggio indecente che ha indispettito tutti. Il QI di Rosselli è da Einstein del basket. La difesa del Professore un manuale da mostrare nei clinic. Bobby Jones ha risposto alla grande all’ipotesi di un ritorno a Rieti nella sua dodicesima stagione italiana. Greene è un cobra pronto a piazzare il colpo mortifero. Candussi troneggia nel pitturato ed alza muri come mai visto prima. Il capitano Tomassini è l’emblema del senso di responsabilità.
Cito i sei giocatori che Ramagli ha utilizzato nella ripresa, limitando al minimo le rotazioni. E vien da sorridere (per evitare di piangere) assistendo al puntuale dissolvimento dopo una striscia di vittorie degli stupidi – pochi grazie al cielo – che sguazzano solo nelle disgrazie.
La classifica è ancora indecifrabile, ci sono troppe partite da recuperare, ma il coach ritornato da Livorno sembra avere dato una svolta alla tormentata stagione della Scaligera e il presidente Pedrollo ha ricevuto un gradito regalo anticipato per il compleanno, Festa della Donna. Giusto 6 anni fa, l’8 marzo 2015, la Tezenis conquistava la Coppa Italia di A2 battendo Ferentino nella finale di Rimini. Un altro bel ricordo, anche per chi ne ha ben più emozionanti. Auguri a tutte le Donne del Basket.

21
feb 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.224

30 ANNI DOPO

“E’ meglio avere bei ricordi che non averne. O averne brutti”. (Osvaldo Bagnoli, allenatore Hellas Verona dello scudetto)

21 febbraio 1991-21 febbraio 2021.
Sono passati trent’anni. Chi c’era era molto più giovane, tanti appassionati non erano ancora nati, ma quella notte al Madison di piazza Azzarita, a Bologna, rimane impressa.
Un marchio indelebile nei ricordi, nell’orgoglio, nel vanto di un’impresa irripetibile: mai più una squadra di A2 potrà conquistare la Coppa Italia.
Un trionfo che ha rappresentato una svolta per la Verona dei canestri, perché la scalata nell’olimpo del basket italiano cominciò proprio quella notte bolognese dopo avere schiantato anche Milano.
Per capire la portata di quel successo: Milano era capolista in A1, allenata da Mike D’Antoni, poi coach di lungo corso in NBA, al suo fianco come assistente Pippo Faina che portò Verona in Eurolega (e secondo assistente un giovane Marco Crespi…), in campo Antonello Riva, uno dei più grandi giocatori italiani di sempre, e Ricky Pittis.
Ma la Glaxo era già stata definita la 17ª squadra di A1 e dopo averla conquistata – sul campo – lo dimostrò nei playoff, senza l’infortunio a Schoene molto probabilmente la corsa dei giganti gialloblù sarebbe andare ben oltre la “bella” con Cantù.
Alcuni protagonisti di quell’impresa non ci sono più, dal condottiero Alberto Bucci al vicepresidente Mario Vicenzi, allo sponsor Mario Fertonani. Ma il patron Giuseppe Vicenzi con il manager Andrea Fadini si tengono stretto quel trionfo.

Trent’anni dopo la Tezenis ha dominato la sfida con Piacenza, arrivata nel momento più difficile: 4 sconfitte di fila con il crollo a Biella, Lollo e Giga out, le voci di mercato su alcuni giocatori chiave. Premesso che finora nessuno ha cercato nessuno, la reazione c’è stata e la mano di Ramagli comincia a vedersi. Nell’atteggiamento, nel gioco, nello spirito in difesa e nella diversa distribuzione delle scelte in attacco. Ovviamente la vittoria contro l’Assigeco non deve restare un episodio, ma trovare conferme e continuità. Solo in questo modo si potrà dare solidità alla classifica.
Ultima annotazione sul disguido informatico che ha interrotto per qualche minuto la diretta su Telenuovo. E’ vero che le macchine sono progettate e installate dall’uomo, ma talvolta s’impallano da sole. E per ripristinare la situazione occorrono dei tempi tecnici. L’alternativa sarebbe stata un bel buco nero. E’ una spiegazione, peraltro già data durante la partita, che dovevamo a chi ha chiesto garbatamente spiegazioni.
Invece i soliti macachi (pochi in verità) che danno fiato alla bocca sui social possono sentirsi privilegiati: le sperimentazioni di laboratorio, per loro fortuna, sono state definitivamente abolite.

11
feb 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.021

PAGA SOLO UNO

“Questo è il primo dei castighi: nessun colpevole può essere assolto dal tribunale della sua coscienza.” (Decimo Giunio Giovenale)

Sembra passata una vita da quando la neopromossa Urania Milano, zeppa di giocatori arrivati dalla serie B, prese a pallate la Tezenis facendo saltare la panchina di Luca Dalmonte. Invece era solo dicembre 2019. 14 mesi dopo l’avventura di Andrea Diana sulla panchina della Scaligera è già finita.
Come sempre il coach paga per tutti. Un colpevole, ma tanti imputati. Le difficoltà emerse in questa prima parte della stagione non possono essere tutte addossate solo all’allenatore. Non è dato sapere se si potrà intervenire sui limiti caratteriali emersi finora, i problemi tecnici invece spetteranno al nuovo allenatore, un cavallo di ritorno che forse non entusiasma parte della tifoseria, ma se dopo quasi 6 anni la memoria corre ancora sulla sanguinosa serie dei playoff contro Agrigento evidentemente significa che da allora poco è stato fatto per scacciare quel ricordo orripilante.
Giova rammentare, peraltro, che in gara-4, con Verona ancora avanti, De Nicolao fece 0/2 ai liberi e sfondamento sul possesso successivo, poi Monroe sbagliò un “rigore”. Tutta colpa di Ramagli anche quello?
Parliamo dell’unico allenatore che ha resistito indenne sulla panchina di Verona. L’unico a non venire esonerato, oltre a Crespi, che però nel 2016 è noto evitò il licenziamento solo grazie ad una penale insostenibile inserita nel suo contratto.

Prima e dopo è sempre finita così. Esonerato De Raffaele (quello che poi ha vinto un paio di scudetti con la Reyer), con il ritorno di Marcelletti finito con la retrocessione. Esonerato Garelli, dopo 3 giornate. Esonerato Frates, dopo 8 giornate. Poi l’era LDM. E siamo al presente.
Da un anno e mezzo a questa parte è successo altro. Confermare Dalmonte dopo l’eliminazione per mano di Treviglio (corsi e ricorsi storici…) e poi esonerarlo. Cambiare un americano completamente avulso dalla squadra con un giocatore navigato e di un altro ruolo. Confermare quell’americano dopo lo stop al campionato per la pandemia. Rinunciare a Udom e Poletti. Richiamare Greene. E l’infortunio a Pini ha complicato le cose. Poi in campo giocavano come voleva l’allenatore, che ha pure fatto dei correttivi tornando ad esempio all’antico con i P&P di Candussi e i giochi dagli angoli del Professore, ma quando le cose si mettono così male le colpe vanno distribuite. E un esame di coscienza collettivo sarebbe opportuno; come sarebbe buona cosa un’ammissione di responsabilità, almeno parziale. Comunque sia, adesso non ci sono più alibi.
Buon vento a Diana e bentornato al Reverendo. Buon vento anche a lui, è sempre quello del Tirreno.

08
feb 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI No Comments
VISUALIZZAZIONI

1.135

CERCASI ENERGIA

Il mondo appartiene a quelli che hanno la maggior energia (Visconte Alexis de Tocqueville)

14 partite giocate, 6 vinte e 8 perse. Siamo oltre metà prima fase e i numeri sono impietosi. Verona è a 16 punti dalla capolista e dopo la sconfitta di Mantova è fuori dai playoff. Inaccettabile. La delusione della proprietà, legittima e comprensibile, sembrava essere stata allontanata dalla vittoria all’overtime a Orzinuovi e dal successo con Milano. Invece Torino e Mantova hanno riportato indietro le lancette dell’orologio.
Inutile girarci intorno: la Reale Mutua ha dato un segnale di forza, mostrando quelli che al momento sembrano i valori in campo. Gli Stings hanno riacceso il campanello d’allarme, con una Tezenis priva dell’energia mentale che se non è necessaria per 40 minuti filati, almeno non può spegnersi sul più bello.
E’ il problema già emerso della mancanza di leadership. Ma non solo. Una volta Verona soffre l’atletismo avversario, un’altra fatica contro un quintetto con 4 piccoli. Il gap a rimbalzo si fa sentire e nell’immediato le soluzioni possono arrivare solo dalla solidità del gruppo, perché ci vorrà un po’ di tempo per rivedere Rosselli al top e per recuperare pienamente Pini, il cui contributo manca tremendamente.
Quanto a Greene e Jones, fatturano in coppia 27,2 punti a partita. Solo due squadre hanno la coppia straniera che indice di meno: la capolista Tortona (Cannon e Sanders assicurano il 31,7% dei punti) e Torino, che con Clark e Pinkins ottiene il 26,2% della produzione offensiva, contando però sul ventello per gara di Diop, uno che non c’entra nulla con l’A2.
E al di là degli infortuni e delle prolungate criticità, la responsabilità non può essere solo dell’allenatore. Quando le cose vanno male è corretto fare valutazioni anche sull’allestimento della squadra e sulla gestione del team nel suo complesso.
La stagione è compromessa? C’è ancora tempo per rimediare, almeno in parte, e correggere il tiro. Ma occorre continuità, cominciando a vincere. Non ci sono vie d’uscita.
Nota a margine. Le partite sono a partite chiuse, i pochi spettatori ammessi fanno parte dell’entourage del club: dirigenza, sponsor, ospiti “speciali”. Lo dico perché vorrei capire chi sono i due gentiluomini che a Mantova hanno insultato Rosselli, facendo infuriare Guidone alla prima uscita da casa dopo 41 giorni di isolamento.

22
gen 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.790

CIAO DADO

“Un ce n’è pane secco” (detto livornese)

Quando Dado Lombardi arrivò a Verona, nell’estate del 1987, forse all’inizio pensava che i veronesi (cestisticamente parlando) avessero un po’ l’anello al naso. Lui, con il suo fare da istrione, in perfetta sintonia con il fisico imponente (da lì il soprannome Dado), pontificava ma era pur sempre un mito della pallacanestro italiana degli anni ’60, per due volte miglior realizzatore del campionato. Tanto per capirci, due anni dopo di lui scrisse il proprio nome nell’albo d’oro un certo Radivoj Korać e poi Bob Morse. Per rivedere un italiano sarebbero dovuti passare 25 anni, con Mario Boni. E ancora per capirci, a 19 anni venne eletto nel miglior quintetto delle Olimpiadi di Roma. Un Doncić ante litteram…
Un vincente, un leader. Con 5 promozioni in serie A, da allenatore ha arricchito un palmarès ingiustamente vuoto da giocatore (titolo di cannoniere a parte). I ricordi sono logicamente legati alle due stagioni alla Glaxo, sfiorando il doppio salto dalla serie B all’A1, fermandosi solo all’ultima partita dei playout al Palaeur di Roma. In albergo cercava di spaventare chi stava ad ascoltarlo con i racconti su Er Canaro, che a poca distanza dallo Sheraton Hotel (alla Magliana, non so se rendo l’idea) aveva compiuto un orrendo delitto.
I siparietti con il compianto Pino Brumatti, con il quale condivideva l’appartamento accanto ai Portoni della Bra, erano esilaranti. Per lungo tempo andò in panchina sempre con lo stesso camicione verde a quadri, convinto che contenesse dei germi “forieri della vittoria”. E proprio per quello non lo lavava mai. Con Brumatti e Malagoli che si accomodavano a distanza di sicurezza, turandosi platealmente il naso tra gli sghignazzi.
Un po’ più nascostamente spargeva sale sotto la panchina gialloblù al Palaolimpia. Portava bene.
Non andò mai d’accordo con James Bailey e fu costretto ad abbozzare il ritorno dell’americano a furor di popolo. Gestirlo in coppia con l’immenso (e brontolone) Praja Dalipagić del resto non era facile.
Chiamato a Verona da Andrea Fadini, nella prima stagione alla Scaligera aveva una squadra illegale, con Brumatti, Claudio Malagoli, Lino Lardo, Moreno Sfiligoi, Claudio Capone, Diego Pastori, oltre a Zamberlan e Dalla Vecchia. Però sono convinto che nell’imminenza dei playoff perse apposta per tenere la squadra sulla corda, per poi conquistare l’A2 a mani basse contro Imola.
Eppure per farsi convincere ad accettare di scendere in serie B riuscì a farsi promettere dal presidente Giuseppe Vicenzi che avrebbe avuto in regalo la sua Jaguar in caso di promozione. Vicenzi mantenne assai volentieri l’impegno e al primo allenamento della nuova stagione, in A2, Dado si presentò al volante della lussuosa auto presidenziale, con Fadini e Brumatti che lo prendevano in giro sui costi per la benzina.
La saga dei livornesi sulla panchina della Scaligera sarebbe continuata, ma con te, caro Dado, non c’è stata partita…“Un ce n’è pane secco”. Ti sia lieve la terra, salutaci Pino e Claudio e vediamo se gli chiederai di difendere con la match-up.

10
gen 2021
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 7 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.100

LA PAURA E IL CORAGGIO

“Non vergogniamoci di avere paura: solo così nasce il coraggio” (Umberto Ambrosoli)

Due vittorie di fila. Il minimo sindacale, dirà qualcuno, visto che sono arrivate con una squadra ancora senza successi e con Trapani priva dei lunghi. Ma anche la Tezenis non sta attraversando un buon momento e nella sfida con i siciliani tutti i giganti gialloblù hanno risposto all’appello.
E’ bello che il mio personale Mvp sia stato Andrea Colussa, utilizzato un solo minuto nelle precedenti 7 partite. 10 punti con due triple e la voglia di far vedere di essere utile alla causa. E il record stagionale di assist (21) è emblematico sullo spirito di squadra. Greene a tratti dà ancora l’idea di limitarsi a svolgere un compitino, tuttavia con le rotazioni degli esterni ridotte il suo impiego si dilata ancora (quasi 36’). C’è stato il debutto di Leo Beghini, mentre Giorgio Calvi è rimasto sui legni. Una scelta che sembrerebbe andare incontro all’ipotesi di una sua partenza appena Pini sarà abile e arruolato.
Certo arriveranno test molto più probanti. Non sono un bel segnale i 9 punti segnati nell’ultimo quarto contro un’avversaria senza americani, lasciati in panchina assieme a Palermo da coach Parente che si è affidato a un gruppo di 2002 e al 2004 Adeola, ma la partita era in ghiaccio da tempo. E la tensione/paura gradatamente verrà spazzata via.
A questo proposito le critiche per la rimonta subita a Bergamo mi sono apparse esagerate. Prima di tutto contava vincere. E davanti a una vittoria si festeggia. In ogni caso.
Sicuramente è inaccettabile rischiare la beffa dopo essere stati avanti di 29 ritrovandosi sul +2, ma una settimana prima sul campo di Tortona la stessa Tezenis si era ritrovata nei panni di Bergamo, risalendo dal -25 al -6 in poco più di 8 minuti, quindi in un lasso di tempo anche più breve degli orobici. Per dire che una volta non può essere solo colpa di chi stacca la spina e subisce la rimonta, ma anche bravura di chi rientra in partita senza mollare mai. Perché si è avuta l’impressione che la chiave di lettura delle due partite fosse sempre in negativo nei confronti della squadra di Diana. Va bene il tifo e la passione, ma bisogna avere onestà intellettuale.

20
dic 2020
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.830

CERCASI LEADER

“Metti in tasca un pezzo di sole, ti farà luce nei momenti di bui” (Anonimo sardo)

Anche l’anno scorso Andrea Diana aveva perso quattro partite di fila dopo la vittoria all’esordio a Montegranaro. Quattro k.o. come in questa stagione balorda (sotto tutti i punti di vista), seguiti alla sofferta vittoria con Mantova.
La striscia negativa infilata dai giganti gialloblù – penultimi in classifica – ha messo a nudo alcune criticità che evidentemente sono state sottovalutate in estate durante l’allestimento della squadra. Eppure mai come quest’anno la Scaligera si era affidata ad un blocco della stagione precedente, senza rivoluzionare il roster come era accaduto quasi sempre nel passato.
Tuttavia il gruppo appare carente di centimetri e di leadership. Phil Greene è un giocatore di talento e con tanti punti nelle mani, però non è un vero leader. Guido Rosselli potrebbe esserlo per carriera e personalità, ma è difficile pretenderlo da un giocatore di 37 anni.
Sotto canestro la Tezenis paga troppo dazio, a maggior ragione con l’involuzione di Candussi, e l’infortunio a Pini ha acuito il problema. Mancano energia, dinamismo, verticalità. Camara e Mobio sono solo gli ultimi esempi in questo avvio di stagione. Pure Severini sta attraversando un momento di flessione, dovuto anche al lungo stop agonistico per l’intervento chirurgico prima dell’interruzione dello scorso campionato.
Poi anche la tenuta mentale lascia a desiderare. Il progresso palesato a Casale (ad di là del risultato finale) è stato spazzato via dagli errori in attacco contro Udine e dal terzo quarto sconcertante, con 13 punti segnati e solo 3 canestri dal campo. E una serie di extrapossessi sanguinosi che hanno marchiato l’allungo decisivo dei friulani. Palle perse ingenuamente e tiri balordi, con Bobby Jones, sul quale probabilmente si sono caricate troppe responsabilità, a 36 anni, e ora indiziato per un eventuale taglio, forse per raddrizzare un organico che sta deludendo profondamente la proprietà.
Diciamola tutta, l’Udine vista all’AGSM Forum è apparsa più forte di Verona. Panchina profonda, rotazioni che garantiscono equilibrio e continuità. E mancava pure Antonutti.
La prima partita del 2021 contro Bergamo (anno nuovo vita nuova, in tutti i sensi) sarà probabilmente lo spartiacque in questo tormentato avvio di stagione. Intanto l’omaggio a Giampaolo Cau, l’osteopata duramente colpito dal Covid, meritava da solo la vittoria.
Buone Feste a tutti, ne abbiamo davvero bisogno.

17
dic 2020
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.348

PUGNALATA

“Una pugnalata alle spalle. Ciò mi dà una forza che tu nemmeno immagini”. (Alberto Bevilacqua, “Il gioco delle passioni”)
Svegliarsi. E’ quello che chiedeva coach Diana e la risposta dei giganti gialloblù c’è stata. Determinazione, continuità, concretezza. La difesa a tratti lascia ancora a desiderare, visti i 93 punti subiti, ma non c’è ricordo di un’avversaria che ha tirato con il 68% da 3, toccando l’88% nella ripresa.
Insomma, Casale ha fatto canestro ogni volta che ha alzato la mano, a volte allo scadere del possesso; canestri sanguinosi che hanno pesato sulle energie mentali spese dai giocatori della Tezenis, sebbene qualche giocata talvolta è apparsa evitabile. Così al Palaferrari si è consumata una “pugnalata” (Andrea Diana cit.)
In casa Scaligera resta da risolvere il “mistero Candussi”: 10 punti nel primo tempo con presenza nel pitturato, 5’ in tutta la ripresa restando in panchina dopo due tiri sbagliati. Una scelta tecnica di Diana che ovviamente è legittima, anche se Verona ha pagato dazio in centimetri in una serata storta di Jones e con il 19enne Camara che si è fatto valere non poco.
E qui viene a galla l’altra perplessità. Da Biella a Casale, da Berdini a Sirchia, da Bertetti a Camara, la Tezenis si è trovata come competitors dei ragazzi, anche under 18, che hanno dato sostanza alle rotazioni avversarie, tenendo il campo con personalità ed energia anche con minutaggi sostanziosi. Al di là dei vari ruoli e del diverso contesto, è altrettanto legittimo chiedersi se Guglielmi, Cervi (al debutto a Casale, utilizzato 2’20”) o Colussa devono servire solo per gli allenamenti o se possono essere utili anche nelle partite, allungando un po’ le rotazioni.
Intanto gli altri giovani giocano e portano mattoni per costruire la vittoria, i nostri per ora stanno seduti in panchina. E il calendario adesso riserva il doppio big match con le prime due in classifica, ma con la convinzione che anche sconfitte così beffarde, anche le pugnalate danno la forza per la riscossa.